Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
30 giugno 2012 6 30 /06 /giugno /2012 09:03

katia-figini.jpgReduce da un'ultramaratona di 250 km nel deserto della Giordania, la top runner Katia Figini racconta ad Action Magazine la sua avventura. Un cammino fisico e mentale. Katia Figini, trail runner, una delle atlete italiane di punta, è l'unica donna ad avere corso in meno di un anno in 5 continenti. Con un obiettivo ben preciso: dire basta alla violenza sulle donne con il progetto "Run for Women". È allenatrice (www.xcorsi.eu) e crea percorsi personalizzati sia per chi comincia a correre, sia per chi vuole affrontare imprese estreme. 

(Katia Figini) Wadi Rum, una parola che riempie la bocca. Wadi Rum: il nome di uno dei deserti più belli del globo, 60 km a est di Aqaba. La vallata più vasta dellaGiordania, anche detta Valle della Luna, divenuta famosa per merito dell’ufficiale Lawrence d’Arabia, che la descrisse come un deserto “vasto, echeggiante e simile ad una divinità”. Come la parola magica di un mago, o un sussurro d’amore alla persona amata: Wadi Rum.

Mentre pronuncio e scrivo questo nome, ho ancora le immagini stampate nei miei ricordi come inchiostro indelebile. Sarà impossibile dimenticare i profondi canyon, le dune di sabbia rosse, bianche, gialle, gli archi rocciosi, le immense pietre in arenaria modellate a fungo, plasmate in una poesia di forme e colori che solo una divinità può aver generato. Correndo in quel deserto ho rivisto tutti i deserti percorsi in questi anni, come se un Dio avesse preso pezzi di puzzle da diverse scatole e li avesse fusi insieme.

Nel Wadi Rum si ritrovano la fine sabbia del Sahara, le vaste distese della Namibia, alcune rocce del deserto dell’Atacama (Cile), i canyon e le montagne dell’Oman… Una delle gare più belle in assoluto.

Racing The Planet (organizzazione famosa per le sue gare nel mondo caratterizzate sempre da 250 km in 6 tappe in autosufficienza) non ci ha voluto far mancare nulla, nemmeno i 50 gradi nelle ore più calde, una piccola tempesta di sabbia e soprattutto il gran finale nella strepitosa Petra!

Una gara che preparavo da circa 6 mesi. Una gara impegnativa, nella quale però non ho particolarmente faticato, probabilmente perché sono arrivata riposata, senza troppi km estenuanti nelle gambe (errore, a parere mio, che si compie spesso). Mi sono stupita e allo stesso tempo (lo ammetto) congratulata con me stessa dimostrando ai miei allievi che, tutto sommato, possono fidarsi degli allenamenti che “prescrivo”…

Beh, sono anche stata fortunata (un pizzico di fortuna ci vuole sempre), e la mia fascite plantare ha deciso di prendersi una vacanza in quei giorni dandomi tregua (sarà stata l’adrenalina?). La tappa più lunga era la quinta, 86 km (di cui almeno 40 tutti di montagna). Avevamo già sulle gambe praticamente 4 maratone dei giorni precedenti, ma l’ho chiusa bene: quinta assoluta. Ma la cosa che mi ha stupito di più, è il fatto che non avevo un dolore muscolare (sì, lassù c’è qualcuno!)

Tempi e competizione a parte, una cosa bella di queste gare, dove l’organizzazione oltre l’assistenza offre solo acqua e tende per dormire, è la sensazione che si ha quando ci si rende conto che tutto quello che serve per vivere una settimana è sulle nostre spalle. Ci si sente forti e invincibili, innanzi tutto... Poi ci si guarda intorno e si vedono spazi infiniti, e si torna al proprio posto: esseri umani piccoli piccoli, che contano poco o nulla in quel luogo.

A differenza delle gare no stop, qui si ha tempo di socializzare con le persone. Una quarantina di paesi differenti che si incontrano e si mischiano in un’unica avventura. Nella mia tenda avevo due giapponesi. Una era Kida, di 60 anni, con il suo zainone e il suo kimono, sopra il kimono il suo bel pettorale numero 71. Arrivava dopo ore e ore di cammino, sotto 40 gradi, e con quel fare spirituale che solo gli asiatici possiedono, si sedeva, meditava, pensava. Solo dopo circa un quarto d’ora iniziava a cambiarsi, a sistemare le sue cose. Ho conosciuto tanti aspetti della loro cultura, delle loro usanze e abitudini.

L'altra, Sindy, mi ha invitato a Tokio, e l’idea di vivere il Giappone “guidata” da un abitante del posto mi solletica da matti. Ma la nazione che aveva più partecipanti era l’Italia: 16 in tutto. Una banda di simpatici compagni di viaggio che hanno tagliato TUTTI il traguardo! Due podi italiani e due premi di categoria! È bello condividere pezzi di vita in quei momenti “estremi”. Tutto appare più facile, anche i rapporti, le comunicazioni chiarite con i gesti, la condivisione di gioie e dolori. Si vive un’avventura con gli altri e con se stessi.

Un cammino (a parer mio anche di vita), una corsa della durata di una settimana fa frullare nella testa tanti pensieri, saggi e stupidi allo stesso tempo. Una cosa però è certa: è come fare un “reset” nella propria mente, una sorta di refreshing dove si capisce quali sono davvero le cose importanti nella propria vita. Cioè gli affetti, i nostri cari, l’acqua, il cibo. Ci si sente più leggeri e purificati al ritorno a casa, si vive tutto sotto un’altra ottica, quella del “qui e ora” e non quella del “voglio avere”. Correre a contatto con la natura, assaporare le usanze e la cultura di paesi lontani, vivere queste esperienze, provare a mettersi in gioco… Ci si sente vivi, felici e fortunati. Le immagini, meglio delle parole, possono testimoniarlo.

 

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche