Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
23 aprile 2011 6 23 /04 /aprile /2011 06:57

Magraid-2011.jpgMagraid. Correre nella steppa è il Raid nei Magredi: si tratta di una gara a tappe (3 tappe di cui una di distanza superiore alla maratona), in parziale autosufficienza che si svolgerà dal 17 al 19 giugno 2011 in  provincia di Cordenons (Friuli).

Proprio in virtù della tappa di distanza superiore alla maratona, la manifestazione podistica, unica nel suo genere è stata accolta nel Calendario nazionale IUTA, anche tenendo conto delle specifiche difficoltà della corsa a tappe nel suo insieme che è, di per sé, abbastanza "estrema".

i "magredì" sono una steppa desertica ad una latitudine anomala. Si tratta di un nome semplice ma che da solo dice tutto ed evoca un'atmosfera africana.

La Steppa è un fenomeno mondiale, che possiede numerose declinazioni locali: quella dei Magredi è una variante atipica, dovuta più alla permeabilità del terreno alluvionale che alla scarsità di piogge, e nella quale si è sviluppato un ecosistema unico.Per questo i Magredi sono un SIC (Sito d'Interesse Comunitario).

Lo scopo è vincere il raid.Partecipando e arrivando al traguardo di ogni singola tappa e a quello finale.

La corsa dei Magredi non è pensata solo come evento agonistico e competitivo, ma anche come percorso di approccio e di conoscenza di un territorio unico, con le sue specifiche tradizioni culturali ed enogastronomiche.

L'invito a partecipare al magraid è anche un invito alla conoscenza di un territorio, delle sue bellezze naturalistiche, della sua storia, cultura, tradizioni. Per vincerlo, dunque, bisogna correre nei Magredi, scoprendo un fenomeno naturale prezioso che va tutelato ma anche conosciuto ed apprezzato. L’atmosfera è decisamente particolare, si corre in un ambiente steppico, con fondo prevalentemente ghiaioso.

Anche per il 2011 saranno ospitate tre tappe, di cui una Marathon, per totali 62 Miglia.

Il regime di corsa è quello dell'autosufficienza parziale: verrà infatti assicurato solo il rifornimento idrico anche se è obbligatorio partire con una riserva di liquidi.
magraid_01.jpgLe due notti del Raid verranno trascorse in strutture appositamente approntate dall’esercito, in un clima di vera avventura nel deserto.
In caso di necessità saranno disponibili delle strutture alberghiere convenzionate dove potranno alloggiare gli accompagnatori.
Per gli accompagnatori è previsto un programma ricco di proposte culturali ed enogastronomiche, alla scoperta della terra dei Magredi, del suo ecosistema e dei prodotti tipici di queste "terre magre".

Il 19 giugno, inoltre, si terrà la seconda edizione di Magrave – Correndo nella steppa, corsa competitiva di massimo 12 chilometri aperta a tutti i corridori (Fidal e non).

Arriva dallo staff di Magraid un sincero e caloroso augurio di buona Pasqua a tutti i runner e simpatizzanti, alle loro famiglie e ai loro cari.

Mancano due mesi alla corsa, la macchina organizzativa è in pieno fermento: dopo il Lunedì dell'Angelo, verranno divulgate ulteriori novità.
Di seguito, la seconda puntata con i consigli del mental coach dello staff, Nicola di Montegnacco, indirizzati ai partecipanti perchè si prepararino al meglio alla gara.

 

Vai al regolamento.

I consigli del mental coach per prepararsi al meglio al Magraid (2° intervento)

Ecco alcuni consigli di Nicola di Montegnacco, mental coach e Gestalt counsellor (scoprite di più su www.umanamente.eu) che darà alcuni utili consigli per preparci mentalmente al meglio per Magraid e qualsiasi altra gara di lunga lena.

"Tutti gli uomini scambiano i limiti del loro campo visivo per i limiti del mondo", scriveva Schopenhauer: di Montegnacco ci spiega come allargare questo "limiti" e divenire consapevoli di quali traguardi vogliamo raggiungere. Buona lettura!
L’Intento: la consapevolezza di ciò che si desidera veramente
Spesso come uomini o come atleti siamo attratti dall’azione immediata e dal fare, ignorando, così alcuni concetti chiave quali obiettivi, compiti, motivi ed intenzioni. In particolare facciamo fatica a focalizzare a pieno l’intento sottostante alle nostre azioni.
L’intento è ciò che si desidera realizzare o raggiungere; è il proposito, l’intenzione profonda che fa scaturire i comportamenti. L’intento è la finalità, il risultato atteso, lo scopo che ci si propone di ottenere. E’ un “risultato” tangibile, misurabile, concreto con ricaduta sulla performance.
Dalla mia esperienza, come allenatore mentale ed atleta, la differenza tra un buon intento ed un intento che potrebbe fallire, è data dal fatto che il primo trae origine da un sogno, da una passione. E’ qualcosa di fortemente desiderato, quasi utopistico e per questo percepito come allettante e, in qualche modo, rischioso.
“Da grande voglio partecipare alle Olimpiadi!” può rappresentare la frase tipica di un bambino, ma rappresenta, allo stesso tempo, un sogno personale, una sorta di visione che spinge ad agire.
Chi non ha sogni è spesso disorientato e attraversa la vita senza una meta precisa. Risvegliando i nostri sogni possiamo dare un significato alla nostra esistenza ed essi possono spronarci a fare cose sempre più elevate e migliori. Per trovare i nostri sogni, anche sportivi, non bisogna guardare fuori, ma è utile guardarsi dentro: fare contatto con la nostra parte più intima ed autentica. Focalizzando questo, riusciamo a darci delle buone ragioni per muoverci e si alimenta così la nostra motivazione più profonda.
Partire dal sogno, ci consente di verificare nuove strade, trovare nuove possibilità; ci offre maggiore ispirazione e creatività, favorisce una reale motivazione interiore e ci orienta al futuro.
Agire concretamente tenendo conto del sogno ci permette di riconoscere che il nostro obiettivo non è altro che una tappa di avvicinamento che si colloca tra dove siamo ora e dove desideriamo essere: tra dove siamo ora e la “nostra Olimpiade”.
Il passaggio dal sogno alla realtà può avvenire proprio attraverso un’efficace  ed esplicita definizione dei nostri intenti: si passa così dai semplici “buoni propositi” ad obiettivi ben formati e, soprattutto, orientati alla concretezza.

Condividi post
Repost0

commenti

F
<br /> Posso solo dire che due settimane prima correrò il passatore, pensarare ora al Magraid è immaginare una bella avventura in un paesaggio davvero magico. Quello che mi entusiasma è condividere 3<br /> magiche giornate in compagnia di nuovi compagni, la strada da percorrere sarà il nostro dialogo.<br /> <br /> <br />
Rispondi
U
<br /> <br /> Credo che la bellezza di una gara come il Magraid dipenda proprio da questo aspetto di condivisione totale che non è solo nel momento della corsa (alla fine della quale, in genere, ci si saluta e<br /> ognuno ritorna a casa propria e alle proprie faccende) ma il vivere assieme "colleggialmente" - per così dire - essere "compagni d'arme" e d'avventura, passare (metaforicamente) la notte davanti<br /> al fuoco del bivacco, raccontandosi storie... Un po' tutto questo.<br /> <br /> <br /> <br />

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche