Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
3 giugno 2011 5 03 /06 /giugno /2011 07:03

Marchesi19.100km-8014.JPGEcco il nuovo racconto di "Diavolo Rosso", Vitaliano Grassi: è la cronaca di un'altra giornata trascorsa con Tista che viaggia con regolarità ed immutato entusiasmo verso il traguardo dei 3000 km (la giornata è il 31 maggio 2011): Tista procede al galoppo verso i tremila ed è in ottima salute.

Come sempre la giornata di "viaggio" è scandita da incontri, da gustosi episodi, da piccole conversazioni argute e anche da molti silenzi: è la vita che è così. E Tista, assieme al suo cronista, la sa prendere bene con la giusta dose di spirito e di freschezza quasi fanciullesca, malgrado la sua età anagrafica. Forza Tista!

Sarà licenziata, non troverà più lavoro da nessuna parte,  non aveva mai sbagliato, agli appuntamenti era sempre precisa; lui si fidava ciecamente di lei e invece … nonostante tutto lo ha tradito.

Non si fanno simili scherzi, stamattina si è comportata male, non ha suonato la sveglia del mattino e Tista… si è addormentato.

Questo l’epilogo che si è consumato stamane quando alle 2,45, ho iniziato a bussare alla porta della stanza al terzo piano dell’albergo Lovere senza ottenere alcuna risposta. Ho ribussato piano, niente da fare. Ho digitato sul cellulare il suo numero e finalmente si affaccia alla porta  intorpidito dal sonno dicendo: “E’ colpa sua, non ha suonato, è la prima volta che succede”.

Non c’è da meravigliarsi: succede anche  all’operaio, al tranviere, all’impiegato. Il loro ritardo verrà detratto dalla busta paga, ma il ritardo di Tista… non sarà certamente demonetizzato: lui non deve timbrare il cartellino, ma vuole essere preciso e per lui c’è tolleranza è zero:  una cosa simile non dovrà succedere più. La sveglia imputata sarà sostituita con una nuova  e tutta colorata: lei sa però … che non dovrà sbagliare mai.

Non importa! La nostra partenza è ritardata solo di sette minuti, alle 3,22 siamo già in strada per iniziare la nostra giornata che non sarà di otto ore come prevede il contratto dei metalmeccanici, poiché il nostro è un contratto speciale: “Sono undici ore e gli straordinari … figurati se te li pagano, ma noi abbiamo firmato lo stesso.”

Una mattina silenziosa: nessuno parla, sarà perché il piccolo imprevisto ha modificato l’umore; il fatto è che ognuno è assorto nei propri pensieri e preferisce non dire niente. Solo alle cinque e trenta dopo aver sentito solo il chicchiriare dei galli, ed è la prima volta che per tutto questo tempo abbiamo assistito  ad un concerto… senza pagare, io inizio a fare le prime battute.

Al mattino presto non puoi cominciare con un trattato di filosofia e allora… punto ancora una volta “su di loro”, come nelle barzellette più spiritose, ma stavolta barzelletta non è, perché è successo davvero a me.

Stamattina, arrivato a Marone, una paletta fosforescente si agita e mi indica di fermarmi: sono loro, ancora una volta i carabinieri.

“Favorisca libretto e patente”, mi dicono con la loro frase fatta.

Fosse facile alle 2 di notte trovare tutto in un battibaleno. Scendo dalla macchina e vestito come sono, tanto che un “Fantozzi  si spancerebbe dalla risate”, comincio a rovistare nella borsa.

Pila in testa, Buff al collo, fischietto legato alla macchina fotografica e divisa da ciclista “della notte”. Certo non si spaventano ma si chiedono: chi è sto qua.

Capiscono che  non vado sicuramente a compiere  una rapina e mi chiedono divertiti: “A quest’ora, dove va conciato così?”

In  due parole spiego la mia destinazione e subito chi ho dinnanzi guardando il collega, si toglie il regolamento dalla sua divisa e,forse conoscendo la storia mi dice: “Allora va di fretta?”

Rispondo di si, annuendo solo col  capo.

“Vada, vada, non perda altro tempo", e mentre salgo in macchina la loro paletta è già pronta per fermare qualcun altro che sta arrivando.

La novella è piaciuta  e Marchesi comincia a sciogliersi.

Si scioglie di più appena  intravede la solista della passeggiata mattutina, ma stavolta non è sola, è accompagnata da Francesco, il pensionato dubbioso come San Tommaso  che è venuto a ficcare il naso apposta per chiedere : “Ma quando el piöf, val lo stes?”

Nessuna risposta, è inutile rispondere, un sorriso fa comprendere a Francesco ciò che voleva sapere.

Marinella, Francesco, sulla ciclabile in zona Piamborno.

Arriviamo poco dopo la galleria di Cividate Camuno sulla  strada sterrata quasi terminata, dove incontriamo gli operai che hanno contribuito alla realizzazione di questo tratto. Non hanno mai ostacolato il nostro passaggio anche quando era rischioso transitare, ed ora  che tutto è finito, hanno voluto “tagliare il nastro” con Tista che è stato il primo ad avere l’onore di calpestare questa nuova via.

Prima e dopo il termine dei lavori. Inaugurazione sportiva dell’opera Terminata con -mazzata finale-.

Durante il ritorno appena ripartiti da Losine, sul sentiero accidentato e sassolato giù nel fiume, il rumore del solito elicottero in servizio per i lavori al castello di Breno distrae il Marchesi, che dopo una brutta inciampata, solo per la sua abilità gli permette di mantenere l’equilibrio senza cadere, ma la battuta è obbligatoria in questi casi: “So  mbogat [inciampato] esclama sbuffando, e per fortuna che non è successo niente.

Questa "strabangolata" gli risveglia l’umore e  la voglia di parlare: “Certo che ne troviamo di svitati sul percorso, da quello che fa ginnastica che sembra un ragno a quello di stamattina che correva gesticolando con le braccia come fossero tergicristalli, a quello che ti passa vicino col cane, non sorride, non saluta, ma guarda con aria sospettosa e prosegue per la sua strada. Forse - dice Tista - questo ha appena litigato con qualcuno e non gli è ancora passata”.

Non posso non rispondere a questa battuta: “Non sarebbe  opportuno farci un esame di coscienza anche  tra di noi, cosa credi che pensino gli altri vedendo uno come te che corre e uno come me in bici che ti segue come il cane segue il suo padrone”?  

“Hai ragione, mi risponde, facciamo finta di niente”.

A questo punto ne approfitta per fermarsi un attimo, non per riposare, anche perché ogni sua fermata e lo voglio ricordare, il suo orologio Garmin riparte con 15 metri di scarto in difetto, pertanto, meno si ferma meglio è.

Con aria circospetta mi dice: “Vedi se arriva qualcuno, fai la guardia”.

Dal mio zaino preleva un tubetto di crema e si capisce che deve fare una operazione - molto personale.

Ha ragione, ognuno ha la propria intimità e spalmarsi la crema in  certe zone del corpo sulla strada, può creare attimi di imbarazzo, sembra che uno si stia sfrucugliando  i suoi faraglioni che non assomigliano certamente a quelli di Capri.

L’operazione terminata con successo senza che il nemico abbia potuto osservare la scena; ci accorgiamo che nel sacchetto dei viveri due panini sono stati completamente bagnati da una perdita di acqua della borraccia.

Potrebbe rivelarsi un guaio, perché la scorta di viveri non deve mai mancare. Abbiamo rimediato grazie al Check-point istituito per agevolare i rifornimenti.

Abbiamo imparato stavolta, che i panini vanno avvolti in carta stagnola per evitare questo inconveniente,quindi niente tovaglioli di carta.

Oggi  siamo fortunati, un regalo ci viene offerto dal Sior Mario che tutti i giorni ci aspetta per il saluto, ha preparato per noi una borsa di ciliegie che sono risultate provvidenziali per il nostro ritorno.

Dopo l’assaggio  delle  ciliegie, vorrebbe farsi un giro in treno tentando di fare il “trenostop” ma gli dicono che non si può fare, è proibito; non gli resta che tornare di corsa nel suo albergo a Lovere.

In fondo pensa lui, posso farcela benissimo a ritornare con le mie gambe, non credo di poter essere rottamato come del ferrovecchio e non sono neppure da buttare.

Siamo quasi alle battute finali: capisce di aver macinato ancora una volta i suoi quasi ottanta chilometri  giornalieri e, sfogatosi con le sue gambe, ora vuole sfogare anche la sua lingua che solitamente non è molto loquace.

Ieri è arrivato il medico che mi ha visitato per la seconda volta ed  ha confermato il mio ottimo stato di forma.

Verso le quattro del mattino, sono giunti dalla Università di Verona anche  i due ricercatori per la rilevazione dei dati  sul  mio metabolismo e sulla biomeccanica: mi  sono  sottoposto quattro volte ai test con una mascherina, ad orari intervallati.

Mentre stava concludendo il discorso, vediamo una signora che ci rincorre trafelata col sorriso sulle labbra: pensiamo di aver perso qualche cosa e, invece, vuole solo sapere: “E’ proprio lei quello di cui si è parlato a RAI2?”

Dopo i suoi complimenti che hanno scosso Tista, sull’onda della commozione mi  confida che ieri una ragazza appena operata di cuore ha corso con lui 17 km e che domenica ha fatto una corsa in montagna.

Questo dimostra quanto lo sport possa aiutare a recuperare la salute meglio di qualsiasi altra cosa.

In definitiva, la sua corsa giornaliera non è fine a se stessa, ma contempla anche risvolti umani che Battista Marchesi sa valorizzare provando su se stesso tante soddisfazioni, ma pure tante amarezze. Ogni giorno un incontro, tante storie che si possono raccontare ed altre invece che rimarranno  solo nella sua memoria e che non racconterà mai a nessuno.

Angolo delle curiosità. Dopo oltre duemila chilometri percorsi, Tista, avrebbe dovuto perdere le braghe, invece, dei 66 kg accusati il ventisei aprile scorso, ora ad un controllo se ne riscontrano sessantadue.

Chi avesse intenzione di praticare una dieta diversa da quelle pubblicizzate, dovrebbe provare la “dieta del Tista”: costa poco in denaro, ma costa tanto in “fatica”.

Giorgio, un amico del CAI mi chiede: “Chissà quanto berrà il tuo amico in 11 ore”.

Adesso che il caldo non è eccessivo, siamo ad un consumo di circa cinque litri di acqua al giorno, in seguito, ci sarà sicuramente un aumento notevole. Oggi ad esempio, quasi non si vedeva il sudore sulla sua fronte, la giornata era ventilata e la temperatura ideale per poter dare il meglio senza sprecare il massimo delle energie.

 

Vedi qui le foto della nuova giornata di Tista (foto, come sempre, realizzate da Vitaliano Grassi) 

Battista Marchesi 19.100. Tista si avvicina ai 3000 km percorsi

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche