Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
13 settembre 2011 2 13 /09 /settembre /2011 21:16

maratonasullacqua.jpg(Giuliana Montagnin) Domenica ho partecipato alla 1^ edizione della Maratona dell’Acqua, con partenza da Lovere e arrivo a Iseo.

Oltre alla maratona, organizzata benino (ma non troppo), con poca "acqua" - in verità -  e molto, tantissimo, sole cocente, peripezie e tribolazioni: una vera e propria odissea da scarsa organizzazione (per i podisti ritardatari) e da una cattiva logistica (sempre per scarsa attenzioni nei confronti degli ultimi) nel dopo gara.

E’ stata una bella manifestazione, ben organizzata, in cui sono arrivata ultima, anzi penultima: ho notato, con un certo sollievo che ce l’ha fatta anche l’ultimo uomo senza ritirarsi e racconterò com’è andata, anche perché qualche piccola lacuna, senza voler troppo infierire, c’è stata da parte dell’organizzazione...

Ho deciso di partecipare a questa maratona poichè avevo saputo che non si sarebbe più svolta la 6 ore dell’Angizia, gara alla quale ero affezionata.

Il clima atmosferico di Luco dei Marsi (Aquila) sarebbe stato decisamente migliore che non quello del Lago d’Iseo: ma comunque decisi di partecipare in quanto avrei visto un paesaggio bellissimo. Io adoro i laghi, ma qui era tutto diverso, non era un clima secco e fresco la notte com’ero abituata ai laghi del Trentino.

La temperatura era sui 30 gradi, e la maratona si è svolta tutta sotto il sole, sull'intera distanza dei 42.195 km ci sarà stato sì e no 1 km d’ombra, però zigzagando qui e lì.

Già al 20 km mi sono accorta che sarebbe stata dura all’inverosimile: c’era anche un bel po’ di saliscendi, il panorama era bello. Così pensai più di gustarmelo che non ammazzarmi con la velocità. Avevo deciso che, anche se andavo oltre le 5 ore e mezza non sarebbe caduto il mondo.

I ristori erano regolari, ben forniti, però tutto sotto il sole e le bevande erano calde, solo adesso che ci ripenso: poveri quelli dello staff, senza alcun gazebo a cucinarsi letteralmente sotto il sole.

Verso il 30° km le cose erano già un po’ diverse: non mi preoccupavo minimamente in quanto, essendo ultima, ero seguita da parecchie persone dello staff, forse anche troppi, forse qualcuno avrebbe dovuto seguire invece un signore che mi precedeva credo di 1 km circa se non di più.

Giuliana MontagninEro seguita da motociclisti, da due biciclette, da un’auto scura, da pulmino scuro che serviva a raccogliere i ritirati (la classica "scopa", insomma), più l’ambulanza che ora la vedevo ferma a lato, ora ripartiva e mi aspettava a qualche centinaio di metri, tutti cortesi e premurosi a chiedermi come stavo.

Ad un certo punto, venni a sapere che non ero più ultima: difatti un signore di una decina d’anni più di me camminava speditamente, si affiancò a me e camminammo fin quasi alla fine, sempre seguiti da tutto il servizio scopa al gran completo.

Questo signore mi raccontò di aver sbagliato strada per un bel pezzo e che, quando se ne accorse, tornò indietro, riuscendo per fortuna a riprendere la retta via, ma con quel caldo però il morale ti va a pezzi.

Non trovammo più un ristoro, perchè avevano smantellato tutto. Io, per fortuna mi ero riempita la bottiglietta ad una fontana dentro un’aiuola, e quella almeno era fresca, l’atleta mi raccontò che, dopo aver ritrovato la retta via, aveva una sete micidiale e dentro i sacchetti neri delle immondizie aveva rovistato se trovava qualche bottiglietta con un po’ d’acqua, ma niente da fare.

Ad un certo punto, la macchina nera (inquietante...) che ci seguiva allungò una bottiglietta d’acqua fresca all’atleta,

Ecco vedi, mi disse, vuol dire che è smantellato il punto di ristoro, sì ma così non si fa. Difatti, risposi io, se metti tempo massimo sette ore devi prevedere che gli ultimi ci impiegano tanto tempo e non dopo 5 ore di gara eliminare gli ultimi 2 ristori.

Ora, però, non voglio infierire sugli organizzatori: sono stati bravissimi, ci hanno seguito fino alla fine, però un po’ più di attenzione verso il penultimo o il terzultimo (eravamo distanziati anche di 1 o 2 km) ci sarebbe stata bene.

Riflettevo pure su cos sia veramente importante in una gara, non tanto il costo (qui era gratis per le donne) o il pacco gara, o gli eventuali premi, ma la cosa più importante è la SICUREZZA, e dal mio punto di vista non dovrebbe mai accadere che uno si perda.

 In quel momento ripensavo pure al racconto della Sfinge (pubblicato su questa pagina qualche temp addietro): non volevo strafare, ma non mi riprendevo per niente, impossibile correre, troppo caldo, però stavo benissimo, io e l’altro marciavamo spediti, mentre l’ambulanza si occupava di un altro atleta con problemi di colpo di calore.

Credo di aver staccato l’atleta che mi si era affiancato, quando mancavano due km, marciavo più spedita, ma ormai ero tranquilla, era seguito dallo staff, non l’ho abbandonato da solo.

Ho raggiunto il traguardo ben accolta dallo speaker, era una giovane che mi è corsa dietro col microfono: Come ti chiami? da dove vieni? Ti è piaciuta la gara?

E qui ad essere sincera altra piccola lacuna dell’organizzazione: avevo fatto un tempo pietoso - un’ora più del previsto - ero con i minuti quasi contati a causa dell’orario del treno. Per il ritiro della borsa c’ erano ancora circa 800 mt, ma nessuno ti sapeva indicare dove, non erano più sul camion, ma depositate presso una palestra, alla fine chiedendo a destra e a manca in mezzo a una moltitudine di gente, per lopiù turisti, trovai la palestra su indicazione di atleti facilmente riconoscibili dalla maglietta del pacco gara. Qui trovai una signora dello staff con la mia valigia: Ecco, ti attendevamo, ben arrivata! Mi accompagnò all’interno fino allo spogliatoio, doccia wc.

Mi cambiai in mezzo a un centinaio di crampi, non riuscivo ad essere veloce, però ti garantisco che feci in 10 min. circa. All’esterno sentivo il silenzio assoluto, ad un tratto udii qualcuno chiudere come un cancello con sbarre, spaventatissima al volo chiusi la valigia e mi precipitai nell’atrio, un signore era pronto a serrare tutto in quanto pensava che la struttura fosse vuota. No comment, ho avuto fortuna.

Una volta uscita era impensabile cercare il pasta-party, era lì vicino certo, ma il treno era la mia priorità. E qui di nuovo gli 800 mt per raggiungere quello che era stato l’arrivo più altri 300 circa per raggiungere la stazione. CHE PERIPEZIE! per un’atleta lenta che viene da tanto lontano! Però soddisfatta e felice di non aver mollato, di aver visto un posto bellissimo, di aver salutato prima del via parecchi amici delle ultra.

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche