Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 settembre 2014 1 01 /09 /settembre /2014 17:26

Il-corridore.jpg(Maurizio CrispiIl libro di Marco Olmo e di Gaia De PascaleIl corridore. Storia di una vita riscattata dallo sport (Ponte alle Grazie, 2012), contiene l'appassionante racconto in prima persona della vita di Marco Olmo. Da un certo punta di vista, si pone in continuità con il volume di Franco Faggiani, frutto di una serie di interviste fatte a Marco Olmo, durante un intero anno di corsa e di vita, e scritto e pubblicato quasi in sovrapposizione alle riprese del bel documentario (pure uscito nel 2008) di Paolo Casalis e Stefano Scarafia che venne presentato nel settembre di quell'anno a Chamonix in occasione di The North Face®Ultra-Trail du Mont-Blanc®, con il titolo "The Runner - Il Corridore". Il volume di Faggiani, che si intitola "Correre é un po' volare. Conversazioni con Marco Olmo", è stato - come riconosce Gaia De Pascali nei doverosi ringraziamenti a fine volume, un prezioso punto di partenza.
Questo scrissi a suo tempo in una breve presentazione del volume di Faggiani sul sito della IUTA

Un uomo normale che fa cose straordinarie. Questa la definizione più calzante di Marco Olmo, l’ultramaratoneta piemontese che a 61 anni continua a salire sul podio delle più prestigiose gare internazionali. Quelle che attraversano montagne e deserti, quelle che impongono terreni, dislivelli e temperature impressionanti.  Per gli specialisti dell’ultra trial Marco Olmo è un autentico mito, anche se a lui questa definizione non piace. Un mito - prima ancora che per i suoi risultati decisamente eclatanti - per il suo coraggio, la sua tenacia, le sue caratteristiche atletiche e soprattutto umane. 
Per la prima volta in assoluto Marco Olmo si racconta, dopo aver esplorato i cassetti intimi della memoria e della sua vita molto riservata. 
Un libro scritto con toni vivaci, frutto di una serie di conversazioni fatte camminando per i sentieri nei boschi, seduti nel giardino di casa e a margine delle competizioni più importanti.
Tre i capitoli per un totale di 158 pagine: l’uomo, la preparazione, l’azione. Una sezione centrale è occupata da fotografie inedite e spesso insolite. Il testo si presenta in forma di intervista, in cui affiorano a ritmo incalzante sensazioni, ricordi, consigli, timori, curiosità, piccoli colpi di scena.

Ma questo libro che mi auguro tutti i runner (e non solo quelli) dovrebbero provare a leggere c'è molto di più. Si scava più in profondità e viene fuori un Marco Olmo, che assume quasi i contorni di un personaggio hemingwaiano (ma ho in mente specialmente Santiago, il fiero protagonista del breve, fulminante, romanzo "Il Vecchio e il Mare"). Infatti, nella storia che in quest'opera abbiamo il piacere di leggere  si definisce e si circostanzia ancora meglio il concetto della corsa come "occasione di riscatto" che nell'opera di Faggiani già compariva, senza che peraltro ciò che vi stava dietro venisse approfondito perchè Faggiani mirava soprattutto a presentare lo sportivo.

La storia di Marco Olmo si legge bene, appassiona: soprattutto nel modo in cui si delinea il lento percorso di avvicinamento che, attraverso esperienze diverse e molti sogni, lo ha portato ad intraprendere l'umile fatica del corridore sulla lunghe distanze, quasi mai sull'asfalto, soprattutto tra le montagne e su per esse sino al cielo e nei deserti, sino a farlo diventare un "faticatore del cielo, dei monti e delle sabbie", ma sempre umile e modesto.
Presto divenuto, uno dei numero uno dell'ultratrail di alcuni anni fa, ma quasi per caso, senza aver mai desiderato con forza spasmodica: i risultati per lui sono arrivati così, quasi naturalmente e per giunta ad un'età di inizio del running non più giovanissima, ma sempre in applicazione della sua caparbietà, mai disgiunta da un atteggiamento prudente senza sconfinamenti nel superominismo.
Marco Olmo ha scritto delle belle - bellissime - pagine nella storia dell'ultratrail, ma sempre con una immancabile nota di malinconia a condire le sue vittorie e i suoi momenti più fulgidi e con la lucida consapevolezza che tutto finisce e che i successi che si collezionano sono destinati a rimanere soltanto nel ricordo (e nei trofei collezionati) e che dopo aver tagliato l'ultimo traguardo da vincente (che riscatta vincendo la sua condizione di perdente), potrebbe anche non esserci un altro traguardo da poter tagliare in pole position o addirittura da poter tagliare in assoluto.
C'è dunque sempre - serpeggiante - l'idea della fine e della perdita, anche se la forza che lo ha spinto a correre è scaturita dalla necessità di sopperire a quel senso di perdita e al desiderio di poter concretizzare in qualche modo i propri sogni: arrivare quasi a toccare il cielo salendo in vetta alle montagne impervie, essere inebriato dall'orizzonte luminoso dei deserti, accettare le sfide più difficoltose delle più impegnative gare in natura, con determinazione e con la sua "natura da mulo", un mulo che a testa bassa e con cocciutaggine tira avanti, senza cedere e senza incertezze, malinconico e pensante, pieno di cose da dire e da raccontare senza nessuno sfoggio da miles gloriosous (che oggi purtroppo contraddistingue taluni runner delle più giovani leve), ma con l'umiltà del pellegrino che tanti viaggi e tante imprese ha affrontato alla ricerca di se stesso e per incontrare anche per un solo attimo i suoi sogni più radiosi.

Il libro che è scaturito dalla fatica congiunta di Marco Olmo (nella parte del narratore) e di Gaia De Pascale che ha orientato il discorso sulle tematiche più interessanti, ha ricevuto mentre era in fieri, il contributo in termini di preziosi consigli (che hanno consentito proficue correzioni di rotta) da parte di amici runner e non, quali Luisa Balsamo, Andrea Martini, Simone Regazzoni, Dario Viale.

E' un libro imperdibile per chi ama la corsa sulle lunghe distanze e l'Ultratrail, ma anche il tema delle sfide con se stesso.
Molti dei pensieri espressi da Marco Olmo meriterebbero una citazione testuale tanto sono profondi. Ma é ben difficile fare una scelta di quelli da citare: nelcorso della lettura,prima di scrivere questa recensione, avevo preso a segnarne alcuni che ritenevo idoneo per una citazione testuale, ma poi poi mi sono reso conto che così procedendo avrei segnato tutto il libro e ho lasciato perdere, limitandomi soltanto a fare delle piccole annotazioni qua e là per la mia memoria personale. E, quindi, è bene lasciare che ciascuno trovi nel suo racconto i suoi stimoli alla riflessione e i punti di contatto con quella che nella sua semplice verità é un'esperienza di vita universale. 
La storia di Marco Olmo è talmente emblematica che Gaia de Pascale ha dedicato a lui, quasi un intero capitolo (e uno dei primi) della sua successiva opera sulla corsa e sul correre, Correre è una filosofia. Perché si corre (Ponte alle Grazie, 2014).

 

(Dal risguardo di copertina) All'inizio di questo racconto c'è un uomo che si guarda allo specchio e si chiede: "Sono davvero io quel vecchio lì?" Il suo corpo non nasconde affatto il peso dei suoi sessantatré anni. Nessuno direbbe mai che ha la stoffa del campione. Del vincitore che non ti aspetti. E non in uno sport qualunque, ma nell'ultra trail, una disciplina estrema che significa decine, centinaia di chilometri di corsa sui terreni e nei climi più impervi, sulle Alpi o nei deserti. Marco Olmo è stato boscaiolo e camionista, infine operaio per ventun anni in una grande cementeria della provincia piemontese. Poi, all'improvviso, è iniziata la sua straordinaria avventura di corridore.
Apparentemente un po' tardi per la sua età. Ma Olmo viene dal "mondo dei vinti", dal mondo delle montagne sconfitto dalla civiltà industriale. La sua traiettoria è ben di più di un eccezionale exploit sportivo, è un'occasione unica di riscatto, una vittoria profondamente umana. È da lì che il corridore distilla, misura lentamente la sua forza. Marco Olmo si guarda allo specchio, si conta le rughe. "Quel vecchio lì", magro e capace di sopportare fatiche immani, non ha intenzione di fermarsi, e già immagina la prossima gara. "Conosco il mio corpo, e so dove mi può portare. Lontano"

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche