Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
24 ottobre 2018 3 24 /10 /ottobre /2018 10:21

«È il momento di avere pazienza e di non fare errori. È il momento di cercare la nostra corsa perfetta, quella che abbiamo costruito giorno per giorno, espressione del nostro personale equilibrio tra sforzo e durata, tra velocità e resistenza. Se ci siamo allenati con la testa, oltre che con le gambe, ormai la conosciamo bene, è diventata una vecchia amica. Siamo nelle condizioni migliori per metterla in pratica: non dobbiamo spingere troppo – anzi, dobbiamo controllare la velocità – e possiamo concentrarci sull’efficienza. Eccola, la nostra corsa perfetta!»

Gastone Breccia (dalla quarta di copertina)

Gastone Breccia, storico e giornalista (con all'attivo numerosi saggi, anche su temi di attualità), sin da giovane è stato un runner appassionato (la sua prima maratona corsa appena ventenne). Ha cominciato a correre prestissimo e non ha più smesso: all'inizio ha mostrato di possedere grandissime doti e , quasi sin da subito, si è collocato nella fascia degli amatori "top runner", accumulando nella prima parte della sua carriera sportiva numerosi titoli eccellenti .
Poi, nel corso del tempo le sue prestazioni, con il progredire, hanno perso un po' del loro smalto, mantenendosi tuttavia sempre nella fascia dell'eccellenza (in funzione dell'età raggiunta).
Ciò nonostante, Gastone Breccia si definisce con molta modestia, un "tapascione", sia pure di alto livello, annoverando tra le sue migliori prestazioni un crono di 2h26'44 in maratona (ottenuta nel 1996) e un 1h08'58 nella Mezza, crono conquistato nella Roma-Ostia nel 1997, senza contare i numerosi titoli prestigiosi che ha conquistato nell'arco di tutta la sua carriera podistica.
In  La Fatica più bella. Perchè correre cambia la vita (Laterza Editore, Collana I Robinson. Letture, 2018), egli ha trasfuso la sua passione sconfinata per la corsa, che ha fatto da sempre da contraltare e da contrappeso ai suoi interessi professionali e culturali poliedrici. 

Breccia ha un atteggiamento rigoroso nei confronti della Maratona: secondo lui la fatidica distanza dei 42,195 km (che è per lui la distanza "perfetta", nel rapporto che si determina tra efficienza e resistenza) deve sempre essere affrontata "al limite" delle proprie possibilità e, di conseguenza, va sempre preparata accuratamente. Ogni maratoneta già addestrato e ogni aspirante maratoneta deve sempre poter conoscere in anticipo i propri limiti e, di conseguenza, progettare la "sua" maratona, in modo tale da poter ogni volta avvicinarsi in maniera ragionevole al proprio obiettivo, considerando che non sempre la maratona che si è appena corsa risulterà essere "perfetta". Bisogna ogni volta far conto di imprevedibili circostanze e, naturalmente, dei propri errori (dei quali, avendo l'umiltà di affrontare un'impietosa autoanalisi nelle ore e nei giorni successivi, bisogna far tesoro per potersi migliorare).
Ma per Breccia ciò che davvero imperdonabile è la "sciatteria" che rappresenta una vera e propria offesa ad un sano agonismo e ad una corretta filosofia della maratona.
Egli, da asceta della disciplina, è per principio contrario alla maratona corsa "tanto per" e, di conseguenza, disapprova anche coloro che "vanno per maratone", solo per collezionare un numero impressionante di gare di lunga durata (includendo anche le ultra) partecipate e concluse, ma senza mai essersi confrontati con il proprio personale limite: senza di ciò non vi è mai la "sfida di maratona".
In questo senso, Gastone Breccia è decisamente contrario al Tapascione, a colui che strascica i propri piedi e che senza verve alcuna si trascina sino al traguardo: in sostanza, sotto questo profilo, egli boccia con fervore almeno il 50% di coloro che costituiscono la fitta schiera del "popolo delle maratone" (e molti ancora di più fra quelli che partecipano alle ultramaratone, dove il gesto della corsa per i più tende ineluttabilmente a trasformarsi in semi-corsa o in camminata).
Ciò nonostante, come abbiamo già rilevato egli stesso si definisce umilmente un "tapascione" -  benché di alto livello.
Questa la premessa per comprendere il suo approccio alla corsa di lunga durante: e naturalmente bisogna tener presente che il suo enunciato scaturisce dal fatto che egli sia sempre stato un maratoneta brillante e anche adesso per la inevitabile perdita di smalto legata al progredire dell'età, egli tende ancora a salire sul podio di categoria.

Su questa sua formulazione si potrà anche non essere d'accordo, ovviamente: e per sicuro molti dei podisti "lenti" che partecipano solo per il gusto di esserci, indossando il pettorale non apprezzeranno questa sua ferma presa di posizione da "purista" della corsa".

Tuttavia, dalla lettura del suo libro, c'è sicuramente molto da imparare e, nella mente del lettore che sia conoscitore delle cose di corsa (non solo in teoria ma anche per esperienza diretta) si staglieranno indelebili dei brani stillanti di autentica passione che tutti coloro che hanno avuto dimestichezza con le gare di lungo corso non potranno non apprezzare.
Ed è soprattutto la statuizione serpeggiante in numerose pagine magistrali di questo testo ad avere una grande risonanza: cioè quella secondo cui la maratona "cambia la vita del runner", in quanto la maratona non è solo corsa, ma diventa regola e stile di vita, essendovi sempre la necessità di acquisire abitudini alimentari e consuetudini quotidiane che senza essere ascetiche devono essere necessariamente rigorose.

Il volume si conclude con una serie di appendici che potranno essere utili al maratoneta in erba per preparare la propria maratona secondo i principi di Breccia il quale, dopo essere stato preparato da altri, è diventato lui stesso "preparatore" di amici e di runner che sono entrati a far parte di un suo entourage.

La fatica più bella è sicuramente un volume che tutti coloro che amano la corsa dovrebbero leggere e conservare per rileggerlo di quando in quando e per ricordare a se stessi che, sempre, la Maratona dovrebbe contenere in sé inclusa una sfida al limite, al proprio personale limite: e che senza il desiderio di avvicinarsi al proprio limite non vale nemmeno la pena metterci mano.

(Dal risguardo di copertina) Come insegnano i filosofi orientali, la strada è più importante del traguardo, ed è il cammino a dare un senso alla meta.

«È il momento di avere pazienza e di non fare errori. È il momento di cercare la nostra corsa perfetta, quella che abbiamo costruito giorno per giorno, espressione del nostro personale equilibrio tra sforzo e durata, tra velocità e resistenza. Se ci siamo allenati con la testa, oltre che con le gambe, ormai la conosciamo bene, è diventata una vecchia amica. Siamo nelle condizioni migliori per metterla in pratica: non dobbiamo spingere troppo – anzi, dobbiamo controllare la velocità – e possiamo concentrarci sull'efficienza. Eccola, la nostra corsa perfetta!»

La corsa sulle lunghe distanze è una disciplina dura. Richiede costanza, capacità di sopportare la fatica e superare soglie di sofferenza a cui la nostra vita sedentaria non ci prepara. Ma è l’attività più naturale che sia possibile praticare; un’attività nella quale milioni di anni di evoluzione della specie ci hanno reso imbattibili. E, soprattutto, la corsa ci rende felici. Non soltanto più magri e forti, più sani e soddisfatti: riesce a toccare qualcosa di misterioso, che ci avvicina alla nostra natura più profonda e ci fa sentire liberi. Se l’uomo è un perfect runner, la maratona è la distanza perfetta. Rappresenta infatti il giusto compromesso tra resistenza ed efficienza: mette alla prova la capacità fisica e mentale di ‘tenere duro’, ma consente di esprimere un gesto atletico efficace, limpido, ‘bello’.Può essere un’avventura splendida o fallimentare; può lasciare stanchi e felici, o frastornati, svuotati e delusi. Non tutto dipende dal risultato. Come insegnano i filosofi orientali, la strada è più importante del traguardo, ed è il cammino a dare un senso alla meta.

 

Gastone Breccia

(Note biografiche) Gastone Breccia vive a Cremona dove insegna Storia bizantina presso la Facoltà di Musicologia, sede staccata dell'Università di Pavia. Ha pubblicato diversi scritti di taglio storico-filologico su testi della cultura bizantina.
Negli ultimi anni si è dedicato alla ricerca in campo storico-militare anche al di fuori dell’ambito della bizantinistica. Esperto di teoria militare, di guerriglia e controguerriglia, ha condotto ricerche sul campo in Afghanistan (2011) e Kurdistan (Iraq e Siria, 2015). È membro del direttivo della Società Italiana di Storia Militare (SISM) e collaboratore fisso della rivista “Focus Wars”. Tra le sue più recenti pubblicazioni: I figli di Marte. L’arte della guerra a Roma antica (Mondadori 2012); L’arte della guerriglia (Il Mulino 2013); La tomba degli imperi (Mondadori 2013); Le guerre afgane (Il Mulino 2014); Nei secoli fedele. Le battaglie dei Carabinieri 1814-2014 (Mondadori 2014); 1915. L’Italia va in trincea (Il Mulino 2015); Guerra all’Isis. Diario dal fronte curdo (Il Mulino 2016). 

Sul tema de "L'arte della guerra" (Einaudi 2009), ha scritto "Con assennato coraggio...L'arte della guerra a Bisanzio tra Oriente e Occidente", apparso nel 2001 su «Medioevo greco - Rivista di storia e filologia bizantina», e due saggi sulla guerriglia a Roma e a Bisanzio (Grandi imperi e piccole guerre) usciti sulla stessa rivista nel 2007 e 2008. Più divulgativo l'articolo Adieu, Herr von Clausewitz, un'analisi delle difficoltà americane in Iraq alla luce delle teorie belliche classiche, pubblicato su «Limes» nel 2006.

 

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche