Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
21 settembre 2011 3 21 /09 /settembre /2011 10:02

micheletti_TdG_2011_arrivo_02.JPGLuciano Micheletti è uno degli ultrarunner di punta della compagine Runners Bergamo, soprattutto in termini di numerosità e di "entità" delle sfide di ultramaratona con cui si confronta. E, oltretutto, è un osso duro, perchè porta sempre i suoi impegni sino alla fine.Accogliamo con piacere il suo racconto della partecipazione al Tor des Géants® 2011, anche perchè i comunicati stampa ufficiali non danno pienamente ragione a tutti gli appassionati che si cimentano con le gare di endurance. La loro presenza spesso si riduce ad un mero dato statistico che fa onore agli organizzatori (come i 300 classificati al traguardo finale di questa gara così estrema), mentre il massimo spazio viene dato (come è giusto che sia, del resto) a chi sale sul podio (con resoconti ed intervista più o meno in diretta). A agli altri non spetta altro, se non un lieve riconoscimento per esserci stato. E' chiaro che lo fanno per se stessi, ma ogni tanto occorre che si possa sentire anche la loro voce.

Il racconto di Luciano Micheletti dà voce ai 290 finisher del TdG, rimasti più o meno anonimi e il cui nome rimane scolpito in una classifica che, al di fuori di un pubblico specialistico, non ha certamente risonanza mediatica.

Ecco il suo racconto.

micheletti TdG 2011 01(Luciano Micheletti) Ebbene, si, ci ho provato anche quest’anno. Per me era impossibile resistere alla tentazione; dopo l’edizione 2010 non potevo mancare a quella di quest’anno. La scelta di partecipare andava comunque ben ponderata, affrontata con la dovuta umiltà e disponibilità. Io non sono un campione ed il mio posto è sempre nel basso della classifica.

Questo premesso, vorrei comunicare alcune emozioni che il TDG 2011 mi ha lasciato, riposte all’interno di una illustrazione di quello che è stata questa gara di endurance.

Il percorso è davvero incantevole; si salgono e scendono continuamente cime, colli e passi, passando di valle in valle, ognuna diversa dall’altra, sempre bellissime, attraversando miriadi di ponticelli, torrenti o semplici ruscelli. Il contorno è semplicemente fantastico: le più belle cime della valle, illuminate dal sole del giorno, splendido, (a parte la pioggia moderata della prima tappa), luminoso, caldo. La notte è illuminata da una luna accecante, in competizione continua con un giardino di stelle, fresca ma mai troppo fredda.

Altre forti emozioni mi colgono in alcuni punti di ristoro, dove i volontari mi riconoscono come partecipante della scorsa edizione: al rifugio Sogno, dove i gestori imbandiscono per noi un vero ricevimento (stufato, bollito, peperonata ecc… sino alla crema di Cogne); a Ponteillers dove mi offrono birra artigianale e sanguinaccio; al bivacco Clermon, con il solito mezzo bicchiere di rosso con acciughe in salsa verde.

Un cenno particolare lo merita lo spettacolare scenario del rifugio Cuney e del contiguo  splendido Oratorio.

L’ incontro con alcuni amici al rifugio Crest scalda il cuore;  l’arrivo a Courmayeur ripaga di tante fatiche.

Sono solo le emozioni che ricordo per prime; molte altre potrei ritrovarle nel mio animo.

Indubbiamente non è stata una passeggiata; non ci può illudere: fatica, a volte il dolore fisico, la fame, la sete, il sonno sono stati, seppure in momenti diversi, compagni fedeli.

Per quanto mi riguarda la lotta mentale contro la fatica è stata  una costante fissa; una continua lotta contro; ma  la fatica  è stata anche una fedele compagna,  comunque onesta, sincera: sempre presente, mai impulsiva o aggressiva, quasi dolce.

Le crisi in una prova di endurance non possono mancare, quindi occorre metterle preventivamente nel conto e saperle affrontare. Oltre la fatica,  personalmente ho dovuto tenere sotto controllo il dolore ai piedi, già fortemente messi alla prova dalla partecipazione alla UTMB e non del tutto recuperati. Un’abbondante dose di cerotto  ha notevolmente limitato il problema.

micheletti TdG 2011 autografo 03Una questione importante da affrontare in gare di questo tipo è senza dubbio il sonno. Per i primi due giorni l’adrenalina era talmente forte che aiuta a sopportare tutto facilmente, poi, pian piano la necessità di dormire, anche per brevi soste, aumenta e si fa pressante. Contro il sonno posso ben poco; mi organizzo con brevi soste quando non posso proprio farne a meno . D’altra parte è stata una mia precisa scelta, programmata e consapevole, decisa tempo prima, di sfruttare tutto il tempo della notte, del primo mattino e della sera, al fine di evitare il caldo del giorno, per me la complicazione principale.

Le condizioni meteo quest’anno sono state molto buone, ad eccezione della prima notte, battuta per un lungo periodo da una pioggia moderata.

Per il resto del tempo, ho dovuto anche fare i conti con il grande caldo del primo pomeriggio.

Il dispendio calorico è enorme. Mi alimento continuamente, con tutto quello che trovo, pasta, bresaola e fontina, con birra, coca cola e cioccolati in quantità smisurata. Alle basi vita purtroppo ed inevitabilmente c’erano sempre gli stessi alimenti: è stato facile avvertire un senso di rifiuto, alla lunga,  ma la priorità era di reintegrare. Le uniche varianti, che hanno appagato molto, sono state trovate  presso i ristori, “amorevolmente” gestiti dai volontari: all’alpeggio di ObeLoo, sulla discesa per Gressoney (vari tipi di formaggio, pane fatto in casa, e salami diversi offerti da un “signor” alpeggiatore d’altri tempi);  al rifugio Sogno, come ho già avuto modo di dire.

Per quanto riguarda l’abbigliamento, non abbiamo avuto bisogni di particolari indumenti, essendosi svolto tutto in modo piuttosto regolare. Mi ero organizzato in modo di avere un cambio ad ogni tappa e così è stato. Eccezion fatta per la prima base vita, alle successive ho sempre approfittato delle docce, con cambio completo di quanto indossavo, (ricostruivo sempre la condizione psicologica di “partire di nuovo” e non di “continuare”).

Un cambio di scarpe dopo la seconda tappa è stato provvidenziale.

A questo proposito devo confermare che la sacca dell’organizzazione ha funzionato; occorre una gestione certamente ordinata di tutto quanto ci si porta al seguito. Un particolare impegno era far asciugare i capi di vestiario durante le soste, in modo da poterli metter via il più possibile asciutti. Comunque sono sopravvissuto anche a questo.

Recuperare le energie fisiche e mentali al termine di ogni tappa era per me fondamentale. Sono partito contrariamente alla scora edizione, senza un programma preciso in testa, con l’obiettivo fondamentale e assolutamente primario di finire, in uno stato discreto, da potermi permettere di affrontare tutti i successivi impegni . Il mio stato di forma non era gran ché e la mia pessima tecnica nell’affrontare le discese mi ha portato ad amministrare con giudizio le mie risorse, consentendomi di giungere al traguardo.

Anche felice!

 

Condividi post

Repost0

commenti

max ronchi 09/21/2011 17:10


Grande Luciano ripetere per la seconda volta una gara simile, sapendo le difficolta da affrontare bisogna avere una grande forza, forza che pochi possono avere e molti invidiano.
omplimeti Max


Ultramaratone, maratone e dintorni 09/21/2011 21:33



I complimenti Luciano se li merita davvero!!!



cristiano 09/21/2011 16:54


io "questo" lo conosco e ne sono fiero ed orgoglioso. domenica mattina mi ha pure chiamato e mentre scrivo mi viene la pelle d'oca a ricordarlo. ora gli faccio una promessa che ho già fatto al suo
amico marco inox: un giorno saremo sulla linea di partenza di un ultra-trail insieme.


Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche