Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
18 luglio 2013 4 18 /07 /luglio /2013 07:35
Lo Zen, la Corsa e l'Arte di Vivere con il Cancro. Un testamento spirituale e una lezione di vita che tutti - e non solo i runner - dovrebbero leggere(Maurizio Crispi) Il libro di Simone Grassi  Lo Zen, la Corsa e l'Arte di Vivere con il Cancro, Youcanprint, 2013) possiede una forza incredibile: con i suoi tre diversi piani narrativi (tutti autobiografici, anche quello in vena immaginifica SF) ti colpisce nel profondo. E non solo se ci si accosta alla sua lettura da runner, avido di conoscere le esperienze di corsa, fatte da un appassionato che, nella sua breve vita podistica, è riuscito ad essere ad alto livello (un 8h10'48, alla sua prima esperienza alla 100 km del Passatore, maggio 2010). 
Ti colpisce anche su di un piano semplicemente umano, per la lucidità con cui una malattia che non perdona (la prima diagnosi proprio nel 2010, poco dopo il Passatore) viene raccontata dal momento del primo svelamento ad un punto in cui tutto sembra essere in un equilibrio (che in realtà attiene al raggiungimento di quella fase che alcuni studiosi che si sono occupati del "morire", cioè all'"accettazione" di ciò che ti sta capitando. 
Poco dopo la pubblicazione a stampa del volume che, inizialmente, aveva visto la luce in forma digitale, Simone Grassi non ce l'ha fatta e ci ha lasciato (il 22 gennaio 2013). 
Con questo libro che è, in qualche modo, un suo testamento spirituale, un suo lascito, egli innegabilmente - e ciò si può dire senza alcna retorica - continua a vivere in una maniera forte ed intensa, continua a camminare con noi e a correre tra noi, compagno di corse e di avventure (ed anche, senza averlo voluto perché non era nel suo stile, maestro di vita). 
Lo Zen, la Corsa e l'Arte di Vivere con il Cancro. Un testamento spirituale e una lezione di vita che tutti - e non solo i runner - dovrebbero leggereUno che l'ha conosciuto personalmente e lo ha visitato spesso negli ultimi mesi di vita rievoca: "Ogni volta che sono andato a fargli visita, durante la sua malattia, mi sono stupito di quanto ricevevo da lui e del fatto che era lui a incoraggiare me. L'ultima volta che l'ho visto spendeva gli ultimi spiccioli di vita, ma continuava a trovare, in qualche angolo della sua infinita umanità, la forza per un ammiccamento, per una mezza risata, che pagava poi con una lunga serie di dolorosi colpi di tosse".
Il suo modo di essere continua a influenzare positivamente tante, tantissime persone.
I suoi resoconti di corsa sono vivi e palpitanti e fanno parte del Simone di "prima", cioè prima dell'avvento della malattia, a cui fanno da contrappunto i brevi capitoli che raccontano la storia di quel carcinoma polmonare assurdo ed insensato che lo ha colpito subdolamente in troppo giovane età e quelli sul futuristico Sigi (che nell'intenzioni dell'auturo, incarna un Simone dei desideri che vive in un immaginario - e lontano - futuro).
Ma - per comprendere meglio come è fatto il suo libro - lasciamo parlare lo stesso Simone, citando quasi nella sua integrità la breve nota che precede il testo con il titolo "Avviso ai naviganti", estremamente importante - come lo sono, in genere, tutte le cosiddette "soglie" del testo -, perché ci dà un'idea sull'architettura del testo e sulle sue ripartizioni che ne consentono sia una lettura sia diacronica, sia sincronica: essendo in ultima analisi il lettore libero di scegliere il modo di approcciarsi al testo che sia a lui più congeniale.
"(...) Scrivendo mi è venuto spontaneo ballonzolare da un racconto più o meno cronologico del mio primo anno da malato a quello delle esperienze rilevanti della mia pratica sportiva. Nella parte che riguarda la malattia sono entrati spontaneamente alcuni eventi della mia vita i cui ricordi sono emersi rivivendo le sensazioni vissute durante l'ultimo anno da paziente oncologico. L'associazione fra elementi di vita, malattia e corsa, è a volte spontanea e naturale, a volte spero che emerga a seconda della sensibilità del lettore.
Anche il racconto di fiction a sua volta è nato spontaneamente, con la voglia di raccontare una storia nella quale avevo la libertà di inserire eventi non realmente accaduti, per completare la parte autobiografica. E' emerso quindi questo modo di separare ogni singolo capitolo in tre parti, ognuna con il proprio titolo. Spero che la normale lettura dalla prima all'ultima pagina venga naturale e spontanea, anche se pare che qualche lettore abbia finito per leggere prima tutte le prime parti, con tema centrale la mia vita nel primo anno da malato di cancro, o tutte le seconde parti, cioè un'ordine sparso di esperienze di corsa, oppure infine, tutte le terze parti, dove certamente c'è la storia più organica e cronologicamente lineare del libro, il racconto di fiction in cui il nostro amico Sigi è protagonista. Dall'inizio alla fine o altrimenti, l'ordine sceglietelo voi."
Lo Zen, la Corsa e l'Arte di Vivere con il Cancro. Un testamento spirituale e una lezione di vita che tutti - e non solo i runner - dovrebbero leggereLeggendo le sue pagine ci s'interroga: "Che farei al suo posto? Come reagirei? Sarei capace di affrontare la disperazione, cercando di tenere il controllo della mia vita?"; si soffre con lui e con lui si gioisce e, intanto, s'impara qualcosa, indubbiamente: qualcosa che un giorno ci potrà fortificare.
Ed anche s'impara che la corsa, fatta con passione con lo scopo principale di arrivare al traguardo che ci siamo prefissati, ha ben altro scopo: quello di prepararci ad affrontare altri traguardi della vita e sostenere altre sfide.
Confesso che in certi momenti, soprattutto affrontando le pagine che trattano dell'andamento della malattia, ho palpitato e ho sofferto assieme a Simone, ricordando alcune mie limitate (e circoscritte) esperienze di malattia e rivivendo in pieno le ansie ipocondriache che accompagnarono tutti i miei studi di medicina, ma alla fine di ogni breve episodio Simone mi ha ricondotto gentilmente fuori dall'angoscia, nello stesso modo in cui lui stesso nei momenti più cupi si è ritrovato a relativizzare la sofferenza e la caduta secca della prospettiva di vita, trovando degli spunti positivi, e concentrandosi su traguardi limitati, raggiungibili e sostenibili: recuperando in altri termini un atteggiamento positivo e costruttivo.
La filosofia Zen c'è e pervade in maniera a-confessionale tutto il volume e sta proprio nella capacità di Simone di guardare altro e soprattutto identificare le possibilità che si aprono, anzichè rimanere bloccato dal "limite" e piuttosto che rimanere ossessivamente legato all'"ora", soffermarsi ad esaminare l'ieri, alla ricerca di un ricordo dimenticato, di una sensazione positiva, o nella rievocazione - in ordine sparso - delle entusiasmanti (e formative) esperienze di corsa, oppure il domani avveniristico ed improbabile di un S.G. (il "nostro" amico Sigi) proiettato in un futuro lontano in cui le malattie degenerative legate alle mutazioni cellulari causate dal bombardamento di radiazioni spaziali possono essere curate e perfino guarite (o, non ultimo caso, addirittura, regredire spontaneamente). 
Lo Zen, la Corsa e l'Arte di Vivere con il Cancro. Un testamento spirituale e una lezione di vita che tutti - e non solo i runner - dovrebbero leggereEd è bello che la sua storia polifonica si chiuda con la rievocazione di un momento della malattia (all'incirca un anno dopo la prima diagnosi) in cui la ripresa sembra essere possibile e in cui Simone tenta qualche leggera corsetta, all'insegna del desiderio di sperimentare i nuovi limiti del proprio corpo, trovando dunque un nuovo equilibrio.
E in questa chiusura i tre Simone del racconto si completano e si integrano e la storia finisce, perchè in una maniera indelebile il messaggio è stato trasmesso al lettore e non c'è quindi bisogno di dire altro. 
Per motivi di interesse professionale ho letto molti libri sul "morire", sia saggi di studiosi che si sono occupati dell'argomento, sia resoconti autobiografici.
E devo riconoscere che ciò che Simone ci ha lasciato ha, nell'ambito della letteratura esistente,un valore inestimabile sia come testimonianza sia come lezione di vita.
Un'ultima notazione personale: non ho mai incontrato di persona Simone Grassi e mi dispiace.
Con lui, al tempo dell'uscita del libro in formato e-book, abbbiamo avuto soltanto un breve scambio epistolare.
E, alla luce di ciò che ho letto, mi rammarico intensamente di non averlo mai incontrato di persona e di non avere avuto occasione di frequentarlo.


(Dalla prefazione di Stefano Montanari)."Il libro è di una serenità che, se non fosse vizio capitale, definirei invidiabile. Sono due romanzi intrecciati, diversi tra loro ma tra loro indissolubili come gemelli siamesi, anche se i due, fuori di ogni possibilità, vivono su pianeti diversi. Questo è un libro in qualche modo terribile, in qualche modo divertente, in qualche modo appiccicoso: ti resta dentro e non ce la fai ad eliminarlo dalla tua vita. E, allora, un consiglio: chi non vuole sapere che cos'è una maratona corsa contro un avversario che bara e che vuole nientemeno che la tua vita, chi vuole continuare a credere che quelle cose capitano solo agli altri, non lo legga".
Su Simone Grassi su questo magazine online leggi anche:
 

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche