Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
22 aprile 2014 2 22 /04 /aprile /2014 06:39

Maratona di Sant'Antonio 2014. Annunciati i nomi dei protagonisti

Corre il conto alla rovescia per l'edizione 2014 della Maratona di Sant'Antonio. Annunciati i nomi dei top runners della gara di domenica 27 aprile: tra questi, il brasiliano Roberto Paula proverà a concedere il bis dopo la vittoria dell’anno scorso, ma attenzione al connazionale Caldeira e ai keniani Magut e Kimani! Tra le donne l’azzurra Fatna Maraoui sfida Chepchumba e Nunes

Nessuno, in campo maschile, è mai riuscito a ripetersi, in Prato della Valle. Che sia lui il primo? Il brasiliano Paulo Roberto Paula, vincitore dell’edizione 2013 della Maratona S.Antonio, domenica 27 aprile sarà per forza di cose l’uomo da battere sulla strada che da Campodarsego porta a Padova. D’altra parte, questa gara è nel suo destino: nel 2012, grazie alla medaglia di bronzo vinta qui (con il suo primato personale: 2 ore 10’23”) è stato selezionato per partecipare ai Giochi Olimpici di Londra, chiusi all’ottavo posto davanti all’azzurro Ruggero Pertile. Un anno dopo è tornato alla Maratona S.Antonio, con cui aveva un debito di riconoscenza, e si è comportato ancora meglio tagliando il traguardo per primo in 2 ore e 13’00, sotto la pioggia, con una strepitosa rimonta negli ultimi cinque chilometri.

 

Stavolta dovrà guardarsi da un connazionale, Franck Caldeira de Almeida, che a Londra 2012 difese con lui i colori della seleção e che in carriera si è imposto nelle maratone di San Paolo, Rio de Janeiro e Recife, forte di un primato personale di 2 ore 12’03”. Caldeira è il più giovane di sette fratelli e nell’atletica ha cercato una via per emergere, tanto che oggi, nell’home page del suo sito, scrive una frase che rende bene il suo spirito combattivo: “Per arrivare dove sono ho dovuto uccidere un leone al giorno”.

 

Ovviamente nell’elenco dei favoriti non possono mancare gli specialisti keniani, storicamente dominatori della specialità a livello internazionale. A Padova ci saranno il ventottenne Eliud Magut, un personale di 2 ore 10’31” siglato imponendosi a Cannes nel 2012, e Pharis Irungu Kimani, atleta dell’altipiano che, curiosamente, si esprime al meglio nelle gare del Nord, tanto da salire sul podio alle maratone di Munster, in Germania (dove ha realizzato il suo PB, 2 ore 12’04”), Riga, in Lettonia, Tallin, in Estonia, e Kassel, ancora in terra tedesca.

 

Il ventinovenne Luca Campanella, invece, non è ancora salito su un podio internazionale ma chissà che non possa riuscirci a breve, anche perché il suo esordio, a novembre 2013 (2 ore 26’35”, a Torino) è stato promettente. Per ora è forse più noto come fidanzato di Emma Quaglia, tra le migliori maratonete azzurre in attività – Emma ha già fatto sapere che sarà a Padova a tifare per lui – ma ha tutta l’intenzione di affermarsi in prima persona, partendo proprio dalla Maratona S.Antonio.

 

In campo femminile, occhi puntati sulla keniana Rose Chepchumba, già nazionale di cross del suo paese, seconda alla maratona di Rio de Janeiro 2013, un personale di 2 ore 35’13” sui 42 chilometri. Ma attenzione all’azzurra Fatna Maraoui, atleta di origini marocchine diventata italiana per amore e oggi residente a Biella. Fatna ha vestito più volte la maglia azzurra, l’ultima volta a marzo ai Mondiali di mezza maratona di Copenaghen, e gareggia per l’Esercito: forte di un personale di 2 ore 37’22” realizzato a Venezia, a Padova cerca la consacrazione in una maratona. Con loro anche Vera Nunes, miglior portoghese a New York 2013, e la slovena Lucija Krkoc, che torna su queste strade dopo il quinto posto del 2011.

 

«E’ un cast in grado di garantire due gare combattute, sia tra gli uomini che tra le donne» - spiega Giampaolo Urlando, responsabile tecnico dell’evento. «Siamo particolarmente contenti di aver riportato a Padova Roberto Paula, atleta molto legato alla nostra manifestazione. Anche grazie ai suoi risultati la Maratona S.Antonio si è accreditata presso la federazione brasiliana e in questi mesi parecchi manager del paese che ospiterà i prossimi Giochi olimpici hanno chiesto di poter inserire i loro atleti fra i top runners del nostro evento».

 

E chissà che con tanti atleti di rilievo non possano scappare anche i nuovi record della corsa, migliorando le 2 ore 09’02 dell’etiope Aredo Toleda Tadese in campo maschile e le 2 ore 29’25” della keniana Florence Chepsoi in quello femminile, entrambi datati 2011.

 


 

Le schede dei protagonisti 

 

PAULO ROBERTO PAULA, nato a San Paolo (Brasile) l’8 luglio 1979

Primato personale: 2h10’23” (Padova - 2012)

E’ il campione uscente, proverà a concedere il bis. Padova gli ha davvero portato fortuna nel 2012, quando, proprio grazie alla medaglia di bronzo conquistata in Prato della Valle (con il suo nuovo primato personale) è stato selezionato per partecipare ai Giochi Olimpici di Londra, chiusi all’ottavo posto, davanti all’azzurro Ruggero Pertile. Un anno dopo è tornato alla Maratona S.Antonio e si è comportato ancora meglio, tagliando il traguardo per primo in 2 ore e 13’00, con una strepitosa rimonta negli ultimi cinque chilometri. Quattro mesi più tardi è così tornato a vestire i colori della nazionale verde-oro alla maratona dei Mondiali di Mosca, chiusa al settimo posto. Di fatto, Roberto Paula è approdato ai 42 chilometri solo in tempi relativamente recenti, ma ha invece un curriculum molto lungo sia in pista che nelle corse su strada più brevi. Curiosità: ha un fratello gemello, Luis Fernando, che corre pure lui. Le cronache di qualche anno fa riportano di un insolito arrivo al fotofinish alla 10 chilometri di Brasilia, con i due che tagliano il traguardo insieme, tra lo stupore generale degli spettatori.

Altri primati personali:

28’58”03 / 10.000 metri (Rio de Janeiro - 2011)

 1h02’30” / mezza maratona (Rio de Janeiro - 2011)

 


 

ELIUD MAGUT, nato a Eldoret (Kenya) il 18 dicembre 1986

Primato personale: 2h10’31 (Cannes - 2012)

 

Di solito il tappeto rosso lo srotolano per le star del cinema che, da quelle parti, si vedono spesso, almeno una volta all’anno. Eliud Magut non è un divo di Hollywood, ma un lungo tappeto rouge se l’è visto stendere davanti lo stesso, come da tradizione sul lungomare di Cannes: qui, nel 2012, ha siglato il suo primato personale sui 42,195 chilometri, imponendosi nella quinta edizione della Maratona delle Alpi Marittime, che, partendo da Nizza, si è conclusa a Boulevard de la Croisette. Nell’occasione, Magut ha superato in volata il connazionale William Biava, tornando su un podio internazionale dopo il secondo posto ottenuto nello stesso anno a Kigali, in Sud Africa.

 

 


FRANCK CALDEIRA DE ALMEIDA, nato a Sete Lagoas (Brasile) il 6 febbraio 1983

Primato personale: 2h12’03” (Milano - 2012)

 

Medaglia d’oro con la nazionale del Brasile nella maratona dei Giochi Panamericani di Rio de Janeiro 2007, tredicesimo ai Giochi Olimpici di Londra 2012, quando affiancò Roberto Paula in maglia verde-oro, Caldeira de Almeida ha iniziato a mettersi in mostra già prima dei vent’anni, su pista, entrando ben presto nel giro della selezione del suo paese. Molto attento alla sua immagine, ha anche un sito personale, in cui campeggia questa frase: “Per arrivare dove sono ho dovuto uccidere un leone al giorno”. Nato da “una famiglia umile”, è il più giovane di sette fratelli e nell’atletica ha cercato una via per emergere. Nel suo palmares le vittorie nelle maratone di San Paolo, Rio de Janeiro e Recife. Assieme al connazionale Paulo Roberto Paula è uno dei favoriti per la vittoria. La Maratona S.Antonio parlerà ancora brasiliano?

 

Altri primati personali:

29’04”88 / 10.000 metri (Rio de Janeiro - 2006)

1h02’29” / mezza maratona (Praia Grande - 2004)

 


 

PHARIS IRUNGU KIMANI, nato in Kenya l’11 gennaio 1984

Primato personale: 2h12’04” (Munster - 2010)

 

Il keniano che ama il nord. Sembra strano e forse sarà un caso, ma Pharis Irungu Kimani ha ottenuto i suoi risultati migliori in Europa settentrionale, mettendosi per la prima volta in evidenza in una maratona internazionale col secondo posto di Dresda nel 2008. Ha poi firmato il proprio primato personale ancora in Germania (a Munster, nel 2010, quando salì sul terzo gradino del podio) ed è tornato a infilare una medaglia al collo nel 2012, terzo alla maratona di Riga, in Lettonia, e nel 2013, secondo a Tallin, in Estonia e terzo a Kassel, ancora in terra tedesca.

 

Altri primati personali:

28’47”96 / 10.000 metri (Konosu - 2003)

1h01’55” / mezza maratona (Marugame - 2004)

 

 


LUCA CAMPANELLA, nato a Genova il 16 novembre 1984

Primato personale: 2h26’35” (Torino - 2013)

 

Il suo esordio sui 42 chilometri, a novembre 2013 (2 ore 26’35”, a Torino) è stato promettente. Per ora, è forse più noto come fidanzato di Emma Quaglia, tra le migliori maratonete azzurre in attività, ma ha tutta l’intenzione di affermarsi in prima persona, partendo proprio dalla Maratona S.Antonio: correrà sostenendo la campagna “Di corsa contro la fame” dell’associazione ACRA-CCS.

  

 


Le donne in lizza

 

ROSE CHEPCHUMBA, nata a Nairobi (Kenya) il 14 marzo 1979

Primato personale: 2h35’16” (Chongqing - 2012)

 

In carriera ha spazio dalla pista ai prati delle corse campestri, tanto da rappresentare il Kenya ai Mondiali di cross del 2005, che chiuse al nono posto. Anche nella maratona si è però tolta diverse soddisfazioni, tagliando per seconda il traguardo a Rio de Janeiro nel 2013.

 

Altri primati personali:

31’29”81 / 10.000 metri (Utrecht - 2005)

1h10’15” / mezza maratona (Udine - 2005)

 


 

FATNA MARAOUI, nata a Makira (Marocco) il 17 luglio 1977, italiana

Primato personale: 2h37’22” (Venezia - 2007)

 

«La corsa per me è tutto: mi dà serenità e tranquillità e, tra l’altro, è anche il mio lavoro». Parole di Fatna Maroui, atleta di origini marocchine diventata italiana per amore e oggi residente a Biella. Ha vestito più volte la maglia azzurra (l’ultima volta a marzo, ai Mondiali di mezza maratona di Copenaghen) e gareggia per l’Esercito. I suoi esordi? «Praticamente ho sempre corso da quando ero bambina: accompagnavo al campo mia sorella maggiore, atleta anche lei. Dopo qualche anno sono entrata nella nazionale del Marocco, ho vinto un titolo nazionale in una gara di cross, ho partecipato al Campionato del Mondo di Marrakesh e sono stata campionessa del Marocco per 3 anni di seguito sui 3.000» - racconta. Ma, se deve scegliere, preferisce le corse su strada. A Padova proverà a consacrarsi nella maratona.

 

Altri primati personali:

15’42”21 / 5.000 (Marsiglia - 2006)

33’05”79 / 10.000 (Ferrara - 2007)

1h10’08” / mezza maratona (Cremona - 2011)

 

 


VERA NUNES, nata a Lisbona (Portogallo) il 27 gennaio 1980

Primato personale: 2h41’05” (New York - 2013)

 

Si è da poco affacciata alle corse su lunga distanza e a Padova proverà a migliorarsi dopo essere stata la miglior atleta portoghese all’ultima edizione della maratona di New York.

 

Altri primati personali:

1h16’46” / mezza maratona (Lisbona - 2013)

 


 

LUCIJA KRKOC, nata ad Aidussina (Slovenia) il 9 aprile 1988

Primato personale: 2h46”13 (Padova - 2011)

 

Ha debuttato in una maratona proprio a Padova, nel 2011, quando tagliò il traguardo per quinta. Già nazionale di corsa in montagna del suo paese, tanto da conquistare anche una medaglia di bronzo agli Europei di Bursa proprio nel 2011, non disdegna l’attività in pista come siepista e studia sport all’università di Lubiana.

 

Altri primati personali:

17’13”78 / 5.000 (Budapest - 2010)

1h18’00” / mezza maratona (Gorizia - 2011)

 

 

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche