Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
10 ottobre 2011 1 10 /10 /ottobre /2011 20:14

 

100-km-dele-Alpi-2011-Percorso.jpg

 

Grazie alle modifiche introdotte lo scorso anno, il percorso della 100 Km delle Alpi si conferma bello e veloce, nonostante due salite, quella verso Alice a metà percorso (Km 50) e lo strappo finale della Montjovet, a pochi chilometri dal traguardo.

 

(Enzo Caporaso) “La 100 Km più bella del mondo”. Spesso basta iscriversi ad una qualsiasi gara sulla distanza in giro per il mondo per ascoltare un’affermazione di questo tipo. La voce viene naturalmente messa in giro dagli stessi organizzatori che, fedeli al proverbio: “Ogni scarafone è bello a mamma sua”, sono convinti che più belle della loro gara non ce ne siano.

Anche gli organizzatori della 100 Km delle Alpi, non sfuggono naturalmente a questa convinzione, ma analizzando a fondo i loro “perché” viene quasi da credergli. La 100 Km delle Alpi, si sviluppa su un percorso in linea tra le città di Torino e Saint-Vincent.

Partire dal capoluogo sabaudo alla volta della Valle d’Aosta che abbraccia rapidamente con le sue maestose e avvolgenti cime il “viaggiatore” è già di per sé un buon motivo per credere alla verità dell’affermazione, se aggiungiamo poi l’infinità di sorprese che si incontrano lungo il percorso ecco allora farsi largo l’idea che allora non è poi così azzardata l’affermazione.

Uno scrigno di tesori enogastronomici, culturali, d’arte e divertimento, questo è ciò che aspetta partecipanti ed accompagnatori della 100 Km delle Alpi, agli occhi dei quali,

chilometro dopo chilometro, si sveleranno le meraviglie dei Comuni attraversati, fatte di tradizioni secolari, tramandate di generazione in generazione.

Comuni che non riducono certo la loro ospitalità ai giorni della corsa, ma che anzi sono una vera e propria miniera di eventi da vivere durante il corso dell’intero anno.  Leinì, Feletto, Rivarolo, Agliè, Vidracco, Vistrorio, Alice, Lessolo, Borgofranco d’Ivrea (fraz. Baio Dora), Quassolo, Tavagnasco, Carema (Piemonte), Pont Saint-Martin, Donnas, Arnad, Verrès,

Montjovet, Saint-Vincent (Valle d’Aosta), ognuno di questi comuni è custode di tradizioni e bellezze che vengono generosamente offerte a tutte le persone che intervengono alla gara, siano essi atleti o accompagnatori. La carovana della corsa non limitandosi come spesso accade in altre “100 Km più belle del mondo” ad un passaggio sui territori comunali ma attraversandone direttamente i centri storici, offre l’opportunità di godere a piene mani di tutte queste bellezze oltre che di scoprire perle assolutamente rare come ad esempio il Tempio di Damanhur a Vidracco.

Discorso a parte meritano le bellezze naturali, i paesaggi montani della Valchiusella, il lago di Alice Superiore che il percorso costeggia nella discesa verso Lessolo, il verde della vegetazione che si tuffa nella Dora, con le sue insenature, le sue cascate, i ponti che la attraversano, fino all’ultimo, quello che di fatto segna il passaggio dai territori piemontesi a quelli della Vallée alla quale si accede superando il sottile diaframma che unisce Carema e Pont Saint Martin.

Tutta questa strada per arrivare a Saint Vincent, la città riconosciuta come la capitale della “Riviera delle Alpi”, una qualifica merito della straordinaria posizione geografica, per una centro capace di offrire un’ospitalità unica, con una ricchissima offerta culturale fatta di spettacoli di ogni genere, le terme, il casinò. Tradizione, cultura, arte, natura, ospitalità attendono dunque di essere valutate al fine di capire la veridicità dell’affermazione circa labellezza di questa corsa, ma prima di esprimere il giudizio finale, non dimentichiamo che è proprio sulle strade che uniscono Torino e Saint-Vincent, che nel lontano 1963 prese il via la prima ultramaratona corsa in Italia.

Questa di dare vita a fenomeni, tradizioni, leggende è tipica del dna di Torino, la città dove è nata l’Italia, l’automobile, lo slow food, l’ultramaratona consegnando in questo modo alla storia, la legittima eredità di precursori.

Se avete letto con attenzione risulterà ora anche a voi come la definizione di 100 Km più bella del mondo sia in fondo meritata, tuttavia, se ancora vi resta qualche dubbio, regalatevi una gita fuori porta in uno qualsiasi dei Comuni attraversati dalla corsa o meglio, venite a correre la 100 Km delle Alpi diventerete voi stessi testimonial della “100 Km più bella del mondo”.

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche