Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
16 settembre 2013 1 16 /09 /settembre /2013 20:00

Il 1° settembre 2013 si è svolta la 1^ edizione del TourMonvisoTrail: nato come Tour del Monviso, si è evoluto come TourMonvisoTrail, come gara che si sviluppa interamente sul versante italiano del Monviso.
La gara che ha visto la partecipazione di 325 trailer (impegnati in una delle due distanze previste) si è svolta davanti ad uno scenario di bellezza incomparabile nel respiro del Monviso, il "Re di Pietra".
Paolo Bert e Daniela Bonnet si sono laureati i campioni di questa "prima", mentre 
Danilo Lantermino, Claudio Garnier, Maxim Ioan e Domenino Massimo si sono piazzati ai posti d’onore. 
Massimo Bertone  e Morena Almonti  vincitori della “breve”

Nato come Tour del Monviso e divenuto, per cause esterne (benedette!), Tour del Monviso ieri 1° settembre ha fatto il suo esordio nel mondo del Trail il TourMonvisoTrail.
La sorte (leggasi: i divieti francesi) ha “costretto” gli organizzatori ad una felicissima scelta: rinunciare al Queyras e sviluppare l’intiero percorso in territorio italiano scoprendo scenari montani incomparabili alcuni dei quali sconosciuti, ad oggi, ai più.

Complice una giornata inaspettatamente perfetta dal punto di vista meteo, il “Re di Pietra” per una volta almeno non ha fatto il timido ed ha potuto assistere, dai suoi  3842 metri di quota, all’opera allestita dai 325 iscritti che alle 6 del mattino gia popolavano Crissolo, comune montano in alta Valle Po di sole 162 anime.

Della “platea” che osservava da lassù facevano parte altre autorità, sia pure di rango inferiore: le punte Venezia, Udine, Roma, Gastaldi, il  Visolotto, più altre ancelle. Il Coulour del Porco ed il Passo Calatà (inedito) hanno fatto da contorno assieme ai rifugi disseminati sul tracciato: Pian Regina, Pian del Re, Giacoletti, Sella, Bagnour ed Alpetto: tutti uniti a godersi lo spettacolo inconsueto della prima del TourMonvisoTrail.

Ci aveva  già provato, nei tempi andati, il Monviso a conquistare il cuore degli appassionati di fatiche sui monti: era la fine degli anni ’80 e, per due edizioni, si svolse - con grande successo - il classico giro del Monviso con partenza ed arrivo a Pontechianale. Allora i campioni si chiamavano Elio Ruffino, Silvio Calandri, Dario Viale, Gabriele Barra, Paolo Didero, Lantelme Pier Luigi, Andreolotti Mario ecc…

Partenza ed arrivo erano in Valle Varita (Pontechianale). Distanze e dislivelli inusuali per l’epoca. Poi alla Federazione Italiana di Atletica Leggera venne a meno il coraggio: costrinse gli Organizzatori a dividere l’”opera” in due tempi ed il fascino del Giro del Monviso andò a farsi benedire!

Ventiquattro anni di ripensamenti e ieri, in versione riveduta e corretta, sulla scena è tornato il Monviso a proporre il Tour Monviso Trail.

E’ stato il Parco del Po Cuneese, con una intuizione davvero felice, ad individuare le potenzialità  promozionali dell’iniziativa. La regia tecnica affidata ad un apposito Comitato ed alla Podistica Valle Infernotto. La Federazione di riferimento la IUTA presente con Federico Marchi in veste di Atleta e Rappresentante ufficiale.

 

Due le proposte agli appassionati:

  • Il Tour Monviso Trail molto “muscolare” sulla distanza di 43 Km (il notaio afferma 43,5) con dislivello di 3060 metri più o meno precisi.
  • La Camminata Piccolo Tour sulla distanza di 20 Km per gli Organizzatori (23 per la questura!) e circa 1400 metri di dislivello.

 

Sono stati 325 i trailer e i camminatori che hanno risposto all’appello della “prima”: un numero inaspettato se si pensa che la manifestazione è nata nel mese di marzo ed ha avuto pochissimo tempo per crescere!

Alla partenza 290 hanno confermato l’impegno:  202 sulla lunga distanza ed 88 sulla breve.

A dire il vero la cosiddetta “breve” era nata su richiesta dei Camminatori di Fit e Nordikwalking, ma si è trasformata in un contenitore unico ospitando anche fior di trailer.

Lo splendore scenico del gruppo del Monviso (inferiore per suggestione e bellezza solo al versante svizzero del Cervino) potrebbe fare dimenticare l’aspetto agonistico che, seppure in “spirito Trail”, c’è stato:

le classifiche raccontano la fine dell’avventura che è iniziata con una partenza spettacolare dei migliori.
In otto si sono presentati al controllo del Pian del Re: Paolo Bert (La Sportiva) in meno di 40 minuti seguito da Danilo Lantermino (Lafuma), Massimo Depetris (Valle Infernotto), Claudio Garnier (Valetudo), Maxim Ioan (Valle Varaita), Fabio Cappelletti (Genzianella), Wilhem Bonato e Franco Aglì (Angrogna).

La gara si è fatta più selettiva al passaggio tecnico del Coulour del Porco dove Paolo Bert, transitato al Rif. Giacoletti in 1 ora e 15 minuti,  ha acceso i motori ed ha allungato la fila dei migliori: a resistergli da vicino Lantermino , Garner e Depetris.

Dicesa e risalita al Quintino dove il vantaggio di Paolo Bert (1.57 circa il passaggio) si è fatto più consistente: quattro i minuti di vantaggio su Lantermino, 8 su Claudio Garnier e 12 sulla coppia Maxim – Depetris.

Il successivo passaggio al Bagnour ha scavato un solco anche nel gruppo dei primattori: ancora Bert a fare la gara (passaggio in 3 ore e 4 minuti circa) con Lantermino a 4 minuti, Garnier a 12, Ioan a 16 ancora  a Depetris. Sulla testa della gara, complice una discesa con i fiocchi, si è affacciato Fabio Cappelletti in compagnia di Franco Aglì.

Il vallone dei Duc con annesso Passo Calatà (2940 mt. la vetta del Tour) ha fatto ulteriore selezione con Bert che ha segnato la differenza transitando al Passo S. Chiaffredo in 4 ore e 14 minuti. A seguire Lantermino (14 i minuti di distacco), Garnier (20 minuti), Ioan Maxim  (27 minuti), Depetris (31 minuti), la new entry Domenino Massimo (33 minuti) e Cappelletti (35 minuti).

La discesa finale (14 Km) ha registrato la marcia trionfale di Paolo Bert fino al traguardo di Crissolo (5 ore 15 minuti e 30 il suo tempo/record), il forte recupero, in termine di tempo e non di posizione, di Claudio Garnier su Lantermino , complice un leggero infortunio di quest’ultimo sulla parte più facile del tracciato, il ritiro di Massimo Depetris e l’exploit di Massimo Domenino autore di una prova costante ed autorevole che lo ha condotto a ridosso delle prime posizioni.

Le protagoniste femminili sono state 28  con il dominio assoluto di Daniela Bonnet (GASM Torre Pellice).  La sua forza l’ha dimostrata conquistando la 14^ piazza assoluta in 6 ore 27 e spiccioli.
Protagonista di decine di vittorie in manifestazioni simili ha scritto il proprio nome nell’albo d’oro accanto a quello del vincitore maschile Paolo Bert.
Si attendono circa 55 minuti per registrare l’arrivo della forte atleta cuneese Sara Marino (Dragonero) . Distacchi notevoli anche per le altre protagoniste: Stefania Albanese (ASD Star – 8.00.38)  e  Sandra Casellato  (SD Baudenasca 8.02.27).

 

Testimomial dell’evento crissolino Dario Viale, campione indiscusso negli anni passati ed attuale detentore del record di salita al Monviso in 1 ora 48 minuti e poco altro.

 

Buona la prima? A sentire i commenti dei protagonisti diremmo di si ma non sta a noi questa valutazione.

Alla prossima!

 

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Archivi

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche