Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
11 aprile 2014 5 11 /04 /aprile /2014 06:57

Il Cammino come rito d'iniziazione, ma anche strumento di trasformazione e di crescitaOspitiamo qui di seguito una riflessione di "Guido Ulula alla Luna", medico e psicoterapeuta, ma anche camminatore e guida per La Compagnia dei Cammini. 
In una Società affluente come la nostra, in cui si è perso il senso dei "riti di passaggio" che sanciscono il passaggio dall'infanzia all'età adulta, attraverso dei riti di passaggio o la sottoposizione a prove iniziatiche (come l'esperienza della solitudine o dell'autosuffcienza fuori dall'abbraccio protettivo del proprio gruppo tribale), il Cammino e il Camminare possono rappresentare una forma alternativa (ed accessibile) dei riti d'iniziazione di cui si è persa memoria ed uno strumento di crescita e di trasformazione, lontano dal fracasso dei Media e possibile (e praticabile) strumento di trasformazione interiore e di crescita. E posono anche essere un'attività "donatrice di senso" in una società come la nostra che è sempre più confusa e disorientata: il Cammino fornisce delle direttive ed un sesno di marcia, ma anche la consapevolezza che la metà lontana si costruisce semplicemente "passo dopo passo".
Camminare, se lo si fa tenendo conto di tutto questo, è "rivoluzionario". 

Uniformità.
Dei generi sessuali, delle età della vita, delle tradizioni etniche.
In psicologia si osserva che tutto ciò che è indeterminato porta confusione, quindi deficit di progetto, quindi insoddisfazione ed infelicità.
È la diversità, in tutte le sue sfaccettature, che arricchisce e permette ad ogni aspetto della natura di esprimere al meglio tutte le sue caratteristiche.
L’uniformità dominante è consumistica.
L’educazione ai problemi reali dell’essere umani, da quelli affettivi a quelli generazionali, viene totalmente dimenticata.

Stefano Levi Della Torre nel suo libro “Amore” avanza l’interessante ipotesi che la fase storica che stiamo attraversando sia caratterizzata dal “figliarcato”.
Cosa rimane in questi ultimi decenni dopo la radicale, e per tanti versi sacrosanta, messa in discussione della figura del padre padrone e delle sue millenarie leggi patriarcali?
Siamo in un’epoca confusa, indeterminata.
Ecco allora che il figlio, noi tutti, ha come riferimento prevalente la Madre, portandosi dietro, ben oltre l’età infantile, l’aspettativa che tutti i suoi bisogni vengano miracolosamente soddisfatti da qualcuno.
E se fosse questa la radice del consumismo?
Questa potrebbe anche essere una delle molle che fa scattare oggi tanti femminicidi.
Uomini bambini, con regole morali fragili e scarsa autonomia, che, di fronte all’abbandono della loro compagna, non concepiscono altra soluzione se non quella di annientare colei che osa togliergli la sicurezza della cura, scambiata questa con l’amore.
Quando l’Amore adulto è, al contrario, concepire e praticare il bene dell’altro.

Il cammino come rito d’iniziazioneSappiamo tutti, e se l’abbiamo dimenticato è ora che ce ne rammentiamo, che la crescita di un individuo equilibrato e sano necessita di tanti passaggi, spesso non facili, e di guide autorevoli che sappiano condurre fino alla piena responsabilità verso se stessi e gli altri.

Le società tradizionali disponevano al riguardo di molteplici riti d’iniziazione, che avevano lo scopo di traghettare dal “tutto è dovuto” dell’infanzia al “saper stare al mondo” dell’adulto.
Dove sono finiti questi indispensabili passaggi di crescita?

Sta qui un altro tassello della nostra riflessione collettiva sull’importanza del riprendere a camminare.
Reinsegnamo ai bambini l’andare a scuola a piedi in gruppo e su percorsi protetti, invece di comodamente scarrozzarli su scatole chiuse che chiamiamo automobili.
Reinsegnamo ai giovani l’arte, che è piacere e fatica insieme, del cammino, invece di lasciarli crogiolare nei miti della velocità e del virtuale.
Reinsegnamo a tutti quanti che è un passo dopo l’altro che potremo affrontare e risolvere anche i problemi che paiono insormontabili, uscendo dall’illusoria onnipotenza che basti desiderarla per raggiungere una meta.

Il cammino, in tutte le sue forme, può davvero diventare rito d’iniziazione per recuperare un giusto rapporto con noi stessi e la natura.
Noi camminatori, se consapevoli del gesto rivoluzionario che compiamo, siamo esempi viventi di questa modalità ecologica del vivere.

 

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche