Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
18 giugno 2011 6 18 /06 /giugno /2011 07:00

Giuliana-Montagnin-copia-1.JPGGiuliana Montagnin, triestina, è stata l'unica donna iscritta alla gara di 24 ore su strada nella bella manifestazione milanese, organizzata all'interno del Parco Nord dal Road Runners Club Milano, nel quadro delle celebrazioni del suo quarantennale di vita, tra l'11 e il 12 giugno.

Il risultato femminile nella 24 ore è stato scontato: ha vinto Giuliana Montagnin unica donna presente.

Giuliana, in ogni caso, proprio perchè era l'unica donna, ce l'ha messa tutta per andare un po' oltre quelle che, di massima, erano le sue attese. Il suo obiettivo era raggiungere i 115 percorsi nelle 24 ore: lo ha realizzato attorno alla 23^ ora e, nell'ultima ora di tempo che le rimaneva, ha cercato di aggiungere qualche chilometro in più.

Una corsa solitaria la sua, senza avversarie: ma, in questo caso, si dice "Peccato per chi non c'era!".

E Giuliana Montagnin c'è stata a questa prima edizione della 24 ore di Milano.

Di seguito il suo racconto, con alcune interessanti notazioni finali, sul senso di spaesamento e di derealizzazione - lieve come un'ebbrezza o come la sottile persistenza di uno stato estatico della mente - che, nell'esperienza di Giuliana che ce ne parla persiste per due o tre giorni dopo il termine di una gara di endurance di questa durata.

(Giuliana Montagnin) Tra l’11 e il 12 giugno, ho partecipato alla 24 ore di Milano nel Parco Nord.

Per me è stata un’altra esperienza positiva: le condizioni meteo non sono state tra le migliori però le ho preferite, rispetto ad un caldo torrido. Due violenti nubifragi si sono scatenati durante la gara, uno poco dopo la partenza ed uno nel tardo pomeriggio. A tratti, spuntava fuori il sole ed il caldo si faceva sentire: possiamo dire di aver provato tutte le stagioni nell’arco di quelle “24 ore”.

Il percorso è risultato bello e vario in mezzo alla natura; lo staff ci ha assistito in modo encomiabile per tutto il tempo ed era ben organizzato anche il punto di ristoro.

Io non ero in ottima forma per una gara del genere, a causa di un leggero fastidio ad una gamba dovuto ad un piccolo infortunio non mi dava tregua: è solo correndo piano che riuscivo a convivere con il dolorino ed è per questo motivo che avevo optato per la “24 ore” che mi avrebbe consentito un’andatura più lenta e con pause più lunghe.

Credo che nell’arco delle 6 ore non avrei ricoperto 42,195 km.

Avevo sentito parlare di questa gara già in febbraio, e la mia decisione è stata immediata: VOGLIO FARLA, - ho detto a me stessa - non farò un chilometraggio eccezionale ma voglio fare come al solito una figura dignitosa.

Fin dai primi chilometri mi sono accorta che sarebbe stata dura: perciò, ho preso un ritmo tranquillo, decidendo di continuare così a corricchiare, alternando il cammino, il più a lungo possibile.

Mi è sembrata una buona idea di correre nel tratto di sterrato e nel tratto di sottile ghiaia piuttosto che sull’asfalto, credemdo che sarebbe stato meno traumatico per la gamba, ma ben presto ho dovuto ricredermi: sullo sterrato poteva andar bene, ma sulla ghiaia era un disastro, perché entrava la sabbia nelle scarpe.

All’inizio non sembrava, in quanto non si trattava di sassi grossi, eppure dopo qualche giro si cominciava a sentire il fastidio. Con il passar delle ore inevitabilmente i piedi si sono andati gonfiando e lo sfilarsi e il rinfilarsi le scarpe non era agevole: ho deciso perciò di cambiare strategia e, cioè, ho preso a correre sull’asfalto ed è risultata subito una buona idea.

Durante il nubifragio ho continuato imperterrita. Mi andavo dicendo: “O proseguo così o non ce la farò a concludere i 115 km che mi sono proposta di percorrere,come minimo”.

Fino a tarda notte mi sono sentita fortissima, senza crisi, né di stanchezza né di sonno, poi inevitabilmente ho preso a sentirmi un po’ provata.

Sono stati molto utili gli incoraggiamenti al passaggio del punto di ristoro: qui, mi rifocillavo a dovere ogni volta ne sentivo la necessità e ripartivo; non mi sono mai fermata, tranne una ventina di minuti o poco più per un massaggio, che mi ha giovato soprattutto per la schiena. Non l’avevo più dolorante e sono ripartita, sentendomi più sciolta e le gambe più leggere.

Controllavo sempre l’orologio e, mentalmente, facevo i calcoli di quanta strada ancora mancava. Conclusione: mi sono accorta che non c’era margine per riposare. Quindi ho proseguito, distendendomi solo un paio di volte – e per pochi minuti - su una panchina lungo il percorso.

Una volta portati a termine i 115 km mi son sentita più sollevata: ancora mancava meno di un’ora al termine della gara e le crisi di sonno sembravano scomparse. Così, sono andata avanti, con più grinta, perché mi sentivo addosso come una responsabilità, in quanto essendo l’unica donna - la vittoria era mia  per mancanza di avversarie - volevo fare a quel punto qualcosa di più, mettendocela tutta, poiché non mi sembrava dignitoso starmene seduta su una panchina ad attendere la fine della gara. Dopo tutto, stavo bene ed ero soddisfatta.

Ora, vorrei fare una considerazione riguardo i primi 2 o 3 giorni post-gara - intendo una 24 ore - non so gli altri, ma io mi sento come in un’altra dimensione, mezza stordita. Esco, vado a lavorare o in palestra a fare cyclette con ritmi molto blandi e mi pare di trovarmi ancora in un’altra città… Mi guardo attorno e vedo amici e conoscenti della gara, su una panca a far addominali, vedo quel ragazzo con i calzettoni bianchi immacolati (con quel fango?!) che mi doppiava, al vogatore vedo Antonello: un altro ultramaratoneta a cui vorrei chiedere: Ma non c’eri a Milano? E che dire di quel signore che incrocio ogni mattina andando a prendere l’autobus, è uguale a Gregorio, ha uno sguardo indagatore, anche perché ci conosciamo di vista: lavora presso uno studio radiologico, e par che chieda come un padre confessore: Quante palline di profitterole hai mangiato ieri sera?

Tale stordimento per fortuna non pregiudica affatto la mia attività lavorativa è solo una sensazione di estasi, in genere già il mercoledì mi sento normale.

Quando si avvicina la data della partenza della prossima gara lunga di nuovo mi capita questa cosa particolare: un giorno ho visto nientemeno che il mitico Kouros che mi doppiava in costiera! Sarei curiosa di sapere se anche gli altri per un paio di giorni sono così… un po’ frastornati.

 

Vedi anche sulla 24 ore di Milano

24 ore di Milano+6 ore (1^ ed.). La 24 ore di Milano nel racconto di Maria Ilaria Fossati: "...non è mancato nulla"

 

24 ore di Milano+6 ore (1^ ed.). La 24 ore di Milano nel racconto di Gregorio Zucchinali

 

24 ore di Milano+6 ore (1^ ed.). Qualche parole sulla staffetta 24x1 ora dedicata ai non vedenti

 

24/6 ore di Milano (1^ ed.). Il racconto di Ettore Comparelli (associato del RRCM)

 

24/6 ore di Milano (1^ ed.). La vittoria della 24 ore al pugliese Vito Intini

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche