Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
26 dicembre 2012 3 26 /12 /dicembre /2012 07:02

Pantelleria-arco-dell-Elefante.jpgEcco di seguito il racconto della splendida esperienza pantesca del giro a tappe di Pantelleria dell'estate scorsa, raccontata a pieno cuore da Lucrezia Oliveri della ASD San Michele Cortenuova Lecco, seconda classificata nella categoria F60. Si anticipa qui che, quasi certamente, il giro a tappe di Pantelleria si rinnoverà con tutta la sua magia nella stessa settimana del 2013 dal 23 al 30 giugno, con l'inserimento di tappe che faranno conoscere l'isola nei posti più caratteristici tra cui l'Arco dell'elefante...
Presto sarà reso pubblico il regolamento dell'edizione 2013. 

(Lucrezia Oliveri) Croazia: cespugli di salvia profumata, siepi di rosmarino, giallo prorompente di ginestre, pini ombrosi, corse in riva al mare blu cobalto, muretti di pietre antiche, case assolate, ornate di buganvillee…

Puglia: ricordo frutteti a perdita d’occhio, papaveri altezzosi in mezzo ad umili fili d’erba e preziose margheritine, case bianche sotto un cielo di vento del sud, corsa tra ulivi argentei.

Rallento la mia corsa sulle Murge e mi siedo a guardare la pioggia.

Il cielo s’illumina di lampi, i tuoni si rincorrono, sale il profumo della terra arsa dal sole, finalmente bagnata dalla Provvidenza…

Potrei andare in Sicilia, su qualche piccola isola come Filicudi, Salina, Marettimo..

Ricordo d’averle ammirate nel film “Caro diario” di Nanni Moretti e mi sono ripromessa di visitarle, luoghi di silenzio e di relax, sole e mare…

Potrei volare a Pantelleria.

Ho deciso di cambiare posto. Dopo tanti anni di vacanze trascorse in Croazia e Puglia, andrò a scoprire Pantelleria, terza e quarta settimana di giugno.

La perla nera del Mediterraneo, con il suo profilo arabo e il temperamento vulcanico, scura, intensa, a tratti ancora selvaggia, più vicina alle coste africane che alle italiane, Pantelleria colpisce per quel suo tocco mediorientale, ereditato dalla dominazione araba (800-1000 d.C.).

Sono i dammusi, le tipiche case cubiche di pietra lavica, dai tetti a cupola bianca, per raccogliere l’acqua piovana, il filo conduttore tra passato e presente.

I dammusi si confondono con il territorio, solcato da interminabili muretti a secco delle coltivazioni a terrazze.

Il paesaggio dolce e armonico evoca lontane immagini orientali.

Nelle tranquille e pianeggianti zone di Monastero e Ghirlanda si coltivano uva Zibibbo (che saggiamente vinificata diventa il noto moscato e passito di Pantelleria) e capperi, principale risorsa agricola locale.

Pantelleria lago di venereNei pressi di Benikulà un sentiero conduce al “Bagno Asciutto” un vero bagno turco: una grotta dalle cui fessure esce vapore acqueo ad alta temperatura.

L’antitesi del Bagno Asciutto è la Grotta del Freddo, in contrada Bukkuràm, famosa per l’aria fredda (10-15 gradi in meno della temperatura esterna) che fuoriesce dalla cavità sotterranea.

Regina incontrastata dell’entroterra è la Montagna Grande, 863 metri, un vulcano spento, il tetto dell’isola, dove si lascia essiccare l’uva.

Alla rigogliosa macchia mediterranea si alternano boschi di conifere.

In autunno si trovano ben 181 specie di funghi, fra cui il prelibato porcino.

Lungo i litorali numerosi sono le località dove si può ammirare un mare blu cobalto: Cala Cinque Denti, Cala Gadir, Cala Levante…

Un’enorme scultura naturale è diventata il simbolo dell’isola: l’Arco dell’Elefante.

Soggiorno in un dammuso che si affaccia sul porticciolo dal fondale sassoso, fuori del mondo, nell’antico borgo marinaro di Cala Gadir.

Scelgo il mio posticino in riva al mare e inizio a leggere la rivista Runner’s World; viaggio con la mente seguendo il calendario delle corse organizzate nelle diverse regioni italiane ed in ogni altra parte del mondo.

Incredibile: dal 23 al 30 giugno, si corre il Giro podistico a tappe dell’isola di Pantelleria, Trofeo Canale di Sicilia, prima edizione.

Sono così fortunata da trovarmi nel posto giusto, al momento giusto?

Visito subito il sito universitaspalermo.com per scoprire che le iscrizioni sono chiuse al 10 giugno.

Non mi arrendo, telefono all’organizzatore il quale mi rassicura che ricevono le iscrizioni fino il giorno prima dell’evento.

Non ho la tessera Fidal con me, così telefono al presidente della mia società sportiva e in un attimo ottengo i dati che mi permettono di iscrivermi.

Non ho la maglietta della società, poco male, perchè nessuno del mio gruppo sportivo correrà il giro podistico di Pantelleria.

Pantelleria dammusiIl mattino presto corro sul litorale, scopro angoli di mare blu cristallino, respiro profumi di mirto e origano, colgo i caldi colori dei fichi d’India, i fucsia accesi delle buganvillee, i variopinti oleandri, i delicati fiori di capperi.

Ammiro le palme nel vasto giardino della villa di Giorgio Armani, cittadino onorario di Pantelleria.

Ogni giorno conquisto una piccola parte di quest’isola selvaggiamente attraente.

Sabato pomeriggio vado a ritirare il pettorale e il ricco pacco gara presso il village hotel Suvaki, dove incontro altri runners, con le loro famiglie, che alloggiano nell’hotel.

L’ansia non mi lascia dormire, anche se non dovrò alzarmi prestissimo.

 

24 giugno, domenica

  • ore 9,30: ritrovo Pantelleria centro.
  • ore 10,00: partenza 1^ tappa (Pantelleria centro - Località Grazia e ritorno)

Turisti accaldati applaudono la nostra partenza, di certo non c’invidiano, corriamo sotto un sole africano, ma la grinta è tale da sfidare la calura del profondo Sud.

Siamo partiti dal Borgo Italia, sul lungomare e dopo poche centinaia di metri inizia il percorso bello e tecnico, con parecchi saliscendi, per la morfologia dell’isola.

Una lunga salita ci conduce al secondo ristoro, dopo Camillia, in località Madonna delle Grazie.

Un attimo d’ombra e poi si ritorna per la stessa strada, dove altri runners sbuffano in salita.

Il caldo incalza, meglio non pensarci.

Si devia per Arenella, poi di corsa al traguardo, su Borgo Italia.

L’ansia svanisce nel sole.
Premiazione con prodotti tipici del territorio: capperi, caponata, passito e vino.

Ora ci vorrebbe un tuffo e una vigorosa nuotata.

 

26 giugno, martedì

  • ore 9,30 ritrovo località Rekale
  • ore 10,00 partenza 2^ Tappa (Rekale-Piazza Perugia).

Si parte e la tensione pian piano si allenta, trovo il mio passo di corsa, senza perdermi il panorama di questa parte sconosciuta dell’isola.

Sopra l’abitato di Rekale si possono vedere le Favare (getti di vapore caldo), fenomeno spontaneo; i fiumi bianchi, sbuffando dalle rocce rosse e ocra, regalano visioni singolari, arcaiche…

Dopo una salita iniziale di poco più di due chilometri, il percorso si snoda tra il verde rigoglioso e profumato della macchia mediterranea di Serra Ghirlanda.

Uno sguardo di corsa alle Tombe Bizantine, quindi una volata lungo la piana di Ghirlanda e il traguardo ci attende in salita, a Piazza Perugia, nella borgata di Tracino.

Oggi il caldo è stato mitigato da un leggero vento maestrale, dono della Provvidenza.

Premiazione con “carrettino siciliano” e materiale sportivo.

 

28 giugno, giovedì

  • ore 9,30 ritrovo via del lago di Venere, presso Azienda Marai.
  • ore 10,00 partenza 3^ tappa circuito (Lago di Venere).

Lo Specchio del Lago di Venere è uno splendido scenario naturalistico, un luogo incantato, nei dintorni di Bugebèr.

Dopo una serie di curve, racchiuso in una conca ovale, il laghetto appare come un miraggio.

La sua acqua è alcalina e sulfurea ed è anche possibile sottoporsi a fanghi ricchi di minerali.

Il percorso su sterrato, intorno al lago, è pianeggiante e assolato, non un filo d’ombra.

Solo lo spettacolo del lago color di giada, circondato dal verde delle colline, ci ripaga delle fatiche sotto un sole inclemente.

La premiazione di tappa di tutto rispetto è con prodotti tipici del territorio pantesco e abbigliamento sportivo.

29 giugno,venerdì

  • ore 21,00 ritrovo Pantelleria centro
  • ore 21,30 partenza 4^ tappa (circuito cittadino)

Noi runner avevamo pensato che quest’ultima tappa sarebbe stata una passeggiata per la sua brevità e per l’assenza ovvia del sole, ma ci siamo illusi, senza tener conto del tasso d’umidità.

Il percorso cittadino si svolge tra irte salite e discese veloci da ripetersi sette volte. Il tifo dei panteschi, gli abitanti di Pantelleria, non ci distoglie dal soffocante caldo umido della sera inoltrata.

La sofferenza per il caldo è stata avvertita da tutti i runners, senza esclusioni, ma è l’ultima tappa e si accetta anche questo.

Sul mare scuro luminose imbarcazioni si preparano a una notte di quiete.

Turisti passeggiano sul lungomare, aspettando la leggera brezza notturna.

Corro l’ultimo giro del percorso e non vedo l’ora di terminare per indossare abiti asciutti.

All’arrivo sorseggio acqua a volontà per reintegrare i liquidi dispersi.

Ancora una premiazione con un vassoio in ceramica, dipinto a mano.

Le premiazioni finali si terranno domani mattina presso l’hotel Suvaki, presente Fabio Cappello, pantesco d’adozione.

Una granita al limone è il giusto refrigerio in questa caldissima serata.

Sabato 30 giugno si torna a casa, a correre in Brianza, dopo la corsa spettacolare a Folgaria, il primo luglio: dal mare alla montagna.

Vacanze 2013? Ma Pantelleria!

 

Pantelleria-Giro-a-tappe 0196 (Copia)

 

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche