Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
13 agosto 2011 6 13 /08 /agosto /2011 10:31

tor-des-geants-01-2010.jpegSi chiama Tor de Géants ed è l’ultratrail più lungo al mondo: oltre 330 chilometri di sentieri alpini da percorrere in sette giorni. Una gara per pochi. Ma anche può diventare, per chi lo segue da accompagnatore o da appassionato, un tour enogastronomico unico tra le tavole della maestosa Valle d’Aosta.

Quando la montagna si fa dura i duri cominciano a correre, ma anche a mangiare. Questo avviene in Valle d’Aosta durante il Tor des Géants: l’ultra trail più tosto al mondo. Una maratona, ma il termine è riduttivo, per i temerari delle altitudini, amanti di trail ed endurance trail, virtuosi dello zaino in spalla, che si svolgerà dall’11 al 18 settembre 2011.

Percorrendo 330 chilometri di sentieri alpini in sette giorni, 24 mila metri di dislivello, 25 “colli” al di sopra dei 2 mila metri, l’appetito viene, eccome. E anche ai meno duri, a chi del Tor des Géants vuole fare solo un tratto emulando i grandi delle montagne, l’organizzazione fornisce la possibilità di percorrere le sette tappe, i Mini Tor, passeggiate naturalistiche che mostrano i suggestivi sentieri che collegano Courmayeur, Valgrisenche, Cogne, Donnas, Gressoney-Saint-Jean, Valtournenche e Ollmont.

Sette tappe che possono diventare anche altrettanti itinerari del gusto.

Alcuni esempi? Seguiteci in questo viaggio del gusto! Partiamo come gli atleti, da Courmayeur: eccoci al rifugio Bonatti, si trova a 2025 m di quota, nel Vallone di Malatrà e si affaccia su un panorama che abbraccia la catena del Monte Bianco, dal Col de la Seigne al Col Ferret. E’ un rifugio di media montagna, insomma, ci si arriva senza essere per forza super eroi, un’ora e mezza e si è in un angolo di paradiso, al cospetto delle creste affilate del Monte Bianco. Come si conviene nei rifugi, una tavola condivisa con gli altri ospiti, i racconti entusiasti dell’ascesa e un bel piatto davanti… si inizia con un antipasto a base di salumi, che in Valle d’Aosta sono davvero speciali, come il mitico lardo di Arnad. Si tratta di un lardo talmente valdostano che il suo vero nome è Valleé d’Aoste Lard d’Arnad, un prodotto a denominazione di origine protetta (DOP) che deve il suo sapore alla lunga stagionatura tra le erbe aromatiche di montagna, segreto del suo profumo e delle tanto apprezzate caratteristiche organolettiche. Al taglio ogni fetta è bianca, talvolta il cuore è leggermente rosato, con una possibile venatura di carne in superficie. Nel piatto non mancano poi i boudin, (in patois, il dialetto valdostano, si

pronunciano budén) che rientrano tra i grandi classici della tradizione valdostana e ancora oggi vengono preparati osservando scrupolosamente le antiche ricette tramandate da generazioni. Questo particolare salume è prodotto con patate bollite, pelate a mano e lasciate raffreddare, a cui si aggiungono cubetti di lardo, barbabietole rosse, spezie, aromi naturali, vino e sangue bovino o suino, il tutto insaccato in sottili budelli naturali prima legati a mano, poi appesi a essiccare per un paio di settimane.

TorUna vera delizia anche per i palati più raffinati.

Lasciamo il rifugio agli antipasti e seguiamo il Tor des Géants: spostiamoci come gli atleti, verso Valgrisenche, poi raggiungiamo Cogne, dove passiamo dalla cucina della tradizione a quella degli chef. Magari anche solo con uno spuntino… allora si va a Lou Ressignon, che significa proprio “lo spuntino della notte” nel patois di Cogne, qui possiamo conoscere i migliori piatti della tradizione locale in un ambiente caldo e rustico. L'attaccamento alla cultura gastronomica valdostana si sente…e se l’antipasto lo abbiamo già conosciuto al Bonatti passiamo a un piatto forte : la Seupetta à la Cogneintze, (zuppa alla maniera di Cogne) il vero cavallo di battaglia del ristorante, piatto tradizionale preparato con riso, crostoni di pane semi integrale e Fontina. Già, la Fontina, la regina dei formaggi delle Alpi, è un formaggio che riassume tutti gli aspetti esclusivi del latte crudo e intero e della sua lavorazione; si presenta con una crosta compatta, sottile e marroncina, all’interno della quale è racchiusa una pasta semicotta, elastica e fondente, con occhiatura piccola e scarsa. Il colore è paglierino chiaro nelle forme prodotte in inverno, quando le mucche sono alimentate con il fieno, e tende al

giallo più intenso nella produzione estiva. Il sapore è dolce e l’aroma fragrante si accentua con la stagionatura. La sua produzione è regolata da un rigido disciplinare, poiché è un prodotto a Denominazione di Origine Protetta.

Finito il “primo piatto”? Si riparte? Bene, ci si sposta da Cogne, si arriva a Donnas, poi su per la Valle del Lys, eccoci a Gressoney-Saint-Jean. Qui è prevista la base vita in paese e quindi ci concediamo un buon ristorante. Si va a Lyshaus, in titsch (la lingua walser che si parla ancora in questa comunità germanofona), significa casa del Lys, il torrente della valle, qui c’è il ristorante Carducci.  Strano nome per un luogo di montagna? Niente

affatto, si chiama così perché il grande poeta, invitato dalla Regina Margherita, frequentò per anni Gressoney, qui compose numerose poesie, tra cui "In riva al Lys".Questo ristorante è contraddistinto dal marchio “Saveurs du Val d’Aoste”, un label — rappresentato da una coppa dell’amicizia — che segnala dove acquistare i prodotti agroalimentari del territorio, garantiti per qualità e origine, o gustare le ricette tradizionali della cucina regionale, sempre in ambienti autenticamente valdostani. Non possiamo non gustare la Toma di Gressoney, un formaggio da alpeggio (e quindi prodotto in estate), lavorato solo nella valle del Lys con metodi tradizionali. Immancabile la selvaggina cucinata in civet con le erbe aromatiche dei pascoli valdostani,

accompagnato chiaramente da un ottimo vino, magari un vino di Donnas. Il Vallée d’Aoste Donnas DOC è un vino importante, tanto da essere definito “il fratello montano del Barolo”. Per la sua lavorazione sono impiegate uve di Nebbiolo, che qui si chiama Picotendro, di Freisa e di Neyret. Al gusto risulta secco, vellutato e armonico, con fondo ingentilito da una persistente nota tannica: caratteristiche che ben lo accostano alle carni di camoscio e alla selvaggina in genere, ma anche ai formaggi di lunga stagionatura.

Non beviamo troppo però…che il viaggio continua! Lasciamo il Monte Rosa, destinazione Valtournenche, ai piedi del mitico Cervino! Alla scoperta della ruralità alpina, questa volta cerchiamo un agriturismo, in Valle ce ne sono tantissimi. Per un'esperienza alternativa, l’agriturismo è diventato nel tempo una formula di ricettività ricercata da coloro che in vacanza prediligono esperienze di turismo di tipo rurale.

Andiamo a La Péra Doussa (pietra dolce in patois), una piccola azienda agrituristica a conduzione famigliare, incastonata in una conca di pascoli e boschi, tra cavalli, mucche, pecore, galline, capre e maiali. L'ambiente è rustico e accogliente e la sala da pranzo con camino in pietra dà l’idea di una casa privata nella quale siamo ospiti, qui il menu tipico parte dai salumi alla Mocetta condita, il Lardo con castagne passando per polenta e carbonade via via fino a genepy. Non trascurabile qui è il Pane nero, si chiama così in Valle d’Aosta il pane di segala e frumento, il pane della tradizione montana che era fatto una volta all’anno nei forni comunitari della frazione, poi consumato durate l’anno inzuppato nel latte o nel brodo. Oggi è una squisitezza e un

alimento salutare, ricco di fibre preziose per la salute, gustoso, profumato e fragrante.

Alcuni lo arricchiscono con noci, uvetta o semi di finocchio e aromi che gli conferiscono un sapore goloso e originale. La cottura del pane nei tradizionali forni a legna rappresenta ancora un momento di aggregazione in cui la tradizione si perpetua.

Lasciata la Valle del Cervino si deve chiudere il cerchio e tornare verso Courmayeur. Prima facciamo tappa a Ollomont, nella Valle del Gran San Bernardo. Questa vallata più della altre ha regalato alla Valle d’Aosta dei prodotti di eccellenza: innanzi tutto il celebre Vallée d’Aoste Jambon de Bosses (prodotto DOP) , un prosciutto crudo speziato con erbe di montagna, prodotto a 1600 metri di altitudine nell’omonima località di Saint-Rhémy-en-Bosses. Il ginepro, il timo e le erbe della valle regalano un profumo delicato e aromatico a questo prosciutto, mentre il fieno, che ne accompagna la stagionatura, gli dona una fragranza inconfondibile. A pochi chilometri troviamo Saint-Oyen, patria del Jambon alla brace di Saint-Oyen, un prosciutto cotto, leggermente affumicato, cosparso con un battuto di erbe aromatiche e rosolato lentamente allo spiedo su enormi bracieri alimentati da fuoco di legna. Durante la lenta cottura alla brace, indispensabile per ottenere il caratteristico colore dorato delle cotenne, il prosciutto è continuamente

annaffiato di vino e aromi.

Sempre nella stessa Valle, poco più sotto, ecco Valpelline: qui troviamo la Valpelenentse, una zuppa che costituisce una delle ricette più note della gastronomia locale, un tipico piatto contadino a base di pane bianco raffermo e Fontina, che si prepara tagliando i due ingredienti a fette, poi disposte l’una sull’altra e successivamente bagnate con del brodo, coperte di burro fuso con una spolverata di cannella e successivamente messe a cuocere in forno.

Dalla Valle del Gran San Bernardo si torna a Courmayeur…qui sarà bene farsi una coppa dell’amicizia… cos’è? Caffè corretto con la grappa locale, scorzette di limone e d’arancio per aromatizzare, tanto zucchero. Ma soprattutto va servito caldissimo e va bevuto con amici nella particolare “coppa dell’amicizia” con più beccucci da cui bere a ruota.

Insomma, in Valle d’Aosta gli ultra-trail si corrono anche a tavola.

 

Per concludere, ecco una sintesi video dell'edizione 2010

 


 

 

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche