Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
12 maggio 2011 4 12 /05 /maggio /2011 06:23

000003.jpgProsegue l'impresa di Battista Marchesi, l "Runners Bergamo che non si ferma mai". Ha già superato la boa dei 1500 km e continua metodico nella sua corsa, applicando a se stesso una ferrea disciplina, mettendosi in moto alle 4.00 del mattino dopo una frugale colazione. Ogni giorno, dopo il rodaggio iniziale, Battista si è attestato su di una media di 75 chilometri percorsi.

"Tista" si muove su di un circuito di alcuni chilometri, tuttavia grazie alle visualizzazioni sulla mappa stradale, lo si può già vedere giunto da Lovere sino a Cosenza.

Di seguito il nuovo racconto di Vitaliano Grassi che, per almeno un giorno alla settimana, lo segue con dedizione amicale nella sua corsa.

Questo è il resoconto del 10 maggio

Niente ferie per Tista, il Runner Bergamo che non si ferma mai. il rodaggio ormai è terminato,la messa a punto del motore è eccellente, il controllo della “pressione” è normale, questi i presupposti che convincono il pilota a proseguire deciso, verso quella meta ancora lontana  che vede solo nella sua fantasia.

“Mille e cento  km sono stati tolti dal mio zaino, ora me lo sento più leggero” - puntualizza il nostro Tista, aggiungendo - Sono arrivato finalmente a Cosenza da Lovere, è un piccolo risultato, ma ritengo necessario utilizzare questi riferimenti per non trovarmi come un naufrago in mezzo al mare.”

Una giornata come  tante...   Una giornata densa di avvenimenti , dagli incontri curiosi, agli amici desiderosi  di fare gli accompagnatori  anche per pochi chilometri. Dalla fredda mattina al caldo pomeridiano, anche oggi la nostra corona del rosario è stata utilizzata quasi due volte , perché sono stati sgranati…  -76 km- . Non sono mancati  momenti difficili, tuttavia questi ormai non vengono  più considerati come tali, perché rientrano come fattori normali nel nostro calendario giornaliero.

La colazione.  Una scodella di latte e cereali, sono il primo pensiero e il giusto carburante per iniziare la giornata, dichiara il nostro atleta leggermente assonnato, (e chi non lo sarebbe a quest’ora). Solo per la colazione si concede una “seduta” poiché durante la giornata, i frequenti spuntini saranno consumati sempre in piedi. Nel suo “ristorante” le sedie sono state eliminate. Lui ha le sue regole ormai consolidate e sperimentate, quindi non si cura di quello che “...gli altri dicono...” Se qualcuno dice  che il latte non va prima della corsa, lui risponde che non potrebbe farne a meno, al suo “pastolotto” non vuole rinunciare.

Non è  più una novità l’orario della partenza (anche se presto ci saranno delle variazioni). Un’altra novità invece è giunta  per la prima volta a tre minuti dal via; arriva un messaggio: fermi tutti, chi sarà mai? Tranquilli, non è successo niente, è quel settantacinquenne di Chiari che svegliatosi apposta, vuole essere idealmente con i partenti per dimostrare che lui è uno dei tanti che ha puntato la sveglia per “essere vicino”.

Il tempo di crogiolarsi per il gradito incitamento e, senza perdere altro tempo, Io e Vincenzo scortiamo il prode Tista che non ha bisogno di essere stimolato; è già in fondo alla strada, dobbiamo rincorrerlo per non perderlo di vista. Se ti fermi per qualsiasi ragione, lui non aspetta, non può aspettare i comodi degli altri, ha altro a cui pensare. Anche se non si porta la torcia elettrica, per lui non è un problema, dice che il buio preferisce penetrarlo solo con gli occhi.

L’attesa. A Ponte Barcotto ci attende un giovane coraggioso, Cristiano Mariolini di Boario, nonostante debba recarsi al lavoro in mattinata, non rinuncia alla nostra compagnia, almeno sino  al Archeopark di Boario.

Dopo aver abbandonato  il fiume  con le sue acque addormentate, verso le 6,30 in località Montecchio, ci saluta dal suo balcone il “sior Mario” che tutte le mattine è lì ad aspettare… Stamane però Tista lo vuole  ringraziare per la sua costanza e lo chiama: ”...scendi, vieni, corri,  voglio stringerti  la mano, anche solo un attimo". Non se lo fa ripetere, lo sa che sono disponibili solo pochi secondi, il tempo di fare una fotografia  e via. Vuole però approfittare per raccontare a Tista che è rimasto solo, che lei ,se ne è andata cinque anni fa. Si stringono forte la mano, non si ha il tempo di dirgli:coraggio! La stretta di mano è sufficiente per capirsi al volo.

Si è precipitato sul suo balcone, continua a salutare, domani sarà sempre lì ad aspettare,quella stretta di mano che per un attimo è servita a mitigare la sua tristezza … non la potrà dimenticare.

Marchesi, è convinto che senza il supporto di certe emozioni, non arriverebbe da nessuna parte, di questi momenti lui ne fa tesoro e se li conserva come cimeli. Si arrabbia quando saluta chi incontra e non riceve risposta. Questa è l’unica sua energia che non vuole risparmiare.

Trascorrono ancora venti minuti,, Vincenzo e Cristiano ci lasciano,  il lavoro li chiama e loro devono obbedire.      

Intanto il suo amore per gli animale è una costante che non nasconde, è un modo come un altro per distrarmi, ammette lui convinto , “...sono tante le ore che devo trascorrere nei boschi, e quindi è normale che cerchi  qualsiasi appiglio". Che pensi un domani di ritirarsi in qualche  fattoria quando avrà appeso le scarpe al chiodo? Questo lo pensiamo noi, lui non  ne vuole nemmeno parlare.

 Tista: dalle loro espressioni si comprende che sembrano incuriositi dalla vicinanza di questo signore.

Confidenze curiose Rimaniamo soli, ci siamo abituati,ne  approfitto per porgergli alcune domande.

"Giovanotto - gli dico in tono scherzoso -  Ieri sera hai per caso visto Star Trek, il film di fantascienza trasmesso tempo fa”?

“No, - mi risponde con tono serioso - quei film non mi piacciono affatto".

“Ho visto le tue orecchie coperte dai cerotti, ecco perché l’ho pensato, mi sembri un “umano del futuro”.

“Guarda che i cerotti li mettono anche ai cani per ragioni estetiche quando gli tagliano le orecchie e, nessuno si meraviglia.”

“Certo, ma tu non sei un cane.”

“Allora se non sono un “umano del futuro” e nemmeno un cane, sono solo un uomo quasi normale che si appiccica i cerotti per non scottarsi le proprie orecchie.”

Tutto questo però non basta, si dimentica di dire come mai indossa quel berretto come fanno gli “sfigati”. E’ buffo vederlo, con la visiera spostata per ombreggiare sempre quelle “orecchie” che alla vista del sole … arrossiscono per la vergogna.

Intanto si arriva in piazza a Cividate Camuno e, si decide di entrare in un bar. Non si chiede la birra ma solo un caffè. La barista si volta e, senza sapere di suscitare la nostra ilarità chiede:”Un caffè normale”?

Ci guardiamo in faccia e, a stento, tratteniamo una risata, forse ha capito che… normali non siamo. Lasciamo l’obolo e ce ne andiamo alla svelta, non possiamo certo dare spiegazioni.

Ci avviciniamo all’ora di pranzo, ma per noi quando la campana suona mezzogiorno è come se fosse mezzanotte. Iniziano i primi arrivi, amici che ci faranno compagnia.

Raffaele Bianchi di Costa Volpino ci vuole scortare per alcuni km e ci racconta: l’altro giorno ho seguito il Tista correndo con lui per alcune ore, è stata durissima,oggi ho creduto bene di venire in bici … va meglio; sono stato comunque contento di stare al suo fianco  per una esperienza davvero incredibile.

Arriva anche  Angelo, ormai diventato un veterano con la Moglie Vittoria.

Ci aspettano pure  incuranti del vento che mitiga la forte calura, un gruppetto di pensionati di Gratacasolo, che seduti a ridosso degli alberi non si accontentano di salutarci ,vogliono essere immortalati, e per Tista è un attimo di sollievo; non è un robot, un attimo di frescura con quei simpatici vecchietti non può che dargli la carica, inoltre … per lui questi momenti sono la vera linfa di cui non vuole farne a meno.

 Non si è dimenticato neppure  il Facchinetti  di venirci incontro,quasi tutti i giorni non vuole mancare a questo appuntamento con l’amico di vecchia data.

Sono quasi le 15, accompagnati dal sole arriviamo a destinazione, ad aspettarci con la sua bici ci attende Ivan, che appena ci scorge, dalla sua espressione pare  abbia visto  due extraterrestri ed esclama sorridendo: “ho percorso solo alcuni chilometri,il sole era troppo forte e non volevo ridurmi come voi  … abbrustoliti.

Fine La giornata, una come tante, è terminata.  Ha lasciato in mezzo ai boschi solo due unghie dei suoi alluci; “ricresceranno,” sorride velatamente  Marchesi; un piccolo prezzo da pagare che non pregiudicherà la prossima uscita, conferma Stefano Punzo, uno dei suoi massaggiatori.

Curiosità Tista aveva promesso la descrizione delle  sue calze e delle scarpe; si riserva  invece  di  collaudarle ancora, per comunicare dati più precisi, anche se da subito ha avuto degli ottimi riscontri.

INVITO. Naturalmente sono invitati  tutti coloro che vogliono accompagnare Tista anche per pochi km, bambini  e nonni compresi. L’invito è esteso  naturalmente anche  agli scettici come  il Mauri, che nei commenti nella sezione Ultramaratone di www.podisti.net  ha lamentato delle legittime perplessità sulle prestazioni di  Battista Marchesi. E’ invitato naturalmente,  pur rispettando il suo punto di vista, a venire con noi una mattina, dalle ore 4  e per  tutto il percorso dei 75 km. Potrà alla fine  redigere una valutazione obiettiva, dopo aver  collaudato l’ esperienza in prima persona,  che sarà sicuramente diversa da come ha potuto interpretare leggendo dagli organi di stampa.

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche