Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
6 settembre 2013 5 06 /09 /settembre /2013 09:22

Ecotrail della Luna 2013 (Circuito Ecotrail Sicilia). Il racconto di Vincenzo Ferro: Tra il 24 e il 25 agosto 2013, si è svolto in due tappe l'Ecotrail della Luna, valevole come 6^ prova del Circuito Ecotrail Sicilia 2013.
La prima tappa in notturna era di 13 km, mentre la seconda tappa si correva sulla distanza di 15 km.
In alternativa alle due prove competitive si poteva partecipare ai walktrail.In programma anche i mini-trail riservati api più giovani e un doggy-trail per cani e padroni di cani.

Vincenzo Ferro ha partecipato all'Ecotrail della Luna e ci racconta la sua esperienza tra il buio della notte e l'acqua del torrente da passare a guado.

 

(Vincenzo Ferro) Percorrendo l'autostrada CT-PA in prossimità dell'uscita Scillato si scorge un pezzo di montagna possente che, con aspetto quasi minaccioso, giganteggia su tutto ciò che sta attorno. Trattasi di Rocca di Sciara che s'innalza a strapiombo sul caseggiato di un piccolo e pulito paesino dell'entroterra siciliano dove il tempo sembra essersi fermato da molti anni, Caltavuturo.

Già un anno addietro avrei voluto partecipare, ma ero fuori in vacanza; invece quest'anno sono riuscito ad organizzarmi in modo tale da non perdere l'occasione di essere tra i fortunati a scalare quel pezzo di montagna per due volte: Ecoltrail della Luna, prima tappa il sabato sera, la seconda domenica mattina. Da subito osservando la posizione del paese in alto da una parte e la Rocca di Sciara dall'altra, il costone roccioso su cui sorgeva l'antico insediamento abitativo di Terravecchia, in basso il corso del torrente, ho capito che sarebbe stata una prova abbastanza impegnativa e lo è stata per davvero, ma estremamente divertente ed affascinante.

Altre volte avevo provato l'ebbrezza di correre senza la luce del sole, con l'ausilio di torcia frontale, ma posso assicurare che l'emozione avvertita lungo i sentimenti con vertiginose salite e ripidissime discese è stata ancora più forte; guardando in alto restavo abbagliato da un meraviglioso cielo stellato, in basso tutte le luci omogenee dei lampioni che consentivano di individuare il centro abitato.

Arrivati il sabato mattina, abbiamo colto l'opportunità di fare un giro a piedi per conoscere il paesino. Tutto era in ordine e molto pulito; le strade lastricate con la pietra dura locale manifestavano un senso di riconoscibilità dei luoghi e trasmettevano la sensazione di un vissuto molto umile e dedito al diuturno lavoro della campagna.

Nel pomeriggio insieme ad altri runner e alle rispettive famiglie, provenienti da ogni parte dell'isola - e non solo - abbiamo partecipato alla visita conoscitiva dei principali monumenti presenti,  appositamente organnizzata a contorno della manifestazione. La guida, molto preparata e gentile, ha raccontato della storia delle origini di Caltavuturo e del rapporto che intercorre, da sempre, tra gli abitanti e quelle alture, gli antichi insediamenti, la dislocazione del primitivo insediamento e della discesa all'attuale borgo, fino all'utilizzo di una particolare parte della parete a strapiombo di Rocca di Sciara come meridiana... Un pò di cultura non guasta.

Nel primo pomeriggio di sabato, il programma prevedeva la partecipazione di parecchi giovanissimi chesi sono cimentati nel primo mini-trail di 3 km, organizzato per ragazzi lungo gli ultimi tratti del percorso competitivo, dalla piazza di partenza (Piazza San Francesco) fino ai ruderi del castello e ritorno con salite e discese su sterrato. Contemporaneamente, sulla medesima distanza si è svolto il primo doggy-tral con tanti amici a quattro zampe accompaganti dai rispettivi padroni e padroncini e tanti in tenera età.

Al calare del sole, si faceva forte la carica emotiva di tutti i presenti nell'osservare i partecipanti runner negli ultimi momenti di preparazione e la prova di funzionamento dell'equipaggiamento obbligatorio, luce frontale e fischietto per eventuali segnalazioni di emergenza, fino al momento della partenza avvenuta puntualmente alle 20:30.

Via partiti! Subito tratto in salita, poi scale e ancora salita su un tratto asfaltato per poco meno di un chilometro, come un riscaldamento perchè lasciata la strada, incominciava la vera salita per scalare il monte.
Con la torcia in fronte illuminzvo il percorso sterrato facendo attenzione ai gradoni naturalistici contenuti con tronchetti di legno, sapientemente realizzati dalla forestale.

Alzando il capo, davanti a me uno spettacolare serpentone di luci in movimento si stagliava in alto ad individuare il percorso che dovrò affrontare.
Volgendo lo sgardo in basso, invece, si scorgeva il centro abitato illuminato a presepe in mezzo al buio pesto in cui non riuscivo a distinguere nulla se non le lucette erranti di coloro che stavano seguendo anche la mia.
E' una regola sempre rispettata: dopo una grande salita c'è sempre una discesa altrettanto impegnativa e lo è stata sin oltre l'altezza del paese.

I piccoli rossi catarrifrangenti appostati sugli alberi e sui muri, illuminati dalla luci frontali, mostravano chiaramente il percorso come se fossimo lungo una pista di atterraggio. Con il buio tutto sembrava diverso, addirittura la campagnia offriva insoliti e piacevolissimi odori rilasciati dalla vegetazione autoctona a differenza dell'indomani quando l'acre e soffocante aria respirata sotto un  sole caldo, infusa dagli escrementi di mucche e pecore che di giorno girovagano nei sentieri, era segno di un paesaggio ancora non distrutto dalla mano dell'uomo.

In discesa al buio sarebbe stato facile perdere l'equilibrio e, infatti, ho visto cadere davanti a me qualcuno ma con lo spirito trail che lo contraddistingue Carmelo disinteressandosi della posizione in gara soccorreva prontamente lo sfortunato con acqua e lo incoraggiava a riprendere la corsa, una volta accertato che non era niente di grave.

Ad un certo punto, poco dopo un'ora, nel silenzio del buio tutt'attorno a me ho udito un leggero suono di banda musicale, come quello che avevamo lasciato in piazza alla partenza, che diventava man mano più consistente ed ho pensato di essere non tanto lontano dal paese; ma come un miraggio di chi si trova in mezzo al deserto infuocato e crede di avere trovato una fonte di acqua fresca, tra l'incredulità di tanti che erano insieme a me, in mezzo alla campagna dietro il muro a secco di un vecchio fabbricato, c'era una banda che intonava musiche tipiche quasi a cantare le nostre gesta di quella notte.

La salita prima di arrivare a Torrevecchia è di quelle che ti spezzano le gambe ma non appena arrivati nei pressi delle rovine dell'antico insediamento il dolce eco della voce di Aldo Siragusa, organizzatore ma anche speaker ufficiale della manifestazione, indicava che mancava davvero poco alla conclusione. Infatti, ritrovavamo in discesa le stradine e le scalinate del paese con l'ultimo chilometro in rettifilo sulla strada in pietra levigata, e infine l'ultima scalinata in salita che porta a Piazza S Francesco e finalmente l'arrivo, proprio alla fine della fuga di gradini.

La mattina seguente, quando ancora il paese era silenzioso e nelle strette stradine si incontravano solamente le vecchiette dirette in chiesa, ci siamo ritrovati in piazza a raccontare quanto avvenuto poche ore prima.

C'erano nuove presenze come Giovanni ed Ela, altri avevano invece lasciato il paese dopo la tappa notturna, ma - in entrambe - sono stati oltre un centinaio di partecipanti a cui si aggiungono gli inossidabili sostenitori del walk trail.
Dopo un breve briefing sempre importantissimo per ricevere le utili indicazioni sul percorso e sulle difficoltà che si andranno ad affrontare, si parte ancora in salita.

Il percorso della seconda tappa coincideva con quello serale ma prevedeva due chilometri in più ma al bacio; infatti, a metà gara, si continuava a scendere sino al torrente Caltavuturo che abbiamo dovuto percorrere per quasi un chilometro tra sassi e fango, non disdegnando, qualcuno compreso me, una escursione in mezzo all'acqua fino alle ginocchia. Questa del guado è stata una bella esperienza: l'esperienza di correre in acqua ancora mi mancava, ed è stato divertentissimo anche grazie agli incitamenti di Franco e Gioacchino pronti ad immortalare i suggestivi passaggi.
Nonostante le scarpe e i calzini fossero completamente inzuppati, dopo poco sterrato erano ritornati perfettamente asciutti e potevo continuare a correre in salita fino ad arrivare in paese, percorrendo l'ultimo rettifilo con il mio omonimo Maurizio e concludendo questa magnifica avventura.

Il tempo di riprendere fiato, bere acqua e mangiare frutta al ristoro finale, la coda alla classifica di arrivo prontamente e costantemente aggiornata dai giudici, affissa sulla porta del Museo, e tutti intorno a scambiarci impressioni e considerazioni sull'andamento generale sulle proprie prestazioni; infine, la premiazione dei più veloci, tra la dedica di Giuseppe a chi non è più tra noi, e qualche volto nuovo, come Giuseppina, che ha sorpreso altre più esperte.

Smontato il gonfiabile e dismessa l'apparecchiatura organizzativa ci salutiamo ed ci auguriamo reciprocamente un buon rientro ed un arrivederci al prossimo appuntamento con la natura.

Dopo tanta presenza, in tutto il paese cade il silenzio, la piazza adesso è vuota, pulita e assolata ma l'Ecotrail della Luna lascerà sicuramente un buon ricordo a tutti, anche perchè lungo il percorso non ho visto tracce di bustine o bottigliette lasciate a terra in altre occasioni, sintomo questo di una dimensione di friendship verso l'ambiente.
Forse stiamo raggiungendo la consapevolezza che i primi ad osservare e rispettare la natura dobbiamo essere noi stessi e, qui, a Caltavuturo l'abbiamo fatto.     

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche