Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
5 ottobre 2012 5 05 /10 /ottobre /2012 23:52

laura-Ricci_Passatore.jpgLa toscana Laura Ricci (ASD Atletica Massa Carrara) ama correre tanto per la gioia in sè della corsa ("Io non mi fermo mai e sono felice!").
Nel corso degli anni ha progressivamente aumentato le distanze, sia nell'ambito del trail e della corsa in montagna, sia nelle corse su strada.
E' stato così che nel 2012 ha partecipato - in un Twin Team misto - all'Abbots' Way, vincendo e, dopo un mese circa, alla sua prima 100 km del Passatore con un tempo finale inaspettamente buono (10h08').
Nello scritto che segue Laura Rici si presenta, ci racconta chi è, da dove viene, da dove si origina la sua passione per la corsa e su quali sogni si alimenta.
Il suo sogno definitivo? Correre un'ultramaratona nel deserto.

Saremo lieti di ospitare altri scritti di Laura Ricci su questa pagina web.
(Laura Ricci) Mi chiamo Laura Ricci, ho 43 anni, abito a Massa, in provincia di Massa-Carrara e corro da quando ho avuto la possibilità di andare in strada da sola, ho sempre amato lo sport e in particolare correre.
Negli anni, lo sport è diventato il mio abito, il mio vestito, la mia seconda pelle.

Non ho mai fatto sport agonistico, perché la mia famiglia aveva bisogno di soldi e quindi ho iniziato a lavorare molto presto, non avevo tempo da dedicare alla corsa (se non quello che mi ritagliavo giorno per giorno), ma già allora - in gioventù - avevo compreso la mia predisposizione per il running.

Ho continuato il mio "percorso" come atleta (anche se non non mi ritengo un "atleta" nel senso canonico del termine, ma per capirci meglio userò questo termine) e da adolescente lo sport è stata una delle mie ancore di salvezza. I problemi tipici di quell'età con il cibo, con il rapporto con il mio corpo, anche se di lieve entità, li ho superati con l'amore per la corsa: se non mangi non ce la fai a correre…

Correre, quindi, è sempre stato per me lo strumento per star bene con me stessa.

Mi sono fidanzata prestissimo, a 17 anni, e continuando sempre a correre sono arrivata all'età di 31 anni. Poi  è venuta la scelta di avere un figlio (Federico) e ho corso fino al 4 mese avanzato di gravidanza.
Dopo mi vergognavo della gente che mi vedeva e, quindi, ho comprato un tapis roulant e ho continuato moderatamente in casa.
Ma in quel periodo ho preferito la piscina e prevalentemente nuotavo.
Il tapis roulant mi sarebbe servito comunque nei primi mesi di vita del bimbo per non lasciarlo. Correvo mentre dormiva (ripresi a correre quasi subito) e così la mia vita scorreva.
Laura Ricci 02Rimasi incinta della mia seconda figlia (Martina): stessa identica storia, con l'aggiunta della difficoltà di avere due figli, un lavoro, un marito e un hobby cosi importante per me da non volerci rinunciare.
E ho continuato a correre.

Nel frattempo, sono iniziati i problemi con il mio attuale ex-marito e, sempre in questo periodo, ho iniziato a partecipare alle mie prime gare locali (“Corrilunigiana”). Furono gare brevi di 10-15 km massimo, quasi tutte ambientate in montagna, con percorsi bellissimi nei boschi, ma anche nei paesini della Lunigiana, in un territorio stupendo ricco di storia e di tradizioni, sempre in provincia di Massa-Carrara.

Il mio matrimonio sembrava non avere ripresa e io scaricavo tutto nella corsa che ancora una volta è il mio rifugio e il mio unico aiuto.

Nel 2008, è finito il mio matrimonio e, da allora, ho preso a correre quanto e come mi piace, non ho progetti o programmi di corsa ma solo la passione per la corsa e per le persone che mi circondano, che ormai sono quasi esclusivamente runner...

Il “Corrilunigiana” richiede come tutte le gare un'iscrizione ad una società: la mia diventerà l'Atletica Massa Carrara quella della mia città, dove ho iniziato a frequentare sempre di più il mondo dell'atletica...

Anche Federico,  il mio primo figlio ha iniziato a correre....

Non lascerò mai il mio primo amore il “Corrilunigiana”: sarà una fedeltà destinata a durare nel tempo.

Poi,  o iniziato con le prime mezze maratone su strada: Portofino, Pisa, la “Maratonina dei tre pontili” (Forte dei Marmi ), Torre del Lago (e credo che questa gara sia statain assoluto la mia prima mezza e l'anno scorso ho partecipato con una mia amica vestita da “figlia dei fiori” (novella hippie!) ed abbiamo ragiunto il podio come miglior maschera, ma la vittoria più grande di quel giorno e di aver corso tutta la gara con i "maratonabili". Ho urlato come una pazza, cantato e non mi ero mai divertita tanto: ne sono uscita senza voce ma con il cuore pieno.

Poi, ancora mezze maratone a Scandicci e i miei primi 30 km a Parma con la 30 km della Duchessa che ho portato a termine in circa 2h30' per poi preparare la mia prima maratona a Roma nel 2011 che ho finito in 3h40' circa (non ricordo bene i tempi perché per me la prestazione cronometrica non è fondamentale, anche se non nascondo che mi piace arrivare bene) e molte altre...

Laura Ricci 06Il mio miglior tempo nella mezza maratona l'ho fatto a Portofino a marzo 2012, con 1h37': percorso non da tempo, ma la mia forma era in crescita grazie anche al fatto di aver conosciuto una parte fondamentale del mio percorso.

Il mio coach attuale è Paolo Barghini, ultramaratoneta pluridecorato.
In realtà, lui non è il mio coach ma il mio sogno!

Ci siamo conosciuti l'anno scorso. Mi ero fatta male ad una caviglia e, tra una gara in strada e l'altra, non avevo mai dimenticato la mia passione per il trail e alternavo mezze su strada e trail.
Il più famoso trail al quale ho partecipato è quello di Portofino dove mi sono sempre classificata tra le prime tre di categoria nel 2010 e terza di categoria nel 2011 (i risultati sarebbero da controllare ma, se non sbaglio, sono questi).

Mi sono rivolta a paolo Barghini ed ho iniziato il mio rapporto atletico con lui, perché volevo partecipare al Trail del Golfo di La Spezia e la mia caviglia “traumatizzata”,  mi aveva obbligato a stare ferma. Speravo lui mi desse qualche consiglio per recuperare in fretta per avere cosi la possibilità di fare questo bellissimo trail vicino a casa mia.

Paolo ed io siamo subito entrati in sintonia: il mio trail quell'anno non l'ho fatto, ma ho avuto l'onore di accompagnare lui e i suoi ragazzi che, di li a poco, avrebbero vinto la Sahara Race, balzando agli onori delle cronache nazionali....

Io e Paolo ancora oggi corriamo insieme. Lui ha rinunciato a farmi una tabella, anche se dice che io potrei fare molto di più se solo ci mettessi la testa. Io amo correre con lui e quest'anno sono andata molto vicina a realizzare quello che è il mio sogno fare un'Ultramaratona nel deserto: per questo dico che lui è il mio sogno, ho avuto la fortuna di conoscerlo e lui crede che io sia in grado di poterla fare; il mio unico problema è economico, per il momento non posso affrontare una spesa tale, ma non ci rinuncio! Per adesso il mio sogno è solo congelato (“nel deserto”)!!

Con Paolo corro di continuo e facciamo molti chilometri. Lui è perennemente in preparazione e io lo seguo: sono sempre pronta adesso per qualsiasi cosa, insieme abbiamo preparato la maratona di Pisa dove ho migliorato il mio tempo a 3h28 poi ancora meglio quella di Milano: qui devo ringraziarlo perché mi ha accompagnato fisicamente e ho raggiunto il mio tempo migliore in maratona che è di 3h24'40.

Tra una corsa e l'altra ho conosciuto Antonio Musetti su FB, amante della corsa in montagna come me ed è iniziata un’altra fantastica amicizia.

Laura Ricci 08Lui mi propone di fare una gara a coppia L'Abbots' Way. E' stato un successo. Il percorso è quello che mi piace di più, i chilometri sono 60 a testa, ma l'euforia e l'adrenalina non mi mancano.

Sono riuscita in questa nuova impresa, anche con l'aiuto di un altro mio carissimo amico Claudio Giannini che ci ha seguito per tutta la gara spostandosi da un punto all'altro (perché noi avevamo scelto di fare 30 io 30 lui, poi di nuovo io e lui, per evitare che io andassi incontro alla notte non essendo abituata)e aiutandoci nell'alimentazione e nell'integrazione tra una tappa e l'altra sempre sotto consiglio di Paolo Barghini che ci seguiva da casa restando in contatto con Claudio.

Claudio mi ha seguito anche nella gara più importante che io abbia fatto fino ad adesso che è la 100 chilometri del Passatore.
Ed ecco come è andata.
Un giorno, per gioco, al campo scuola dove mi alleno con Paolo una sua atleta dice che vuole fare il “Passatore”. Io che, come al solito, non conosco bene le gare, i percorsi, l'altimetria e tutto il resto, credendo che il “Passatore” fosse un trail ho detto: "Ma sì, vengo anch'io!".

Paolo mi guarda e dice: "Ok, facciamo il “Passatore!”.

Tornata a casa chiamo Musetti e gli dico: "Ho deciso di fare il “Passatore”, vieni anche tu?". Lui mi dice: "Ma, Laura, tu il “Passatore? E’ una gara su strada di 100 km!
Io, sul momento, rimango interdetta: su strada? Ormai l'avevo detto e da lì non si torna indietro.
Si sono aggiunti a me altri quattro ragazzi della Free Run (gruppo di amici maratoneti incorporato all'atletica Massa) e ha avuto inizio un periodo bellissimo concentrato tutto sulla nostra impresa. Credo che la parte che mi è piaciuta di più sia stata quella che ha preceduto la gara e la successiva: riunioni, discussioni, preparativi, cosa si mangia durante la corsa, come si integra, come si parte, quale il ritmo, la facciamo insieme o no e tutte quelle cose che ogni runner conosce bene. Era l'avvicinamento alla nostra prima esperienza di 100 km.

Loro, sostenendo che io ero la più preparata, per il fatto che comunque avevo già fatto la 60 km all'Abbots' Way e avevo già corso 50 km più volte in allenamento,hanno deciso che io avrei dovuto correrla da sola. Io avevo pensato di fare i primi 50 km con loro e poi, se ne avevo, di andare. Paolo sosteneva che fino al 70° km avrei dovuto trattenermi per non scoppiare e che la gara "vera" iniziava dal 70° km, ma io - come al solito - alla partenza ho staccato la testa e sono andata... Il crono finale di 10h08' per me è stato un successo inaspettato: sono arrivata 12^ donna assoluta,  nona del Campionato italiano FIDAL 100 km su strada.

Del "Passatore" devo dire che, pur essendo una gara su strada e quindi non delle mie preferite, è unica.

Il panorama che ti offre è bellissimo e sei immerso comunque nella natura: ed è per questo che molte persone che corrono hanno coltivano il sogno di fare questa gara.

Alcuni amici, certe volte, mi fermano ammirati della mia impresa ed è bellissimo.
Io credo di non aver fatto niente di particolare, se non correre per molte ore ma loro vedono oltre...

“Il Passatore” è un sogno!!

Certe persone lo preparano per mesi e alla fine magari rinunciano: io l’ho fatto per gioco e sono felice di averlo finito.

I miei programmi futuri? Correre per divertirmi!

La “Matta corsa” è il mio prossimo impegno di divertimento e per l'amore che ho per la montagna o comunque lo sterrato il "Trail del tartufo”.

Il mio sogno definitivo?  Una qualsiasi ultramaratona del deserto, magari con il mio stimato coach Paolo Barghini!

Concludo dicendo che per una donna correre non è cosi facile come per un uomo e che le donne che riescono meritano la mia stima, noi abbiamo molti più ostacoli ed impegni famigliari e di lavoro di un uomo!

Non solo anche il solo fatto di non poter correre in certi orari o in certi luoghi da sole diventa un problema squisitamente femminile.

In particolare la mia ammirazione va  a quelle donne che come me che amano la corsa in montagna.

Io non mi fermo mai e sono felice!




Laura Ricci è su Facebook

 

 

 

Le foto utilizzate per quest'articolo provengono dal profilo facebook di Laura Ricci

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche