Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
4 novembre 2013 1 04 /11 /novembre /2013 19:32

Millet Etna Sky Marathon 2013 (8^ ed.). Una gara all’insegna del fair play e dello spirito sportivo (Vincenzo Ferro)Si è celebrata domenica 3 novembre 2013 la Millet Etna Sky Marathon, giunta alla sua 8^ edizione. L'Etna ha regalato una stupenda giornata per l'ottava edizione dell'Etna Sky Marathon che ha visto un grandissimo Vito Massimo Catania aggiudicarsi la gara con il tempo di 2h59' davanti al russo Mikhail Mamleev e al palermitano  Giuseppe Cuttaia, mentre tra la donne si è imposta la 5 volte campionessa del mondo Emanuela Brizio con il tempo di 3h35' davanti alla siciliana Graziella Bonanno e a Martina Norma. Un grande ringraziamento da parte degli organizzatori agli sponsor Millet - Mountain by Experience - Valetudo skyrunning - Italiasiculamente - Etna Wall e a tutti i volontari, al Corpo forestale e al Soccorso Alpino di Etna Sud e Etna Nord.

112 sono stati i finisher di cui 91 gli uomini e 21 le donne.
Vai alle classifiche
Appuntamento all'anno prossimo per il Sicily Volcano Trail 2014!

Vincenzo Ferro (ASD Etnatrail) ci ha scritto un suo report sulla manifestazione. Queste le sue parole di presentazione: "Il main theme di questo breve racconto è stato concepito a poche ore dalla conclusione della gara, mentre ancora dolorante facevo ritorno a casa in macchina insieme agli amici Ezio, Elena e Salvo, ed è stato scritto di pugno mentre stavo sdraiato sul divano con la borsa del ghiaccio che faceva capolino tra ginocchio e caviglia. Poichè sono dell’opinione di riconoscere a Cesare quel ch’è di Cesare, ho ritenuto cosa opportuna, e spero gradita, descrivere quanto accaduto al fine di portare un piccolo contributo utile alla crescita di ognuno di noi e fare tesoro dei tanti atti di bontà espressi in vario modo, che, ogni giorno, vengono compiuti intorno a noi dalla gente comune".  

 

Come disse Totò in un suo celebre film “Signori si nasce e io lo nacqui". Ebbene Vito Massimo Catania lo è (un vero Signore). Chi si appresta a leggere questo racconto immaginerà di trovare una descrizione di una giornata stupenda trascorsa all’insegna dello stare insieme al cospetto di un luogo spettacolare ed unico al mondo come soltanto l’Etna può offrire, il racconto di come sia andata la 8^ edizione dell’Etna Marathon 2013, il resoconto delle impressioni generali, della magnificenza dei paesaggi, dei splenditi colori di un autunno che ancora non sembra aver voglia di arrivare da queste parti ed esaltati da una calda giornata di sole.  Oppure si aspetterà di leggere dell’esperienza provata per poterla condividere, degli amici dell’Etna Trail presenti sia in gara che in supporto in MTB lungo il percorso (e cito per tutti il presidente Carmelo  Santoro), delle tante belle persone tra amici conoscenti e stranieri conosciuti durante i 42 km con i quali c’è stato tempo di scambiare le proprie impressioni e foto tra questi Auriele, Joachim e Rosellen,  delle condizioni fisiche devastanti provate all’arrivo da alcuni alla prima volta in questa gara (come del resto lo è stata per me), ma a tutto questo ci penseranno altri che sicuramente riusciranno a trasmettere emozioni più forti di quanto possa uscire dalla mia penna.
Dovrei raccontare della mia gara di come sono giunto all’arrivo distrutto e pieno di crampi in entrambi gli arti inferiori, ma ugualmente soddisfatto per aver portato a termine la sfida rispettando l’obiettivo iniziale di chiudere entro le 5 ore e, considerando che al 30°km ero transitato con un ottimo tempo di 3h05', il finale ufficiale di 4h51’43” mi va addirittura stretto.
Millet Etna Sky Marathon 2013 (8^ ed.). Una gara all’insegna del fair play e dello spirito sportivo (Vincenzo Ferro)Però non è di tutto questo che vorrei raccontare, ma di un fatto che ha dello stra-ordinario visto il mondo in cui viviamo, alla voglia incessante di primeggiare a discapito degli altri, al narcisismo frenetico che abbiamo tutti sotto gli occhi e a cui oramai ci siamo assuefatti.
Per questo motivo quando si ha la fortuna di partecipare a degli avvenimenti e poter dire “C’ero anch’io”, allora corre l’obbligo di raccontare e divulgare i fatti per portarli ad esempio per la generazione presente così come ho pensato di raccontare quanto successo ai miei figli, la stessa sera dopo l’Etnamarathon. 
Che Vito Massimo Catania sia un grande campione lo si può constatare verificando tutte le innumerevoli vittorie portate a casa negli ultimi anni in tutto il territorio siciliano. E che sia anche una persona ben voluta, ammirata da tutti lo si può cogliere leggendo tutti i commenti e i complimenti che gli vengono rivolti nella rete e perché ovunque l’abbia incontrato tutti lo salutano con gioia e si congratulano per il suo essere uomo. Ebbene come ho scritto all’inizio Vito è un Signore in tutti i sensi perché sa interpretare lo sport come vero spirito della vita.
Non nascondo di essermi emozionato quando, durante la premiazione, è stato svelato dall’organizzazione un retroscena che in pochi conoscevano, successo prima  della manifestazione e che mi ha spinto a scrivere queste righe.  
Tutti i runner siciliani che si cimentano nelle gare amatoriali conoscono Vito Massimo e sanno che ama correre più di ogni altra cosa; già prima della chiusura delle iscrizioni nella starting list figurava il suo nome. Non so se qualcuno degli organizzatori ne conoscesse il valore sportivo tanto che nel sito ufficiale della Millet Etna Marathon non era stato menzionato ne tanto meno pronosticato tra i favoriti.
Ma cosa era successo?
A starting list completa un giovane e bravissimo atleta siciliano, Francesco Cesare, chiede di partecipare ma poiché gli organizzatori non intendevano concedere deroghe al regolamento ecco che Vito si offre  a cedere il proprio pettorale, come  confermato dallo stesso Francesco, classificatosi brillantemente 6° assoluto.
Ma ci pensate!?!
Vito aveva da tempo pensato a questa gara... l’aspettava … e tutti noi, che ci definiamo runner,  sappiamo che quando programmiamo un evento la partecipazione diventa motivo di vita  o di morte: non ci rinunceremmo per tutto l’oro del mondo.
Eppure Vito, uno dei favoriti alla vittoria finale, decide di rinunciare alla gara per dare l’opportunità ad un’altra persona di partecipare.
Ma se giustizia deve essere!!!
All’ultimo momento arriva una defezione e Vito riacquista un pettorale.
Non ho potuto vedere con i miei occhi le immagini della vittoria ma come è stato riferito dai presenti.  Vito si è accodato al campione del mondo di skyrunning, il russo Mikhail Mamleev giunto secondo, e a pochi chilometri dall’arrivo lo ha distanziato con una corsa fluida e potente.  
Ancora una volta Vito Massimo ci insegna qualcosa e credo sia un dovere, e rispetto verso gli altri, imitarlo, pensare e agire considerando la corsa come uno stile di vita, scevro da personalismi e fronzoli, con la semplicità, l’umiltà e la  correttezza che lo ha sempre contraddistinto. Per quanto ne sappia Vito si era cimentato sull’Etna per la prima volta nel mese di agosto per l’Etna Trail 2013, tappa del circuito Ecotrail Sicilia, e, in quell’occasione, si era trovato testa a testa sin dall’inizio con un altro grande campione siciliano Giuseppe Cuttaia (classificato 3° assoluto alle spalle del russo Mamleev), fino all’ultimo rettilineo ma a pochi metri dalla fine, come raccontato dai presenti, scaraventava il suo compagno, avversario e amico, in avanti sotto il gonfiabile dell’arrivo. 
La mattina, prima della partenza della Etna Sky Marathon, mentre mi complimentavo per la sua ultima vittoria della settimana precedente (alla Maratonina dei Nebrodi, alla sua 3^ edizione, con il crono di 1h12'), gli chiedevano come mai, da abituale vincitore di gare su strada si presentava sull’Etna per correre su quel tipo di tracciato non consono alle sue caratteristiche, e lui con una disarmante semplicità rispondeva: “Io corro ovunque perché mi diverto”. 
Subito dopo il mio arrivo intravedo  Vito in tuta mentre stava facendo stretching (aveva completato circa 2 ore prima) e avvicinandomi, dolorante ma con l’orgoglio di aver concluso entro le 5 ore, gli chiedo come fosse andata e quale posizione avesse raggiunto, e lui con un grande sorriso sulle labbra “E’ andata bene.. ho completato” aggiungendo nient’altro, continuando a sorridere. 
Questo è Vito Massimo Catania, un Signore… nello sport e nella vita.

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche