Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
9 aprile 2014 3 09 /04 /aprile /2014 07:16

Bici e mobilità sostenibile. In Italia i circuiti virtuosi stentano a decollare

 

Ci si chiede perché in Italia l'uso della bici non soltanto come mezzo e strumento della pratica sportiva, ma anche - e soprattutto - come mezzo di trasporto sostenibile stenti a decollare. 
Tant'è che persino coloro che usano la bici come mezzo sportivo, quando finiscono di allenarsi, posano la bici e vanno al lavoro con l'auto.

Si imputa ciò alla cattiva educazione dei cittadini, alla loro sedentarietà e tutta una serie di altri fattori in cui entra in gioco una presunta "colpa" del cittadino stesso, poco incline a modificare le sue "cattive" abitudini.
Non si analizza piuttosto il fatto che spesso l'invito rivolto ai cittadini a fare uso della bici, è monco di un elemento fondamentale che farebbe da volano propulsore e cioè le infrastrutture: piste ciclabili, servizi dedicati ai ciclisti e facilitazioni varie (come ad esempio box e gabbiotti o semplici ancoraggi per potere bloccare in sicurezza le proprie bici una volta che si giunge al posto di lavoro). 
In UK - e specialmente a Londra, dove moltissimi entrano nella City per recarsi al lavoro con la bici - in tutto questo viene sistematicamente messa in atto una politica attiva per promuovere la mobilità sostenibile con la bici.
Con misure come: piste ciclabili a due corsie, servizi di assistenza gratuito per la messa a punto delle proprie bici, con piccole officine mobili itineranti, servizio di contrassegno della propria bici con un numero di matricola impresso sul telaio in modo da renderla più facilmente identificabile in caso di furto (servizio questo gestito dallaPolizia Municipale).
Ma questa ancora mi mancava.
Lungo i percorsi più frequentati, come è nel caso della Bycicle Super-Highway che conduce direttamente dalla City a Canary Wharf, passando per Cable Street, sono disposte (fisse a terra, in luoghi comodi) delle apposite pompe a stantuffo per gonfiare le ruote del proprio velocipede (e con tanto di manometro).
Ogni volta che vedo una cosa di questo tipo, mi stupisco e mi rammarico.
In Italia, siamo ad anni luce.
A volte ho la sensazione che, mentre sono qui a Londra, sto visitando un altro pianeta, in un'altra galassia: eppure dall'Italia ci separano alcune centinaia di chilometri soltanto.

Bici e mobilità sostenibile. In Italia i circuiti virtuosi stentano a decollareProbabilmente, un simile dispositivo in molte zone non resisterebbe a lungo: verrebbe presto asportato fraudolentemente.
Come accadde a Palermo, quando due anni fa all'insegna del risparmio energetico venne creato un grande Albero di Natale le cui luci si azionavano pedalando in speciali bici collegate ad una dinamo, disposte in fila ai suoi piedi (bici di misure diverse, sicchè anche bambini e ragazzini potessero partecipare all'avvenimento).
Una bella iniziativa: le bici con la funzione di generatori di corrente elettrica (una misura "povera" da sempre praticata nei paesi del mondo indietro con lo sviluppo, ma di cui abbiamo una fresca memoria negli anni della II Guerra Mondiale, in tempo di restrizioni), poi, mettevano allegria, tutte vivacemente colorate.
Chi voleva vedere illuminato l'Albero, si metteva a pedalare su una di quelle bici (di misure diverse, sicché anche i bambini potevano fare quest'esperienza) e quanto più energicamente lo faceva, tanto più brillavano le luci. E assieme ai propri compagni di pedalata si potevano lanciare grida di meraviglia, quando si levava lo sguardo verso l'alto.
Ebbene, quelle bici, inutilizzabili come mezzo di locomozione perché prive di ruote, dopo alcuni giorni vennero rubate.
Un caso estremo? Forse.
Ma l'Italia è anche questo: mancanza di cultura, mancanza di rispetto, assenza di senso civico, furbetteria diffusa. 
Mentre noi ci dibattiamo in questo mare di difetti che oscurano le nostre virtù (che ci sono), i cittadini britannici che vanno in bici hanno a disposizione anche la "pompa pubblica" per gonfiare le ruote delle proprie biciclette.
A noi manca l'essenziale, loro hanno anche il superfluo.

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche