Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
6 agosto 2013 2 06 /08 /agosto /2013 12:59

6 ore Clarentina (1^ ed.). Il racconto di Elena Cifali: Si è svolta a luglio la 1^ edizione della 6 ore Clarentina, a San Pietro Clarenza (CT), su di un circuito di 400 metri circa.
Vi ha partecipato anche la catanese Elena Cifali, assidua collaboratrice di questo magazine online.

Ed ecco, anche se con un po' di ritardo il suo racconto che si affianca a quelli già pubblicati nei giorni scorsi, ma con l'autorevolezza di chi ha al suo attivo diverse esperienze di ultramaratona e che, nel maggio scorso, è stata per la prima volta finisher della 100 km del Passatore e, in questo senso, le sue precedenti esperienza nella ultramaratone a tempo (12 e 6 ore) sono state propedeutiche in vista di questo ambizioso progetto di crescita come ultramaratoneta.
I racconti di Elena Cifali vanno letti e meditati, assaporati e gustati: e non è importante che siano pubblicati a stretto ridosso di una gara appena svoltasi, perchè sono degli evergreen: in quanto la Nostra ci offre sempre un vertice di osservazione privilegiato sull'interiorità delle sue esperienze, sulle emozioni e sui paesaggi mentali che, nel corso dell'esperienza della corsa di lunga distanza, si schiudono davanti al runner che vi è impegnato.
In questo senso, Elena Cifali da voce alle nostre stesse esperienze ed è per questo motivo che le sue fatiche letterarie devno essere apprezzate e possono essere condivise.
Ecco, dunque, il suo racconto.

 

(Elena Cifali) “Coraggio Elena, tra poco sarà di nuovo Natale”, me lo ripeto e me lo ripeto ancora quasi a volermene convincere mentre il caldo mi sfianca. Il sole è ancora alto nell’azzurro cielo siciliano ed i suoi raggi impietosi mi cuociono il volto ed il corpo. Davanti a me un anello ovale lungo 400 metri dentro al quale dovrò correre - girando e girando senza sosta - per ben 6 ore.
Non è la mia prima 6 Ore: ho già corso questa tipologia di gara ed ho già corso per 12 ore consecutive dentro una pista. E, dunque, so perfettamente cose mi aspetta oggi. “Sarà di nuovo Natale, farà freddo e ricorderai con rammarico queste soleggiate giornate di metà luglio”, col pensiero lavoro su me stessa, cercando di ingannare la mia mente nel tentativo di farle credere che, dopotutto, non va così male.
6 ore Clarentina (1^ ed.). Il racconto di Elena Cifali: E, intanto, goccioloni di sudore scendono lungo le guance e si raggruppano sotto il mento, poi finalmente mi lasciano per infrangersi sul petto. Nel giro di 20 minuti mi ritrovo bagnata fradicia.
Osservo i miei compagni, uomini e donne che, insieme a me, stanno correndo coraggiosamente questa 6 Ore Clarentina e li trovo tutti magnifici. Anche loro stanno soffrendo, una sofferenza che conosco benissimo, che condivido e che amo.
Già, non ci si inventa maratoneti e tanto meno ultramaratoneti.
Sono tanti gli amici che rivolgendosi a me con fare ironico mi dicono che ormai per me correre le lunghe distanze è diventato un gioco da ragazzi.
E no, invece!
Non è un gioco, anche se ammetto che il divertimento non manca. Non è per nulla semplice alzarsi dal letto la mattina prima dell’alba -giuro che a volte prenderei a pugni la sveglia- quando fuori fa freddo e magari ha piovuto tutta la notte, o quando sull’asfalto trovo chilometri e chilometri di gelo.
Mi alzo e, mentre lo faccio, mio marito e mio figlio si rinsaccano sotto le coperte a godere delle ultime ore di sonno, al caldo, al riparo, al sicuro.
Uscire sulla strada, quando fuori il paese ancora dorme ed in giro non trovo neppure i soliti cani randagi, richiede una immensa forza di volontà. A volte ignoro la necessità di allenarmi ed allora rimango a a letto a dormire, in questi sporadici casi i sensi di colpa che mi attanagliano durante tutta la giornata si fanno pesantissimi fino a farmi desiderare fortemente che arrivi presto il nuovo giorno per rimediare a quella temporanea pigrizia.
Ma non è solo pigrizia! Il mio corpo, la mia mente, le mie gambe necessitano di riposo e non sempre è salutare ignorare tali necessità. E vogliamo parlare di quando il sabato sera rinuncio a fare tardi con gli amici perché l’indomani c’è “il lungo” da fare?

Per noi maratoneti (ed ultrarunner) non esiste Natale, Capodanno, Pasqua: se ci si deve allenare, tutto il resto passa in secondo piano.
Questo non vuol dire che ne siamo sempre contenti, a volte le rinunce costano più fatica della gara stessa. D’estate poi tutto diventa ancora più complicato. La sveglia suona ancora prima che le campane della Chiesa vicina abbiano battuto le 5.00.
Bisogna far presto ed uscire in strada prima che il sole sorga del tutto, prima che il caldo diventi insopportabile, prima che il paese si metta in movimento. No, non è così semplice preparate un’ultra maratona. E così capita spesso che una gara come quella che sto correndo oggi diventi l’occasione giusta per fare un lunghissimo che servirà a preparare la prossima.

6 ore Clarentina (1^ ed.). Il racconto di Elena Cifali: Gara su gara, lungo su lungo, maratona su maratona, ultra su ultra e così facendo mi ritrovo a correre la mia ottava impresa di questo impegnativo 2013. Intorno a me, oltre agli altri concorrenti, ci sono la mia famiglia, i miei amici più cari, gli staffettisti che aspettano impazienti il loro momento, i ragazzi sulle loro handbike, i fantastici bambini addetti agli spugnaggi ed ai ristori, i componenti dell’organizzazione ma soprattutto loro: “le due ombre”.
Le prime 4 ore di gara sono già trascorse da un po’ e finalmente riesco a superare la distanza della maratona. Sto bene, soprattutto quando resto sola con me stessa.
Il sole è calato e, aiutata da uno splendido tramonto, la luna ha preso servizio in questo cielo privo di nuvole, accendendo una luce dentro di me.
Guardo avanti i momenti che scorrono veloci.
Mi lascio naufragare dolcemente dentro i miei pensieri e soprattutto dentro i miei ricordi, mi faccio sedurre da sogni incoffessabili, da amari rimpianti e da inenarrabili rimorsi.

Chi come me è abituato a correre le lunghe distanze sa che non bisogna mai fermarsi, non bisogna accontentare il corpo stanco che implora di arrestare la corsa. Guardo per terra più spesso che mai perché la stanchezza è arrivata col suo carico di energia negativa e scorgo le mie due ombre. I lampioni dello stadio hanno preso il posto del sole, riflettono su di me una luce che proietta sul nudo asfalto due ombre. Sorrido. Anzi rido, ho trovato il modo per ingannarmi!

Alla mia sinistra l’ombra è più scura, nitida, presente e prepotente, è l’ombra malevola, quella che ad ogni passo mi ordina di arrestarmi.
Di tanto in tanto l’assecondo, mi fermo ai ristori, mangio, bevo, mi siedo.
Alla mia destra l’ombra è più chiara, poco percepibile, timida direi. Questa è l’ombra buona, quella che mi da coraggio e forza, che mi implora di continuare a correre. Le do retta, allungo il passo, la falcata diventa più ampia, il ritmo più veloce, il cuore batte più forte e tutto diventa più facile. Queste due ombre sono l’una la contraddizione dell’altra, come nella mia vita: il bianco ed il nero che si incrociano in un gioco di colori e stupori.

Giro dopo giro aspetto di ripassare da quel meraviglioso punto in cui le ombre si incrociano perchè so che li vedrò le parti più nascoste di me, quelle che alla luce del sole non si vedono, quelle che bisogna accendere le lampade per scovarle e farle uscire allo scoperto.

6 ore Clarentina (1^ ed.). Il racconto di Elena Cifali: Come sempre l’ultima ora di gara è quella più bella.
E’ il turno del mio amico Salvo Campanella, impegnato - come ultimo frazionista - nella staffetta 1hX6 su handybike. Eccolo, è partito anche lui, lo vedo a cavallo del suo bolide, fiero come un cavaliere sul suo cavallo pronto per la battaglia. Lui è un combattente e niente e nessuno potrà mai fermarlo.
Non lo fermarono quegli 8 km in più corsi durante la maratona di Siracusa del 2012 a causa dell’errore di un giudice di gara sbadato (fu proprio in quell’occasione che lo conobbi e lo incoraggiai a continuare fino al traguardo che passammo mano nella mano come vecchi amici) e non lo fermò neppure quella brutta caduta che ha cambiato la sua vita.
Io mi sto divertendo a correre a più non posso alcuni giri per fare un “dispetto” ad un frazionista che non riesce a prendermi, quando Salvo mi passa accanto: lo sento ridere di gusto, mi chiama per nome “Elenaaa” e ride, ma ride sul serio.
Mi commuovo, inizio a singhiozzare, gli occhi si appannano, non respiro bene, devo riprendermi e alla svelta. Perdo potenza e velocità ed è giusto che sia così.
Cerco di ricomporre i pensieri, le emozioni: fra poco la gara sarà finita ed io ringrazio Dio per avermi dato ancora una volta la possibilità di “vivere” come più mi piace fare.
Ho corso per 6 ore, coprendo una distanza di oltre 52 km e nel frattempo ho imparato che se è pur vero che moriamo una sola volta è altrettanto vero che nasciamo un’infinità di volte, ognuno a suo modo.
Io rinasco ogni volta che allaccio le scarpette ai piedi.

 

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche