Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
30 luglio 2012 1 30 /07 /luglio /2012 11:18

londra-arresti-critical-mass.jpg

Dietro la retorica delle grandi manifestazioni sportive si celano sempre storie di ordinaria repressione, tanto più esagerata ed immotivata nelle sue manifestazioni violente, quanto maggiore è il prestigio da salvaguardare e quanto più grandi sono le esigenze della "sicurezza". A farne le spese sono spesso cittadini innocenti e esponenti dimanifestazioni pacifiche, come è accaduto a Londra nel corso della cerimonia inaugurale dei Giochi Olimpici.
E' assai discutibile che la "pace olimpica" venga garantita a suon di manganello.

(Da Il Fatto Quotidiano, Marina Pisapia) Mentre lo show di inaugurazione andava in mondovisione, appena fuori dallo stadio olimpico una critical mass di ciclisti veniva "cinturata" e stroncata. Una protesta contro i tagli di Cameron e la scarsa sostenibilità ecologica dei Giochi che rischiava di disturbare il "tedoforo" David Beckham.

l tutto per fare spazio allo splendido David Beckham che, sceso dall’apposito motoscafo, stava percorrendo Stratford High Street per portare la fiaccola olimpica allo Stadio. E la massa critica, un momento di festa per i londinesi che scelgono di usare la bicicletta, si è trasformata in una mattanza con arresti di massa. La giornata di proteste, in contemporanea con l’avvio ufficiale delle Olimpiadi di Londra 2012, era cominciata in maniera allegra e pacifica. Il gruppo Grunts For The Arts aveva organizzato una serie di giochi tra le centralissime piazze Trafalgar Square e Piccadilly Circus. “Per raccontare in maniera diversa l’idea di isola verde e felice tanto cara a Cameron e Danny Boyle – spiegava Cecille a ilfattoquotidiano.it -. che si è rivelata un insieme di tagli a scuola,sanità e stato sociale e un abbandono di ogni politica ecosostenibile”.

Dapprima una corsa a sacchi. Poi il corteo che girava per Piccadilly chiedendo a turisti e curiosi di entrare nella ‘Olympic Free Zone’ liberandosi di qualsiasi cosa fosse ‘legalmente’ olimpica, ovvero i marchi sponsor ufficiali. Tra i manifestanti un bestione con i cartelli ‘irsuto’, ‘peloso’ e ‘stupido’ che sosteneva di essere ridotto così da una dieta a base di McDonaldCoca Cola e altri sponsor olimpici. E un artista che con una finta fiaccola ha seguito la vera torcia olimpica per il paese, infilandosi nel tratto di strada libero tra i carri degli sponsor e il tedoforo ufficiale: “Sempre accolto da applausi e incitamenti, tranne a Londra dove mi hanno requisito la torcia”. In tutto un centinaio di persone allegre e festanti, più diversi curiosi. Poco dopo, sotto il Waterloo Bridge, lato sud del Tamigi, si radunava come ogni ultimo venerdì del mese critical mass. E qui l’atmosfera di gioia olimpica si è fatta tetra.

Davanti al National Theatre, più gente del solito e molta, molta, più polizia del solito. In una situazione surreale. “Le forze dell’ordine pretendono di parlare con un leader, un responsabile – ci spiega ridendo Adam -. Sarà che loro sono abituati a ragionare autoritariamente, ma qui siamo tutti uguali e ci raduniamo spontaneamente. Per questo non sanno come darci gli ordini”. Dopo una lunga trattativa, la massa critica cominciava a pedalare verso sud, dato che la polizia aveva informato che chiunque avesse tentato di attraversare il Tamigi verso nord sarebbe stato fermato. Alla fine tutto sembrava procedere per il meglio, ma c’era un problema.

Molti dei ciclisti abitano a nord-est, nella zona dello Stadio Olimpico, e così verso sera hanno preso insieme la strada di casa. Ad attenderli camionette della polizia lungo i due lati della strada, in un imbuto che si è chiuso definitivamente nel ‘kettle’ di Stratford High Street. Poi, perché non fossero disturbate le visioni di pace, amore ed ecologia che venivano trasmesse in mondovisione all’interno dello stadio, ecco le spinte e le manganellate, contro anziani, donne e disabili. E gli arresti, oltre cinquanta. Ancora una volta, dopo gli arresti di venerdì per i sei attivisti che protestavano contro il greenwash degli sponsor olimpici, un ennesimo sopruso per chiarire che la festa olimpica – anche quando, dispendiosa, iniqua, poco-ecologica e opportunità di profitto solo per le multinazionali – non può essere disturbata in alcun modo. Nemmeno dai ciclisti festanti e pacifici della massa critica.

 


Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche