Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
11 settembre 2011 7 11 /09 /settembre /2011 13:21

ByMaurizioCrispi_Campionato-del-mondo-100-km-2011-Winschoten-6634.JPGUnica luce luminosa della trasferta mondiale in occasione del Campionato del Mondo 100 km 2011 a Winschoten (NED), è stato il doppio Oro conquistato da Giorgio Calcaterra (campione del Mondo ed Europeo 2011).
Ma sappiamo che Giorgio Calcaterra non fa testo: ha la stoffa del grande Campione, del fuoriclasse, e non ha bisogno di essere inquadrato in un team per fare il suo dovere ed onorare la maglia azzurra che ha indosso.
E, nello stesso tempo, non si può pretendere di finire la gara come Calcaterra, che, apparentemente almeno, appare fresco e riposato e pronto ad essere intervistato stando in piedi con le proprie forze.
No! Bisogna essere preparati a soffrire sino in fondo, bisogna volerlo, sapendo che nelle ultime decine di chilometri c'è da  pagare un tributo di sudore, lacrime e sangue. Stando in zona arrivi, si impara molto, vedendo gli atleti dei team nazionali arrivare al traguardo: sono tutti visibilmente provati, non solo per aver corso la loro gara individuale, ma anche per aver cercato di dare qualcosa in più per fare salire con una manciata di minuti o di secondi aggiuntivi la propria squadra nella classifica per nazioni.
A nulla sono valse l'eroica abnegazione dei sopravvissuti alla falcidie del team (nella rosa dei sei, uomini in particolar modo) che avrebbero dovuto concorrere per la classifica a squadra mondiale ed europeo.
Via Antonio Armuzzi, via Francesco Caroni (che pure ha fatto un ottimo IAU World Trail a Connemara - o forse proprio per questo), via Marco Boffo, via Marco D'Innocenti, tutti vittime di infortuni e, forse, dell'umidità e dal caldo imprevisto (superate le prime ore di di gara si è registrata un'elevazione della temperatura sino a 26°).
Rimangono caparbi in gara - con la grande tempra dei campioni (un campione è nel profondo dell'animo uno che sa soffrire in nome d'un obiettivo importante da raggiungere e che a quello è proteso con tutta la sua volontà, anche se la strada da percorrere per conquistarlo esigerà un prezzo) - Silvio Bertone (che possiede una straordinaria capacità di sopportare le crisi), Michele Evangelisti al suo esordio in Nazionale, Ivan Cudin e Andrea Bernabei (duro e determinato, capace di sopportare fatica e sofferenza, pur di arrivare dritto in fondo al traguardo che lo aspetta: poche - forse nessuna - le gare importanti di lunga durata in cui abbia dato forfait).
Loro quattro hanno tenuto sino alla fine, ma troppo distanziati da Giorgio Calcaterra il loro risultato cronometrico non ha potuto contribuire alla costruzione di una bella posizione nella classifica a squadre: peraltro, andati i quattro menzionati sopra, solo il crono di Bernabei avrebbe potuto contribuire e, in ogni caso la squadra italiana, privata di tre risultati regolamentari è stata messa fuori dal computo.
C'è da chiedersi perchè si sia dovuto assistere ad una replica in peggio di quanto avevamo già avuto modo di vedere a Gibilterra. Qui, si è giocato un analogo copione: desolante e mortificante, rispetto al dispiego di risorse messe in campo perByMaurizioCrispi_Campionato-del-mondo-100-km-2011-Winschoten 7057 generare un buon risultato in cui conta non solo quello individuale, ma anche quello collettivo.
La montagna questa volta ha partorito un topolino, mentre ancora a Gibilterra c'eravamo salvati per il rotto della cuffia.
C'è molto da riflettere su questo andamento: non si può liquidare il fatto, dicendo semplicemente (e sbrigativamente) è stata "sfortuna". In questi casi la sfortuna non esiste, salvo che in circostanze eccezionale e soprattutto non esiste se la sfiga diventa la norma nel plasmare il risultato finale. E nemmeno si possono invocare le condizioni atmosferiche come responsabili del fallimento: è la tempra del runner che deve vincere e, per vincere, deve sopportare...

Ciò appare evidente se consideriamo che molti di quelli che hanno "ceduto" qui a Winschoten si erano tirati fuori anche a Gibilterra - o in precednenti occasioni, come a Torhout (BEL) nel 2009, quando Antonio Armuzzi che era stato considerato potenziale uomo dei record e al quale per questo era stata accordata fiducia sulla parola, visto che non aveva mai completato una 100 km prima di quel mondiale si è clamorosamente ritirato dopo pochi chilometri.
Se un ritiro non dovrebbe destare preoccupazioni, il loro ripetersi (con il coninvolgimento degli stessi attori, per di più), invece sì, dovrebbe preoccupare eccome.
Come se si assistesse al rafforzarsi di cattive e deleterie abitudini (ciò che si verifica nel caso dei giocatori di calcio che troppo pagati e troppo idolatrati, poi - quando arrivano gli appuntamenti importanti  - giocano male e in modo inconcludente).
La ricetta per contrastare un simile trend che lascia presagire un decadimento, più che l'attivarsi di circuiti virtuosi di rafforzamento e di crescita?

Difficile dirsi quale possa essere. Certo è che quanto più un sistema si basa sulla discrezionalità dei selezionatori (considerata erroneamente espressione di capacità di giudizio, di discernimento, nonchè frutto dell'esperienza), tanto più risulterà fallace. Se la va, allora va tutto bene: ma è e rimane pur sempre un azzardo.
ByMaurizioCrispi_Campionato-del-mondo-100-km-2011-Winschoten 6738Probabilmente, bisognerebbe ritornare (o prendere ad applicare) una metodologia che altre nazioni - forse più accorte - già praticano da tempo cioè quella dei trial (nelle varie specialità: 24 ore, 100 km, 50 km), con uno o due eventi deputati alle selezioni ufficiali. Gli atleti selezionati devono essere quelli che partecipano ai trial e che, in essi, realizzano dei tempi minimi. Poi solo se è necessario si potrà implementare la squadra con atleti che hanno indossato precedentemente la maglia azzurra, con elevati coefficienti di affidabilità.

In ogni caso, con questo sistema si abolirebbe la discrezionalità delle scelte che, se non opportunmente regolata, rischia di trasformarsi in arbitrio, perchè sarebbero i numeri a parlare e a guidare la scelta: e, inoltre, questo tipo di selezione, impegnerebbe gli atleti a mostrare al massimo la propria tempra senza edulcorazioni e senza aver la tentazione di indulgere in inopportuni "ozi di Capua", visto che allo stato attuale tra i criteri di selezione c'è quello dell'aver completato con un tempo "interessate" una 100 km o una 24 ore (per gli atleti da selezionare in questa specialità) negli ultimi 18 mesi, oltre alla valutazione della capacità dell'atleta di riconfermare il proprio risultato (criterio quest'ultimo non sempre soddisfatto al 100%: vedasi il caso di Antonio Armuzzi, selezionato a far parte della delegazione italiana nel 2009, ma senza aver mai completato prima una 100 km, solo "sulla fiducia".
Un sistema dei trial, avrebbe il vantaggio di consentire a tutti quelli che ambiscono rappresentare l'Italia nei campionati del Mondo di cimentarsi, avendo lo stimolo a far bene. E ciò significherebbe implementare il pool di atleti tra i quali effettuare la scelta, mentre adesso di volti nuovi (e soprattutto di forze nuove) se ne vedono davvero pochini.
A riprova di ciò, si può aggiungere che secondo italiano classificato (e 16° assoluto, con il crono 7h09'39) è stato Daniele Palladino che è venuto a Winschoten fuori delegazione per partecipare al Campionato Mondiale Master 100 km e che ci ha regalato la soddisfazione di una medaglia di bronzo sul podio mondiale per la categoria Master M40.
Bravissimi sono stati Ivan Cudin (un vero campione) che, però, ha delle andature più lente per potere essere davvero competitivo in una 100 km mondiale e Michele Evangelisti nel suo esordio in un Campionato del Mondo, entrambi - fuori dal team dei sei, hanno onorato la maglia che portavano, per non parlare di Silvio Bertone che, pur Capitano delle delegazione maschile, è stato escluso dalla rosa dei 6 atleti scelti a far parte della squadra, perchè non aveva i tempi, o del già citato Andrea Bernabei, uno che non molla mai (e questa volta ha sofferto parecchio per i crampi, ma senza cedere).
Ecco, ciò che è necessario è attuare una strategia di maggiore modestia e prudenzialità nelle scelte, evitando la hubrys di puntate azzardose.
Dispiace sentir dire da Michele Evangelisti poco dopo il suo onesto (perchè sofferto sino all'ultimo, avendo rinunciato al sogno di fare il suo tempo) arrivo al traguardo in 7h55': "Non toccava a me di essere scelto a far parte della delegazione nazionale. Avrebbero dovuto convocare al posto mio Daniele Palladino. E dirò di più: avrebbero dovuto inserirlo nella squadra dei sei uomini. Avrebbe avuto un senso".
Le donne, invece, si sono comportate con grinta e determinazione, come sempre del resto. Tre le ritirate: Francesca Marin (al suo esordio in nazionale, brilllante, ma piegata da un malessere), Cristina Zantedeschi e Noemy Gizzi, mentre le altre hanno portato avanti la loro gara con determinazione e coraggio, così come si era visto a Gibilterra: soltanto che senza il contributo decisivo della fuoriclasse Monica Carlin, assente per infortunio, il loro contributo non è servito a portare avanti la squadra italiana e magari a farla salire sul podio europeo, se non su quello mondiale.

 

Su questo tema, sarebbbe bello, se si attivasse un dibattito costruttivo: inviate i vostri contrinbuti alla mail maurcrispi@gmail.com e saranno pubblicati.

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche