Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
26 giugno 2013 3 26 /06 /giugno /2013 18:38

Supermaratona dell'Etna da 0 a 3000 2013 (7^ ed). Il racconto di Claudio Chines:Claudio Chines è un avvocato di Catania che da poco meno di tre anni, ha sposato la causa della corsa: inizialmente si è accostato ad essa per cercare di ridurre il peso corporeo che aveva sforato la fatidica soglia dei 100 kg, ma poi è stato preso dal "virus" e ha continuato per passione.
La corsa è divenuta per lui un piacere quotidiano irrinunciabile e lo ha spinto ad affrontare una serie di sfide dalle corse brevi su strada e su pista, alle mezze maratone, alla maratona per approdare "quasi per caso" all'esperienza della "Supermaratona dell'Etna 0-3000" lo scorso 15 giugno 2013: sempre avendo come obiettivo il piacere della sfida, dell'avventura e della fatica condivisa con altri compagni di squadra.
Qui seguito pubblichiamo volentieri il suo racconto, scritto di getto il lunedì successivo alla gara, tra un'udienza e l'altra. 

 

(Claudio Chines) Ho avuto la fortuna di entrare nel mondo delle ultra maratone passando a quota 3000 metri dalla stretta porta gonfiabile rossa posto in cima al vulcano Etna attorniato da bandiere colorate e sventolanti.

Mi presento: sono Claudio Chines e pratico la corsa da appena tre anni nei quali ho conosciuto un numero considerevole di runner amatoriali tra cui, in particolare, delle belle persone coinvolgenti e determinate nel perseguire i loro sogni.

È soprattutto grazie a loro che ho deciso di partecipare con il mio entusiasmo alla Supermaratona dell'Etna da 0 a 3000 nell'incosciente consapevolezza di non avere una preparazione adeguata.

Ma questo è solo un dettaglio, perché chi mi conosce sa che “non mi alleno”, ma che corro per la gioia che mi dà la corsa e per il piacere di stare insieme in piena libertà.

E sono questi due ingredienti che mi danno la giusta carica energetica per affrontare le fatiche.

La mia giornata del 15.06.2013 è cominciata di mattina presto quando ho recuperato Marilisa ed Eleonora, compagne di tante uscite all’alba sul lungomare di Catania e dintorni, con le quali ho raggiunto la base di lancio “Marina di Cottone” a Fiumefreddo.

Supermaratona dell'Etna da 0 a 3000 2013 (7^ ed). Il racconto di Claudio Chines:I preparativi di rito, gli ultimi accorgimenti, la consegna della grandi buste con i cambi per quota 1800 e quota 3000 (se mai ci fossimo arrivati), le foto di rito con altri runner hanno preceduto l’arrivo sulla morbida sabbia della spiaggia.

Poi, improvviso, quel colpo di pistola sparato dallo starter che ti fa venire i brividi lungo la schiena e ti avvisa che l’avventura è cominciata ed ora tocca solo a te.

Sono tanto emozionato che al via non ne combino una giusta.

Volevo filmare con la mia piccola macchina fotografica la partenza ma quello sparo improvviso mi ha colto di sorpresa ed ormai era troppo tardi.

Partiamo e mi rendo conto, dopo circa 500 metri, che non ho nemmeno avviato il mio garmin e per me, che sono un paranoico fissato a segnare tempi e distanze, è una tragedia. Ma poco importa perché, in una salita come questa, per me conta solo arrivare.

Dimenticavo: la mattina precedente, quando ho ritirato il pettorale ed il pacco gara con Elena e Vincenzo, gli organizzatori ci hanno proposto di sottoporci ad uno studio per l’Università di Udine. Vogliono studiare le reazioni che una salita così estrema e protratta apporta al quadricipite. Ci hanno spiegato come funzionava il tutto ed abbiamo accettato tutti e tre ben volentieri.

Far parte della coorte di ricerca sarà per noi uno stimolo in più che ci spingerà a completare la salita per non deludere gli studiosi.

Per me, anche per smentire la previsione d'un simpatico omino rotondetto che, dopo aver eseguito i saltelli sull’apposito tappeto, dopo essermi sottoposto alle sollecitazioni elettromagnetiche ed aver completato le misurazioni dell’arto, mi dice “tantu n’arrivi dassupra” che tradotto per i non aborigeni significa: tanto non ci arrivi lassù.

La salita comincia subito. Perdo volutamente, dopo pochi cbilometri, il contatto con le mie amiche Eleonora e Marilisa; ma non ci siamo mai dati vincoli e nella libertà della corsa ognuno va come si sente.

C’è caldo, bevo in continuazione, mi fermo a tutte le fontanelle che incontro sul percorso per bagnare il mio cappellino arancione, prendendo sempre i rifornimenti messi a nostra disposizione dagli impeccabili organizzatori.

Supermaratona dell'Etna da 0 a 3000 2013 (7^ ed). Il racconto di Claudio Chines:Con la mia magliettina bianca, contraddistinta dall’Asso di mazze stampato sulla schiena con la scritta “Vacci lisciu” che tanti hanno simpaticamente apprezzato mentre mi superavano, corro tranquillamente sino al 19/20 km.

Poco prima, al traguardo volante di Linguaglossa rivedo il simpatico omino della profezia lo guardo, mentre penso che lui nemmeno mi riconosca vestito come sono da runner: passo oltre e non gli dico niente. Ma, del resto, devo ancora fare tantissima strada.
Uno speaker scandisce al microfono il mio nome, il mio cognome e la denominazione della mia squadra l’ASD Atletica Sicilia. Questo riconoscimento mi trasmette energia pura che scarico sull’asfalto e giro felice sulla mia sinistra verso l’ennesima salita.

Al 21° km. circa, quando già stavo alternando corsa e camminata, mi supera il mio compagno di squadra Salvatore che mi saluta, come al solito, dicendomi “Ciao, campione!”. Il suo saluto mi dà altra carica e, infatti, ricomincio a correre e poi di nuovo scelgo di camminare. Per me è davvero strano fare questa alternanza, non ci sono abituato, ma vedo accanto a me tanti altri compagni d’avventura (molto più esperti e preparati di me) che lo fanno. Ed io adeguo il mio fisico a questa difficoltosa novità.

E così riesco ad arrivare al famoso cancello di Piano Provenzana (33° km circa) dove, nell’apposito box, cambio la mia maglietta bianca che, nel frattempo, si è tinta del rosso del sangue rilasciato dai miei capezzoli. Ma anche a questo rito ho fatto l’abitudine.

Indosso la maglia arancione della squadra alla quale ho l’onore di appartenere e, dopo la foto che mi scatta gentilmente Mariarosa, mi avvio correndo verso questo misterioso ed affascinante percorso sullo sterrato, lasciandomi alle spalle Piano Provenzana.

Quasi subito mi rendo conto che è meglio ricominciare a camminare per prendere più confidenza col terreno che calpesto con le mie inadatte scarpe da running.

Adesso comincia la vera sfida: la camminata in salita di 9 chilometri lungo i sentieri tortuosi dell’Etna. Riuscirò a correre (si fa per dire) soltanto altre 4 o 5 volte per appena 200/300 metri a volta.

Mi gusto il panorama che ci regala l’Etna, guardo giù e penso al punto dal quale sono partito e da quanto tempo sono sulle mie gambe. Mi fermo a tutti i ristori che l’organizzazione ha sapientemente previsto, bevo i sali minerali e mi rifornisco di bottigliette d’acqua.

Incontro altri runner in viaggio verso la vetta, scambio con loro solo qualche parola, ci incoraggiamo a vicenda: qui non c’è alcuna competizione, ma solo condivisione dell’esperienza e reciproco rispetto ed ammirazione.

Ognuno di noi è racchiuso nei suoi pensieri e vuole arrivare in quota.

Così senza quasi accorgermene, tra una foto e l’altra, supero i cartelli dei km 38, 39, 40. Già i primi bus dalle grandi ruote, che sollevano tanta terra al loro passaggio, hanno cominciato le discese degli atleti che hanno ultimato la loro sfida e da uno di questi bus mi sento di nuovo incitare e chiamare da Salvatore. Ancora un'iniezione di fiducia. Ci voleva.

Proseguo nella mia salita e comincio a sentire la voce dello speaker che dalla vetta annuncia i vari finisher che si susseguono al traguardo con molto intervallo l'uno rispetto all'altro. Intorno al 41°km. sento pronunziare il nome della mia amica Eleonora. È già arrivata ed io sono strafelice per lei: se lo merita. Quella felicità mi da una spinta improvvisa e comincio a corricchiare di nuovo  per un po’.

Supermaratona dell'Etna da 0 a 3000 2013 (7^ ed). Il racconto di Claudio Chines:Sono quasi arrivato alla meta: mancano solo 500 metri.
Lì trovo gli altri ragazzi: Luca, Marco, Carmelo, Rosario e Totò che sono saliti a bordo di una jeep. Mi incoraggiano e mi danno il cinque.

Gli ultimi 500 metri sono i più duri. Sembra che il vulcano ci voglia mettere - ancora una volta - alla prova, come se non bastasse la strada già percorsa.

Però questi ultimi 500 metri sono anche i più belli ed emozionanti.

Prima dell’ultima curva un membro dell’organizzazione mi chiede se sono in grado di correre (correre?) sulla tavola di legno posizionata a margine del sentiero.

Mi ricordo dell’indagine dell’Università di Udine ed appena giunge alle mie orecchie la parola correre (ne avevo quasi dimenticato il significato negli ultimi 10 chilometri) comincio la corsa che, dopo l’ulteriore incitamento che proviene dalle mie amiche Eleonora e Marilisa, diventa ininterrotta sino al gonfiabile. Marco mi sta riprendendo con una piccola telecamera. Marilisa mi sta accanto corre con me e grida: arrivo al gonfiabile ci passo sotto felice con tutto il carico delle emozioni che un'esperienza unica come questa ti regala per sempre e mi sembra di essere arrivato tanto in alto da poter quasi accarezzare il viso di mio padre.

Non è ancora finita mi riposo qualche minuto e salgo ancora un po’ più in alto per correre per altri 20/30 metri, poi ancora tre saltelli e l’elettrostimolazione al quadricipite.
Nemmeno mi cambio e, con la mia medaglia al collo, scendo lungo i fianchi del vulcano per salire sul bus dalle grandi ruote ed incontro la mia coinvolgente e trascinante amica Elena: la fotografo e le urlo con grande affetto una parolina che non posso scrivere e che è meglio che resti tra pochi intimi.

Grazie di cuore a tutti ed in particolare a mia moglie Angela che da tre anni ha visto cambiare le mie abitudini lasciandomi libero di esprimere i miei sentimenti con la spontaneità che lei conosce da oltre vent’anni.
Un bacio finale ai miei figli nella speranza di correre un giorno insieme a loro.

 

Claudio Chines (scritta di getto nella biblioteca del Tribunale di Catania aspettando l’ora contumaciale di una convalida di sfratto)

 

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche