Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
21 febbraio 2013 4 21 /02 /febbraio /2013 16:12

Corsa a piedi nudi sulla neve (4^ ed.). Ritorna il 3 marzo, la gara ideata da Maurizio Cavagna per ricordare la Ritirata di RussiaDomenica 3 marzo si terrà all'Aprica (Sondrio) la 4^ edizione della Corsa a Piedi Nudi sulla Neve.
La gara - indubbiamente singolare - è nata da un'idea di Maurizio Cavagna, autore di un articolo recentemente comparso su ActionMagazine (di cui includiamo in basso l'incipit) per ricordare la tragica Ritirata di Russia.

Una corsa lungo un anello di un chilometro e mezzo da percorrere a piedi nudi sulla neve. Lungo la pista, saranno collocati alcuni punti di ristoro per i piedi, come coperte e tappeti.
Perché mai si dovrebbe aver voglia di correre a piedi scalzi sulla neve?
Per provare qualcosa di nuovo in questo mondo in cui nulla si vuole intentato? Forse. Ma questa volta il fine è più edificante e nobile. Con questo gesto si vuole ricordare e raccontare la sofferenza e la morte dei soldati in Russia durante la ritirata da Nikolajevka. Il 16 gennaio 1943, giorno di inizio della ritirata, il Corpo d'Armata Alpino contava 61.155 uomini. 

Dopo la battaglia di Nikolajewka si contarono 13.420 uomini usciti dalla "sacca" del Don, più altri 7.500 feriti o congelati. Circa 40.000 uomini rimasero indietro, morti nella neve, dispersi o catturati. La neve non era più bianca, ma rossa di sangue, come ha scritto Rigoni Stern che ha vissuto sulla sua pelle quei tragici momenti.

L'iniziativa "Impronta Coraggio" di Maurizio Cavagna in collaborazione con il Comune di Aprica è volta a fare memoria su una delle vicende più drammatiche della Seconda Guerra Mondiale, prendere maggiore coscienza dei conflitti tuttora in corso riflettendo sui significati della guerra e della pace: capire il passato, agire il presente e dirigersi verso il futuro che si desidera. 

"Ricordare per capire: Nikolajevka insegni" è l'evento con carattere storico, sportivo e culturale che sabato 2 e domenica 3 marzo si terrà ad Aprica aperto a tutti, bambini e adulti. «L'evento principale è la corsa a piedi nudi sulla neve, da svolgersi su un anello di 500 metri da percorrere tre volte - spiega Cavagna -. Lungo il percorso la pista offre alcuni punti di ristoro per i piedi, con coperte e tessuti adagiati sulla neve. Prima e dopo la gara sono previsti due momenti collettivi al coperto per la preparazione al freddo, la tutela della salute dei piedi e l'ascolto delle proprie sensazioni ed emozioni. I primi passi a piedi nudi sulla neve risalgono al gennaio 2006. Da episodio individuale ora l'appuntamento è diventato  itinerante. Itinerante come sono le guerre odierne, nelle varie parti del mondo». 

Fino ad ora questa manifestazione non ha avuto nessun tipo di sponsorizzazione e di finanziamento perché la due giorni si rifà ad una guerra, il fatto di non aver nessun tipo di sponsorizzazione visiva ha il significato simbolico che nessuna guerra deve avere uno sponsor ovvero nessuno deve guadagnare con la morte di altre persone.

«Oggi tutto è messo sotto la luce del denaro e di uno sponsor - prosegue -. Si vuole offrire invece un'altra via di scambio che è appunto la gioia di dare e di ricevere. Uno degli insegnamenti che la Ritirata di Russia trasmette è proprio questo: tante donne russe hanno dato ospitalità e cibo ai nostri soldati, salvandoli, senza che fosse l'uso del denaro a mediare. Sono partito da un evento tragico, la guerra, ma ritengo sia importante non soltanto ricordare e prendere consapevolezza degli orrori, ma anche del potere che ognuno di noi ha per contribuire ad un benessere reciproco, per scegliere in ogni momento, se andare nella direzione della vita o del dolore».

 

 

 

 


Di corsa sulla neve come nella campagna di Russia di Maurizio Vittorio Cavagna (Fonte: ActionMagazine)

Nel gennaio 2006, durante una sosta in montagna, mi venne voglia di provare cosa potevano aver sentito i nostri soldati durante la tragica  Ritirata di Russia, avvenuta nel gennaio 1943. Mi ricordavo di aver letto nell’adolescenza che il grande freddo fu il vero nemico in quella guerra. Stavo tornando da un giro  a piedi verso il Passo dei Laghi Gemelli, in alta Val Brembana, e in quello scenario bianco, presi la decisione: mi tolsi scarponi e calze, e cominciai a correre giù per una strada innevata. Non pensai a niente, solo a resistere, non misi nemmeno in discussione la cosa, dovevo farcela così come alcuni soldati erano riusciti a farcela, anche se chiaramente la  situazione  era ben diversa.

 
 
«20 Gennaio 1943. Le colonne continuano a premere, ad urtarsi. Si gela. Taglio una coperta a strisce, mi fascio i piedi. Salvare i piedi è troppo importante, ho la fortuna di avere ancora le scarpe, nelle soste trovo la forza di muovere i piedi di continuo, per provare la sensibilità, per tenere viva la circolazione. Molti hanno i piedi avvolti nelle coperte, ma è come se camminassero scalzi nella neve» (tratto dal libro Mai tardi di Nuto Revelli, Ufficiale degli Alpini in Russia)
 

 

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche