Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
4 gennaio 2013 5 04 /01 /gennaio /2013 01:30
Ecotrail-della-Ficuzza 8284La catanese Elena Cifali ha concluso il suo anno podistico con due gare trail: l'Ecotrail della cava di croce santa a Rosolini (SR) e l'Ecotrail della Ficuzza (Palermo), rispettivamente il 9 e il 23 dicembre. Contrariamente alle sue abitudini ha tergiversato un po' prima di scrivere il resoconto della gara di Rosolini e, alla fine, invece di un due racconti ne ha confezionato uno solo per raccontare in un modo un tantino diverso le sue due ultime corse dell'anno.
Da qui il titolo "Due in uno. Tra Rosolini e Ficuzza" di un racconto che dice anche dell'amore per la corsa della nostra Elena.
(SuperElena Cifali) Lo confesso: mi sono innamorata.
Il mio è un amore vero, sincero, un amore con la A maiuscola. 
Ricordate ancora quando vi è successo la prima volta?
Si dice spesso che il primo amore non si scorda mai, neppure quando si è vecchi e smemorati.
Vi ricordate il cuore che batte forte forte e sembra voglia uscire dal petto? E la sensazione di avere delle farfalle nello stomaco? La testa che pensa solo ed esclusivamente all’amato, un solo pensiero dalla sera alla mattina, il volto intrappolato in un perenne sorriso?
Per il nostro primo amore abbiamo fatto ogni sorta di follia, con l’assoluta convinzione che quello che stavamo facendo fosse l’unica cosa giusta da fare, con la convinzione che il nostro amore meritasse ogni genere di sacrificio ed una dedizione assoluta.
Io sono una di quelle donne che si innamora di continuo: della vita, della natura, delle persone, degli animali e perfino, adesso, della corsa! 
E’ inutile negarlo, ne sono profondamente innamorata e per questo mio amore sono disposta a svegliarmi nel cuore della notte, a percorrere oltre 500 km in automobile, a correre 23 km tra fango e bosco, a subire il freddo ed il caldo. 
Sono ancora le 4.00 quando suona la mia sveglia in una fredda notte della pre-vigilia di Natale.
Ecotrail-della-Ficuzza 8270Mi alzo dal letto, faccio forzatamente colazione e mi preparo a raggiungere gli amici con i quali mi recherò nel Palermitano per partecipare ad una gara che si rivelerà tra le più belle ed entusiasmanti del Circuito Ecotrail. 
Arriviamo a destinazione dopo alcune ore, con un notevole ritardo, sul posto ci sono già tutti i nostri amici pronti per la partenza.
In molti chiacchierano, altri si scaldano, alcuni fanno l’ultima fila al bagno. L’aria di festa che si respira è meravigliosa.
Il via non tarda ad arrivare. Sono quasi 200 gli amici che si svincolano in un lungo serpentone. Tutti felici e sorridenti e adesso che siamo partiti nessuno batte più i denti a causa del freddo o i piedi a terra per scaldarsi; adesso ognuno di noi deve fare la sua gara, deve correre per 23 km cercando di non farsi male e di divertirsi il più possibile.
Inizio a correre a fianco dell’amico fraterno Carmelo Santoro.
Da subito capiamo che questa sarà la nostra gara. I primi chilometri scorrono veloci, siamo circondati da altri corridori e, finchè rimaniamo in gruppo, le possibilità di perdersi nel bosco sono sempre molto basse.
Le mie gambe ed il mio fiato per una volta vanno molto d’accordo: mi sento in ottima forma, procedo bene e sono felice. 
Ma la “bella vita” dura per poco, presto ci rendiamo conto che le piogge dei giorni precedenti hanno lasciato il segno, e che segno!
A dire il vero i segni più evidenti sono quelli dele scarpe da trail su fiumi di fango.
Ecotrail-della-Ficuzza 8274Lunghe scie ci fanno capire che chi è passato da qui prima di noi ha subito la stessa sorte: quella di scivolare a destra e a sinistra. 
Finiamo con le mani nel fango spesso impastato di letame e, una volta tanto, non abbiamo paura di sporcarle, come quando eravamo bambini ed impastavamo la terra per giocare a fare i grandi.
Mi sembra di essere su un tappeto volante, faccio un passo in avanti e torno indietro di due. Camminare agevolmente su questo fiume melmoso non è cosa semplice.
Sembra di calpestare del sapone liquido.
Iniziamo a ridere a crepapelle, quando a superarci è Davide Sabatino che urla di gioia e ride come un matto. Le sue risa sono contagiose. Come un bimbo sulla giostra che chiede ai genitori il permesso di fare un altro giro, anche lui, finita la discesa fangosa si ferma, si volta e mi dice: “Voglio farlo un’altra volta, starei tutto il giorno qui a fare e rifare questi 100 metri”.
Io, Carmelo e Davide procediamo insieme per alcuni chilometri, ci fermiamo a scattare alcune foto e ci mettiamo in posa appena dietro il teschio di vacca che troviamo poggiato sul terreno.
Continuiamo a ridere con l’assoluta consapevolezza che ciò che ci sta capitando, ciò che stiamo facendo sia un privilegio.
E già, per molti dei miei amici i sacrifici e le rinunce che faccio per correre sono impensabili.
In realtà io credo di essere una privilegiata: infatti ho il privilegio di essere in mezzo ad uno dei boschi più belli del Palermitano, in un dedalo di sentieri fangosi che mi divertono, sento l’odore del bosco, l’odore di terra bagnata (l’occasione mi fa ricordare di quella bellissima frase che dice che noi veniamo dalla terra ed alla terra torneremo). Ecotrail-della-Ficuzza 8310Ed allora amiamola questa nostra meravigliosa terra, smettiamo di mortificarla con ogni ignobile mezzo.
Questo è un miracolo, la vita stessa è il nostro miracolo e chi come me è capace di goderla oggi corre sfidando se stesso ancora una volta.
Ho saltato il primo ristoro, preferendo nutrirmi con ciò che ho portato con me, ma al secondo mi fermo a succhiare un generoso spicchio d’arancia ed addentare un biscotto secco che gradisco sempre.
Già che sono ferma ne approfitto per affondare il dito dentro la scarpa destra e tirare fuori un cumulo di fango e pietre che si è insinuato in profondità nonostante le ghette.
Riparto subito con Carmelo, ma stavolta Davide decide di rallentare la sua corsa.
Una ripida discesa suscita altra ilarità: ci ritroviamo in un sentiero stretto delimitato ai bordi da arbusti spinosi che strappano la pelle delle mie gambe facendola bruciare, successivamente un po' di sottobosco ci permette di alleggerire le scarpe che nel frattempo hanno fatto il carico di fango.
Siamo giunti velocemente al 17° km e ormai manca poco all’arrivo: inizio a fare il conto alla rovescia, il grosso è stato fatto e gli ultimi chilometri me li aspetto tutti in discesa.
Un lungo vialone di strada bianca ci permette di velocizzare il passo, ormai scambio solo poche parole, un piede avanti all’altro, lunghe falcate, il battere delle scarpe sulle pietre, il silenzio tutto intorno spezzato solo dal rombo dei motori di alcuni motociclisti. 
Manca davvero poco, quando - davanti a me - vedo Carmelo scivolare lungo un fianco, un sussulto, il cuore si ferma, per fortuna nulla di grave, si rialza e zompetta più allegro di prima.
La stanchezza si fa strada più velocemente dei chilometri trascorsi, abbiamo superato un bel gruppo di runner, sono contenta perché una circostanza del genere non mi capita molto spesso.
Manca solo l’ultimo chilometro: chiedo a Carmelo di infilare la mano nel mio zaino e tirare fuori il cappellino e la barba di Babbo Natale che ho portato per ricordare a me stessa che l’unico desiderio che avevo espresso si stava realizzando.
Li indossiamo (a Carmelo tocca la barba bianca, a me la berretta rossa) e siamo pronti per uscire dal bosco attraverso un cancelletto di legno, quasi a significare che da quel cancello si entra e si esce da una meravigliosa fiaba, una fiaba tutta natalizia che porta gioia e serenità nei cuori di chi la vive.
Purtroppo Carmelo viene afflitto dai crampi proprio negli ultimi 300 metri, mi urla di andare, di tagliare il traguardo, di arrivare. “Ma tu sei pazzo! Ho corso insieme a te 23 km e con te arriverò fino alla fine”.
Gli afferro la mano e lo trascino tra le urla di dolore su per gli ultimi gradini che portano dritti dritti all’arrivo.
La sua smorfia si mischia alla mia gioia, alla mia felicità, tagliamo il traguardo mano nella mano e siamo fieri l’uno dell’altra.
Anche oggi ho visto cose che voi podisti di strada non immaginereste neppure, anche oggi sono ridiventata bambina, anche oggi ho goduto del mio amore, tornate ad amare ciò che fate e scoprirete il piacere del primo amore.
Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche