Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
4 ottobre 2011 2 04 /10 /ottobre /2011 08:04

24-ore-di-Grenoble 8461Maria Ilaria Fossati ha partecipato alla 24 ore di Grenoble (tra il 1° e il 2 ottobre). Si è fermata attorno alla 13^ ora, però si è egualmente classificata, poichè dopo circa 4 ore di riposo ha ripreso a camminare sino a fine gara, accumulando altri chilometri oltre ai 120 fatti inizialmente in un'unica tirata (33^ in classifica generale e 7^ tra le donne, con 147,696 km percorsi).

Il bello delle 24 ore è proprio questo che, a meno che tu non abbandoni il campo di gara, anche se rimane fermo "ai box" sei sempre in gara e dunque nella classifica.
Tutti quelli che corrono le 100 km dovrebbero andare a scuola di 24 ore secondo me: è una grande scuola per affinare la propria resistenza mentale e sperimentare i propri limiti.

Se così fosse, forse ci sarebbero meno ritiri negli appuntamenti più importanti delle gare sui 100 km.

La 24 ore ti insegna a finire le gare, correndo, camminando, fermandoti, poi alla fine se non hai consegnato il pettorale e se non hai abbandonato il campo di gara, sei classificato (a condizione di aver realizzato i minimi).
La 24 ore diventerebbe oltremodo selettiva se come regola di gara venisse stabilito che non puoi star fermo più di un'ora consecutiva per il riposo e per il recupero: allora sì che sarebbero dolori.

Di seguito le brevi considerazioni diaristiche di Maria Ilaria Fossati che travalicano in profonda riflessione sul suo intimo rapporto con la corsa di lunga distanza.

 

Campionato-del-mondo-100-km-2011-Winschoten 6738(Maria Ilaria Fossati) Ho scelto proprio Grenoble per il mio "battesimo" perchè è una gara perfetta, con organizzatori attenti e presenti. In poche parole, amici.

Contemporaneamente, avevo bisogno, dopo settimane di fermo, di riprendere a correre lontana dai soliti posti, senza condizionamenti. Il mio unico obiettivo era molto più ambizioso del finire una 24 ore... Volevo ritrovare la voglia di correre, la giusta serenità d'animo, quell'armonia in grado di cullare anche la fatica.
Sapevo che non sarebbe stato facile... Le ferite del corpo - ma ancora di più quelle dell'animo - dopo il Mondiale di Winschoten pesavano non poco.
Non ero allenata, non stavo particolarmente bene, non avevo recuperato del tutto, ma - ancor peggio - avevo un blocco nella testa, come un muro di cemento.
Non è stato facile, il gran caldo ha condizionato la prestazione di tutti... Ho accolto numerose crisi e non ho smesso un attimo di pensare alla gara di Winschoten... come fosse il ritornello di una canzone che ti è entrato in testa.
La fatica è stata la migliore delle cure... Posso dire che si è portata via l'amarezza lasciando solo vivi i ricordi positivi.
Il boato della folla, lontano e sordo... Quando sapevo che Giorgio stava arrivando vincitore al traguardo, i bambini olandesi, tutti uguali, i mulini a vento, i coriandoli, la festa del pubblico.
La mia piccola New York, Silvio che mi corre vicino e mi fa promettere di non mollare. Noemy sul percorso, nasconde le lacrime per farmi forza; lo staff ai ristori, i tifosi italiani sul percorso; i miei amici venuti fin qui per me; dopo un tempo infinito, Emi che mi passa la bandiera italiana. Il traguardo. L'infermeria che chiude (??!!) e mi sbatte fuori. Le premiazioni, l'inno italiano e finalmente le lacrime che riescono ad uscire.
Quei coriandoli....
Non si improvvisa nulla nell'ultramaratona, tantomeno una 24 ore. Mi sono fermata dunque alla 13^ ora, dopo un improbabile scontro con una transenna in cui ho pestato malamente il ditone del piede. Non era più il caso di esasperare il mio corpo come in Olanda, non me lo avrebbe perdonato... Così, ho dormito per 4 ore e poi ho semplicemente camminato sino alla fine, aspettando l'alba ed assistendo a tanti piccoli miracoli.
E' vero, avrei potuto soffrire un po' di più, stringere i denti...
Non mi lascerò travolgere ancora dal dilemma soffro-mi ritiro-continuo-fuggo dalla sofferenza.. Basta! voglio chiudere le polemiche del mio cuore, i conflitti interni, i commenti esterni.  
Coriandoli...
Voglio vedere ancora coriandoli lanciati davanti a me, bambini impazziti di gioia a cui non importa nulla della divisa che porti, a quale giro tu sia e che tempo farai.
Questi sono i dettagli a cui mi aggrappo per superare le crisi di fatica: l'amicizia e la premura degli amici francesi, sempre presenti per tutta la notte, sono state esemplari: ad ogni giro una parola ed una carezza, piccoli gesti. Un cubetto di ghiaccio che si scioglie in mano.
Un topolino che ci attraversa il percorso, i bicchieri numerati, con il tuo nome, come alle feste da piccoli.
I tre italiani, come era già accaduto l'anno scorso, sono diventati in breve tempo i beniamini di tutti...
Esperienza positiva in tutti i sensi, grazie a Piero Lattarico, l'organizzatore e gli amici Paolo e Claudio che ci hanno fatto assistenza e, all'occorrenza, cabaret.
Grazie ai consigli e all'esempio di Tiziano e Luciano... prima o poi ne finirò una!
 
Grazie ai mille bambini olandesi che continuano a lanciare coriandoli...

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche