Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
20 settembre 2011 2 20 /09 /settembre /2011 07:55

zatopek locomotivaSi legge con piacere e provando grandi emozioni il libro rievocativo-biografica su Emil Zatopek "la locomotiva umana", "l'uomo cavallo" (come venne a più riprese chiamato nel corso della sua carriera sportiva) scritto da Marco Franzelli (Marco Franzelli, Zatopek. La locomotiva umana, Bianco e Nero Edizioni, 2011).

Il libro è di lettura fulminea: se si prende tra le mani si beve tutto sino all'ultimo. Come del resto è stata la carriera di corridore di Emil Zatopek, fatta di corse, di record, di medaglie d'oro e di imprese davvero strabilianti, tanto da far dire ad alcuni che - nel mondo dell'atletica, specificatamente della corsa di fondo, dai 5000 metri alla maratona - c'è un clinamen netto e preciso che divide il "prima-Zatopek dal "dopo-Zatopek".

Franzelli ricostruisce la storia di Zatopek dal suo inizio come corridore reclutato a partecipare ad una gara aziedale che, al termine della corsa, pur avendo mostrato di essere talentuoso, giurò a se stesso che non avrebbe più corso in vita sua sino a i trionfi più sublimi e alla sua apoteosi nello stadio di Helsinki, in occasioni delle Olimpiadi del 1952, quando realizzò un'impresa che nessuno dopo di lui riuscì a ripetere, vincendo tre medaglie d'Oro nelle tre discipline del fondo (i 5000 metri, i 10.000 e la Maratona), impresa tanto più incredibile se si considera che Zatopek, sino a quel giorno, non aveva mai gareggiato in una maratona.

Zatopek era un autodidatta, ma nello stesso attento a ciò che facevano gli  altri suoi avversari: osservava molto i suoi avversari e li ascoltava molto senza farlo parere, cercando di apprendere i loro segreti e le loro strategie di allenamento per poi applicarle su se stesso. Ma - e in questo anche il nostro Mennea dice qualcosa di molto di simile, quando parla delle sue esperienze di atleta - era fautore di allenamenti massacranti sia in termini di chilometri settimanali percorsi sia in termini di tipologie di allenamento (sino a correre in certi giorni con i pesanti scarponi militari ai piedi). Sulla base del principio che, quanto più hai sofferto in allenamento, tanto meno soffrirai in gara.

L'epica e l'epopea di Zatopek sono marchiate anche dal suo stile di corsa inconfondibile: sempre a bocca aperta (diceva che così l'aria affluiva meglio nei polmoni), con un ricuts in volto che sembrava esprimere sempre una grande sofferenza (ma intanto le sue gambe volavano) e un movimento delle braccia scomposto, strano, sincopato.

 

Del volume cito questo passaggio che ho trovato emozionante:

Emil-Zatopek 1071078"All'approssimarsi del ventesimo chilometro, Zatopek e Jansson balzarono su Peters, in evidente difficoltà. I tre continuarono in compagnia, finchè Zatopek - così si racconta - non si rivolse agli altri due dicendo, in inglese: 'Prima d'ora non ho mai corso una maratona, ma non credete che dovremmo andare un po' più forte?'.

Nè Peters né Jansson si sentirono di rispondere.

Emil decise a quel punto che era meglio andarsene per conto suo.

E lo fece.

(...)

Zatopek 3Arrivato alla cima e accingendosi alla discesa, si accorse di essere rimasto solo. Anche Jansson si era staccato.

Emil ci rimase quasi male, si era persino abituato a quela silenziosa presenza. Per un attimo pensò addirittura di rallentare per farsi raggiungere, ma Jansson non faceva che perdere metri su metri. Troppi.

(...)

Al trentacinquesimo chilometro, Emil aveva 700 metri di vantaggio su Jansson, sfinito e sul punto di essere ripreso da Gorno in rapida rimonta.

Emil strinse i denti, ricaccio indietro il dolore, sul volto la smorfia che più smorfia non avrebbe potuto e gettò il cuore oltre tutti gli ostacoli.

Fu in quel momento di estrema sofferenza che capì davvero cos'è correre la maratona. (pp.118-120)

Poi alla fine del 1953, dopo aver stabilito il nuovo primato del mondo nei 10.000 fermando l'orologio sui 29'1" e 6 decimi, rirende ad allenarsi in modo forsennato, per altre imprese, forse per il suo canto del cigno.

zatopek4Franzelli: "Forte di quell'impresa e pur avendo ormai 31 suonati, si gettò in un inverno di allenamenti matti e disperatissimi. Mai neanche nei suoi giorni d'oro, Emil aveva sfidato in quel modo selvaggio l'umana resistenza alla fatica. Come se l'avversario da battere non fosse più il cronometro, ma l'inesorabile passare del tempo, che lo stava allontanando dalla sua felice giovinezza sportiva.

Nel mese di febbraio percorse 910 km; 935 a marzo; 832 ad aprile, 78o a maggio, 865 a giugno. Alla fine dell'anno la somma totale raggiunse i 7888 chilometri. Conquistò altri due record del mondo. Domenica 30 maggio 1954 aveva migliorato quello dei 500 metri di Gunder Hagg che resisteva da 12 anni, correndo in 13'57" e 2 decimi. Si era quindi trasferito a Parigi e due giorni dopo, il 1° giugno, aveva concluso i 10.000 metri diventando il primo uomo capace di coprire la distanza in meno 29 minuti: 28'54" e 2 decimi" (pp.125-126).

Rinunciò alle corse dopo 17 anni di carriera e dopo aver tentato una seconda volta la distanza di Maratona, alle Olimpiadi di Melbourne nel 1956., dove con grandissima sofferenza, ma sempre con dignità e rispetto degli altri, arrivò sesto:

"Dopo il traguardo, Emil rifiutò ogni soccorso, si tolse il berrettino, si inginocchiò e affondò il viso nell'erba giallastra del prato. Forse pianse" (p. 129).

Il libro di Franzelli, nel raccontarci di Zatopek sportivo, ci parla anche dell'uomo e della sua rettitudine. Per aver espresso il suo dissenso sulla violenta repressione messa in atto dai sovietici al tempo della "Primavera di Praga" venne declassato dal suo rango nell'Esercito (era arrivato ai gradi di Colonnello) e venne costretto a lavori umili e massacranti, prima nelle miniere di uranio, poi come spazzino e, alla fine, dopo sei anni, quando si convinse a firmare una ritrattazione del Manifesto della Primavera di Praga, come oscuro archivista nel Centro di documentazione dello sport di Praga, fino alla riabilitazione degli ultime dopo la "rivoluzione di velluto".

Emil Zatopek è stato un grande dello Sport, ma soprattutto un grande uomo: e Franzelli, nelle sue pagine, ci fa percepire tutto questo in maniera magistrale.

 

Il volume è preceduto da un'introduzione di Walter Veltroni, mentre al termine della narrazione, viene riportato un excerpt della cronaca di Gianni Brera della Maratona di Helsinki e della vittoria di Zatopek.

 

Un glossario di termini tecnici e una bibliografia integrano in modo egregio il volume, corredato in più dalle belle illustrazioni di Umberto Mischi.

 

 

Vedi anche

Zátopek, la locomotiva umana. Marco Franzelli rivisita la vita e le grandi imprese sportive d'uno dei miti del fondo prolungato e della maratona

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche