Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
15 agosto 2014 5 15 /08 /agosto /2014 05:52

Il mio Cammino di Santiago. Sesto giorno di viaggio (1 agosto 2014): da Navarrete a Santo Domingo de la Calzada. La spiritualità del Cammino e le motivazioni ad affrontarlo

Prosegue il Cammino dei siciliani Elena Cifali e di Rosario Maccarone. I due continuano a procedere alacremente e di conserva e nella tappa del 14 agosto 2014 hanno camminato per 38 km da Navarrete a Santo Domingo de la Calzada, un grosso comune spagnolo di 6.780 abitanti situato nella comunità autonoma di La Rioja, legato al Cammino di Santiago fin dalle sue origini nel secolo XI (Calzada significa, infatti, "carreggiata" e, per estensione "sentiero" o "cammino").  Rispetto agli altri Pellegrini il loro passo é celere, da maratoneti che invece di correre camminano a passo svelto, portando con sé con la propria attrezzatura. Superati i Pirenei che si sono già lasciati alle spalle, il loro percorso si distende lungo una piana che pare non aver mai fine, ma si tratta pur sempre di un altopiana, dove l'aria è più rarefatta e il cielo più azzurro e trasparente.
Affiora la questione se il Cammino sia "spirituale" o meno. Difficile dirlo.
Chi percorre la via ha delle motivazioni diverse, come si può evincere anche leggendo le molteplici memorie e resoconti di esperienze lungo il Cammino di Santiago, dalla più laica a quella più trascendente. E, senza dover ricorrere a parole grosse come "spiritualità", la cui ricerca può essere -in effetti - solo appannaggio di pochi, L'esperienza del cammino dovrebbe quanto contenere in sè una ricerca di interiorità - ed aprire le porte ad essa - attraverso l'esperienza diuturna della fatica e della solitudine a contatto un sentiero percorso in passato da decine di migliaia di pellegrini e al cospetto di un paesaggio naturale che, nella sua desertitudine - negli intervalli tra una cittadina e l'altra - può avere in sé qualcosa di grandioso e di mirabile.
Ma ciascuno è ala ricerca di qualcosa o semplicemente desideroso di vivere un'esperienza che, comunque sia, è intensa e coioinvolgente (il viaggio è in sé importante, ancor più che la meta in sé).
Non si può certamente dire che per il fatto di essere in cammino verso Santiago de Compostela sia "spirituale": ciò che conta é la disposizione d'animo, il fatto che si possano fare degli incontri lungo la via con altri con differenti motivazioni, oppure l'attivarsi improvviso di slittamenti e di movimenti interiori, a contatto con la solitudine e con limmensità del paesaggio, con l'ampio cielo vuoto, con il canto del gallo al primo mattino.
Forse, è controindicato - ai fini dell'esperienza - essere in due che camminano di comune accordo: èla stessa differenza tra il fare un viaggio - qualsiasi - da solo o in compagnia.
La compagnia ti impedisce di perdere il contatto con il luogo da cui provieni, di "perderti" in un certo senso con l'allentamento momentaneo dei vincoli: solo la solitudine e l'elaborazione silenziosa di ciò che ti accade può attivare dei potenti movimenti trasformativi interni. La compagnia, in un certo senso, rende ciechi e sordi ed impedisce di "vedere" veramente e, nello stesso tempo, di ascoltare il proprio cuore.
Bisogna essere capaci di lasciar andare la propria sicurezza e ritrovarsi sulla strada da soli e vedere cosa succede a questo punto. 
Il punto centrale, probabilmente, è questo: la necessità di attivare un diverso "registro" interiore e per poterlo fare occorre essere da soli materialmente o anche da "soli in compagnia".
E con questa tappa e con questa questione si entra nel vivo del Cammino di Santiago. 

 

 

Il mio Cammino di Santiago. Sesto giorno di viaggio (1 agosto 2014): da Navarrete a Santo Domingo de la Calzada. La spiritualità del Cammino e le motivazioni ad affrontarlo(Elena CifaliPartiti da Navarrete, dopo 38 km siamo arrivati nel primo pomeriggio a Santo Domingo de la Calzada

 

Io e Rosario continuiamo a procedere quasi in completa solitudine. Sono ben pochi i pellegrini che scorgiamo davanti a noi.
Il loro procedere lentamente ci invita ad accelerare il passo, mal sopportiamo qualcuno avanti. 
C'è poco da fare, siamo maratoneti.
Fianco a fianco, senza sentire la reale necessità di allontanarci l'uno dall'altra.
I momenti di silenzio sono davvero pochi e, solitamente, durante le prime ore del pomeriggio, quando la digestione prende il sopravvento e il sole picchia forte sopra le nostre teste. 
Superati i Pirenei, durante i primi giorni, le zone con gli alberi alti e folti sono davvero poche. Il paesaggio è spesso monotono, ma non per questo poco bello. 
Le prime ore del giorno ci regalano la visione di un cielo che mi sembra più alto, ma di un azzurro diverso da quello siciliano.
Le città sono simili alle piccole cittadine della provincia di Catania, stesso stile e stesso traffico.
I piccoli borghi invece sono stupendi, calati o scavati tra le pietre bianche. 
Qualcuno dei miei amici continua a chiedermi quanto spirituale sia il Cammino. 
Be'! oCiascuno di quelli che scelgono di attraversare questa esperienza (che per alcuni é anche sofferenza) lo fa per un motivo personale, ma sul fatto che il cammino sia prettamente spirituale inizio ad avere seri dubbi.
La strada è ancora tanto lunga, 565 km a Santiago: chissà, magari il Santo ha in serbo per me qualcosa che ancora non ho scoperto!
 

 

 

Leggi il resoconto di tutte le tappe

  1. Il mio Cammino di Santiago. E' iniziato il viaggio di Elena Cifali. La prima tappa da Saint Jean Pied de Port a Espinal 

  2. Il mio Cammino di Santiago. Oggi tappa di 35 km da Espinal a Pamplona 

  3. Il mio Cammino di Santiago. Il viaggio prosegue! La terza tappa da Pamplona a Mañeru: in anticipo sulla tabella di marcia

  4. Il mio Cammino di Santiago. Quarto giorno, da Mañeru a Los Arcos 

  5. Il mio Cammino di Santiago. Quinto giorno di viaggio per Elena Cifali e i pellegrini siciliani (13.08.2014)

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche