Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
12 maggio 2011 4 12 /05 /maggio /2011 16:12

templari_locandina_provvisoria_fronte3.jpgLa terza edizione della “6 Ore dei Templari – Memorial Vito Frangione” (svootasi a banzi il 7 maggio 2011), si è conclusa con Ivan Cudin e Luisa Zecchino sul podio della ultramaratona, e Saverio Giardiello ed Angela Latorre, invece, vincitori tra i maratoneti. Ecco di seguito il commento finale di Gabriele Mazzoccoli che, nel fare un bilancio complessivo dell'evento e nel tracciare il percorso seguito sinora dai primordi della gara, ringrazia sentitamente tutti quelli che sono arrivati a Banzi da ogni parte di Italia, ma anche tutti quelli che hanno collaborato attivamente collaborato per la riuscita della manifestazione e la cittadinanza di Banzi e dei comuni limitrofi per la sentita e corale partecipazione.

Ma nello stesso tempo, Gabriele rivolge a tutti un accorato richiamo perchè la manifestazione possa cominciare a camminare con le sue gambe senza dover dipendere per la sua realizzazione da un'unica persona ("patron" "organizzatore", "unico responsabile", comunque lo vogliamo chiamare) e che possa cominciare a camminare con le sue gambe: come, del resto i figli, che non sono dei genitori che li hanno generati, così come le frecce non sono più di proprietà dell'arciere, dopo che le ha scoccate.

L'accorato augurio di Gabriele è che la manifestazione possa "stare al mondo" da sola, finalmente adulta e senza essere dipendente dal suo genitore e che, quindi, tutti si assumano la responsabilità di farla vivere, non limitandosi soltanto a partecipare alla festa, ma contribuendo attivamente nel renderla possibile.

Il pezzo è intitolato "Grazie di cuore" (e il suo sottitolo potrebbe essere, come del resto si esprime lo stesso Gabriele: "Mai la piazza di Banzi era stata così piena") ed è stato pubblicato sul Blog "Con i piedi per terra", a cui si rimanda per vederlo con le foto con cui Gabriele lo ha corredato.

GRAZIE DI CUORE

(Gabriele Mazzoccoli) Un’edizione inaspettata, partecipata, sofferta, riflettuta e, sicuramente, vissuta dagli organizzatori in modo spesso dissonante con l’entusiasmo dei presenti e degli spettatori. E’, questo, il prezzo che paga chi sta dietro le quinte, trepidando fino alla fine perchè tutto vada per il verso giusto, dopo settimane trascorse su strade malandate, tra riunioni improvvisate, notti senza sonno, pasti consumati in tutta velocità, mancamenti, alti e bassi. Poi arriva l’evento, e restano soltanto le energie per lo sprint finale, e l’occhio critico per registrare ciò che c’è da migliorare: quest’anno, senza dubbio, bisogna fare un mea culpa per i disguidi dovuti al servizio di cronometraggio e prendere atto del fatto che i grandi numeri ai quali si aspira, in termini di partecipazione, vanno bilanciati da altrettanti volontari. I soli, cari amici di sempre, insomma, non bastano più a gestire l’arrivo di tanti ospiti. E questo comporta un necessario ripensamento della manifestazione.

La 6 Ore dei Templari è nata da un sogno che avevo in testa e che ho coltivato nei ritagli di tempo dei quali, ai tempi, godevo assai spesso: sfruttare i vantaggi dell’ultramaratona per far conoscere la Basilicata, attraverso quella che voleva essere una “festa tra amici”. Venivo da un lungo periodo dedicato alla corsa e, da spettatore e da collaboratore, avevo apprezzato il clima conviviale e le grandi potenzialità delle lunghe distanze. Il salto ad organizzatore è stato reso possibile da un inaspettato ritorno in Basilicata che, dopo anni trascorsi lontano, mi ha portato a ritrovare luoghi e vecchi amici, a conoscerne di nuovi, e a dedicare un’anima e un corpo tutto sommato inconsapevoli a questa nuova avventura.

6-ore-dei-Templari-4921.JPGLa seconda edizione è stata il naturale prosieguo della prima, corroborata da un’indole più smaliziata, da uno sguardo più lucido e da aspettative crescenti. Il successo inebria ed intristisce, ed il ragazzo che sognava “una festa tra amici” si è trovato, senza neppure volerlo, ad essere il principale referente di un evento che fondava la sua riuscita su una certa armonia di una piccola squadra. Tali presupposti, però, non possono tenere di fronte a grandi numeri, che richiedono invece struttura, infrastutture, responsabilità condivisa, supporto istituzionale su larga scala e, soprattutto, l’impegno operativo di un intero territorio, e non soltanto la volontà di poche persone, guidate da un unico sognatore. Ho a lungo sperato, quindi, che la mia terra raccogliesse l’eredità della 6 Ore, stemperandone il “carisma” dell’ideatore in favore della maturità dei tanti che sostenevano di averla amata. Non so se questo sia successo: di certo, se la riuscita di un evento che promuove un territorio non si fonda sull’operato del territorio, ma su quello di poche persone che danno una grande mano a qualcuno che ormai vive a chilometri di distanza, c’è da riflettere.

Ed è questa riflessione che, per un attimo, mi ha fatto guardare la piazza gremita e decidere, serenamente, che non voglio più essere la principale “causa” della “6 Ore dei Templari”, il suo “patron”, e non voglio più che siano le persone che credono in me a dare le proprie energie all’evento. Vorrei, invece, che si credesse nella manifestazione, nel suo potenziale per la Basilicata, e che fosse il territorio tutto a far germogliare, da solo, quello che fino ad ora è stato seminato. Se una prossima edizione ci sarà, vorrò parteciparvi da amico, insieme ai miei amici, proprio come,  anni fa, partecipai per la prima volta, con il cuore innocente e l’anima curiosa, alla “6 Ore nella Città di Angizia” del caro Angelo Massaro.

Nell’ultimo film di Nanni Moretti, Habemus Papam, il futuro papa decide di scappare dal Vaticano per dedicarsi un po’ a se stesso, per ritrovare ciò che di sé aveva perduto o, semplicemente, messo tra parentesi. Lungi dal volermi sentire un papa (per quello c’è il nostro Urbano II in scarpette da corsa), uso la metafora soltanto per dirvi che, dietro ogni ruolo, c’è soprattutto un uomo e che, ogni tanto, vale la pena ascoltarlo.

Grazie di Cuore a tutti.

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche