Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
30 marzo 2014 7 30 /03 /marzo /2014 16:51

UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Michele Graglia ha impresso il suo sigillo sulla prima edizione

 

(Maurizio Crispi) La prima edizione della UltraMilano-Sanremo sulla distanza di 282 km in tappa unica sul solco della storica Granfondo Ciclistica, che - essendo iniziata nel 1907 - si celebra ogni anno (nel doppio format di gara agonistica ed amatoriale, in due date diverse), è entrata nella storia ed è già diventata mito.
Dopo 31h47'41 di gara il ligure (e, soprattutto, sanremese) Michele Graglia (Sanremo Runners) ha tagliato il traguardo. Subito dopo di lui, con un distacco di oltre un'ora l'ungherese Szonyi, lo statunitense Krupsky, e l'italiano Stefano Montagner (Runners Bergamo).
Michele Graglia ha affrontato con se stesso l'idea di una gara da lui stesso ideata assieme all'amico Riccardo Marvagli.

Pertanto, grandissime sono state le emozioni di tutti all'arrivo, nello spazio antistante la Vecchia Stazione Ferroviaria di Sanremo: alte ed intense le emozioni di Graglia, ma anche quelle del pubblico che lo ha attorniato, acclamandolo come un eroe, dei giornalisti e dei fotografi che l'hanno assediato, di Franco Ranciaffi, direttore tecnico della corsa che lo ha voluto intervistare.
Dopo il sudore e il dolore, sono arrivate le lacrime liberatorie, la gioia ed emozioni tanto intense che non si sarebbero mai potute prevedere mai.
E gli abbracci, tanti abbracci: primo fra tutti quello alla madre che lo attendeva vicino alla linea d'arrivo.

Un'impresa unica quella realizzata da Michele Graglia che ha stabilito una prima pietra miliare in una neo-nata competizione podistica che, senza tema di smentite, si può dichiarare la gara su strada in tappa unica più lunga d'Europa e, indubbiamente, una delle prime al mondo.
Prima di dell'arrivo di Graglia, questa distanza (ripetiamo: su strada) era ancora territorio sconosciuto.
E adesso, con la dimostrazione che si può correre a piedi in tappa unica da Milano a Sanremo (e non solo con la bici), è fissata una prima - fondamentale - pietra miliare.

Ora, nelle edizioni successive, il compito per altri di misurarsi con questa distanza e con le sue difficoltà.
 

La storia di Michele Graglia e di questa gara potrebbe diventare un film o un romanzo: perchè racconta come un sogno di corsa si può realizzare, come si possa alimentare dentro di sè una "vision" senza acocntentarsi di sognarla, ma tentando in ogni modo di porla in essere.

Michele Graglia, anche aiutato dalle circostanze (ma nell'agonismo di alto livello è così) ha colto una vittoria insperata, imponendosi al volo sulla defaillance di Marco Bonfiglio, quando la sua più rosea previsione era stata semplicemente quella di poter essere tra i primi dieci e, comunque, finisher.

Ma chi è Michele Graglia? In tanti se lo sono chiesti, poichè non è ancora conosciutissimo nel mondo dell'ultrarunning italiano. 

Ligure e sanremese di nascita, classe 1983, si è trasferito molti anni fa negli Stati Uniti, dove vive a Los Angeles e dove ha esercitato, sino a non moti anni fa, la professione di fotomodello.

Quattro anni fa è nata in lui la passione per il running, che presto si trasformata in passione per le ultradistanze.

Ancora oggi, vive per circa 11 mesi all'anno negli USa e lì si allena e gareggia. Il teatro prevalente dei suoi allenamenti sono le sierre che dominano Los Angeles, le sue gare preferite quelle trail di lungo corso.
Ha sperimentato, in un crescendo, varie ultradistanze, le 50 k, le 50 miglia, le 100 k, le 100 miglia.
Ha di recente assistito un suo amico americano durante la Badwaters.

UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Michele Graglia ha impresso il suo sigillo sulla prima edizioneEssendo di Sanremo e, soprattutto, essendo cresciuto nell'entusiasmo e nella kermesse degli arrivi della Milano-Sanremo ciclistica, ha cominciato a maturare l'idea di correre in solitaria - in modo pionieristico - da Milano a Sanremo lungo il percorso della Granfondo.
Ma, quando nel 2013, era quasi tutto pronto, a causa di una banale sindrome influenzale ha dovuto desistere con grande disappunto, perchè si era preparato duramente per oltre un anno per mettersi in condizione di affrontare l'impegnativa sfida nel modo migliore.

E' stato rimandato tutto all'anno successivo. A questo punto, assieme all'amico Riccardo hanno avuto l'idea: "Perchè non trasformare il progetto di una prova solitaria in gara con tutti i crismi?".

Il progetto è stato accolto favorevolmente (di più, con entusiasmo) dalla ASD Sanremo Runners e da Franco Ranciaffi e il sogno ha cominciato a diventare realtà: questa volta una realtà corale.

Si può immaginare che Michele Graglia, durante la gara (in vista della quale egli aveva continuato ad allenarsi con grande e costante impegno), fosse profondamente motivato e gasato. Dopotutto, era la sua gara, era quella che aveva sempre sognato, era l'occasione per addentrarsi in un territorio ancora sconosciuto e lungo una pista mai battuta.

Le circostanze gli sono state favorevoli, ma anche l'impegno che ci ha messo è stato formidabile (assieme all'abnegazione della sua crew che lo ha supportato e di cui faceva parte il padre, capo del team a tutti gli effetti, tutti assieme a lui senza dormire nemmeno un attimo per tutto il tempo di gara).
Ha creduto sin dall'inizio che sarebbe arrivato al traguardo: ma non avrebbe mai potuto predire che ciò sarebbe accaduto così bene!

Nelle interviste rilasciate subito dopo l'arrivo, quando il suo livello di adrenalina era ancora al massimo, Michele ha detto delle cose molto belle.
Alcune riflessioni sulle ultramaratone e sul limite. Qual'è il limite dell'ultramaratona? C'è un unico limite, un unico muro (come si intende nel discorso sulla maratona) o ce ne sono molti, tanti con cui ci si deve confrontare in modo subentrante? Ha hatto delle lucide affermazioni, scaturenti dalle sue esperienze concrete, che andrebbero scritte su di un lapidario manuale di endurance.
Ma ha anche detto delle cose sull'alternanza tra gli abissi di disperazione in cui affonda l'ultrarunner e i picchi di gioia e di piacere che arrivano tanto più intensi, quanto più profonda era stata la crisi.
E ha detto che ciò - nel corso di un'unica gara di ultramaratona - si verifica molte e molte volte.

Chi vorresti ringraziare in primo luogo per la riuscita di quest'impresa? Chi hai avuto in mente mentre correvi? Quali sono state le tue figure di riferimento? - gli hanno chiesto.

E Michele Graglia, commuovendo tutti e commuovendosi, ha risposto: Sono mio padre e mioa madre a cui è andato il mio pensiero più di una volta. Sono loro che mi hanno insegnato tanto e soprattutto mi hanno impartito la lezione che nella vita tutto deve essere conquistato, anche al prezzo della fatica e del dolore. Nulla arriva per caso o come un dono inatteso.

Bellissime parole, che danno la misura di uno che ha rivelato di possedere doti di grande corridore sulle ultradistanze, ma che soprattuto ha dimostrato di essere una grande persona, traboccante di affetti e di generosità.

Ecco, questo è Michele Graglia primo vincitore della UltraMilano-Sanremo.

Complimenti, Michele Graglia! Ora, hai conquistato sul campo il diritto di indossare il pettorale con il numero 1 alla prossima edizione! 


Foto di Maurizio Crispi 

Condividi post

Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche