Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
3 aprile 2014 4 03 /04 /aprile /2014 14:51

Etnatrail 2014 (3^ ed.) L'Etnatrail è talmente incombente che qualcuno se lo sogna... Ecco <Il Sogno del Presidente> di Vincenzo Ferro

 

(Vincenzo Ferro) Era stata una mattinata  memorabile; da poco avevo completato la mia seconda edizione dei 30 km dell’Etnatrail, gara inclusa nel circuito Ecotrail Sicilia 2013. Arrivavano altri runner, tagliavano il traguardo con un grandissimo sorriso sulle labbra per scacciare in un solo momento l’immane fatica appena conclusa.
Nel frattempo, altri si erano già cambiati, e mentre gustavano il pasta-party offerto dall’organizzazione, con entusiasmo scambiavano impressioni ed emozioni provate durante il percorso tra i boschi di betulle e faggi ed il deserto di lava centenaria. Eppure sulle labbra di tutti si leggeva l’ultima novità di casa Etna: l’anno successivo si sarebbe svolto il primo UTE o Ultratrail dell’Etna (M) di 64 km praticamente su e giù per la nostra montagna.

Quella notizia era stata tanto eclatante da suscitare tanta curiosità in tutti. Come una potente bomba aveva scosso i pensieri dei presenti; chissà come avranno immaginato l’eccezionalità dell’evento appena divulgato ancora con il fiatone addosso, mentre l’acido lattico prendeva possesso dei muscoli delle gambe.

Ricordo di essere stato per alcuni attimi fuori da quel luogo, in uno spazio senza confini e senza tempo, sospeso nel nulla. Non appena ebbi riaperto gli occhi mi ritrovai circondato dal fragore della voce dello speaker che annunciava le premiazioni, avvolto dal calore del bel sole di inizio agosto. 

Avevo già preso la mia decisione: avrei tentato la 64 km!

Ma cosa significa una gara trail di 64 km sull’Etna? Come può essere organizzata? Parteciperanno un numero considerevole di amatori della natura o solamente dei runner incoscienti? Forse saranno state queste e tante altre le domande che da parecchio tempo avranno reso poco tranquilli i sogni dell’organizzatore e Presidente della ASD Etna Trail di Linguaglossa. Ma Carmelo Santoro è una persona molto decisa, caparbia e di grande umiltà e avvalendosi di tanti amici  grandi conoscitori della Montagna ha collaborato alla riuscita di eventi internazionali come la Supermaratona dell’Etna meglio conosciuta come “Da zero a tremila”.

All’inizio di quest’anno ci trovavamo all’arrivo della Maratona di Ragusa e si discuteva sui preparativi della gara che si sarebbe svolta il primo sabato di agosto, quando con circospezione e un tantino di emozione Carmelo mi confidò di avere fatto un sogno…  a ggiungerei mostruosamente proibito: “Ho fatto un bellissimo sogno, la partecipazione all’UTMB dava punti validi per poter partecipare all’Ultratrail dell’Etna”.

Che sogno!!! Certo non posso nascondere di avere considerato il Presidente diciamo “un po’ audace?”, eppure vaghi ricordi del Liceo affioravano nella mia mente: Audaces fortuna juvat!!!

Ci vuole tanta immaginazione e non solo.  

All’improvviso mi ritrovo davanti al PC, navigando in rete alla velocità di 100 mega.

La pagina web mi lascia esterrefatto: immagini, video, racconti, programmi, classifiche, informazioni, indirizzi, iscrizioni, start list…

È il sito rinnovato dell’Ultratrail dell’Etna.

Dal 1° marzo si sono aperte le iscrizioni per partecipare ad una delle più dure e affascinanti gare trail  di endurance a livello internazionale.

Si prevedono partecipazioni da tutte le parti del pianeta; del resto l’Etna era stata designata Patrimonio dell’Umanità ed i programmi urbanistici e imprenditoriali intrapresi avevano portato sviluppo e benessere in tutta l’isola.

A fronte di una domanda abbondante ed esigente, l’organizzazione era stata in grado di mettere nel piatto una serie di prove di alto valore tecnico, accompagnate da eventi e spettacoli; praticamente un mix di sport, cultura e relax.
Infatti l’impegno nell’organizzare un evento sportivo di questa portata non riguarda esclusivamente alla manifestazione in sé ma soprattutto alle varianti offerte ai partecipanti ed in particolar modo agli accompagnatori.
Il programma era vasto ed impegnava la macchina organizzatrice per l’intera settimana tra luglio ed agosto.
Tutti i paesi della cintura etnea sarebbero stati in festa, le strutture ricettive ed i centri culturali presi d’assalto.
Prima e durante le diverse gare a disposizione erano previste numerose visite ed escursioni rivolte dai più piccoli ai meno giovani, adatte sia ai più allenati che ai meno frequentatori delle palestre. Il Presidente aveva pensato a tutto.
Erano state previsti collegamenti con tutti  i principali siti di interesse artistico, archeologico e culturale di tutta la regione; un sistema capillare di box office informavano in tempo reale tutti i partecipanti ed i turisti sullo svolgimento delle gare e delle opportunità da non perdere poichè  il calendario delle attività previste copriva tutte le ore del giorno e anche della notte con le spettacolari escursioni notturne sul vulcano attivo più alto d’Europa.
Si potrebbe rimanere incantati sotto un cielo stellato estivo ed affascinati dalle prime luci dell’alba scorte a quota 3.000 m quando ancora i centri  abitati sono avvolti nel buio.  D’altronde chi si appresta a trascorrere una settimana attorno al vulcano deve essere guidato, accompagnato e soprattutto informato di tutte le meraviglie naturali che il nostro territorio ha le potenzialità di offrire. Per questo motivo l’ospitalità non può e non deve mostrare punti deboli; chi si trova bene ritorna sempre con entusiasmo e porta altri amici!  

Girando tra le pagine, con eccitazione e -al contempo - timore e rispetto, osservo il tracciato e l’altimetria della gara regina: la partenza è posta a Piano Provenzana a quota 1.800 m alle prime luci dell’alba.
L’inizio non rappresenta grosse difficoltà e per i primi 5km si scende all’interno della verde Pineta Ragabo proseguendo per Piano Pernicana e giungendo  fino a quota 1.250m, la più bassa del tracciato., intorno al 14 km. 

Da questo punto si incomincia a salire per circa 15 km fino alla quota 2.200m attraversando i Monti Sartorius con i crateri del 1865 fino alla Serra delle Concazze per sporgersi sulla valle del Bove e poter ammirare il versante Est del vulcano teatro delle spettacolari eruzioni e colate laviche. Successivamente si  attraversa lateralmente e velocemente Monte Conca dove risultano necessarie e provvidenziali l’uso delle ghette per la grande quantità di lapilli e cenere vulcanica presente lungo i suoi fianchi, fino ad arrivare al punto di partenza intorno al 35 km. Un breve tratto in discesa all’ombra degli alberi di betulle e si arriva al 39 km, l’inizio della gara vera e propria. Infatti i runner si troveranno nel bel mezzo del deserto di lava pronti per affrontare i 20km in salita che li porteranno fino a quota 3.000m. E per finire gli ultimi 5km dove  si dovrà superare un dislivello negativo di 1.200m (da attenzionare un salto di 800m di dislivello in appena 1,5km di tracciato)  per arrivare al traguardo di Piano Provenzana ed abbracciare i propri cari.

Scorrendo tra la storia dell’Ultra non passava inosservato che, nonostante fossero  state svolte altre gare sull’Etna, poteva sembrare un fatto singolare  che per i dieci anni precedenti alla prima edizione della UTE 2014, le uniche competizioni annoverate tra le maratone e ultramaratone , avevano portato la firma di organizzazioni e associazioni sportive al di là dello Stretto.

Già, anche nella corsa “ospiti a casa nostra!!”. Finalmente saremmo riusciti ad essere protagonisti di noi stessi scommettendoci la faccia in prima persona perché non si tratterà soltanto di una gara trail qualsiasi o almeno questo è il sogno del Presidente!

La sezione aperta delle iscrizioni è chiara e veloce, ho inserito appena possibile i miei dati e ho pagato online tramite carta; ho ricevuto la mail di conferma e ha stampato la ricevuta.

Ed è fatta! Sono iscritto.  

Avverto una sensazione di spossatezza, sono leggermente sudato ed ho in mano un foglio…  non è la ricevuta dell’iscrizione, ma solamente il pezzo di carta su cui stavo prendendo appunti la sera prima… anch’io avevo fatto un bellissimo sogno...

 

 


(MR) Sogno o non sogno, è un sogno che sconfina nella realtà. Quasi da manuale, una delle forme più basilari del sognare, in cui si sogna in maniera diretta e senza edulcorazioni (perchè non c'è nulla da rimuovere) ciò che si desidera fare, ma nello stesso tempo - come sottolineano i cognitivisti - si tratterebbe di un "sogno di prova", un sogno cioè nel corso del quale sviluppiamo una sequenza comportamentale e psicomotoria e comportamentale che desideriamo realizzare anche nella realtà.
Potremmo ipotizzare che Vincenzo Ferro è talmente sotto l'influenza del sogno di correre l'Etnatrail che se lo sogna di notte, dando libero corso al suo desiderio e, nello stesso tempo, preparandosi ad un'azione più efficace.

Un caso davvero raro, quello in cui sogno e realtà praticamente collimano e in cui il sogno si fa veicolo di una speranza e della storia di una bella favola siciliana che diventa realtà.

 

 

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche