Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 luglio 2011 5 01 /07 /luglio /2011 07:15

Imprese-estreme 8448Michele Rizzitelli ha intervistato Pio Malfatti che, già azzurro di ultramaratona nella specialità 100 km ma anche promoter regionale IUTA della regione trentino Alto Adige, è attualmente impegnato, nell'intero arco del 2011 nel progetto "Maratrenta", che prevede di correre  30 maratone in tutte le Regioni italiane, tutte al disotto di un tempo cronometrico di 3 ore. Il progetto sta andando avanti con qualche ritocco rispetto al proramma originario: nel senso che è stata introdotta qualche variazione rispetto alle maratone di cui era sta annunciata la partecipazione. Ad esempio, Pio Malfatti ha deciso di non partecipare alla Maratona di Suviana, perchè i forti dislivelli altimetrici di questa gara non gli avrebbero consentito di rispettare l'impegno di mantenere il crono sotto le 3 ore. Questa e altre due maratone verranno sostituite con altre, sempre rispettando la condizione di toccare tutte le regioni italiane.

Ecco l'intervista, preceduta da un breve profilo del personaggio, elaborato dallo stesso Michele Rizzitelli.

 

La sua distanza preferita è la 100 km, che chiude in 7.25.00. Ha indossato 10 volte la maglia azzurra, contribuendo per tre volte alla conquista della medaglia d’oro a squadre: 2003 a Taiwan, 2004 in Olanda e 2008 a Tarquinia. Quando l’ha guidata come capitano (2008), le ha portato fortuna, e l’Italia ha conquistato anche l’oro individuale con Calcaterra.

Ha mietuto allori nelle gare estreme del deserto del Marocco, della Libia e di Capo Verde. Un’infinità le sue gare, e non meno di 80.000 i chilometri macinati, ovvero due volte la lunghezza dell’equatore.

A 48 anni, al culmine delle sue qualità fisiche di resistenza, e prima che il fluire del tempo le appannino, si è proposto di lasciare un’impronta nell’atletica di alto livello. L’occasione gli è stata offerta dal 150° anniversario dell’Unità d’Italia, ideando il progetto MARATRENTA, cioè correre, in 12 mesi, 30 maratone in altrettante contrade della penisola, con tempi sempre inferiori alle tre ore. Nessuno c’è mai riuscito! Un’impresa da Guinness World Records! Per 30 volte, ogni traguardo sarà per lui non un arrivo, ma l’inizio di una nuova partenza.
E’ il suo omaggio all’Unità nazionale, il suo modo personale per dire: Buon compleanno, Italia. Auguri fatti non con la retorica verbale, ma con le doti che contraddistinguono un ultramaratoneta: la fatica e il sudore.
Attraverserà, con il fiato sempre in gola, trenta plaghe di un’Italia così unita e cosi diversa per storia, geografia, usi e costumi. Darà valore alle diversità che scandiscono il Belpaese, e che una lingua comune (e altro) unisce. C’è qualcuno che ha l’ardire di metter in discussione Dante? Conoscendo il tipo, vedo il Poeta dimenarsi nella tomba, e scagliare contro il malcapitato i dardi delle sue invettive. Bisogna fare gli italiani, diceva d’Azeglio. E poiché c’è ancora molto da fare, Pio Malfatti porge il suo contributo fatto di sacrificio. Per festeggiare la nostra unità plurale, “diverse” sono le maratone che ha scelto, ma la maratona è sempre una: una gara di 42,195 km.
Ha cominciato al nord con Roncola (2.51.46), è sceso nell’estremo lembo del territorio nazionale a Ragusa (2.56.49), risalendo ha toccato Napoli (2.53.01), Terni (2.52.26), Salsomaggiore (2.56.27) e Piacenza (2.57.05). Ha puntato verso il centro a Roma (2.53.53), successivamente ha sostato al nord con Treviso (2.55.09, Milano (2.58.51), Padova (2.53.22), Vercelli (2.55.06) e Trieste (2.54.12). A Porto San Giorgio (2.55.52) ha fatto tredici. Le rimanenti diciassette lo vedranno impegnato ancora nella calda Sicilia, nella ventosa Sardegna, nelle serene colline di Toscana, nell’aspra Calabria, nella diversità dell’Alto Adige.
Pio Malfatti è il segno dell’Italia che cambia. Nel 1895, Luigi Vittorio Bertarelli, per far scoprire agli italiani il loro giovane paese, organizzò una passeggiata a tappe in bicicletta da Milano a Roma, coniugando cultura del viaggio e pratica sportiva. Era di moda la bicicletta, simbolo di progresso. Difatti, qualche anno dopo ebbe inizio il Tour de France e poi il Giro d’Italia. Pio Malfatti, per raggiungere gli stessi obiettivi, se ne va a piedi, il mezzo di moda dei nostri giorni, come dimostrano le maratone di New York, Roma, Milano ecc. Per completezza, devo ricordare che Luigi Vittorio Bertarelli fu grande anche a piedi. Nel 1891, in 24 ore percorse in pista 155 km, record che è stato battuto solo nel 1970 da Andrea Rossi con 175,144 km (I pionieri della 24 ore, Maria Teresa Nardin e Franco Bini, pag. 7).
Ad ogni maratona conclusa, Pio consegna all’organizzatore una bottiglia di Teroldego, ricavato dai vigneti amorosamente coltivati nella Piana Rotaliana. Dietro una bottiglia di vino ci sono la cultura, la sapienza, i profumi, i sapori di un territorio. Alceo, il poeta greco cantore del vino, in un frammento si spinge oltre: “Il vino è lo specchio dell’uomo”. Infatti, l’altro motivo del progetto Maratrenta, è quello di far conoscere agli italiani Mezzolombardo, la sua città natale di 6.000 abitanti, posta a 227 mslm, in provincia di Trento. Il nome curioso trova spiegazione tenendo presente che il Piano del t. Noce o Campo Rotaliano, nel XIII sec., fu diviso in due giurisdizioni. Una andò al conte del Tirolo e si chiamò Mezzotedesco (nome poi cambiato in Mezzocorona), l’altra rimase al principe di Trento e fu detta Mezzolombardo (lombardo, ossia italiano).
E’ di poche parole e riservato, Pio Malfatti, Promoter Iuta per Trentino Alto Adige. Appena si conquista la sua fiducia, ogni barriera cade, e si racconta.
D. Quando hai cominciato a correre?
Tardi, a 35 anni. Ho iniziato con la maratona. Una volta conosciuto Stefano Sartori, ho optato per l’ultramaratona. E’ stato lui ad inocularmi il virus della lunga distanza.
D. Fai l’imbianchino. Dopo una giornata di lavoro manuale, dedicarsi alla corsa non è un aggiungere fatica a fatica?
Dopo il lavoro, la corsa ha su di me un effetto rilassante. Mi dona pace e tranquillità.
D. Pratichi altri sport?
Arrampicata e bicicletta.
D. L’emozione più grande della tua carriera sportiva.
La prima convocazione in Nazionale. Fu un’esperienza entusiasmante trovarsi fra campioni del calibro di Sartori, Ardemagni, Fattori, Casiraghi. Quando ci penso, tuttora mi viene la pelle d’oca. 
D. L’esperienza più dura.
Il campionato mondiale della 100 km a Tarquinia. Non stavo bene e volevo ritirarmi.
Non potevo perché ero il capitano della nazionale: può un capitano abbandonare la nave? Soffrii le pene dell’inferno, ma la conclusi. In compenso, la sfilata con la bandiera fu una cosa eccitante. 
D. Parliamo di Maratrenta. Sono già tredici le maratone concluse. Qual è stata la più bella.
Trieste. 
D. La più emozionante.
Roma. La monumentalità della capitale mi ha lasciato a bocca aperta. 
D. La più pittoresca.
Ragusa, con le case di Ibla appollaiate sulla collina. 
D. La più facile.
Napoli. 
D. Quella che ti ha più sorpreso.
Terni. 
D. La più noiosa.
Piacenza, per la monotonia del percorso. 
D. Oltre a rendere omaggio all’Unità d’Italia ed alla promozione del tuo territorio, quale altro obiettivo ti sei prefissato?
Promuovere lo sport per la sua nobile valenza educativa. Vuole essere anche un invito a correre per scoprire le meraviglie nascoste del Belpaese. 
D. Praticamente, corri ogni domenica. Come recuperi.
Il lunedì vado in bicicletta, il giovedì faccio delle ripetute, negli altri giorni corsa blanda per 50 minuti.
 
Vai, Pio! Anzi vola, perché devi mantenere un ritmo di 4 minuti al chilometro, sia che piova, nevichi, sibili il vento, incomba la calura, in salita, in discesa. Hai già fatto molto. Le rimanenti diciassette (!) maratone saranno più agevoli. Bando alle superstizioni!
Antonella, orgogliosa di lui, lo accompagna in questa meravigliosa avventura.
 
Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche