Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
17 gennaio 2013 4 17 /01 /gennaio /2013 08:34

Ragusa-Marathon 2013 - Foto di Maurizio CrispiSuperElena Cifali ha partecipato alla Maratona di Ragusa (10^ edizione), lo scorso 13 gennaio 2012, prima amratona di un anno che per lei sarà l'avvio di nuove e stimolanti imprese.
E, a tempo di record, magrado gli impegni di lavori e quelli di mamma e donna di casa, è riuscita ad inoltrarci il suo racconto.
Ma il record è stato anche quello che ha realizzato a Ragusa, dove - malgrado le avversità e le preoccupazioni (il piccolo Luca proprio poche ore prima della maratona si è ritrovato afflitto da un fastidioso rialzo termico) - inaspettamentamente è riuscita a realizzare il suo miglior tempo nella 42,195 km (abbassandolo di ben 13 primi).
Ci auguriamo per lei che questo sia il punto di esordio di un anno podistico soddisfacente e ricco di nuovo imprese.
(SuperElena Cifali) Cosa si prova a tagliare il traguardo di una maratona ?
Sono le 6:30 quando stringo i lacci delle mie Mizuno, fuori la strada è bagnata, non c’è molto freddo, ma una spessa coltre di umidità rende diverso l’ambiente circostante. Le auto ai lati delle strade sono bagnate mentre le luci dei lampioni sembrano provenire da molto lontano, tutto sembra ovattato…quasi onirico…
E già, mi sembra di star sognando quando al 35° km di questa splendida maratona di Ragusa mi rendo conto di essere in serie difficoltà. Ho freddo, molto freddo allo stomaco, nonostante in verità non ne faccia così tanto. Bevendo dell’acqua ad un ristoro ho bagnato accidentalmente la maglietta che, poggiandosi sul mio corpo, ad ogni passo mi dà una sgradevole sensazione di malessere.
Ragusa Marathon 2013 - Foto di Maurizio CrispiPorto la mano calda sotto la maglia, scoprendo ulteriormente l’addome nel vano tentativo di scaldarmi. Nulla da fare, devo resistere ed andare avanti.
Ma il freddo non è l’unico problema, anche le gambe iniziano ad essere stanche.
Adesso mi trovo nella zona industriale: vicino a me non c’è anima viva, solo io, il cielo, l’asfalto e la mia interminabile fatica.
La musica che ho ascoltato sinora non mi è più d’aiuto, è come se non la sentissi, non ricordo assolutamente cosa stessi ascoltando durante questa terribile crisi …
Il "muro" (quello che alcuni definiscono il "muro di Maratona")! ad ogni gara – fin dal momento della partenza - ed indipendentemente dalla distanza che dovrò coprire so che il “mio amico muro” mi affiancherà da qualche parte lungo il percorso.
La sua compagnia – che durante le prime gare odiavo - adesso mi è naturale.
Questo piccolo diavolo dispettoso mi affianca ed inizia a deridermi: “Ma chi credi di essere, non sei una campionessa, tu non farai mai le Olimpiadi, non sei nessuno, non vali nulla”.
Ragusa Marathon 2013 - Foto di Maurizio CrispiLo odio quando mi dice questo, ma ho imparato che posso sconfiggerlo. Certo, non è cosa da poco: sono impegnata nella corsa, devo far rotare le gambe, devo stare attenta a non inciampare a respirare con regolarità e devo nel frattempo tenere a bada Lui.

E’ a questo punto che chiedo aiuto ai miei angeli custodi.
Li chiamo a raccolta uno per uno, pronunciando a voce alta i loro nomi. I pensieri positivi che si affacciano sono sicuramente più forti di ogni crisi, di ogni muro. Presto riconquisto me stessa, torna la lucidità e con lei tutta la conoscenza sulla corsa e sul mio fisico. 

Mi stabilizzo subito su un passo costante e armonico, il tutto scandito dal mio respiro e dall’incedere felpato del mio passo sull’asfalto, nessuna auto in movimento, nessuno in giro, solo io ed i miei angeli, che adesso corriamo fianco a fianco sfiorandoci i gomiti...
Mi rendo conto che devo nutrirmi e, al ristoro, prendo un dolce che risputo dopo pochi metri: non riesco a mangiare.
Bevo a piccoli sorsi mentre il ricordo del vomito che mi colpì durante l’Etna trail mi fa riflettere. Il mio stomaco sembra essersi ristretto ed è tanto contratto da non permettere l’ingresso di nessun cibo solido. Succhio e mastico una tavoletta energetica e continuo a correre.

Salvo, con il quale ho corso gran parte della gara mi ha distanziato di molto, non riesco a riprenderlo mentre vengo affiancata da un simpaticissimo runner sordomuto. Mi sorride, mi fa un cenno d’intesa con la mano e corriamo qualche centinaio di metri insieme, in un silenzio irreale. 
La sua presenza mi fa riflettere e mi distrae non poco. Lui non sente, non sente il suo respiro affannoso, lo sbattere delle sue scarpe sull’asfalto, solo il battere del suo cuore e la sua macchina fotografica gli fanno compagnia.
Lo supero, mi supera, ci alterniamo fino a quando riusciamo ad entrare nuovamente nella zona abitata. Lo invito a seguirmi, a restarmi accanto ma lui sorride facendomi vedere la macchinetta fotografica, con cui vuole godersi il paesaggio.
Provo ad aumentare l’andatura ed riesco a staccarlo, cerco di rendere poco più ampia la falcata, atterrando di mesopiede all’altezza della parte alta del torace e dando più spinta dietro.
“Ecco, ci sono… sto sui 4:30” - mi dico - cerca di mantenere costante questa andatura e curare bene il respiro”
Mi infilo nella splendida Ibla ricamata di Barocco, percependo tutta la mia fatica e la mia gioia. Adesso ai lati del mio viso scorrono goccioloni di sudore, i capelli sono bagnati, sono accanto ai miei angeli, uno di loro mi spinge leggermente toccandomi la schiena, l’altro accanto a me mi ripete: “Siamo soli, io e te Ele” e, pur con la fatica che mi preme, riesco ad immaginare di voltarmi verso lui ed in effetti mi ritrovo quasi d’incanto all’ultimo ristoro qui un ragazzo mi porge un bicchiere d’acqua, mi applaude, mi incita, mi incoraggia. “Ecco un’altro angelo”, lo guardo negli occhi neri e non riesco a non sorridergli. 

Ragusa Marathon 2013 - Foto di Maurizio Crispi“E’ un giorno bellissimo, oggi… Lo sapevo che sarebbe stato un giorno da incorniciare oggi”
Una generosa discesa mi fa volare alta, quasi non poggio i piedi per terra, manca solo l’ultimo km e poi il meritato riposo. Ma l’ultimo km è tutto in salita, per terra il nero asfalto ha lasciato posto alla pietra bianca che bellissima si incastra l’una nell’altra in un mosaico armonico.
“Le ultime curve, forza, ci sei quasi, alza i piedi, respira” - mi ripeto come in uno stato di ipnosi.
Lo vedo: è il gonfiabile dell’arrivo, alzo le braccia al cielo, urlo di gioia, rido.
Termino la mia corsa in 3:53', ben 13 minuti meno del mio miglior tempo. 

Sono felice, ad arrestare la mia corsa le braccia dell’ultimo angelo, Giuseppe, che mi afferra subito dopo l’arco e ridendo mi dice: “Brava, Elena!”.

Cosa si prova a tagliare il traguardo di una maratona?
Ognuno prova ciò che vuole, io provo felicità, una felicità immensa che riempie ogni parte del mio corpo, provocando quel “piacere” che mi fa sentire “super”. 
Se sono riuscita a portare il mio corpo a spasso per 42.195 metri, correndo e senza mai fermarmi, lo devo proprio a questa ricerca del piacere, un piacere al quale una volta provato è quasi impossibile rinunciare. 
Imparate a correre le maratone ed imparerete a parlare con i vostri angeli.

 

 

Foto di Maurizio Crispi 

 

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche