Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
7 agosto 2013 3 07 /08 /agosto /2013 21:06

Etnatrail 2013 (2^ ed.). Il racconto di Vincenzo Ferro: La 2^ edizione dell'Etnatrail (svoltasi il 4 agosto 2013 a Lingaglossa (CT), per l'organizzazione di Etnatrail ASD con la collaborazione di ASD SportAction) si era appena conclusa ed ecco che Vincenzo Ferro, finisher per la seconda volta, dopo appena poche ore, ha inviato il suo racconto. Per lui, questo è stato un appuntamento importante, perchè con questa sua partecipazione si è idealmente concluso un ciclo del suo prima anno di corsa.
Per lui, un ciclo si è concluso e uno nuovo ata appena iniziando, ma sempre stando con i piedi per terra, sulla base degli ammaestramenti che Vincenzo ha ricavato dalle sue precedenti esperienze.

(Vincenzo Ferro) Scrivo queste righe ancora un po’ acciaccato per la fatica ma contento come un bambino che ha trascorso una bellissima giornata insieme alla propria famiglia e a tanti amici con cui condividere una vera passione: sentirsi un runner.

E’ passato poco più di un anno da quando ho iniziato questa avventura e l’edizione dell’Etna trail 2012 è stata il mio battesimo con il vulcano più alto d’Europa. Quest’anno l’Etna è stato dichiarato patrimonio dell’Unesco e la seconda edizione 2013 assume un carattere particolare, poiché rappresenta un altro modo di fare conoscere il nostro territorio, e lo confermano tra i presenti atleti provenienti da diversi stai europei e d’oltre oceano.
In tanti hanno partecipato per la prima volta in una esperienza del genere e l’emozione e la tensione, mista a perplessità per l’esito finale di ognuno, si avvertiva sin prima della partenza. Ma anche coloro che  hanno già faticato in altre occasioni per le salite e le discese su fondo sabbioso o roccioso, immersi nel fitto bosco o sperduti in mezzo ad un deserto di lava pietrificata,  quando si apprestano a sfidare la Montagna non possono che provare emozione e rispetto.

Un anno addietro ero agli esordi e la mia partecipazione alla prima  edizione, come ho già raccontato, è stata massacrante: 7 ore sotto il sole in preda ai crampi per oltre metà gara, trovandomi - soprattutto nel post-gara - “tutto rotto”.

Sabato pomeriggio avevo già incominciato a fare la lista dell’occorrente.
Le previsioni meteo indicavano per la domenica una splendida giornata di sole con temperatura ottimale. “Una sola maglietta sarà sufficiente nonostante si dovranno raggiungere oltre 2.400 mslm”. L’esperienza e soprattutto il nuovo regolamento impongono che ogni partecipante porti con sé almeno un litro di acqua da rabboccare ad ogni punto ristoro.
Pertanto, al camelback ho aggiunto una borraccia con ½ litro di integratore di sali minerali, delle merendine, barrette ai cereali, perché correndo per lungo tempo viene fame. Inoltre, sempre "obbligatorio" l’utilizzo delle utilissime ghette, visto il fondo sabbioso che avremmo incontrato in lunghi tratti.
Alla partenza gli organizzatori contano oltre 300 partecipanti e poiché le operazioni di spunta vanno per le lunghe (bisogna sapere con certezza chi parte per questioni di sicurezza) il via è dato con circa 10 minuti di ritardo rispetto al programma.

Memore della precedente esperienza, ho iniziato tranquillo con il mio passo: mi ero prefissato di stare complessivamente entro i 12’ al km, anche perché Elena aveva promesso “cuzzate” se fossi scappato via subito alla partenza.
Dopo i primi 6 km trascorsi tranquillamente, è iniziata la salita in mezzo al bosco oltrepassato il quale ci si trova, arrivando sul crinale Serrecozzo, ad affacciarsi sulla immensa Valle del Bove messa lì apposta per proteggere le zone abitate dai “capricci” di Sua Maestà.
Tutti in fila, allineati come in processione, ammiriamo il paesaggio incantevole fino a quota 2.100 mslm ; nella discesa seguente le scarpe affondano nella sabbia vulcanica abbondantemente caduta anche quest’anno;  si ritorna alla zona di partenza dove ci aspetta un punto ristoro ricco di pezzi di anguria e marmellata.
Si riprende a scendere quasi  a quota 1500 per iniziare a risalire immersi nel bosco e ancora più, su oltre le “bottoniere” del 1923 e i crateri
più recenti del 2002, fino ad incamminarsi lungo la strada che viene percorsa dai fuoristrada della Forestale. Arrivati oltre quota 2.400 mslm inizia una vertiginosa e divertente discesa, dove non ci sono ghette che tengono poiché le gambe sprofondano nella sabbia fino al polpacci, per gli ultimi 3 km e dopo aver “scalato” il Maritozzo, antico cono vulcanico, finalmente il meritato arrivo a Piano Provenzana. Medaglia finisher, tanta anguria, doccia e pasta party.

Per quanto preciso, ricco di suggestioni e dovizie di particolari, risulterebbe difficile trasmettere in toto tutte le sensazioni che si provano nell’affrontare realmente una gara simile, perché il paesaggio attraversato, sia le sue parti ricche di fauna e flora sia quelle laviche semidesertiche inducono sentimenti intensi e diversificati da individuo a individuo.

Etnatrail 2013 (2^ ed.). Il racconto di Vincenzo Ferro: Durante la mia gara, trascorsa per tutta la seconda parte praticamente da solo poiché avevo accusato un dolore alla coscia sinistra attorno al 20° chilometro che non mi ha consentito di proseguire insieme ad Elena e Angelo, nonostante fossi immerso in tale contesto, mi sono chiuso in me stesso cercando di capire le motivazioni che mi spingevano a fare tutto ciò: la voglia di scommettersi così nella vita come nel lavoro, perché ritengo sia importante credere in sé e nei propri sogni, ma rimanendo sempre con i piedi per terra.
Infatti, nonostante io abbia raggiunto l’obiettivo prefissato completando la gara e migliorando di 58’ il tempo dell’anno precedente, reputo che bisogna sempre andare col proprio passo.
Proprio per questo motivo riconoscendo che non sono un campione né lo sarò mai, so che devo imparare ancora tante cose soprattutto da coloro che campioni lo sono, e tra i tanti che hanno partecipato, i nostri Giuseppe Cuttaia, già vincitore della 1 edizione, e Vito Massimo Catania, vincitore di tantissime gare su strada e al suo primo appuntamento con l’Etna Trail.

Entrambi si dall’inizio si sono dati  il cambio in testa alla gara e come due grandi campioni hanno primeggiato ora uno ora l’altro, (chissà perché ma, proprio mentre scrivo, mi ritornano in mente due nomi…  Coppi e Bartali) però alla fine, si sono presentati all’arrivo entrambi mano nella mano, insieme, vivificando la loro impresa sportiva con un fondamento di amicizia e rispetto, così come é stato il grande gesto fatto da Vito Massimo al traguardo. 
Come una storia di altri tempi...  anzi di più, una favola siciliana.

 

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche