Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
11 febbraio 2012 6 11 /02 /febbraio /2012 09:30

francesca-marin.jpgSu podisti.net è stata pubblicata un'intervista a Francesca Marin, 35enne atleta di Suno (ma trapiantata a Varese), runner di punta della compagine ASD Runners Bergamo e convocata - come è stato ufficialmente reso noto il 5 gennaio scorso - a far parte della Nazionale azzurra che rappresenterà l'Italia ai prossimi Campionati del Mondo 100 km su strada che avranno luogo a Seregno, il prossimo 22 aprile.

Ecco di seguito il testo dell'intervista.

 

Come ti sei avvicinata alle corse?

FM - Ho iniziato a correre intorno ai 13 anni per la GAO di Oleggio. In seguito mi sono dedicata per un po’ ad altri sport per riavvicinarmi alla corsa solo nel 2002 quando, per sfida e per gioco, ho deciso di preparare con mio fratello la maratona di New York. Quell'anno non riuscii purtroppo a correrla, ma aspettandolo a Central Park e vivendo l'emozione di quell'evento, ho promesso a me stessa che non sarei più stata tra gli spettatori: e cosi è stato.

 

Quali sono stati i primi successi e con quali squadre?

FM - Tra i traguardi che porto nel cuore c'è sicuramente la vittoria della Rimini-San Marino nel 2007: ricorderò sempre il calore e la vicinanza della squadra per cui correvo in quell'occasione, l'ASD Circuito Running di Cressa... Lo stesso anno arrivò quella che considero la prima grande soddisfazione regalatami da questa passione, la vittoria (assolutamente inaspettata) della maratona di Ravenna. Nei mesi precedenti avevo dedicato allenamenti e riposto aspettative nella maratona di Berlino, la mia prima maratona sotto le 3h, e mi sono presentata a Ravenna il mese successivo con la serenità e il puro desiderio di correre senza pretese di chi ha già avuto una grande soddisfazione. E’ stato sicuramente questo stato d'animo a permettermi di migliorare persino il mio tempo di Berlino.

 

Tra i primi successi sulle lunghe distanze la “50 km di Romagna”: come è andata?

FM - Avevo già corso una 50 km nel 2008 a Sanremo, vincendola, ma la 50 di Romagna dell'anno scorso è stata sicuramente meno improvvisata ed emotivamente più coinvolgente. Avevo da poco concluso la mia prima 100 km e ancora dovevo metabolizzare il vissuto, le emozioni e le novità che quell'esperienza mi stava regalando. Sono cosi partita alla 50 di Romagna con il sorriso negli occhi e una cara amica a condividerla al mio fianco: mi sono divertita correndola e, quando mi diverto, le cose mi vengono meglio...

 

Poi arriva il successo della “100km della Brianza” a Seregno. Come è nata la passione per le 100km?

FM - L'idea di correre una 100 km risale alla prima 50 ed era dettata dal desiderio di mettermi alla prova su distanze nuove (per il corpo e per la testa). Però un fastidioso infortunio mi aveva costretta a rimandare questa sfida. Quest'anno, in un momento di particolare grazia per la forma fisica, ho pensato che potesse essere l’occasione giusta per provarci; l'entusiasmo e il supporto della mia famiglia, oltre ad una buona dose di testardaggine, hanno fatto il resto.

 

Alla tua prima esperienza ottiene un 8.13.01, risultando essere la 7^ donna di sempre in Italia: come si è svolta la competizione?

FM - A Seregno sono partita, come sempre, troppo veloce per la mia preparazione (non lo imparerò mai...), ma quello era il giorno che avevo tanto aspettato e le gambe non le fermava nessuno...almeno per i primi 50k... Nella seconda parte della gara ho iniziato a soffrire il caldo e la lunga distanza, ho dovuto rallentare dopo qualche chilometro corso a fianco di Monica Casiraghi, che in quel momento era prima. L'inesperienza non ha sicuramente aiutato, ma da quel giorno è nata una bella amicizia.

 

Adesso la convocazione per i mondiali della 100 km. Quali sono le aspettative?

FM - Il risultato di Seregno mi ha regalato la convocazione ai mondiali dello scorso settembre, in Olanda, ma purtroppo, nonostante una preparazione più attenta, quel giorno qualcosa non ha funzionato e mi sono dovuta fermare al sessantesimo chilometro. Ora si avvicina un'altra possibilità e con la stessa voglia di correre mi sto preparando a quest'avventura, consapevole, questa volta, che in 100km tutto può succedere!

 

Hai della avversarie da battere?

FM - Di avversarie ce ne sono e ce ne saranno sempre, ma la vera gara è con me stessa.

 

Corse così lunghe non si improvvisano: a quali allenamenti ti sottoponi per avere tali risultati? L’alimentazione è particolare?

FM - I miei allenamenti sono sempre stati dettati dalle sensazioni che ho nel momento in cui metto le scarpe. Quest'anno, grazie ai consigli di un ottimo atleta e compagno di squadra, ho potuto allenarmi in modo più preciso e mirato, alternando uscite lunghe ad altre di velocità. Ho sempre amato i lunghi allenamenti in cui ci si dimentica dell'ora, non soffro quindi la quantità di chilometri. Quello che però ho imparato è che la velocità è fondamentale anche per preparare una 100 km. La convocazione in squadra mi ha permesso di riconsiderare anche l'aspetto nutrizionale, che diventa fondamentale su queste distanze. Ho sempre avuto un'alimentazione piuttosto varia, ma ho scoperto che un aumento delle porzioni, soprattutto proteiche, garantisce un miglior recupero.

 

Come risponde il fisico a fatiche di questo genere?

FM - Il fisico risponde nel più intelligente dei modi: fermandoti quando la testa non ne vuole sapere. Gli infortuni fanno parte del gioco per qualsiasi sportivo, ma a volte forse possono essere evitati se ci si ascolta un po' di più.

 

Correre per tante ore è impegnativo sicuramente anche a livello mentale: cosa passa per la testa?

FM - Ciò che più mi piace della corsa è che in quel momento non sono solo le gambe a muoversi, ma anche la mente a vagare sui più disparati pensieri, senza apparenti connessioni. Mentre mi alleno mi accorgo spesso di riuscire a riflettere e riconsiderare i problemi da un punto di vista diverso, più oggettivo, forse più leggero e spesso nel tornare a casa avverto che anche la testa, oltre che al fisico, ha avuto un attimo di pura libertà.

 

Sei anche fisioterapista: diretta conseguenza della tua passione per la corsa?

FM - Sicuramente uno dei motivi che mi hanno spinta a studiare fisioterapia è stato il desiderio di restare a contatto del mondo dello sport, mi affascinano e al tempo stesso incuriosiscono sempre le motivazioni alla base di una scelta sportiva.

 

Perché corri?

FM - Corro per le emozioni che la corsa mi sa dare e perché continuo sempre a divertirmi nel farlo.

 

Grazie e a presto, Francesca!

 

Nella foto: l'abbraccio di felicità e solidarietà tra Ilaria Fossati (di spalle) e Francesca Marin, entrambe nel 2011 ASD Runners Bergamo, rispettivamente 2 e 3^ classificate nella 100 km di Seregno 2011.

 

Condividi post
Repost0

commenti

Ilaria 02/12/2012 17:28

che emozione rivedere qs foto!! grazie Maurizio....

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche