Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
17 novembre 2014 1 17 /11 /novembre /2014 22:03
Ancora sul «caso» Di Cecco. Una lettrice stimola ulteriori considerazioni aggiuntive
Una lettrice di questo magazine ha scritto, esprimendo il suo pensiero sul "caso" Di Cecco - se così vogliamo chiamarlo -  che si è sviluppato a partire dalle esternazioni di Giorgio Calcaterra. Il suo intervento è interessante in quanto fa vedere chiaramente come la polemica in corso e il gran polverone che sta sollevando possano avere degli effetti distorcenti nella percezione che della questione possono avere persone - che per quanto competenti e colte - sono tuttavia al di fuori del campo specifico e non possiedono una conoscenza del quadro generale e dei meccanismi sottesi.
Pubblichiamo di seguito lo stimolante intervento di Tiziana Ciriminna, runner palermitana e di seguito alcune considerazioni aggiuntive e di chiarimento ulteriore.
(Tiziana Ciriminna) Premesso che, come ben sappiamo, l'atletica è considerata, rispetto ad altri più seguiti e danarosi sport, il parente povero del Calcio e del Ciclismo, e volendo  ingenuamente credere che, proprio perchè sport "povero", essa sia meno flagellata dalla piaga del doping, perchè sei così contrario al fatto che dalla IUTA provenga un segnale forte contro la presenza in nazionale di atleti  che, sebbene in un recente passato, abbiano giocato sporco?
Posso capire che un atleta che abbia fatto uso di doping  abbia diritto a una seconda possibilità o comunque a una "redenzione", ma sacrificare all'altare dei risultati l'integrità di tanti altri ultramaratoneti meno bravi che potrebbero essere convocati al posto di Di Cecco mi sembra un'ingiustizia peggiore.Se io fossi Calcaterra e venissi convocato a far parte di una squadra, che rappresenterà il mio paese, dove vengo accostato ad atleti "disonesti", anche io mi ribellerei!
O forse dovrei tacere e abbozzare in nome d'un affiatamento e una lealtà alla squadra tout court, che però nella realtà non esiste perchè tra colleghi non si condividono gli stessi valori?
Non credo che una squadra di ultramaratoneti capitanata da uno come Calcaterra non possa permettersi di ripensare una convocazione "sbagliata", a maggior ragione se il ripensamento è frutto di criteri di scelta più rigorosi.
Magari l'Italia  fosse più rigorosa in tutti gli altri campi! Non credo che ci renderemmo ridicoli, forse più credibili e seri!

(Maurizio Crispi) Ti ringrazio, Tiziana, per il tuo intervento che mi consente di chiarire alcuni punti. Innanzitutto, in ciò che tu dici vi è una piccola - ma grande, allo stesso tempo -inesattezza: infatti la IUTA - in quanto organizzazione riconosciuta dalla FIDAL con il compito di occuparsi del settore ultramaratone sia per quanto riguarda promozione, sviluppo ed organizzazione di Campionati italiani in specialità non riconosciute dalla FIDAL stessa, sia per tutto ciò che concerne il supporto tecnico agli atleti "di interesse nazionale" (per mezzo di raduni, convegni, consulenze nutrizionale ect) e per la loro selezione in vista delle convocazioni dei Campionati del Mondo 100 km, 24 h su strade e ultratrail - nell'approssimarsi del Campionato del Mondo - mesi addietro, ormai - ha regolarmente convocato Alberico Di Cecco, convocazione peraltro vidinata dalla FIDAL.
Quindi la IUTA non si dissocia dalla presenza di Di Cecco nel team azzurro, né sino a questo momento lo ha fatto, perchè il farlo implicherebbe sconfessare il suo stesso operato sulla base del "furore del gregge" animato dalle esternazioni violente di Giorgio Calcaterra.
Semmai si potrebbe dire che è stato Giorgio Calcaterra a "dissociarsi", tardivamente ed inopportumente.
Per quanto riguarda il caso sollevato da Calcaterra ho spiegato le cose più in dettaglio nel precedente articolo.
In ogni caso, i criteri di selezione sono abbastanza rigorosi e si basano su tre ordini di fattori:
  • le prestazioni conseguite nei due anni precedenti
  • la capacità di riconfermare nel periodo preso in esame le proprie prestazioni in ultramaratone
  • le qualità dell'atleta tra le quali la sua attitudine mentale nel portare a termine le gare di ultra cui partecipa
Ma - aggiungerei io - anche sulla capacità di essere nella squadra.
Criteri peraltro chiari e pubblici che si possono leggere in una speciale sezione nel sito della IUTA
In più per quanto concerne Di Cecco siamo di fronte ad un atleta che, mettendo da parte i trascorsi (positività al doping da lui sempre negata ed ascritta ad errori ed improprietà nella catena del trasporto del campione ematico), ha vinto importanti gare di gare di ultramaratona, ma non solo: poiché ha già partecipato ad un mondiale di Ultramaratona (a Seregno nel 2012), conquistando il bronzo mondiale nella gara individuale e l'Oro in quella a squadre e che si è laureato nel 2013 Campione Italiano FIDAL 100 km.
E in quella gara la sua prima in maglia azzurra ha mantenuto strenuamente un'impeccabile condotta di gara - malgrado un grave malessere gastro-intestinale che lo ha afflito nella seconda metà gara - e ciò per onorare al massimo la sua prima partecipazione ad un Mondiale 100 km e di non essere di detrimento alla squadra che grazie alsuo 3°posto sul podio  ha potuto conquistare l'Oro Mondiale.
In tutte queste gare erano previsti - secondo regolamento in applicazioni delle norme WADA - i controlli antidoping che hanno dato, nel suo caso, esito negativo.
Quindi, a mio avviso, la sua selezione ha rispettato i criteri ed è scaturita da una valutazione ineccepibile.
Se qualcuno aveva da dire qualcosa, lo avrenbbe dovuto fare quando - scontato il periodo di penalizzazione, egli ha preso a gareggiare nelle gare di ultramaratona oppure quando ha conquistato il titolo nazionale di Ultramaratona.
Come si dice nella formula che viene pronunciata nelmomento in cui ci si spos: "Chi ha dire qualcosa che osta, la dica ora o taccia per sempre!".
Calcaterra avrebbe avuto ragione a ribellarsi davanti alla convocazione di Di Cecco se fosse stata riscontrata una positività all'antidoping nel periodo preso in esame o se ci fossero stati in tal senso dei più che ragionevoli dubbi.
Mi sembra che, sostanzialmente, i modi con cui Calcaterra ha proceduto siano stati scorretti e e che egli abbia fatto le sue esternazioni in un momento del tutto inopportuno, con una tempistica assolutamente infelice.
Le altre squadre nazionali - da quello che ho potuto vedere in occasione di tutti Mondiali 100 km e 24 ore che ho avuto modo di seguire e da ciò vedo nella stampa specializzata - sono molto più coese e da parte di un rappresentante di un team nazionale non si sono mai verificate prese di posizione pubbliche così eclatanti che getterebbero solo discredito sull'intera squadra e sulla sua dirigenza.
Insomma, con i nostri modi, coni nostri livori, con le aggressività fuori luogo e con il nostro amore per la polemica fine a se stessa, dimostriamo sempre di far parte di un'Italietta sconvolta dai risentimenti e dalle invidie personali, a dimostrazione del teorema per il quale invertendo l'ordine dei fattori il risultato non cambia.
Nell'articolo precedente (Freewheeling Calcaterra alla vigilia del Mondiale 100 km. Una riflessione sulla forma e sui contenuti delle esternazioni di Re Giorgio) mi sonosoffermato in termini di critica sia sugli aspetti formali sia su quelli di contenuto delle esternazioni di Calcaterra, in cui poi - agli occhi degli altri - tutto si riduce all'attacco di un Campione Italiano 100 km (più volte medagliato) contro un altro, in una gara a cui peraltro lui non ha mai partecipato.
Perchè ad esempio - c'è da chiedersi - Giorgio Calcaterra, con le sue proverbiali capacità di recupero non ha mai partecipato ad altre 100 km in territorio nazionale?
O vogliamo parlare del fatto che, in maniera contraria a quanto recita il regolamento, alla 100 km del Passatore Giorgio Calcaterra gode sempre del privilegio di avere l'assistenza personalizzata in gara da parte della fidanzata che lo precede su di una scooterone e che gli fornisce, all'occorenza, (si spera in area ristri, tutto ciò di cui ha bisogno, nonchè il conforto morale della sua presenza, come un Angelo cusotode?
Insomma, personalmente, sono abbastanza disgustato dall'intera vicenda che getta una luce di discredito sul mondo delle ultramaratone nostrano che, in generale, si ritiene puro e non contaminato dalle più volgari bagarre che animano in il mondo delle competizioni agonistiche e, in particolare, quello delle corse su strade su distanze piùbrevi (sino a alla maratona).
Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche