Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
8 febbraio 2013 5 08 /02 /febbraio /2013 17:58

 

L'impresa delle I tre palermitani Claudia Occhipinti (ASD SportAction), Marco Saitta e Salvatore Maira (ASD Panormus Bike and Trail Team), tutti e tre runner e trailer di consolidata esperienza, hanno messo in atto l'ambizioso progetto (sviluppato a partire da un'idea di Salvatore Maira) di percorrere in tappa unica  la distanza compresa tra Palermo (con punto d'inizio ai piedi della Scala Vecchia che sale a Monte Pellegrino e Palermo (falde di Monte Pellegrino) toccando le tre cime del lato Nord della Conca d'oro  e, cioè, Monte Pellegrno, Pizzo Manolfo e Monte Cuccio: un percorso impegnativo sia per la dstanza complessiva (76 chilometri, inclusi i tratti di raccordo con la seconda e la terza montagna, ma anche per il dislivello altimetrico: 608+800+900 metri D+).
Un vero e proprio raid podistico...

I tre pionieri hanno pianificato attentamente la loro impresa e, un bel giorno, alle primissime luci dell'alba si sono messi in cammino.
Hanno completato con successo la loro impresa, attenendosi rigorosamente alla "camminata" più o meno veloce a seconda dell pendenze con cui si confrontavano. Il loro obiettivo era quello di completare la distanza, portando al termine un impresa podistica unica nel suo genere e ancora mai tentata.
Non importava loro di correre il più velocemente possibile, ma soltanto dimostrare che l'impresa era realizzabile.
E, in poco meno di 14 ore, i tre intrepidi ce l'hanno fatta raggiungere il loro personale obiettivo.
Complimenti!, dunque, ai tre valorosi di casa nostra per la grande impresa, che potrebbe considerarsi l'edizione Zero di un'ipotetica gara di ultramaratona palermitana (con un perco misto asfalto/sterrrato/single track), nello stile Urban Trail, come è - tanto per fare un esempio - il Maddalena Urban Trail di Brescia...
Chissà! Da cosa nasce cosa.
Nel compiere una simile impresa da pioniere se c'è innanzitutto come fattore motivante il piacere di sperimentare un'inedita avventura (come è nel caso dei Trail Auto-gestiti), ma - in secondo luogo - vi è il desiderio di tracciare una via, mettendo la propria esperienza, al servizio di altri...
Grandi gare podistiche sono nate esattamente in questo modo: come, ad esempio, la Pistoia-Abetone (oggi rinomatissima) avviata in modo quasi "mitico" dal podista pistoiese Artemidoro Berti che volle dimostrare che si poteva correre da Pistoia a L'Abetone (70 metri di dislivello sul mare ai 1400 slm dell'Abetone) al di sotto di un certo tempo cronometrico.
L'impresa delle Da quella prima esperienza pionieristica di corsa in solitaria compiuta da Berti, per quanto con testimoni e giudici che potessero certificare sia la distanza percorsa sia il crono realizzato, è scaturita una delle più celebri ultramaratone su strada italiane.
A titolo di curiosità aggiungiamo questa piccola chicca che ci viene dalla testimonianza riportata da Maurizio Zappulla, ASD Palermo H13.30), secondo la quale una esprienza similare con le Mountain Bike era già stata avviata alcuni anni fa: "Tanti anni fa io, il Maestro Vella e qualcun'altro inventammo la 'Tre cime MTB', una gara di mountain bike a cronometro. Così articolata: partenza da Scala Vecchia tutti insieme e arrivo al Santuario, dove si prendevano i tempi. Si aspettava l 'ultimo e si partiva in gruppo per monte Gallo. Da lì, si partiva di nuovo insieme e, arrivati in cima, si ripeteva lo stesso discorso con la terza montagna individuata che era Pizzo Manolfo. Si faceva la somma dei tempi che ciascuno aveva realizzato nelle tre salite e si individuava il vincitore. A maggio 2013 ci sarà la terza edizione!".
Claudia Occhipinti ha raccontato in un suo scritto questa bella esperienza: scritto inizalmente lanciato sul sito web di ASD Trinacria Palermo (pubblicato il 6 febbraio 2013). Eccolo.



E tre cime... furono

 

L'impresa delle (Claudia Occhipinti) Durante il periodo natalizio un amico venne da me per parlarmi di un progetto che gli era stato suggerito: percorrere in un solo giorno - e consecutivamente - le tre cime di Monte Pellegrino, Pizzo Manolfo, Monte Cuccio. L'idea mi ha subito affascinato, ma- inizialmente - l'ho considerata inconsistente, uno di quei propositi di cui si parla, ma che non si concretizzano mai veramente.
Invece una domenica, esattamente il 13 gennaio 2013, senza capire come, mi sono ritrovata alle 7.00 allo stadio delle Palme perché avevo un appuntamento con gli altri due compagni dell'impresa: Marco Saitta e Salvatore Maira
Qualche giorno - molto francamente - avevo sperato che l'impresa saltasse a causa delle condizioni meteo, perché, dopo una settimana di intenso lavoro e di impegni familiari, quando arriva la domenica, vorresti rilassarti, ma ci sono molti modi per rilassarsi e non si può tornare indietro: sarebbe come tradire gli altri.
Pochi preamboli: si parte e comincia il "folle" volo con un equipaggiamento costituito da zainetto camel bag con un litro d'acqua, pantaloni lunghi e maglia lunga di ricambio, cappellino, guanti, giacca anti-pioggia e lampada. Il tutto mi è sembrato esagerato, ma ho accettato di portare tutto con me, seguendo i consigli del saggio e più esperto Saitta.
Il tempo sembra favorevole, la temperatura è accettabile, anche se il cielo è coperto.
Partiamo dallo Stadio e,  attraversando la Favorita, giungiamo ai piedi della Scala Vecchia che porta al Santuario di S. Rosalia.
Comincia la prima salita, che facciamo rigorosamente camminando: c'è il divieto assoluto di correre, meglio il passo svelto (di una corsa che sarebbe troppo lenta) per non consumare troppe energie. Giunti alle Antenne [che rappresentano il punto più alto del Monte Pellegrino - ndr] scattiamo la prima foto ricordo.
Il tempo è passato veloce tra le chiacchiere e siamo ancora "freschi".
Scendiamo al Santuario e poi seguiamo la strada che porta a Mondello, evitando la "Rufuliata" per non infangarci: occorre mantenere condizioni ottimali, poiché i chilometri sono ancora tanti.
L'impresa delle Proseguiamo per viale Venere e via dell'Olimpo sino al Cinema Aurora a Tommaso Natale. In questo tratto del percorso, ho sofferto a causa della monotonia della strada piatta e della presenza delle macchine; e sono quasi stata sopraffata dalla voglia di mollare, ma non volendo scoraggiare gli altri, ho cercato di distrarmi ascoltando i loro discorsi. 
Si comincia la seconda salita, nel corso della quale effettuiamo una breve sosta, appena giunti al Belvedere [dal quale si gode un panorama eccellente sia di Monte Gallo, sia di Monte Pellegrino - ndr], per fare uno spuntino di cereali in barrette, mandorle, uva passa e cioccolata. La strada è facile, ma comincia una fine pioggerellina che ci costringe ad indossare le giacche antipioggia, ed io metto anche il cappello: meno male che ho dato retta a Saitta!
Finora tutto bene: non avverto eccessiva stanchezza e sento di poter continuare; tuttavia mi angoscia sentire i miei compagni che comunicano i chilometri percorsi. Io mi affido a loro completamente e alla loro esperienza e cerco di distrarmi dal pensiero che dovremo andare avanti fino a sera. Ascolto le chiacchiere in silenzio, anche perché non è facile intervenire: loro parlano di tutto, dalla politica ai fatti personali ed hanno moltissima energia. Io ne approfitto e ascolto,senza mai interloquire, ma vengo "bacchettata" per il mio isolamento e mi viene imposto di partecipare ai discorsi... Intanto, passa il tempo e con le ore che scorrono si consumano i chilometri.
Siamo alla seconda cima e facciamo la seconda foto che ha il valore di una medaglia: 
Monte Cuccio stiamo arrivando!
A questo punto incontriamo una difficoltà e azzardiamo una strada per uscire dalla riserva e imboccare la Statale, dalla quale giungere alla terza cima. Saremo già al 30° chilometro, e comincia per me un periodo di crisi, anche a causa dei piedi doloranti. Ho sbagliato scarpe: quelle che indosso sono troppo consumate e la suola è sottile al punto che la pianta è troppo sensibile alle pietre e alle asperità. La crisi continua sino al 40° chilometro, quando improvvisamente avverto di avere superato una soglia del dolore e che posso continuare a lungo, quasi per inerzia.
L'impresa delle Finita la Statale, siamo davanti al cancello per attaccare la terza salita importante. Intanto, ha cominciato a piovere: la temperatura s'è abbassata, le mani sono fredde e quasi non riesco a muoverle; ci consultiamo sul da farsi e ventiliamo la possibilità di abbandonare, ma all'imporvviso il materializzarsi d'un meraviglioso arcobaleno ci suggerisce di fare il contrario. E così continuiamo con la consapevolezza che non ricapiterà facilmente l'opportunità di raggiungere l'obiettivo che ci siamo prefissati.
Il percorso all'inizio non è molto bello: 
ovunque si vede materiale di risulta, ma lo spettacolo peggiore lo offrono gli alberi spezzati, schiantati, bruciati e abbattuti, cadaveri vegetali sparsi dappertutto, che suggeriscono l'idea di un "cimitero di alberi". Salendo ancora giungiamo al "quadrivio" [dove le strade si dividono: una scende per Torretta, l'altra va per Montelepre, mentre la terza si inerpica su per il pendio di Monte Cuccio, per poi perdersi - ndr], dove si vede un bunker (risalente alla 2^ Guerra Mondiale) e, a sinistra, forse i resti di un'antica torre, un manufatto abbandonato come tanti ce ne sono a Palermo e dintorni.
Superiamo un altro cancello e adesso il paesaggio diventa bellissimo: siamo circondati da boschi di pini e prati verdeggianti dove ci fermiamo per un secondo spuntino. Continuiamo a salire: non c'è anima viva, solo mucche sparse qua e là che bloccano il percorso, ma appena ci avviciniamo si spostano impaurite.
Finalmente raggiungiamo la terza cima: qui la sensazione è bellissima. Riflettere al fatto che siamo riusciti ad avere il controllo su tutto e che siamo riusciti a gestirci passo dopo passo, senza lasciarsi travolgere dalle difficoltà, è la sensazione più esaltante.
Le condizioni fisiche però sono precarie: con le gambe "imballate" che non si piegano facilmente, mi cambio per indossare i pantaloni e la maglia lunga, ma ho difficoltà ad usare le dita per allacciare le scarpe.
Cominciamo la discesa da Monte Cuccio: a questo punto dobbiamo affrontare ancora 23 km, perchè su in cima erano 53. Ora il problema sarà rifare il percorso al buio: ci resta un po’ di tempo per uscire dalla riserva ancora con la luce.
Ora la mia più grande paura è sbagliare strada, ma vengo rassicurata dai miei compagni che conoscono bene il percorso perché lo hanno fatto tante volte in mountain bike.
Il ritorno è stato veramente duro, soprattutto il tratto di statale e la strada verso la staccionata panoramica di Pizzo Manolfo. Ormai parliamo poco e procediamo per inerzia, e meno male che la serata è splendida e si vede un bel cielo stellato.
Tagliamo dalla "Vacca Morta" e dopo 4 km siamo al cancello dove un meraviglioso Fabrizio Saitta come un vero "deus ex machina" è venuto a prenderci.
Non sono mai stata così felice di vedere qualcuno!
Totale: 76 km per 13h40', e siamo ancora vivi!



Foto di Maurizio Crispi 

 

 

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche