Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
24 marzo 2015 2 24 /03 /marzo /2015 06:01
Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo
Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo
Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo
Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo
Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo
Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo
Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo
Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo
Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo
Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo

Acea Maratona di Roma2015 (21^ ed.). Doppietta etiope con Degefa (2h12'23) e Tolwak (2h30'25) che vincono sotto la pioggia. Dopo 10 anni due italiani tornano sul podio: terzo posto per Chatbi e Toniolo.

Papa Francesco ha salutato i maratoneti: “Siete coraggiosi”
Doppia vittoria etiope alla 21^ Acea Maratona di Roma. Il 30enne Abebe Negewo Degefa, in una giornata difficile a causa di pioggia e vento, ha vinto in 2:12:23. Tra le donne si è invece imposta la 21enne Meseret Kitata Tolwak in 2:30:25. Al secondo posto si sono classificati altri due connazionali, il 20enne Birhanu Addissie Achamie (2:12:32) e la 26enne Alem Fikre Kifle (2:31:01).
Dopo 10 anni due italiani sono saliti contemporaneamente sul podio della gara maschile e femminile, entrambi con una bella rimonta nel finale: il 30enne Jamel Chatbi ha concluso la sua fatica in 2:14:04, mentre la 37enne Deborah Toniolo ha tagliato il traguardo in 2:36:30.
La gara handbike è stata vinta dall'azzurro Fabrizio Caselli in 1:30:17.
Come da tradizione, dietro la maratona è partita anche la stracittadina di 5 km RomaFun, con più di 50.000 persone al via. Il primo a tagliare il traguardo è stato Fasil Giacobbe, sedicenne romano di origine etiope, della società Colosseo 2000. Tra le donne Jenna Wyns, cittadina belga di 22 anni.

Anche Papa Francesco, dopo l'Angelus, ha salutato i fedeli e i maratoneti, che in precedenza erano transitati per il Vaticano: “Nonostante il brutto tempo siete venuti in tanti. Complimenti, siete stati molto coraggiosi, proprio come i maratoneti: li saluto con affetto".

Cronaca della gara maschile. La gara maschile era partita a un ritmo velocissimo, sotto la spinta delle lepri keniane, con passaggi di 15:05 ai 5 km, 30:10 ai 10 km e 1:04:08 alla mezza maratona, che poi si sono fatti sentire sulle gambe degli atleti. Al 26° km, dietro la lepre William Koitile Kibor, erano rimasti solo Degefa e Achamie. Dopo il passaggio di 1:31:36 ai 30° km, i due etiopi, complice il freddo e il vento, hanno messo da parte ogni obiettivo cronometrico e hanno iniziato una gara tattica, che si è risolta proprio all'ultimo km. Degefa, che per gran parte del finale era stato alle spalle di Achamie, ha allungato e ha tagliato il traguardo di via dei Fori Imperiali con 9 secondi di vantaggio.
Alle loro spalle l'esordiente Chatbi, nonostante un passaggio veloce di 1:04:33 a metà gara, è riuscito a superare uno dopo l'altro gli atleti davanti a lui. A 4 km dalla fine l'atleta di origine marocchina, che vive da quasi vent'anni vicino a Bergamo e corre per l'Atletica Riccardi di Milano, ha conquistato la terza piazza, scavalcando Dadi Feyera Gemeda, poi giunto 4°. Era dal 2006 che un italiano non saliva sul podio, quando Daniele Caimmi fu 2°. Chatbi corre part-time, alternando gli allenamenti con il lavoro da operaio addetto alle presse in una fabbrica di teflon.
Sofferta, ma tenace, anche la gara di Ruggero Pertile, che aveva impostato una corsa in rimonta (1:05:59 alla mezza maratona, quasi due minuti dai primi), ma che poi ha pagato come tutti le condizioni climatiche e ha chiuso al 5° posto in 2:15:40.
Il 42enne romano Giorgio Calcaterra ha concluso la sua gara al 9° posto in 2:34:26, risultato che l'ha costretto a fare il controllo anti-doping, dopo il quale è ripartito per la sua seconda prova sui 42,195 km.
Cronaca della gara femminile. La Tolwak, la Kifle e la loro connazionale Alemu Mokonnin Ourge hanno fatto gara di testa assieme fino al 30° km (passaggio 1:46:36, dopo essere transitate in 35:16 al 10° km e in 1:15:06 a metà gara). Prima la Ourge ha perso terreno, poi al 37° km la Tolwak ha lanciato l'allungo decisivo, vincendo per 36 secondi.
Toniolo, atleta della Forestale, ha raggiunto a 5 km dalla fine la Ourge ed è riuscita a salire sul podio. L'ultima volta che due azzurri erano arrivati tra i primi tre in entrambe le prove era stato nel 2005, quando Alberico Di Cecco vinse la gara maschile e Tiziana Alagia fu 2° tra le donne.

 

Le dichiarazioni dei protagonisti
UOMINI
Abebe Negewo Degefa (vincitore): “Sono contento, anche se speravo in un tempo migliore, ma purtroppo abbiamo sofferto molto la pioggia e il vento. Le lepri hanno fatto un buon lavoro, poi però quando siamo rimasti da soli abbiamo dovuto rallentare perché le gambe facevano male. Nel finale io sono rimasto coperto fino all'ultimo chilometro, poi a un chilometro dalla fine ho lanciato l'attacco”.
Birhanu Addissie Achamie (2°): “E' stato difficile ma sono soddisfatto anche se puntavo a vincere”.
Jamel Chatbi (3°): “Sono contento, era la mia prima maratona e le condizioni erano davvero difficili. Speravo in un tempo migliore, credo di poter già valere 2 o 3 minuti in meno, ma nel finale ho sofferto molto per i crampi, avevo le gambe durissime. Ora spero di poter trovare uno sponsor per fare l'atleta a tempo pieno e correre forte. Penso di poter valere in futuro 2:08 o 2:09”.
Ruggero Pertile (5°): “Ho cercato di fare la mia gara, ma oggi era veramente dura. Sui sampietrini scivolavo e non riuscivo a correre bene. Devo ringraziare tutto il pubblico che mi ha incitato molto. Ora punto a Pechino, penso che con tutti i bravi maratoneti italiani che stanno crescendo possiamo fare una bella squadra”.
DONNE. Meseret Kitata Tolwak (vincitrice): “Ero ben allenata per correre forte, ma oggi non è stato possibile. Per gran parte della gara sono stata insieme alle mie connazionali, ma non abbiamo mai collaborato, ognuna voleva vincere. Con i soldi guadagnati punto ad allenarmi nelle migliori condizioni e ottenere altri risultati importanti come questo”.
Deborah Toniolo (3°): “E' stata una giornata difficile, molto faticosa, ma alla fine voglio dirmi comunque che sono stata brava. Ho finito la gara e sono arrivata al terzo posto, è sempre un bel risultato. Poi era la mia prima volta a Roma ed è stato emozionante sentire il pubblico che mi incitava, nonostante la pioggia”.

Le dichiarazioni delle autorità presenti.
Ignazio Marino, Sindaco di Roma Capitale: “E' una giornata straordinaria, non solo per la partecipazione, ma anche per lo scenario in cui si svolge. Roma si conferma la meta più importante per lo sport e l'accoglienza”.
Paolo Masini (assessore allo Sport di Roma Capitale): “Siamo a un altro grande appuntamento con la maratona più bella del mondo. Anche questa edizione non tralascia i valori sociali, con la partecipazione all'evento di tredici rifugiati e due detenuti del carcere romano di Rebibbia”.

Le classifiche (primi dieci uomini e donne)
UOMINI
1. Abebe Negewo Degefa (ETH) 2:12:23
2. Birhanu Addissie Achamie (ETH) 2:12:32
3. Jamel Chatbi (ITA) 2:14:04
4. Dadi Feyera Gemeda (ETH) 2:15:05
5. Ruggero Pertile (ITA) 2:15:40
6. Weldon Kiprono Korir (KEN) 2:22:18
7. Nekatibeb Nurelign Tekeste (ETH) 2:25:58
8. Michael Kalomiris (GRE) 2:29:30
9. Giorgio Calcaterra (ITA) 2:34:26
10. Domenico Liberatore (ITA) 2:34:31


DONNE
1. Meseret Kitata Tolwak (ETH) 2:30:25
2. Alem Fikre Kifle (ETH) 2:31:01
3. Deborah Toniolo (ITA) 2:36:30
4. Annelie Johansson (SWE) 2:40:05
5. Anastasiya Kushnerenko (RUS) 2:40:23
6. Irina Smolnikova (KZK) 2:43:06
7. Jane Fardell (NZL) 2:45:07
8. Maurizia Cunico (ITA) 2:52:39
9. Renate Vranken (HOL) 2:55:31
10. Silvia Luna (ITA) 2:57:15

Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo
Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo
Acea Maratona di Roma 2015 (21^ ed.). La Maratona di Roma ha parlato Etiope, ma il terzo posto maschile e femminile va agli italiani Chatni e Toniolo

(Precedente comunicato pre-gara sulla partecipazione dei diversabili: nomi e numeri) Domenica 22 marzo, davanti al gruppo degli oltre 15.000 iscritti partiranno, come da tradizione, gli atleti in handbike. Alle 8.50, saranno loro ad aprire la 21^ edizione dell'Acea Maratona di Roma. In totale sono 65 gli atleti disabili in gara delle diverse categorie riconosciute dal Cip, dei quali 21 handbiker. Dopo un lungo dominio del campionissimo Alex Zanardi, vincitore quattro volta a Roma, che quest'anno non sarà al via a causa di un infortunio alla clavicola rimediato in allenamento qualche settimana fa, i favoriti per il successo sono altri due big della specialità. Si tratta di Fabrizio Caselli, 46enne di Pelago, Firenze, plurimedagliato in diverse categorie handbike e anche nel pararowing, e di Luca Mazzone, 44enne di Terlizzi, Bari, oro ai Mondiali di Greenville in handbike con un passato da nuotatore paralimpico. Per gli handbiker, la prova di Roma rappresenta la prima gara del calendario 2015 della Federazione Ciclistica Italiana.

Alla partenza saranno presenti anche gli atleti autistici del Progetto Filippide, associazione benemerita del Comitato Italiano Paralimpico che svolge la sua attività all’interno della Fisdir. La squadra, composta da Alberto Rubino, Gianluca Mogliani, Lorenzo Fioretti, Matteo Di Ianni, Daniele Tosti e Ivan Giovannelli, si alternerà in una staffetta sul percorso della maratona.

Alla RomaFun, invece, parteciperanno otto detenuti della sezione penale maschile di Rebibbia, dei quali 5 art. 21 (in semilibertà) e 3 autorizzati, lasciando il carcere la mattina in compagnia di un rappresentante del Coni Lazio e dei responsabili dell'Istituto penitenziario. L'iniziativa fa parte del progetto "Lo sport entra nelle carceri" avviato già da alcuni anni da parte del Comitato Regionale Lazio del Coni con la casa circondariale di Rebibbia. "Siamo felici di essere riusciti per la seconda volta a realizzare il desiderio di queste persone che vivono in condizione di restrizione – afferma il presidente del Coni Lazio Riccardo Viola -, perchè lo sport, lo ribadiamo in ogni occasione, resta un diritto di tutti".

 

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche