Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
14 giugno 2013 5 14 /06 /giugno /2013 19:18

Ecomaratona delle Madonie 2013 (7^ ed.). Il racconto di Lara La Pera, vincitrice della gara femminile: La palermitana Lara La Pera ha partecipato lo scorso 9 giugno alla 7^ edizione dell'Ecomaratona delle Madonie, classificandosi quinta assoluta e prima delle donne e realizzando così il suo bis su questa gara, già da lei vinta nell'edizione 2012. Lara La Pera non ama che si parli di prestazioni cronometriche, perchè - anche quando vince (e l'anno scorso ha realizzato uno splendido tris di Vittoria, infiorando una appresso all'altra l'Ecomaratona delle Madonie, la Supermaratona dell'Etna e l'Etnatrail) - ritiene che la cosa veramente sia l'esperienza dell'aver corso e partecipato.
Insomma, anche quando è vincitrice, vuole mantenere un profilo schivo e modesto e non ama le luci della ribalta.
E questo atteggiamento è espressione di un vero e sano spirito sportivo.

Anche del risultato di questa gara, piuttosto sofferta a causa del gran caldo, Lara La Pera tace, desiderando piuttosto dare rilevanza alle emozioni sperimentate e all'intensità dell'esperienza.

"Anche se, ovviamente, il risultato atletico mi ha dato una grande soddisfazione, soprattutto per il fatto di trovarmi a competere per la prima volta con degli uomini, visto che al contrario dello scorso anno, non c'erano donzelle davanti a me) -
ci dice - non voglio nemmeno menzionarlo". 

Per la cronaca Lara La Pera, domani 15 giugno 2013, parteciperà nuovamente alla Supermaratona dell'Etna, anche se il suo approccio alla gara sarà assolutamente rilassato e senza strafare, proprio perchè è in fase di recupero dalla prova del 9 giugno.
La Supermaratona dell'Etna 0-3000 non vuole proprio perdersela e soprattutto per la sua bellezza, quale che sia il risultato finale. E anche questo è vero ed autentico spirito sportivo, senza che nella partecipazione entrino in gioco considerazioni quale è quella dell'avere un titolo da difendere.

E, a seguire, l'attendono gli omportanti appuntamenti con il Cortina Trail (il prossimo 28 giugno 2013) e con la dura Tre Rifugi della Val Pellice, a metà luglio circa, nella distanza lunga.

Ed ecco qui di seguito il suo racconto dell'Ecomaratona delle Madonie, esattamente centrato su questa filosofia. 

 

Ecomaratona delle Madonie 2013 (7^ ed.). Il racconto di Lara La Pera, vincitrice della gara femminile: (Lara La Pera) Questo breve racconto dell’Ecomaratona delle Madonie 2013 non può che iniziare con i ringraziamenti a gli organizzatori che, anche quest’anno nonostante le grandi difficoltà economiche, ci hanno dato la possibilità di correre una delle più belle gare di corsa in natura che esistano in Sicilia. Probabilmente, tutti questi complimenti sembreranno lusinghieri, ma chi ha corso la gara sarà indubbiamente d’accordo con me sul fatto che sia le indicazioni del percorso che il numero di rifornimenti con grande quantità di acqua, the, sali, frutta, uva passa e sorrisi di incoraggiamento da parte dei volontari, sono stati impeccabili.

Ho corso l’Ecomaratona delle Madonie per la prima volta lo scorso anno, fino ad allora avevo optato per la gara di 23 km, ed é stata la mia prima corsa in montagna più lunga di 25 km e non avevo idea di cosa mi aspettasse.
Alla partenza avevo paura, altro che emozione!
In vita mia non avevo mai corso per più di 4 ore di seguito e, oltre quel tempo, non sapevo cosa ci fosse, come avrebbe reagito il mio corpo, come avrei affrontato la “famigerata” salita verso il Santuario di Madonna dell’Alto che inizia dopo ben 20 km di gara e la temutissima (per me!) discesa di 12 km che mi avrebbe portata al traguardo.
In realtà le quasi cinque ore di gara, condivise in ottima ed espertissima compagnia, sono volate. Più avanzavano i chilometri, più il paesaggio e i profumi é [in questo periodo dell'anno sulle madonie è in corso la fioritura delle ginestre - ndr] diventavano spettacolari ed intensi. Il silenzio al Santuario di Madonna dell’Alto veniva interrotto solo dai nostri respiri affannati.
Poi la discesa….e lì nella single track ho avuto qualche difficoltà, sono caduta e mi sono rialzata pensando: “Il prossimo anno qui non devo cadere”. La prima cosa che ho pensato quando sono arrivata stanchissima, indipendentemente dal bel risultato ottenuto, è stata questa: “E' la maratona più bella che abbia mai corso”.
La natura con la sua bellezza mi aveva fatto dimenticare di avere un orologio al polso…non mi era mai successo durante una maratona… Persino la fatica mi era sembrata meno faticosa!

Quest’anno, già a marzo, mi sono iscritta all’edizione 2013.
Ecomaratona delle Madonie 2013 (7^ ed.). Il racconto di Lara La Pera, vincitrice della gara femminile: Il 9 giugno è arrivato in fretta e alla partenza la paura dello scorso anno è diventata emozione.
Alle 8.00 del mattino sole e caldo già preannunciavano una grande fatica.
Il pre-gara è sempre un momento bello in cui si condivide la tensione con gli amici di sempre e si fa amicizia con gli atleti venuti da fuori, anche dall’estero.  
Alle 8.30 eravamo tutti pronti al via… Guardo l’orologio: 8.34 e si parte per quella che, anche quest’anno, si è rivelata una splendida avventura.
Nei primi 10 km in cui sentivo le gambe leggerissime mi ripetevo “Piano, piano, piano, piano…”.
Fino al 12° km è tutta salita ma a piccoli passi si corre a parte l’ultimo chilometro, in cui solo uno stambecco può correre.
Appena scolliniamo un gruppo di 20 - o forse 30 - cinghiali ci attraversa la strada ed ecco che il mio cuore raggiunge immediatamente la frequenza cardiaca massima!
Non avevo mai visto un cinghiale in vita mia… figuriamoci tanti cinghiali tutti insieme!
Per fortuna vanno per la loro strada senza prenderci minimamente in considerazione; ironicamente penso “Forse noi podisti siamo troppo magri per i loro gusti!”.
Corriamo sull’erba, facendo attenzione a qualche buca poi finalmente il ristoro.
Uno, due tre bicchieri d’acqua non placano la sete… altri due bicchieri d’acqua sulla testa e si riparte.
Ed ecco la prima discesa… I buoni propositi di andare piano cominciano a dileguarsi e lascio andare le gambe.
Chi legge questo racconto e non mi conosce penserà che è una cosa normale mollarsi in discesa.
Per me non lo è…
Sto cercando di imparare a non pensare troppo a quello che potrebbe succedere se 
lasciassi andare le gambe e cadessi.

Ecomaratona-delle-Madonie 4383Credo di avere ancora un’agilità fantozziana ma riesco a correre. Cade chi ha paura di cadere o chi non ne ha per niente… bisogna trovare una giusta via di mezzo. Arriviamo al 19° km dove, per me, inizia la vera gara… C’è un po’ di pubblico che con il suo entusiasmo ci ripaga di tanta fatica. E inizia la salita. Caldo a parte, mi sento bene.
Le salite mi sono sempre piaciute, soprattutto quando le conosco e so come gestirle. Inizialmente gli alberi ci proteggono da un sole che ci ricorda che la tanto attesa estate è arrivata! Ogni tanto qualche folata di vento ci da sollievo.
Incontro sul percorso qualche amico che non ha gareggiato, chi fa foto, chi fa il tifo e ci informa sull’andamento della gara.
Comunque sia, in questo mare di caldo e fatica è bello trovarli lì.
Sono passate le 3h30’ di gara: mi ritrovo sola per la prima volta.
E correre in quel silenzio assoluto è esaltante.

Entro nel bosco investita da un mare di profumi, un gioco di sole e ombra nasconde le fettuccine rossobianche agitate da un po’ di brezza.
Cerco di stare attenta a non sbagliare strada. Esco dal bosco e vedo il Santuario: ultima salita pietrosa… Vorrei camminare ma cerco di non arrendermi alla stanchezza: avevo fatto tutta la salita correndo e, così, alterno la corsa con qualche passetto camminando.
E ripenso a tutti gli allenamenti fatti in salita sul Monte Pellegrino con il mio inseparabile gruppo di amici podisti, i Seven o’Clock
Finalmente ci siamo: giro del santuario e 31°.2 km, the, acqua, the e si scende.
Le single track mi sembrano molto meno pericolose dell’anno precedente, corro, corro, corro.

Sembrerà banale, ma per me correre senza freni in quel tratto di gara è stata la più grande conquista. Perché ho superato un mio limite.
Poi le strade bianche e un mare di pigne; alcune scricchiolano sotto i piedi e sembrano macigni, altre riesco ad evitarle.
Km 36, ristoro con doccia… favoloso! E la stessa domanda dell’anno scorso da parte di un volontario “Da dove vieni?”, “Palermo”, “Dai brava, viva la Siciliaaaaaaaa”!
E sull’eco di Sicilia mi allontano procedendo verso un traguardo che ancora mi sembra lontano… la stanchezza allunga i chilometri!
Dopo l’ultimo ristoro, che non salto anche se mancano appena 2  km all’arrivo, si entra in paese… Salitella, arco, scale e il corso che porta all’arrivo.
Qualche metro prima del traguardo vedo Roberto, il mio compagno, che mi ha preceduta di “solo” di 17 minuti e la mia inseparabile amica Antonellina (entrambi artefici della mia passione per il trail e la corsa in montagna)….
Mi scappa una lacrima, sono sfinita, accaldata, emozionata, ma trovo la forza di fare uno sprint, alzare le braccia e tagliare il traguardo.
Il momento dell’arrivo dopo una grande fatica è sempre bellissimo. Il sapore della fatica mi è sempre piaciuto, provare a superare i miei limiti anche.
Ma non voglio mai superare il mio entusiasmo per questo sport meraviglioso e il sapore della fatica non deve mai diventare amaro.
Grazie corsa.

 

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche