Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
28 luglio 2011 4 28 /07 /luglio /2011 09:29

Silvio-BertoneSilvio Bertone, vincitore dell'edizione 2011 della 100 km du Morvan (FRa), svoltasi ai primi di luglio, ha scritto per Ultrasport maratone e dintorni il suo resoconto della gara che volentieri pubblichiamo e, ancora una volta, come mi è capitato di constatare in suoi altri racconti di gara, ci fornisce un'accurata descrizione della gara e soprattutto della successione dei suoi stati mentali, mostrandoci in poche parole il sopraggiungere della crisi e le strategie mentali che è stato in condizione di attivare per fronteggiarla e superarla. Silvio Bertone ha vinto, stabilendo il nuovo record della corsatra le altre cose. Silvio Bertone, più volte Azzurro di ultramaratona (100 km), anche quest'anno farà parte della delegazione italiana al Campionato del Mondo 100 km, che avrà luogo il prossimo 10 settembre a Winschoten, in Olanda.

(Silvio Bertone) Con affetto sono tornato al gradito appuntamento della 100 km du Morvan, gara che con mio stesso stupore mi ha visto  infrangere per la prima volta il muro delle 8 ore nel 2008 e che mi aveva regalato l’allora sconosciuta emozione della vittoria e, l’anno successivo, un onorevole secondo posto, dopo solo due  settimane da Torhout.
Questa volta l’avvicinamento l’ho effettuato raggiungendo Chateau-Chinon in camper (preso a noleggio per la prima volta, per cui la fase iniziale del viaggio e’ stata un po' da comica), con un po’ di anticipo per recuperare del viaggio fatto con punte di 90 km/h.
La prima sorpresa e’ stata quella di vedere che sulle locandine della gara era ritratta una mia foto in “negativo” con la dicitura “Entrez dans la legende”:  ogni negozio ne aveva una in vetrina o sulla porta e all’ufficio del turismo una piena vetrina ne era tappezzata con vari pettorali per dare il benvenuto ai podisti. Yannick, che ha quasi 4 anni esultava ogni volta “Papa’quello sei tu!”: credo che il suo stupore fosse lo stesso mio.
Il primo pensiero era che le aspettative sulla gara erano concentrate sulla sfida fra me e Jean-Marc Bordus, campione francese in carica della 24 ore, con piu’ di 260 km ed un personale sulla 100 km (realizzato a 46 anni) di 6h56’, ed era evidentemente il motivo di questa festa aspettata.
Il sito della gara annunciava “la bella” fra noi due, e non nascondo che la cosa mi preoccupava un po’, anche alla luce che non vi sono mondiali di 24H in vista e che il mio avversario principale e’ una persona di grande esperienza e motivazione, che stimo molto e che per certi versi mi ispira nell’approccio e nello stile. Caratterialmente credo abbiamo molti aspetti comuni, ed anche se non credo negli oroscopi e simili,  e’curioso il fatto che siamo nati lo stesso giorno (io qualche anno dopo).
Dopo una notte tranquilla, cercando di ripassare la mia strategia di gara (pensavo di controllare gli avversari e di attaccare, come nel 2008 all’ultimo dei 4 giri) e una sveglia ben mattutina (la partenza era alle 6.00), un clima perfetto per la gara: circa 12 C ed una splendida giornata di sole, dove la temperatura non superera’ i 25 C, molto meglio degli anni precedenti!
Eccoci pochi attimi prima della partenza, parole e saluti tranquilli, io dico a Jean-Marc che probabilmente con questo meteo ce la faremo a stare sotto le 8 ore, e lui molto francamente mi risponde che e’ venuto per vincere e che tentera’ il tutto per tutto. Al che replico, molto tranquillamente, che anche io sono venuto per provarci ... ma questo scambio di battute mi ha stravolto lo schema in una frazione di secondo: devo attaccare subito.
Jean-Marc-BORUDSAl via, mi metto per i primi 50 metri a ruota di Jean-Marc, ma gia’ alla prima curva sono in testa. Alessandra, che mi ha accompagnato alla partenza, mi fa segno di andare piano. So che e’ una pazzia partire a questo ritmo: ma devo far vedere che sto bene e nel contempo testarmi sulle sensazioni. Per 5-6 km sono solo, con un vantaggio di una cinquantina di metri, ma al termine della prima salita importante, la famosa “cote d’Arleuf” sento i passi e le voci del gruppetto di inseguitori.
Mi sono volutamente lasciato riprendere, cosciente che tirare prima del decimo km e’ pericoloso e che in gruppo avremmo potuto aiutarci reciprocamente, ma devo comunque attaccare. Per cui quando Jean-Marc si sfila di qualche metro per controllare la situazione, continuando con Goffotte, che poi arrivera’ terzo, provo a tirare e mettere a confronto le nostre sensazioni. Il suo respiro e’ un po’ piu’ affannoso, per cui al ventesimo km aumento progressivamente, passando con qualche secondo di vantaggio il primo giro.
Da qui in poi, una solitudine assoluta, con pochi e discordanti riferimenti sul distacco dal secondo (talvolta 6 minuti, talvolta venti) per cui di questi prendo sempre i peggiori, per non illudermi di un vantaggio eccessivo: questo pensiero mi accompagnera’ fino al traguardo, ad eccezione degli ultimi 2 km dove avro’ la certezza di non essere seguito da vicino.
Ad ogni giro ritrovo per pochi secondi la mia famiglia che mi saluta festante e, al passaggio, mia moglie mi dà un gel, attentissima alle istruzioni della vigilia. All’inizio dell’ultimo giro sento che qualcosa si sta bloccando e decido di bere subito il gel, prima di una possibile crisi: e’ mezzogiorno, fa piu’ caldo e la “cote d’Arleuf” sembra piu’ ripida che mai.
Al 79° infatti arriva inesorabile una fiondata fisica e mentale nel tratto piu’ ripido: ho la sensazione di non farcela... E' veramente ripido, fa caldo e ho paura di essere ripreso: mi viene il dubbio di essermi “bollito” tirando per tutta la gara e mi viene da inveire per questa strategia. Come ho fatto a cadere nella trappola?  Lo sapevo e ci sono cascato in pieno... Sento di aver fatto il gioco di Jean- Marc e, adesso, la sua prudenza gli dara’ ragione ... mi viene quasi da piangere per la rabbia di questo errore.
Cammino per qualche metro, di colpo però ripenso all’ascensione del Monte Bianco di questa primavera, l’interminabile cresta delle Bosses, dove il fiato scarseggia e il cuore pompa a tutta: qui invece non ho i ramponi, sono leggero e senza zaino, per cui quale puo’ essere il problema? BASTA: una 100 non si vince camminando o auto-commiserandosi... Decido di ripartire prima a piccoli passi e, sulla discesa successiva, ritrovo un buon ritmo. All’inizio dell’ultima salita pero’ caldo e sete ricominciano a consumarmi, so dove é il ristoro e che devo uscire all’esterno della curva: al giro precedente c’erano i bicchieri per cui si perdeva tempo e si rischiava di non bere abbastanza.
Bertone e figlie a MorvanNel mentre vedo una ragazza che traffica con la bici e le chiedo se gentilmente puo’ darmi una bottiglietta d’acqua dal ristoro. Dopo poco, eccola riapparire in bici con l’acqua, che mi ricarica immediatamente, poco dopo mi dice che il suo fidanzato si è ritirato e deve tornare al traguardo e che, se non mi dispiace essere accompagnato... Una vera provvidenza! Con discrezione e prontezza, per gli ultimi 15 km mi rifornisce abbondantemente di acqua, biscotti savoiardi e TUC, oltre che girarsi e rassicurarmi che alle mie spalle non si vede arrivare nessun avversario.
Favoloso: che regalo! Nel finale cerco di andare in progressione, stimolato dalla sua presenza e dal fatto che prima finisco, prima mi riposo; gli ultimi due km sono una festa: sto veramente bene e affronto con forza gli ultimi strappetti, questo momento e’ unico, vedo i Ale e i bambini in fondo, vicino al traguardo: Viviane e Yannick mi accompagnano per mano, e con loro lascio scivolare il nastro dell’arrivo.
Il sogno si é materializzato: ho vinto, fatto il record del percorso ed i miei avversari sono lontanissimi, per cui assaporo l’intensita’ del momento perchè duri il piu’ possibile. E’ una sensazione strana, non ne ho l’abitudine e mi sembra quasi di essere lontano.
E’ uno di quei giorni che ricordero’ sempre con affetto e nostalgia: il tempo scorre troppo veloce, assaporiamo lucidamente ogni attimo.

 

Vedi anche

100 km du Morvan (FRA, 11^ ed.). Vittoria di Silvio Bertone, recordman della gara

Condividi post
Repost0

commenti

Ilaria 07/28/2011 10:48


straordinario! Silvio riesce sempre ad arrivare dove pochi arrivano...al CUORE! grazie Silvio per l'ennesima dimostrazione del tuo entusiasmo purissimo..lo stesso di un bambino che si vede ritratto
sulle locandine di tutto il paese.
Grande atleta e grande amico, sai sempre essere vicino nel momento giusto.
Savoiardi, TUC e Acqua??!!! fantastico...potremmo organizzarci per Winschoten
grande Silvio (e grande Ale che silenziosamente si adopera per questo miracolo)
Ila


Ultramaratone, maratone e dintorni 07/28/2011 20:17



Bel commento, Ilaria! Silvio ha la preziosa di saper guardare dentro se stesso ed è questo che lo rende grande nel gestire e superare le crisi. E poi anche nel sapere raccontare di sé così
magistralmente, senza sbavature ed in maniera sobria, ma incisiva.


 



Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche