Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
23 aprile 2013 2 23 /04 /aprile /2013 17:21

Ecotrail della Valle dei Templi (1^ ed.). Il racconto di Antonino Tuzzolino.

 

Antonino Tuzzolino della ASD Marathon Misilmeri (categoria M40) ha partecipato il 21 aprile2013 alla 1^ edizione dell'Ecotrail della Valle dei Templi (ad Agrigento).

Tra le sue prestazioni da buon amatore, annoveriamo il risultato alla Maratona di palermo 2012 con 3h51, un buon vivicittà (sempre a Palermo) sulla distanza di 12 km in 53'54, pregevole risultato se si considera che Tuzzolino veniva da 45 giorni di fermo a causa di una distorisione alla caviglia. Inoltre, nel corso del 2012, ha partecipato alla maggior parte delle gare incluse nel circuito Ecotrail Sicilia 2012, classificandosi, classificandomi 6° di ctg (con 4 gare in meno su 13). 
Di seguitopubblichiamo il suo racconto relativo alla sua partecipazione all'Ecotrail della Valle dei Templi, di cui evidenzia alcuni aspetti di criticità e di cattiva organizzazione.

(Antonino Tuzzolino) Mi sono svegliato alle ore 5:00 e, non sapendo ancora quale gara sarei andato ad affrontare [c'era in alternativa un trail a Casaboli, Monreale], ho cominciato a prepararmi e già alle 6:45 ero pronto: sono sceso di casa e arrivato in magazzino decido finalmente di caricare la mia bicicletta per andare a Sciara per competere alla seconda gara di XC Sciara Bike, ma qualcosa mi diceva che questa gara non avrei dovuto farla a causa delle condizioni meteo e che avrei dovuto cambiare direzione. E così ho fatto, quindi, escludendo questa mi rimangono altre 2 possibilità. In un primo tempo, decido di andare a Casaboli (Monreale) per la gara di trail, organizzata dall'ASD Marathon Monreale, ma mentre stavo per mettermi in viaggio ho cambiato di nuovo opinione e mi sono diretto verso Agrigento per partecipare alla 1^ edizione dell'Ecotrail della Valle dei Templi.

Mentre viaggio un banco di nebbia mi viene incontro e cosi mi viene subito un ansia che da tempo non mi veniva e, prendendomi di coraggio, affronto per svariati chilometri questo muro di nebbia.
Esco da tutto ciò e  tranquillizzandomi  vado sempre avanti verso il mio obiettivo.
Arrivato ad Agrigento con un buon anticipo rispetto a tutti gli altri e, essendomi assicurato del luogo di ritrovo, comicio a vedere qualche faccia che conosco e, cosi, salutando un nuovo amico della scorsa gara del Vivicittà di Palermo  che mi fa festa e mi offre quel caffè che ancora non avevo avuto modo di prendere, mi iscrivo alla gara e, dopo aver pure visto l’amico Ettore, c’è ancora di più aria di festa e allegria.
Dopo esserci cambiati, cominciamo a riscaldarci, perchè siamo vicini all’ora della partenza!

E qui comincia la gara-avventura con un due e tre si parte
E molti non comprendono che la gara è iniziata.

Io,essendo stato molto attento capisco che non si tratta di uno scherzo, ma dell’inizio vero e proprio della gara e mi preoccupo di essere tra i primi dieci per fare un ottima gara; e cosi si avvia tutto e, dopo aver oltrepassato tante rovine tra cui il Tempio di Giove e quello di Dioscuri, il quartiere ellenistico romano e la necropoli arriviamo ad un altro sentiero dove, in profondità, si vedeva un cancello chiuso  e vedendo alcuni runner bloccati e i primi che già si accingevano a scavalcarlo - e, peraltro, era una facenda molto pericolosa, poichè quel cancello era armato con degli spuntoni molto affilati -, nello stesso tempo mi accorgo assieme a un altro che più in là c’è una via di fuga. Così, saltando un muretto verso il basso e pestando un campo seminato, siamo arrivati ad una recinsione più bassa e, cosi, oltrepassandola e attraversando la strada è continuata la gara...

Sono sempre nei primi dieci e tutto scorre bene; stando attento ai cartelli che indicano la strada e non alla fettuccia bianco-rossa a cui io sono abituato si arrivava alla Casa San Filippo,  dove il mio Gps mi abbandona e non capisco più quanti km avessi percorso e quanto tempo era trascorso dallo start.  
Quindi facendo un calcolo approssimativo al volo, arguisco di essere ancora molto lontano dall’arrivo e decido di prendermela con più tranquillità e filosofia rispetto a quello che era successo, oltre al fatto che dietro di me non avvistavo nessuno!
E, arrivati vicino  al Tempio della Concordia, ho sbagliato percorso e subito due ragazzi dell’organizzazione mi hanno fanno notare che ero si nella giusta direzione, ma che ne stavo saltando un pezzettino di 50 metri e ricordandomi dei due ragazzi che erano davanti a me li ho aspettati, andando loro incontro per poi ripartire di nuovo, rispettando la mia posizione, e loro, contenti del gesto e del fatto che io non avessi fatto il furbo, mi hanno lanciato al volo un five e tutto riparte con una scalinata in discesa e un lungo rettilineo di ciottoli, ala cui fine s'ntravede un piccolissimo gazebo e, quindi, l’arrivo.
Tutti gli arrivati sono increduli che lì fosse stato piazzato il traguardo, perché ancora mancavano circa 5 km rispetto a quello stabilito e di cui sapevamo dalle istruzioni pre-gara. Io sono sicuramente 15° assoluto ma, non conoscendo di persona tutti i ragazzi, non posso capire quale sia la mia posizione nella categoria.
Insomma, per non annoiarvi dopo una così dettagliata mattinata di peripezie, andando alle prime classifiche che giravano  tra provvisorie e definitive, non si capiva un tubo.
Comunque, riesco alla fine capire che sono secondo di categoria. E, quindi, penso di essere premiato con una di quelle coppe che, traballanti su quel tavolino, brillano con quel pò di sole che era uscito.
Andando alla premiazione, mi chiamano ed io, tutto contento, ricevo la coppa in mano e dopo tantissime lamentele da parte di un gruppo che era convinto di essere arrivato prima di me e degli altri l'organizzazione si fa convinta di dover passarmi dal secondo posto in classifica al quarto, rispetto a lui e ad un altro. Dopo aver contestato questa decisione che scaturiva da una falsificazione rispetto a come erano andate le cose, mi tolgono la mia meritata e sudata coppa per darla a uno che era arrivato dopo di me e che non se la meritava proprio!

Ora mi chiedo dopo tutto quello che è successo, questo è anche  trail? Questo è modo di organizzare una gara?

 

Condividi post

Repost0

commenti

peppepisano 05/02/2013 23:30

Caro Antonino ti chiarisco inoltre e anche al mio collega Riccardo che ci trovavamo in un ambiente protetto dall'UNESCO e non mi hanno permesso ne di poetre sparare e pensa che da poliziotto ho ben
tre pistole di cui 1 a salve e non ci hanno permesso di mettere il pallone di arrivo e partenza cio ti sta a significare che tutto è stato fatto nel rispetto del posto in cui ci trovavamo e pensa
pure che è stato difficile arivare con il filo elettrico per il microfono e pensa ancora che organizzare le gare NOI CI METTIAMO TUTTO L'AMORE POSSIBILE E TI DICO SE SEI DISPONIBILE IL PROSSIMO
ANNO POSSIAMO USARE IL TUO DERATANO PER DARE IL VIA DATO CHE 123 NON TI è PIACIUTO E CON QUESTA RISPOSTA PER ME IL DISCORSO è CHIUSO PEPPEPISANO

peppepisano 05/02/2013 19:21

Caro Antonino da circa tre anni organizzo gare su strada che sono una bellezza la kerkent runner che mi onoro di essere reppresentante organizza gare su strada.Ma veniamo a noi penso che lo
scenario sia fantastico lo hanno pensato 150 partecipanti hanno goduto di un panorama fantastico 2 pensavano di essere solo nella boscaglia e corri dai... Tutti i cancelli dell'Ente Parco sono
stati aperti da me personalmente purtroppo quel cancello è privato e il propietari ha pensato bene di chiuderolo ma di questo non mi sento diu averne colpa.cercheremo di farlo aprire altrimenti
faremo un altra strada Il percorso bellissimo era in partefettuccitao in parte con dei cartelli gialli ben 140 sentiti dato che erano di Agrigento hanno trovato la giusta strada .e Veniamo alla
premiazione ti posso assicurare che la classifica è stata giusta ma in ogni caso dato la tua lamentela perchè bisogna tenere conti di tutti il prossimo anno ci saranno i chip e il percorso
sarafettucciato alla perfezione.E vogliamo dire qualcosa dato che non l'hai detto sul pacco gara bellissimo e abbondantissimo caffe the proddotto di igiene acqua mottino eil rinfrasco lattte di
mandorla frutta a non finire banane mandarino bioligici mele formaggi di questo non ne teniamo conto o vi accontentate del nulla di altri trail ,Comunque ad ogni buon conto ti invito formamente se
vuoi venire il prossimo anno a constatare di persona se siamo riusciti a migliorare e per la coppa spero di potertela dare io personalmente con foto Ti ringrazio

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche