Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
12 agosto 2011 5 12 /08 /agosto /2011 08:45

Francois-Pierdet.jpgFrançois Pierdet ha partecipato alla Brixen Marathon (2^ ed.) lo scorso 2 luglio, concludendo la distanza, con i suoi 2340 metri di dislivello in 5h19'51. Eco il suo racconto.

(François Pierdet) A parte la distanza classica della maratona (anche se il mio garmin mi segna 42,5km…) questa gara è del tutto particolare e, credo, unica nel suo genere: mix di terreno (strada asfaltata, strada bianca, erba, sentieri alpini, sassi,…), quasi interamente in salita, ma anche con qualche discesa (anche se queste non me le ricordo…) visto che il dislivello totale è di 2340 m, con partenza da un'altitudine di 560m per arrivare a Plose a 2445m. Ottima logistica: 19 ristori, chilometraggio segnato anche ogni 500 metri alla fine del percorso, partenza in città (Bressanone) e arrivo in mezzo al niente (Rifugio Plose), possibilità di correre in staffetta….

Alle 7.10 arrivo sulla Piazza del Duomo a Bressanone (dopo 1 ora di pullman da Brunico dove ho trascorso in un vecchio castello la serata dell’anniversario di matrimonio con mia moglie, uno stinco e varie bevande locali…): guardo la cima che dobbiamo raggiungere e gli atleti intorno a me mi chiedo, come spesso mi capita, cosa sto facendo qui…

Sono un pò preoccupato, ma per fortuna incontro un paio di amici romani.

Siamo circa 300 tra cui non più di una decina del “sud”: 5 romani, 3 bolognesi, …

Alle 7:30 si parte. I primi 4 km sono dentro la città e già c’è il pubblico che ci incoraggia: sul pettorale, ogni podista porta scritto il proprio nome e spesso sentirò “Forza François! Hop hop”… Vado tranquillo ma come al solito non riesco tanto ad andare piano e rapidamente si comincia a salire…

La giornata è bella e si sta bene… Cerco di ricordarmi di quanto letto sulla corsa in salita, cerco di respirare bene e mi accodo ad un gruppetto il cui ritmo mi sembra congruo.

Dopo 11,4 km (siamo a 1067m) c’è il primo riscontro chilometrico: 5’43 di media… Sto bene… Dopo 2 km circa, vedo arrivare uno con un passo velocissimo: mentre mi supera capisco che si tratta di uno della prima staffetta che è quindi appena partito….

Si continua a salire in mezzo al bosco e il “mio” gruppetto se ne va…. Al km 19,2 siamo a 1504 m e la media è salita 6’22… Per fortuna i 6 km successivi sono più o meno piatti e c’è un po’ di vento fresco… Intorno a noi le montagne sono bellissime.. Spesso mi ritrovo solo e mi godo il rumore silenzioso della montagna…

Intorno al km25 si ricomincia a salire sul serio dentro un bosco: in meno di 4km saliamo di circa 350m… Sono in crisi: la mancanza di allenamento in salita (le mie ripetute a Viale Giotto mi sembrano ridicole…) si fa sentire… Inoltre il bosco è fitto e ho freddissimo alle mani e braccia... Mi rendo conto di aver forse sottovalutato questo aspetto ed infatti vedo alcuni atleti/e con manicotti e/o guanti (ma forse è anche la stanchezza) che mi superanno mentre cammino …

Approfitto per parlare dei ristori: erano tanti, anche troppi forse direte, ma vi assicuro che lì per lì ero ben contento di trovarli! Ci si trovava acqua (prelevata anche lì per lì dal torrente) e/o the e/o sali minerali e/o coca-cola e/o cibo (banane/biscotti) e/o gel (addirittura già aperti e pronti all'uso qualche metro prima dei liquidi!!!)… Qualche metro dopo c’erano sempre dei contenitori per buttare il bicchiere e ancora una persona (almeno) che raccoglieva quelli buttati a terra (purtroppo c’è sempre qualcuno che non vuole perdere quei 3 secondi necessari a centrare il contenitore)…

Ritorniamo alla gara…

Intorno al km 31 si esce dal bosco e sotto il sole mi riprendo e corro: la crisi è passata! Guardo l’orologio ma so già che non è il caso di fare previsione sul tempo finale…

Siamo al km 33,7 e a 2048 m di altitudine: la media continua a salire (anche lei!!): 7’07.. Siamo alla base della funivia e c’è tanta gente che ci incita: fa bene al morale e quindi alle gambe! I 5 km successivi sono bellissimi: un single track in costa con splendida vegetazione e vista. Sto bene e corro come si deve…

Al 39° km c’è l’ultimo rifugio e la sorpresa del percorso: 300 m di dislivello in 1 km… Prima di ripartire chiedo ai volontari un po’ di incoraggiamenti che mi vengono fatti in un mix di italiano, tedesco, ladino e francese! Tutti i volontari sul percorso sono stati simpaticissimi. Naturalmente non si corre anche perché non c’è un vero e proprio sentiero (per chi conosce assomiglia un po’ alla salita del Terminillo)… E’ dura ma sto bene e riesco anche a superare qualcuno (!)… Si sale si sale (ogni tanto ci si arrampica) in zig-zag e c’è quindi anche la possibilità di approfittare della vista meravigliosa…

Un bicchiere di acqua (ringrazio il volontario che è salito fino a qui con le bottiglie!) e alzo la testa: altri 100 m in 1,5 km per raggiungere la vetta del percorso a 2486m!… Però si riesce di nuovo a correre… un po’… Sulla cima due tirolesi in abito tipico ci accolgono e incoraggiano suonando la fisarmonica!

Da lì si vede il gonfiabile ad arco dell'arrivo e corro gli ultimi 600 m (piatti e leggermente in discesa) con un sentimento di vittoria! Ecco sono arrivato: mi siedo incredulo con le gambe stanche e doloranti per l’ultimo sforzo: ho fatto quasi uno sprint ma contro nessun avversario solo contro e per me… Una volontaria vedendomi provato mi porta due bicchieri spiegandomi che non sapeva se volevo qualcosa di freddo o di caldo.

Ho chiuso in 5h19’51 (media di 7’34) questa gara pazzesca.

Mi mangio un bel piatto di pasta sulla terrazza del rifugio ammirando le Dolomiti che ci circondano a 360 gradi e chiamo la famiglia per rassicurare tutti!

Ritiro la medaglia e la maglietta di “finisher” che ancora dopo 4 giorni sta bella in vista sul tavolo in salotto… Scendiamo in pullman e in funivia scambiandoci impressioni e sentimenti (mi ritrovo seduto vicino a Stefano Sartori che non è tanto soddisfatto perché non è riuscito a stare sotto le 4 ore…).

Per la cronaca vi segnalo che il primo ha impiegato 3h35 e la prima donna 4h09…

Nota bene. Naturalmente non ho fatto le considerazioni sulla media durante la gara, ma dopo vedendo i riscontri sui tempi…

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche