Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
6 maggio 2015 3 06 /05 /maggio /2015 06:42
Marco Zanchi ultratrailer: la passione per la natura e la montagna, innanzitutto. Solo in seconda battuta l'eccellenza agonistica
Marco Zanchi ultratrailer: la passione per la natura e la montagna, innanzitutto. Solo in seconda battuta l'eccellenza agonistica

Ultramaratone Maratone Dintorni inizia con questa intervista a Marco Zanchi, ultratrailer e azzurro ultratrail, una collaborazione con Matteo Simone, piscologo dello Sport e runner e sportivo egli stesso.

Marco Zanchi inizia a correre per dimagrire, come fanno in tanti, ma in lui la passione e la voglia di correre aumentano sempre di più fino a farlo diventare un’amante delle lunghe distanze, ma l’importante - per lui - è che non si corra sull’asfalto.

Infatti, Marco considera la 100 km su strada una gara "estrema" che non farebbe mai. Quindi più che Ultramaratona Marco si definisce Ultratrailer.

Marco ci racconta come ha iniziato a correre: “Corro da ormai 15 anni, tutto cominciato per dimagrire, dopo pochi anni ho intrapreso la strada delle gare, un vizio che avevo fià quando correvo in moto di trasformare la passione in competizione. Ho cominciato a correre anche in montagna con le skyrace e le skymarathon, poi con il passare degli anni ho aumentato le distanze, quando - nel 2010 - ho affrontato la mia prima Ultratrail la Lavaredo sulla distanza di 90 km dove ho concluso al 2° posto: e da allora ho intrapreso questa strada delle ultradistanze che in italia non avevano ancora successo".

Marco ha la passione per la montagna e il visitare nuovi luoghi, si sente un po esploratore durante queste avventure. Per Marco come per altri ultramaratoneti e soprattutto per gli ultratrailer correre per lunghe distanze nella natura, per sentieri significa intraprendere dei viaggi "into the wild" e con solo le proprie energie a disposizione.

Infatti, se da una parte c’è la passione per la natura, per la bellezza dei paesaggi, dall’altra c’è una voglia di misurasi con se stessi, di fare da solo, di superare sfide che a volte sembrano impossibili ma come racconterà Marco - e come raccontano altri -  a volte sembra di essere arrivati al limite, allo stremo delle forze, ma se poi scatta la molla mentale escono fuori risorse e capacità insospettabili; ti fermi, credi che sia finito e dopo un po’ ti rialzi con nuovi stimoli, con più entusiasmo: questo significa essere resilienti, sapere che ce la puoi fare, che ad ogni crisi c’è almeno una soluzione, almeno una via d’uscita, basta trovare la porta giusta.
E superando queste crisi, con l’esperienza aumenta anche l’auto-efficacia personale, credi sempre più in te stesso e questa forza, questa caratteristica mentale si trasferisconoanche nella vita privata, perché sai che puoi gestire, affrontare qualsiasi disagio, difficoltà, si diventa più sicuri.

Hai mai pensato di smettere di essere ultramaratoneta?
“Per ora mai, ogni tanto torno anche alle gare su distanze brevi skyrace più per allenamento e per rivedere tanti amici”.

Nelle ultra distanze di corsa a piedi è importante fare attenzioni al proprio fisico, ai messaggi che manda, agli opportuni tempi di recupero e gli atleti di livello questo lo sanno bene. Hai mai rischiato per infortuni o altri problemi di smettere di essere ultramaratoneta?
Per ora mai, incrociando le dita, la cosa principale in questa disviplina è anche saper ascoltare il proprio corpo e darsi i giusti tempi di recupero”.

Essere ultratrailer significa avere tanta passione per quello che si fa che ti permette di mobilitare tanta energia occorrente per percorrere lunghi tratti di sentieri per arrivare al tranguardo nonostante le avverse condizioni climatiche. Cosa ti spinge a continuare ad essere ultramaratoneta? 
Le emozioni che si provano in questi ‘viaggi’”.

In questo tipo di competizioni o avventure o lunghi viaggi si ha modo di sperimentare il limite per diversi motivi, ma l’importante è saper gestire, soprattutto con l’esperienza o con l’aiuto di amici più esperti. Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare? 
Sì più di una volta, sia per aver esagerato nelle mie capacità che per le condizioni climatiche che mi hanno colto di sorpresa”.

E’ importante considerare anche la forza mentale oltre che quella fisica, senza motivazione, senza passione non si va lontani, ci si ferma al minimo impedimento, disagio, difficoltà, non si è disposti a soffrire.Quali i meccanismi psicologici ritieni ti aiutano a partecipare a gare estreme?
Passione per questo sport per la montagna, emozioni e ricordi che porti dentro ogni volta che giungi al traguardo".

La gara più estrema o più difficile per Marco è stata il Tor des Geants 2014. Per gli ultramaratoneti non esiste una gara da non poterci riuscire, arrivano alla consapevoleza che possono tutto se vogliono. Quale è una gara estrema che ritieni non poterci mai riuscire a portarla a termine?
Non l’ho ancora trovata, come faccio a dirlo?

Infatti, il loro motto è: mai dire mai. C’è una gara estremi che non faresti mai? 
"Io dico sempre ‘mai dire mai’, 10 anni fa quando ho saputo dell’esistenza dell'Ultra Trail du Mont Blanc dicevo che sarebbe stata impossibile, ma se ci penso bene mi dici di fare 100km su strada ti rispondo mai! Sono alla ricerca di avventure, dove potersi sperimentare, dove poter uscire dalla zona oridnaria di comfort e poter sperimentare nuove sensazioni ed emozioni".

Cosa ti spinge a spostare sempre più in avanti i limiti fisici?
"La ricerca di nuove emozioni e avventure, anche se credo che dopo il Tor de Geants non puoi andare oltre”.

Gli amici dopo averti considerato "pazzo" inizialmente, con il tempo si sono appassionati alle gesta dell’ultramaratoneta e sono loro a spingerti sempre più verso avventure più difficili ed impossibili, i famigliari anche se all’iniziano si preoccupano per le condizinoi estreme dei lunghi percorsi poi ti sostengono e piace ricevere trofei e leggere notizie sui giornali. Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua partecipazione a gare estreme?
“Sono gli amici che spesso mi lanciano nuove sfide, mio padre è contento solo quando gli porto a casa i trofei!”

Partecipare ad una gara estrema significa “Una nuova sfida, nuova avventura, nuove emozioni.

Interessanti sono gli aneddoti raccontati dai diversi ultramaratoneti ed ecco, al riguardo, cosa ci racconta Marco: “UTMB 2011, mai fatto 170km tutto d’un fiato, al 90° km sono in crisi, ho i crampi e voglio ritirarmi in uno sconforto totale. Sono sdraiato all’interno della tenda del ristoro da un’ora e di colpo arriva la mia amica Cinzia anche lei in gara, che urlando mi dice ‘dai dai alza le chiappe smettila di lamentarti e andiamo!’. Non mi sono più fermato recuperando 80 posizioni e giungendo 29° e primo Italiano”.

Conclusione: se vuoi puoi, le energie ci sono, sono nascoste, baste saper aprire la porta giusta, avere gli stimoli giusti, toccare il tasto giusto e gli amici sanno come fare, se ti conoscono sanno come fare per farti rialzare, ti puoi piegare ma non ti spezzi, ti puoi rialzare e completare il tuo percorso per diventare campione nello sport e nella vita, sempre più ricco di esperienze e di insegnamenti.

Si scopre il proprio carattere, la propria persona, le proprie doti e capacità. Cosa hai scoperto del tuo carattere nel diventare ultramaratoneta?
La capacità di affrontare i problemi e difficoltà in gara ti possono essere d’aiuto anche nella vita quotidiana!”

Cambia la visione esistenziale dell’ultramaratoneta sia famigliare che lavorativa. Cambiano le priorità, ghli obiettivi, le relazioni. Come è cambiata la tua vita famigliare, lavorativa?
Ho avuto molti cambiamenti familiari in contemporanea al mio arrivo nel mondo Ultratrail subito dopo la perdita di mia madre e mi son reso conto di aver cambiato molto carattere e visione di come affrontare la vita”.

Molti ultramaratoneti se tornassero indietro vorrebero scoprire prima questa disciplina liberatoria ed appassionante, quindi sarebbe importante parlarne soprattutto nelle scuole, fare avvicinare bambini e ragazzi allla scoperta dell’attività fisica outdoor e dei percorsi a contatto con la natura. Se potessi tornare indietro cosa faresti? O non faresti?
Rifarei tutto anzi comincerei prima a correre e andare in montagna

Molti ultramaratoneti seguono una dieta naturtale, molti diventano vegetariani o addirittura vegani. Usi farmaci, integratori? Per quale motivo?
Cerco di avere un’alimentazione completa e abbastanza naturale senza eccessi proprio per non dover ricorrere a integrazioni extra per poter supportare lo stress fisico imposto al mio corpo in queste gare. Naturalmente durante queste gare di durata sei costretto a ricorrere ad integratori energetici che ritengo più appropriati per il corpo del così detto pane e ssalame che a livello di nutrimento e protezione non è proprio salutare”.

Pochi fanno ulteriori accertamenti considerato lo sport più stressante per il fisico ma manca lo stress della competizione, dei tempi, per gli atleti della nazionale c’è più interesse ed attenzione rispetto la loro salute. Ai fini del certificato per attività agonistica, fai indagini più accurate? Quali?
Essendo anche atleta della Nazionale Italiana siamo sottoposti a controlli maggiori rispoetto alla classica visita medica agonistica, oltre a questo di mio principio mi tengo sotto controllo periodicamente

Molti medici sconsigliano di fare questo tipo di attività considerat estenuante ed al minimo problema fisico chiedono di stare a riposo per un numero elevato di giorni o di smettere di fare attività fisica, ma gli ultramaratoneti sanno che vita è quessto tipo di sciolina sportiva che ti da benessere psicofisico, emotivo e relazionale e lo fanno con attenzione cercando di preservarsi fino a 100 anno. E’ successo che ti abbiano consigliato di ridurre la tua attività sportiva?
Per ora mai, a volte se ascolti i medici dovresti stare sdraiato sul divano”.

Molti ultramaratoneti non voglikono svelare il loro sogno nel cassetto, ma in genere il sogno è partecipare a competizioni sempre più impossibili, indossare la maglia azzurra e partecipare a Mondiali e gare prestigiosi e durare il più possibile fino a 100 anni correndo ancora nel benessere. E tu, qual'è il tuo sogno nel cassetto?

“Ne ho più di uno, spero di realizzarli presto in ordiine?? Reunion e altri.

 

Marco Zanchi ultratrailer: la passione per la natura e la montagna, innanzitutto. Solo in seconda battuta l'eccellenza agonisticaMarco Zanchi ultratrailer: la passione per la natura e la montagna, innanzitutto. Solo in seconda battuta l'eccellenza agonistica

 

Matteo Simone è uno sportivo che pratica diversi sport, tra i quali il Podismo. Nella vita professionale è Psicologo (con molteplici titoli e specializzazioni tra le quali quella di Psicopterapeuta della Gestalt e di terapeuta EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing).
Ha scritto numerosi articoli scientifici e saggi su diversi temi della Psicologia dello Sport
.

 

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche