Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
16 giugno 2014 1 16 /06 /giugno /2014 06:25

Correre è una filosofia. Gaia De Pascale nel suo libro sulla corsa cerca di trovare risposte alla domanda Perchè si corre?(Maurizio Crispi) Guardando alla sempre più ricca biblioteca dei libri di saggistica, diaristica e di memorie sulla corsa, volendo affrontare un proprio personale percorso di lettura, si potrebbe rimanere con l'imbarazzo della scelta e delle priorità da dare. Ma se appena ci si vuole addentrare nel mondo della corsa come "esperienza" e non tanto di semplice attività che possa essere trattata esaustivamente con piglio manualistico, ecco che Correre è una filosofia. Perchè si corre (Ponte alle Grazie, 2014) di Gaia De Pascale ci offre un tesoro di riflessioni, ma anche di riferimenti ad altre letture possibili.
Il volume, nell'esperienza di scrittura dell'Autrice, si pone un po' come la naturale continuazione di alcune sue opere precedenti, ma soprattutto dell'intervista inspiratrice e illuminante a Marco Olmo che si è sviluppata come una narrazione sulla storia dell'uomo-emblema dei trail di lunghissima distanza e sulle sue motivazioni alla corsa (la corsa come riscatto).
Benché nel titolo compaia la parola "filosofia" Gaia De Pascale non è una filosofa ma è un'esperta in Analisi testuale ed interpretazione di testi e romanzi. E rivela pienamente le sue competenze nel prendere in esame la corsa,il correre, le sue pratiche e tutto ciò che vi è annesso associativamente come un grande testo fitto di storie reali ed immaginarie da analizzare, interpretare e connettere.Tutto ciò anche alla luce delle sue personali esperienze di corsa Una passione che - seconda quanto dichiara l'Autrice è nata anche grazie a Marco Olmo, suo ispiratore ("...se non avessi consociuto il suo spessore umano e il suo spirito indomito non avrei mai corso e non avrei maii scritto di corsa", ib. p. 183) e che deve per altri versi al padre per le sue qualità interiori e che se n'è andato prima di sapere di questa sua passione ("...ogni volta che esco in strada con le scarpe da running è il nostro momento, anche se lui non lo sa. E' a questo grande campione di resilienza che penso quando vado a correre", ib.). 
In ogni caso, dalle pagine di questo libro che vengono a comporre un variegato mosaico, ciò che emerge in modo precipuo - come del resto dice il titolo - che correre è una filosofia (quindi, è molto di più di un semplice sport o di una mera attività fisica): anzi, si potrebbe dire che correre è un insieme di molte ed originali "filosofie", filosofie di vita e filosofie dell'essere, tanto per rimandare alla famosa dicotomia posta da Erich Fromm tra avere ed essere in uno dei suoi più acclamati testi (cfr. Erich Fromm, Avere o essere?, Mondadori, 1986).
Usando le parole dell'autrice, dal capitolo conclusivo dal titolo, 
Correre non serve  a niente (Ovvero la felicità della corsa), abbiamo un distillato efficace di ciò che il volume ci racconta capitolo capitolo.

 

(...)
Si corre per dimostrare il proprio valore ...
Si corre per recuperare la propria infanzia ...
Si corre per agguantare la propria libertà...
Si corre per dare più senso alla propria vita o per costruirsene una diversa...
Si corre per provare emozioni...
Si corre perché si è un po folli e perché si cerca, nel caos contemporaneo, di trovare il proprio scampolo di solitudine. ...
Si corre per provare dolore e per imparare ad accettarlo...
Si corre per spogliarsi dei condizionamenti e fare qualcosa solo per sé...
E ancora si corre perché si è competitivi, perchè si ama la natura (...) per scappare dalla povertà, per affrontare incubi e paure...
(...) Si corre perché piace
Perchè correre rende felici. La felicità del niente che si srotola in un tempo suo proprio, al di l° del lavoro, del tempo libero, delle tabelle di marcia delll'efficienza. La felicità del non avere nessuna risposta per una domanda, del non saper giustificare quello che si sta facendo (...).
Eccola qui, la felicità della corsa, il gusto di un gesto senza senso, che non produce niente, che non serve a niente.
(...)
Vince chi gode di più.
In fondo quale felicità più grande si potrebbe rincorrere?

 

Ed ecco che nel suo libro, suddiviso in alcune parti tematiche (tanto per fare degli esempi, ne cito alcune: Corsa e infanzia, Corsa e dolore, Corsa e solitudine), interagiscono personaggi mitologici che compaiono nella storia primeva dell'uomo, ma che scaturiscono anche dalla potente fabbrica mitopoietica del cinema e della letteratura con personaggi reali, in carne ed ossa, ciascuno dei quali diventa il portatore di una storia emblematica e l'esemplificazione d'un enunciato, relativo alla corsa. Quindi, il testo di Gaia De Pascale si legge volentieri, sia da non "addetto ai lavori", sia da praticante della corsa, perché nelle sue pagine dense di aneddoti e pullulanti di storie di vita, ci si incontra con le proprie personali esperienze, si ha l'occasione di rifletterci su e di metterle a confronto con quelle di altri, di "categorizzarle" in un certo senso. Ma ciò che piace (che a me è piaciuto particolarmente) è lo sforzo continuo di dare un senso a ciò che è apparentemente insensato, in un percorso inverso a quello compiuto da altri che, ad esempio, si sono trovati ad affrontare la Maratona di New York per la prima volta, avendo scolpito nella mente in lettere cupe il livido scenario proposto da Baudrillard.

E si apprezzano anche le luminose pagine di esegesi di alcuni dei più bei film sulla corsa mai prodotti ed anche di alcuni testi letterari, alcuni dei quali sono dei "classici" come il famoso racconto di Alan Sillitoe "The loneliness of the long distance runner", (magistrale, anche perché fu scritto da uno confinato nella sua sedia a rotelle), mentre altri sono esaminati sotto una luce nuova, come ad esempio la classica storia di Pinocchio, corridore per gioia ed esuberanza, ma anche per necessità (per salvarsi la vita dalle situazioni scabrose nelle quali si caccia): alla luce delle osservazioni dell'autrice, provate a rileggere Pinocchio e potrete accorgervi - quasi con stupore - che Pinocchio - sin dalla nascita e prima di diventare un bambino vero, cioè un bambino assennato pronto ad assorbire tutte le regole della "normalizzazione" - è un maratoneta assatanato che può correre (e nuotare) per dieci o quindici chilometri di fila sena nessun problema.
E, ovviamente, la sua lettura è una selva di rimandi ad altre letture, tutte adeguatamente citate in una ricca bibliografia finale, scorrendo la quale, il lettore attento si divertirà ad individuare i libri che ha già letto e che fanno parte del suo bagaglio culturale e quelli che potrebbe ancora esplorare.

Alla fine, nel breve capitolo finale che è stato ampiamente citato prima, Gaia De Pascale tenta di realizzare un distillato di ciò che ha raccontato ed esposto in ciascun capitolo ed ecco che nasce una sintesi finale sui "perché" e sulle "motivazioni" della corsa, concludendo che quando ci sono troppe motivazioni sottese a qualcosa che piace fare, va a finire che queste motivazioni si annullano a vicenda. Averne molte di motivazioni (o infinite) equivale a non averne affatto, insomma. Ma forse la cosa che, più di tutte soggiace alla corsa, è una motivazione non-motivazione come la festa di non-buon compleanno che il Cappellaio Matto dispensa ad Alice, un aspetto quasi paradossale che rimanda alla più pura dimensione dell'Homo ludens: e cioè che correre è bello, perchè correre è un'attività in sé inutile, e forse è proprio questo a renderci felici, quando la pratichiamo. 


(Dal risguardo di copertina) «Correre rende felici». Si potrebbe riassumere così l’affascinante percorso che Gaia De Pascale traccia in queste pagine: unica fra tutte le discipline sportive, la corsa è una filosofia di vita, e insieme metafora stessa del vivere. Chi corre lo fa per spezzare ogni condizionamento o limite: si oppone al destino, esprime la propria nostalgia per l’infanzia perduta o per un ideale di purezza e autenticità a cui tendere, sfoga emozioni e tensioni sopite da troppo tempo, supera le barriere che la vita gli ha imposto. In una parola, correre è sinonimo di libertà, oltre i vincoli sociali, culturali, oltre le sbarre di qualsiasi prigione, mentale o reale, fisica o emotiva.
Ecco quindi una ricchissima carrellata di figure, ognuna emblema di tale pulsione, dal mito greco ai conflitti sociali del Novecento, dalla savana africana ad Alice nel Paese del Meraviglie, dagli scatti brucianti dei velocisti alle imprese titaniche degli ultrarunner, fra cui spicca il leggendario Marco Olmo. Le storie raccolte in questo libro sono tante e diversissime fra loro, lontane nello spazio e nel tempo della storia, ma non è difficile riconoscerne un centro comune. Quando si tratta di correre, agonismo e competizione non contano più di tanto: l’obiettivo non è sconfiggere l’avversario o inanellare l’ennesimo record, ma arrivare in fondo, raggiungere il traguardo, vincere la sfida che prima di tutto affrontiamo con noi stessi, le paure, le prove durissime di cui il destino ha costellato la nostra strada. Correre è persino una forma di follia, ma di «follia sana, una follia che è salvezza». E la proverbiale «solitudine del maratoneta» non è mai una cella, ma la libertà più pura, la vittoria più profonda, la capacità di arrivare al fondo di noi stessi, di pensare l’impensabile. Quando si corre ci si dimentica della fatica, del dolore, del respiro che sembra mancare a ogni passo. Ci si dimentica perfino di correre: «Forse il segreto è tutto qui. Correre come si sogna».

(Un brano) "Eccola qui, la felicità della corsa, il gusto di un gesto senza senso, che non produce niente, che non serva a niente. Nemmeno il traguardo conta. Nemmeno il risultato
Kilian Jornet con una semplice frase dice tutto quello che c'è da dire: 'Non è più forte colui che arriva primo, bensì colui che gode maggiormente facendo ciò che fa.' Vince che gode di più. In fondo, quale felicità più grande si potrebbe rincorrere?"

Nota bio-biobliografica sull'autrice. Gaia De Pascale, nata a Genova nel 1975, è dottore di ricerca in Analisi e interpretazione dei testi italiani e romanzi. Lavora come redattrice, consulente editoriale e ghost writer. Studiosa di letteratura e antropologia, tiene regolarmente lezioni presso master, corsi di specializzazione e corsi di scrittura creativa. Ha pubblicato, tra gli altri: Scrittori in viaggio. Narratori e poeti italiani del Novecento in giro per il mondo (Bollati Boringhieri, 2001) e In viaggio (con Giorgia Previdoli, Feltrinelli Kids, 2013). Ma anche per la casa editrice Ponte alle Grazie: Il Corridore.  Storia di una vita riscattata dallo sport (Intervista autobiografica con Marco Olmo, co-autore dell'opera), Slow Travel. Il lusso di perdere tempo.

 

Gaia De Pascale è su Facebook

Web: www.gaiadepascale.it/ 

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche