Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
22 marzo 2013 5 22 /03 /marzo /2013 01:26

Mezza Maratona della Concordia 2013 (10^ ed.). Il racconto di SuperElena CifaliSi è svolta lo scorso 3 marzo 2013 la 10^ edizione della Mezza Maratona della Concordia (Agrigento)A prendere parte alla Mezza Maratona sono stati circa mille atleti fra i quali circa il 20% proveniente da fuori della Sicilia. Un evento molto partecipato che tuttavia in molti degli atleti partecipanti ha lasciato qualche scontentezza e susictato polemiche, in merito soprattutto a quella che da alcuni è stata ritenuta una non eccellente qualità organizzativa.
Tra i partecipanti anche SuperElena Cifali che ci ha inviato il suo racconto. 

(Elena Cifali) Marzo è appena iniziato, ma ad Agrigento i mandorli sono già in fiore, primizie di primavera. 

Quando vivevo a Gela con i miei genitori partecipare alla “Festa del mandorlo in fiore” proprio ad Agrigento era una tradizione irrinunciabile, segnava l’inizio della bella stagione e trascorrere qualche ora nella città dei templi era quasi un “dovere”.
Oggi, a distanza di 25 anni mi ritrovo in questa splendida porzione della Sicilia. Un luogo caldo, baciato dal sole che oggi ha voluto essere clemente, spazzando via le piogge ed i nuvolosi dei giorni passati.
Ad accompagnarmi gli amici della mia squadra. Al volante della nostra auto l’impareggiabile Claudio Chines che ci delizia con una guida morbida e sicura, accanto a lui Gaetano e sul sedile posteriore io tra i due Salvo.
Giunti sul piazzale dinnanzi al posto della partenza l’incontro con i nuovi e vecchi amici è la parte della giornata che più mi piace e mi fa stare allegra.
Io intendo la corsa solo come divertimento, infischiandomene del cronometro e della classifica, quindi per me le persone che incontro sono spesso più importanti dei chilometri da percorrere.

Sbrigate tutte le faccende di rito, nel giro di pochi minuti, mi ritrovo dietro il gonfiabile, neppure il tempo di capire da che parte è la partenza che sento lo sparo dello start.
“Bene – penso tra me e me - oggi sono piuttosto distratta, chissà dove ho lasciato la testa!”
Le gambe si muovono in maniera autonoma, senza che io le sforzi, si posizionano una davanti all’altra, i piedi vivono di vita propria, le braccia assecondano il movimenti di tutto il resto del corpo.
Sul lungomare di San Leone, l’aria è pulita, sento l’odore salmastro del mare. Mi giro alla mia destra e lo vedo maestoso, imponente, prepotente, quieto, che luccica, qui comanda lui, col suo moto continuo, con le sue onde che sono le regine della spiaggia.
Una spiaggia importante, pulita, piatta, che ha il colore dell’oro e riflette i raggi del sole. La immagino calda, anzi rovente sotto il sole di agosto. Torno indietro nel tempo ed ho 18 anni, fresca di patente sulla mia FIAT 127 che aveva più anni di me, poiché l'avevo ereditata dal nonno. Io ed i compagni di scuola partivamo spesso per le nostre gite proprio con destinazione Agrigento, dove sostavamo ad ammirare la storia prima di tuffarci nel limpido mare a fare capriole.

La tentazione di tuffarmi è forte anche oggi: corro con gli occhi puntati sull’acqua, ricordando ed immaginando di bagnarmici alla fine della gara. 
Ma, già al primo giro di boa, mi dimentico del mare ed inizio a pensare alla corsa, finalmente mi sto concentrando. “Caspita Elena, sei qui per correre, non per abbandonarti ai tuoi dolci ricordi di adolescente innamorata, alza le gambe, ed inizia a fare sul serio”.
Il “serio” non tarda ad arrivare, davanti a me si presenta una bella salita, ne avevo sentito parlare e seppure non abbia nulla a che vedere con le salite a cui sono abituata sull’Etna le porto comunque rispetto.
“Accendo le gambe” ed inizio a spingere più che posso; sentendo i polpacci ed i quadricipiti gonfiarsi ad ogni spinta, mi sento molto soddisfatta perché riesco a superare con estrema facilità una moltitudine di persone che avevo visto sfrecciare davanti a me, a fine gara ne conterò addirittura 102 tra un passaggio e l’altro.
Un buon segno, capisco che tutti gli allenamenti e tutti gli sforzi fatti negli ultimi mesi sono serviti a qualcosa. 

La fronte ed il viso brillano di sudore, la fatica aumenta e con essa i miei battiti, il cuore batte forte e la respirazione si fa più pesante, ma la sensazione di conquista che mi da questa salita mi compensa di ogni fatica. Dopotutto io lo dico sempre: la fatica è momentanea, la gloria dura per sempre. E anche oggi, in questo luogo carico di storia la mia gloria si fa sentire più della fatica.
Quando sotto le mie scarpe non c’è più l’asfalto ma la nuda pietra rossa mi rendo conto di ”aver passato la soglia”, adesso sono dentro la Valle dei Templi, sto correndo accanto alla storia, sto accarezzando il passato, sto lasciando il mio sudore dove millenni addietro lo hanno lasciato migliaia di soldati. Oggi quei soldati non hanno armi, non devono difendersi da nessuno se non da se stessi.
Oggi, ognuno combatte la propria battaglia a colpi di scarpette, con gocce di sudore e barrette energetiche.
Oggi, ognuno di noi indossa una divisa colorata che è sinonimo di appartenenza ad una squadra, ad un gruppo che ha come unico scopo quello di godere della propria fatica e di raccogliere i frutti delle proprie rinunce, dei propri sacrifici.

“Forza Elena, sei dove volevi essere, non sei sola, sorridi alla vita e godi di quello che stai facendo”.
Passo dopo passo anche la salita finisce, il giro di boa e poi la discesa. Una discesa generosa che affronto con molta cautela, le pietre sul terreno sono insidiose e prendere una storta o finire col muso per terra non mi va per nulla. Qualcuno legge a voce alta la scritta sulla mia maglietta e mi chiama per nome. Non so chi siano, ma loro mi conoscono e sembra anche molto bene!
Sentirmi chiamare per nome mi da una nuova carica; adesso mi trovo sull’asfalto. Accelero toccando punte di velocità importanti per il mio passo. Anche in discesa supero alcuni runner che durante i primi chilometri di gara mi avevano distanziata, ormai non mi faccio più prendere. 
Grazie a tutti i lunghi che ho fatto in allenamento negli ultimi mesi 21 km mi sembrano davvero pochi. Mi sento bene, anzi benissimo, mi faccio coraggio: ancora 4 km e sarò arrivata.
Durante l’ultima mezz’ora sono stata sempre vicina ad una grandissima atleta che stimo molto: Claudia Occhipinti.
A tratti stiamo gomito a gomito, a tratti lei allunga il passo e si posiziona davanti a me. La sua presenza è un’ottimo stimolo, non posso e non voglio mollarla.
Lei sarà la mia lepre fino alla fine.
Mi posiziono dietro di lei e la inseguo.
Passo dopo passo, goccia di sudore dopo goccia di sudore. Il mio fiato si fa pesantissimo. Claudia mi sente e non molla neppure per un attimo.
E’ una sfida a due tra due donne, due atlete che combattono contro se stesse e la loro stanchezza. Gli ultimi 2 km sono pesanti, non vedo l’ora di arrivare, ho chiesto tanto al mio fisico, soprattutto durante l’inseguimento di Claudia ed ora sento che le forze mi stanno abbandonando.
Mancano solo 500 metri, quando mi viene incontro l’amico Claudio: vederlo mi riempie di gioia perché so che è venuto per “tirarmi” proprio nel momento in cui ne ho più bisogno: “Dai, forza Elena, andiamo a prendere Claudia”.
Già, sembra un gioco di parole: Claudia, Elena, Claudio !

Ma questa donna che mi sta davanti e che sta gestendo la gara in modo superlativo allunga il passo, la vedo allontanarsi: 2, 4, 6 metri avanti a me. Il gonfiabile, il fiatone, le gambe stanche, la gloria, arriva tutto contemporaneamente in una sfida che vale una vita.
Ecco, alzo le braccia al cielo e l’arrivo è tutto per me, Claudia è passata 3 secondi prima. Bravissima.
Dopo il nostro arrivo ci complimentiamo l’una con l’altra. Siamo state l’una la sfida dell’altra ed abbiamo dimostrato di potercela fare.
Lo dico sempre io: la corsa unisce in maniera particolare ed importante. Oggi ho trovato una nuova amica, una donna che come me sfida la propria fatica in onore della propria gloria.

 

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche