Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
29 marzo 2015 7 29 /03 /marzo /2015 08:41
L'ultimo sciamano. La storia di Franco Bettella, estroso e talentuoso atleta e allenatore

(Maurizio Crispi) Va assolutamente letto il saggio biografico scritto a due mani da Pino Clemente e da Mauro Leonardi, L'ultimo sciamano. Storia di Franco Bettella (Yorick Editore, 2014), non solo per il suo valore di documento prezioso sulla vita di un talentuoso atleta ed allenatore nel campo dell'atletica leggera, ma anche come storia paradigmatica del fatto che il genio, il talento, la capacità di sperimentare, dandosi anima e corpo alla scelta che si è deciso di perseguire, disturbano sempre la "mediocrità" di chi dirige le strutture e le organizzazioni: e, sotto questo profilo, questa storia ha un carattere universale e ha tanto insegnare a chi vuole essere di mente aperta e non suddito e portaborse di chi occupa le poltrone del potere, siano esse nell'ambito sportivo Comitati Olimpici vari, FIDAL e quant'altro. Alcuni personaggi di grande levatura, come ebbe a dire Sebastiano Vassalli nella sua biografia sul poeta italiano Dino Campana,passano nel cielo come delle comete e,sono troppo avanti nel tempo e di statura troppo grande per essere veramente compresi degli uomini del proprio tempo.

E sarebbe bello se qualcuno con il talento per il cinema volesse tradurre questo storiain script per farne un bel film perchè con i suoi risvolti avventurosi ed esotici ben si presterebbe.

Il saggio biografico su Franco Bettella figura carismatica e contestata dell'Atletica italiana, sia in veste di atleta, sia in veste di allenatore, scaturisce dai ricordi e dalla personale conoscenze di Pino Clemente (che lo ha visto sia come suo allenatore, sia come giornalista che si è trovato a scrivere articoli su di lui), ben noto ai podisti siciliani per i suoi arguti articoli sui diversi temi dell'Atletica e di Mauro Leonardi, uno dei suoi ultimi allievi al tempo dell'avventura del palermitano club atletico "Assicurazioni Generali" di palermo,poi bruscamente interrotta prima di raggiungere il suo apice, ma anche da ricerche e dalla consultazione di documenti originali (compresi articoli giornalistici d'epoca).
Franco Bettella, infatti, padovano di origine,ma cittadino del mondo, anche per la sua tendenza ad essere eccentrico giramondo, risiedette a Palermo in due successive occasioni: al tempo dell'avventura con la neo-costituita società di atletica "Assicurazioni generali" esperienza che vide la sua brusca interruzione per la morte - a causa di uno sventurato incidente stradale - di Gianni Scavo, il più promettente allievo di Bettella; e, successivamente, come tecnico dell'insorgente società di atletica "Telestar", legata al quotidiano fondata dalla famiglia dei Cassina.
C'è dunque nel racconto tracciato dal tandem Clemente-Leonardi anche un bel pezzo di storia palermitana.
Ed è - questa storia - un bel tributo, considerando anche che, come tutti quelli che sono vissuto ed hanno operato prima della piena diffusione di internet e degli strumenti di digitalizzazione delle informazioni, di Franco Bettella non vi è quasi traccia.
Nei motori di ricerca, più comunente usati, compare quasi esclusivamente il nome di un altro Francesco Bettella, sportivo e nuotatore paralimpico.

Bettella fu un personaggio eccentrico e geniale, fuori dalle righe ed intollerante degli inquadramenti e della iintellighenzia compresi i quadri ufficiali dell'atletica italiana. E questo non giovò a lui come atleta ed allenatore e neppure ai suoi allievi che furono spesso colpiti da un alone di ostracismo, indirizzato in primis a Bettella.
Eppure le sue idee in merito all'allenamento 
(scaturite dal suo contatto prolungato con il mondo dei mezzofondisti e fondisti finlandesi) erano all'avanguardia  e il mondo ufficiale della FIDAL era a quei tempi troppo rigido ed imbalsamato per poterle recepire.

Ora, forse è giunto il tempo di rendergli giustizia e di collocarlo in una giusta prospettiva, cercando anche di capire in che modo egli abbia influenzato altri che lo hanno seguito.
Clemente e Leonardi lo seguono in tutte le tappe della sua vita: dalla prima passione per l'Atletica leggera, sino ai suoi ultimi giorni trascorsi come allenatore personale del Re dell'Arcipelago della Tonga, in una serena reclusione, interrotta soltanto da spostamenti nell'area del pacifico per prender parte ai Campionati del Mondo Master di Atletica Leggera e per viaggi in bici, fatti con spirito da autentico giramondo, passando per i lunghi periodi trascorsi in Finlandia dov'era quasi di casa, la parentesi di Cinecittà, e quella di soldato arruolato volontariamente nel Contigente italiano impegnato nell'ex-Congo Belga, per non parlare dello strano rapporto con la sua numerosa famiglia e con l'esercito dei suoi figli, sempre in crescita malgrado le sue lunghe assenze da casa.
Sempre eccentrico, sempre pronto a balzare fuori dalle righe, imponendosi con la sua figura carismatica e quasi sciamanico in certi atteggiamenti: in sostanza un sognatore e un personaggio irripetibile, ma proprio per queste sue qualità costantemente in conflitto con le istituzioni e con i personaggi istituzionali che,per fare carriera, non possono mai essere di grande levatura, in considerazione della lunga gavetta che devono fare come umili servitori e apprendisti dei meccanismi del potere.
A conclusione del volume un appendice a forma di Pino Clemente sintetizza i principi base delle tecniche di allenamento impiegate da Bettella, compreso il principio da lui perseguito dell'"estenuazione", ma anche quello del fatto che un corridore dovesse essere in primo luogo un atleta completo, capace di eccellere anche nei lanci e nei salti. Per non parlare poi di un aspetto da lui riteneuto assolutamente necessario e che era quello di favorire dei momenti di allenamento conviviali in cui il grande campione si mescola gioiosamente agli altri atleti della società per forme di allenamento non impegnativo ma che temprano lo spirito ed alimentano lo spirito di solidarietà.
Pregevole anche la documentazione fotografica- scarna, ma essenziale - riportata in calce al volume, da materiali d'archivio di Clemente e Leonardi.


(Dal risguardo di copertina) "Parlare di Franco Bettella non è così facile. Si finisce fatalmente con il doversi schierare a suo favore o contro, costretti dalle polemiche - forse non tutte in buona fede - alimentate sul suo conto negli ambienti dell'atletica. Pochi fra i tecnici che vanno per la maggiore in Italia riescono in coscienza a ignorare il suo apporto allo sviluppo delle teorie di allenamento. Eppure l'atletica ufficiale, quella professata dalle gerarchie federali, ha sempre preferito ignorarlo. L'ostracismo dei benpensanti non ha tuttavia impedito a Bettella di seminare laddove ha potuto, laddove l'ha portato la sua inguaribile abitudine a girovagare".

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche