Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
10 maggio 2011 2 10 /05 /maggio /2011 15:08

diabolik_furto.jpgUna podista che ha partecipato alla 12^ - ed ultima - edizione della Maratona del Custoza a Sommacampagna segnala di essere stata derubata di alcuni suoi effetti personali che aveva lasciato all'interno dell'auto posteggiata nel parcheggio riservato ai runner.
Un fatto indubbiamente deplorevole ma di cui non c'è poi tanto da sorprendersi, considerando la crisi dell'economia, la quantità di persone costrette ad arrangiarsi e soprattutto il generale allentarsi dei freni morali, in parte scaturenti dai pessimi esempi educativi e pedagogici trasmessi dai media e dai tanti "cattivi" maestri a piede libero.
Ed è anche chiaro che, laddove si verificano assembramenti umani importanti - come è nel caso della Maratona sopracitata che ha raccolto un migliaio e passa di podisti - vengono attratti i profittatori e i ladruncoli pronti a cogliere l'occasione al volo.


Come ben si sa oggi si è svolta l'ultima maratona del Custoza...Bellissima maratona e mezza se non fosse per il fatto che, nel parcheggio riservato dall'organizzazione ai runner partecipanti alla gara, ignoti hanno fatto razzia di oggetti d'ogni tipo (portafogli, cellulari, e addirittura abiti, scassinando un buon numero di auto presenti e portandosene via addirittura una.
Come chi va a queste manifestazioni da sola, senza avere con sè qualcuno cui affidare la custodia dei suoi oggetti e beni? Si porta addosso tutto? Oppure deve lasciare i suoi beni nel baule dell'auto, ben nascosto? Ma, questa volta, ai derubati l'aver ben nascosto il portafoglio non è servito a nulla!
Io sono stata uno dei derubati. Spero che questa mia esperienza sgradevole possa aiutare anche altri a non vivere l'esperienza dell'essere derubato. Anche i parcheggi a pagamento difficilmente sono sorvegliati ...La mia raccomandazione: non lasciate nulla nemmeno abiti all'interno dell'auto...

Io direi che è il mondo ad essere dominato da ladroni e profittatori: del resto il proverbio popolare recita - non a caso - "L'occasione fa l'uomo ladro".
I latrocini e le ruberie sono sempre avvenuti da che mondo e mondo: i ribaldi e i vilain non manheranno mai. C'è ben poco da fare, salvo ad incappare - ma sempre più di rado - in luoghi frequentati da onesti ed impeccabili cittadini, come mi è capitato di constatare a Messina, quando dopo una sosta in un bar sono stato inseguito da uno dei suoi lavoranti che mi ha riportato la mia macchinetta digitale dimenticata sul tavolo. Magari, in un altro posto, se la sarebbero intascata senza farsi tanti problemi e, se io fossi tornato indietro a reclamarla, avrebbero negato di averla mai vista.
E la regola doversi guardare costantemente e allenarsi, purtroppo, ad avere uno sguardo sempre carico di diffidenza nei confronti dei nostri simili.
Ciò che dispiace veramente è quando simili episodi si verificano in concomitanza di un evento sportivo, perchè - in qualche misura - ne va di mezzo l'organizzatore stesso.
Ci sono alcuni che, derubati in simili circostanze (come nel racconto sopra citato), non esiterebbero ad incolpare l'organizzatore della gara podistica, ritenendolo responsabile di omissioni gravi (per esempio, in questo caso, la mancata sorveglianza del parcheggio).
Ma che dire poi di quelli che, senza rubare portafogli e altri beni personali dei partecipanti ad una gara, rubano egualmente, approfittando della buona fede e della fiducia degli organizzatori?
Non sono dei ladri anche costoro?
Quelli che, per esempio, alla distribuzione dei pacchi-gara passano dal gazebo o dal tavolo appositamente predisposto dallo staff per due volte, ritirando quindi due pacchi-gara, oppure quelli che alla fine della loro competizione passano più volte dall'addetto alla distribuzione delle medaglie per potere disporne di più di un esemplare da regalare poi ad amici e parenti.
Questi sono fatti realmente accaduti: come, appunto, è accaduto alla conclusione della 3ì edizione della 6 ore dei Templari, appena qualche giorno fa, quando gli organizzatori si sono trovati improvvisamente a corto di medaglie, proprio a causa dei furbacchioni e dei profittatori di turno.
Sono dei comportamenti odiosi perchè innanzitutto ledono gli altri runner che non possono più fruire di una cosa che spetta loro (perchè - con la quota d'iscrizione - l'hanno per di più pagata), ma sopratutto perchè danneggiano l'immagine degli organizzatori stessi che poi da quei podisti lesi appunto nella fruizione dei loro diritti (sacrosanti) vengono immediatamente accusati di scarsa efficienza.
Stesso discorso si potrebbe fare per quelli che usufruiscono a dismisura del ristoro finale (per sé e per i propri accompagnatori), lasciando gli ultimi arrivati a bocca asciutta.
Molti sono pronti come sempre ad accusare gli organizzatori che, ala fine, vengono obbligati ad assumere il ruolo di capro espiatorio e che, per prevenire, si trovano costretti ad adottare misure poliziesche di sorveglianza e di contabilizzazione burocratica.
E ci sono poi altre forme di furto più sottili che macchiano le virtù sportive ed agonistiche dei tanti: sono quelle messe in atto dai cosiddetti "sarti" e tagliatori varì che pur di salire di qualche posto nella classifica generale non esitno a mettere in atto strategie fraudolente e ad "abbuonarsi" porzioni più o meno cospicue del percorso di gara.
Cosa fare? Contro i furti perpetrati da terzi, cioè da persone estranee alla manifestazione e che ronzano attorno all'assemmbramento per pescare nel torbido, ben poco.
Per  tutti i peccatucci veniali, invece, si può fare tanto con l'esempio, con una maggiore sorveglianza reciproca e applicando un forte senso di responsabilità, evitando invece iquei comportamenti in cui - per quieto vivere - si fa finta di non vedere: in modo tale che ciascuno pigli soltanto ciò che gli spetti, senza danneggiare gli altri.
Se cresciamo tutti, anche i furti messi in atto dai "topi d'auto"si ridurrebbero significativamente, senza dimenticare che, a volte, le responsabilità vanno cercate nel vicino, piuttosto che nel lontano.
Tanto per citare un esempio, in un prestigioso club sportivo della mia città, gli oggetti lasciati incustoditi negli spogliatoi - persino gli abiti soprattutto se griffati, finanche le calzature e i capi di biancheria intima  - vengono allegramente depredati negli spogliatoi, costrigendo le malcapitate vittime ad andarsene a casa in costume da bagno: eppure, si tratta di un circolo prestigioso frequentato - in teoria - dalla gente migliore che meno di altre avrebbe la necessità di indulgere a simili pratiche, soprattutto perchè non è spinta dal bisogno.

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche