Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
24 febbraio 2015 2 24 /02 /febbraio /2015 21:41

(Aldo Siragusa) Probabilmente non conoscete Bartolo Vultaggio. Ve lo voglio presentare tramite questo articolo in cui si evidenziano le radici d'un movimento sportivo che nasce a Palermo con la Polisportiva Europa (probabilmente non conoscete neanche quella) negli anni Novanta e ha trova la sua evoluzione nell'associazione ASD SportAction.
Con lui abbiamo lavorato per anni fianco a fianco per diffondere quell'idea di sport di cui talvolta mi sentite parlare. Da lui ho imparato tanto e con lui ho condiviso alcuni tra i momenti più belli della mia vita da operatore sportivo impegnato nel sociale.
Vi chiedo di leggere tutto l'articolo e di serbarlo come manifesto della nostra associazione.
Prima o poi vi presenterò Bartolo di perso
na.

Bartolo Vultaggio(Bartolo Vultaggio) Propongo di seguito un mio vecchio articolo pubblicato nel 2009. sperando che qualche illustre rappresentante delle Istituzioni in collegamento possa battersi per promuovere lo Sport, quello vero fatto da professionisti veri, nel quartiere dello Zen, dopo i gravissimi fatti di questi giorni [il riferimento è all'episodio - gravissimo - di un giovane di 21 anni morto nella discoteca Goa, al termine di una rissa scoppiata per futili motivi - ndr]. Con i relativi investimenti che servono, per impianti e personale qualificato.

Non passerelle per favore, ma Sport, preferibilmente agonistico, con programmi pluriennali affidati a persone preparate.Il titolo dell'articolo a suo tempo pubblicato è Prevenire é meglio di reprimere.

Prevenire è meglio di reprimere. Di tanto in tanto ci si interroga su quale possa essere il linguaggio più diffuso al mondo nel terzo millennio? Sarà l’Inglese, per la leadership mondiale esercitata dagli Stati Uniti, sarà il Cinese, che parte già avvantaggiato da una popolazione di un miliardo e trecentomila persone, oppure ancora l’arabo che può contare su un maggior numero di nazioni accomunate dallo stesso credo religioso?

Niente di tutto questo. E’ sorprendente scoprire che il linguaggio più diffuso sia un altro, ancora lo stesso di migliaia di anni fa: la corsa.

A riprova di ciò sarà sufficiente comparare il numero degli Stati delle Nazioni Unite rispetto a quello dei Paesi inscritti alla IAAF, federazione internazionale di atletica leggera: 192 per l’Onu, 213 per la IAAF.

Qualcuno potrebbe ancora chiedersi: ma la corsa è un linguaggio? La corsa è il primo dei linguaggi, la modalità primordiale per raggiungere gli altri, per comunicare, il facebook ante-litteram, per esprimere sé stessi.

Infatti lo stile di corsa è come il DNA: potete mettere a confronto 2 persone qualsiasi che corrono, non troverete mai lo stesso tipo di corsa. Ci sarà sempre qualche differenza, che fa della corsa un codice strettamente personale.

Possiamo citare due esempi clamorosi di comunicazione attraverso la corsa: il primo nell’antichità, il 490 a.c. quando Fidippide corse la distanza da Maratona ad Atene per portare la notizia della vittoria sui persiani, per dopo crollare a terra morto.
Ed in era moderna, nel 1968, il pugno alzato ai Giochi Olimpici di Città del Messico di Tommie Smith e John Carlos: un gesto che rappresentava l’accento sul significato della corsa vittoriosa, del podio olimpico, del record del mondo sui 200 mt.: una tappa decisiva di quel cammino di emancipazione e di liberazione che oggi ha consentito di veder varcata la soglia della Casa Bianca da un uomo di colore.

Acquisire il dato della corsa come linguaggio universale è assolutamente importante nello sviluppo di strategie efficaci per la prevenzione e la cura delle patologie sociali. Strategie che nell’attività sportiva possono trovare un’arma insperatamente efficace.

L’esperienza sviluppata a Palermo per diversi anni in quartieri e situazioni difficili è una straordinaria conferma, come può dimostrare il seguente aneddoto.Un insegnante di educazione fisica, nostro collaboratore, effettuava nei pomeriggi attività di gruppo sportivo all’interno di una struttura scolastica del quartiere “Medaglie d’Oro”.

A questa attività, talvolta venivano affidati dall’Autorità Giudiziaria, nel percorso di recupero, ragazzi già con precedenti penali. Un giorno uno di questi sorprese l’insegnante con un’insolita richiesta (i dialoghi originali sarebbero stati in dialetto stretto, ndr):“Professore, La prego di farmi una cortesia, se mi può concedere un permesso perché avrei bisogno di allontanarmi dieci minuti”.L’insegnante, di immediato rimando, rispose picche, in quanto, per la durata della lezione, aveva la responsabilità su tutti i soggetti affidati. Il ragazzo continuò la supplica, chiedendo un’eccezione perché doveva semplicemente andare a fare bancomat ed assicurando che in 10 minuti sarebbe stato di ritorno.A questo punto l’educatore, uno dei più validi e preparati alla gestione dei casi più difficili, investendo nello strumento pedagogico della fiducia, acconsentì alla richiesta. Mentre il ragazzo era via, ripensando all’accaduto, lo stesso insegnante quasi si rallegrava, tra sé e sé, del fatto che il ragazzo potesse avere il bancomat, forse perché avendo iniziato a lavorare era riuscito ad avere un conto in banca. Dopo dieci minuti esatti il ragazzo era già di ritorno. Il professore chiese: “Ma quindi adesso hai il bancomat?”. La risposta fu certo che no. Allora l’insegnante chiese ancora: “Ma allora il bancomat è forse di tuo padre che l’ha dato a te?”. Altra risposta: “Mio padre non si è mai interessato a me!”.L’educatore, ormai investito da un certo presagio, domandò ancora: “Ma che bancomat hai fatto allora?”. La replica non fu per niente reticente: “Semplice, sono andato al bancomat, ho aspettato che una signora facesse il prelievo, le ho puntato il coltello e mi sono fatto dare i soldi”.

L’episodio, per quanto negativo, dimostra tuttavia che proprio e, possiamo dire unicamente, l’attività sportiva consentiva a questi ragazzi di aprirsi, di aprire nuovi canali di comunicazione di loro fiducia, a tal punto dall'arrivare a confessare un reato, quando l’omologazione alle attività criminose diffuse nel quartiere imponeva invece il più assoluto silenzio.

Un primo successo nella competizione contro le organizzazioni criminali per il consenso dei giovani. E diceva Paolo Borsellino: “Se la gioventù le negherà il consenso, anche l’onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo”.

Purtroppo, spesso si ha però la sensazione che, soprattutto in Italia, prevalga l’abitudine a subire i problemi piuttosto che a gestirli e, talvolta, ci si accorge di un determinato problema quando ormai esso é irrisolvibile.

Nell’azione di contrasto alla criminalità organizzata la strategia di prevenzione è indispensabile anche per valorizzare gli eccezionali risultati ottenuti dalle Forze dell’Ordine nell’azione repressiva.Diceva ancora Paolo Borsellino: “Non illudiamoci che le azioni giudiziarie, per quanto penetranti possano essere, possano fare piazza pulita della mafia. Se son si incide a fondo sulle cause che generano la mafia, è chiaro che ce la ritroveremo sempre davanti. La verità è che c’è stata una delega inammissibile a magistrati e polizia di occuparsi da soli della mafia, poi per il resto lo Stato non ha fatto nulla”.

Forse anche per questa sua stessa convinzione, Paolo Borsellino era capace di gesti come quello di regalare il motorino di suo figlio, oggi funzionario di Polizia, ad un ragazzo pregiudicato proveniente da una famiglia tutta coinvolta nella manovalanza criminale di cosa nostra.

Quanto l’azione preventiva sia importante ha dimostrato di saperlo proprio la mafia, uccidendo il 15 settembre 1993 Padre Pino Puglisi, parroco della Chiesa di San Gaetano nel quartiere Brancaccio di Palermo. Un sacerdote intellettuale, che personalmente ho avuto la fortuna di avere come insegnante al Liceo Classico V.E. II di Palermo, che ha pagato con la vita l’impegno per il riscatto civile e culturale della propria terra, che si rivolse al killer dicendo: “Me lo aspettavo”.

La sua esperienza rappresenta un esempio fulgido di genitorialità allargata ed anche Padre Puglisi aveva dimostrato di credere nell’attività sportiva, fondando la Polisportiva San Gaetano.

Un caso particolare fu quello del piccolo Giovanni, figlio di uno degli uomini uccisi nella faida mafiosa. La madre lavorava a Palermo come cameriera e il ragazzo, lasciato solo, cominciò a rubacchiare: una volta pure in Chiesa il cestino delle offerte. I carabinieri lo sorpresero e volevano portarlo al riformatorio. Padre Pino intervenne e disse: “Mandarlo dietro le sbarre adesso sarebbe come iscriverlo all’università del crimine. Qui, invece, io e i parenti possiamo aiutarlo”. Poi, ottenuta la “libertà provvisoria”, disse al ragazzo: “Se hai bisogno di soldi chiedimeli. Te li darò”.

Giovanni divenne l’allievo preferito e lasciò perdere i furti. Una vicenda che, oltre a rappresentare esatta applicazione dei principi del Vangelo, costituisce anche una preziosa chiave di lettura in tema di sicurezza. Oltre alla certezza della pena, bisognerebbe ricercare la “certezza della conversione sociale e civile”, unica in grado di ridurre il rischio di recidive.

Padre Puglisi aveva una mentalità sportiva autentica, con una fede incrollabile nel raggiungimento dei risultati. Pur consapevole delle mancanze dello Stato, faceva in modo che non diventassero mai un alibi ed infatti diceva: qualcuno potrebbe dire “Non dovrebbe pensarci lo Stato? Intanto cominciamo a pensarci noi, perché se ognuno fa qualche cosa...”.

Non vi è dubbio che l’attività sportiva possa costituire uno dei più efficaci strumenti di formazione ed informazione, di opportunità di crescita individuale e collettiva, soprattutto di vera e propria emancipazione da modelli di consumo e comportamento viziati dalla dipendenza da dispositivi elettronici e dalla incessante pressione della società dei consumi.

Insomma lo Sport come un autentico cammino di libertà.

Purtroppo va detto che il Paese non naviga in acque molto buone, sportivamente parlando, con un’altissima diffusione di analfabetismo motorio tra le giovani generazioni, causa principale della altissima percentuale di ragazzi italiani, di età compresa tra i 6 e i 18 anni, in sovrappeso. Percentuale che ormai supera il 50%. Cifra da emergenza nazionale.

La via maestra sarebbe lo sviluppo dell’educazione fisica nella scuola, a cominciare dalle elementari, con l’assunzione di insegnanti qualificati, cosa che significherebbe investire e non spendere.

Ma sappiamo che non tira aria: purtroppo, l’argomento non viene alla ribalta e lo Stato continua a disertare il tema.

Quindi risulta ancora più importante il ruolo delle Associazioni sportive, l’iniziativa dei singoli per sopperire alle gravi lacune.

Affinché un numero sempre crescente di giovani possa avere la fortuna di sottoporsi al vaccino obbligatorio dell’attività sportiva, per una moderna attuazione del “Mens sana in corpore sano”.

(Redazione) Condivido pienamente il pensiero articolato di Bartolo Vultaggio Ma aggiungerei anche che, negli ultimi decenni, dopo un promettente inizio, si è registrato il crollo più radicale della promozione di qualsiasi forma di sport (quelli più tradizionali) nelle scuole medie inferiori e superiori.
E questo è un fatto gravissimo. Nel senso che la Scuola ha rinunciato da tempo ad essere maestra nel campo della iniziazione alla pratica dell'attività motoria (che è sempre tenderei a sottolineare "psico-motoria") e all'insegnamento degli elementi basilari delle discipline sportive. Laddove, negli altri paesi europei "moderni", si investe molto nell'educazione motoria e sportiva durante gli anni della scolarizzazione, sia in termini di abitudine allo svolgimento delle più disparate attività motorie ludiche sia all'infarinatura delle tecnince e delle regole delle più semplici attività sportive.

Insegnare ai ragazzi in età scolare ad amare il movimento, insegnando loro a praticare in modo corretto le diverse discipline sportive, ha un valore fondamentale, perchè lo sport attraverso l'insegnamento del rispetto delle regole proprie di ogni singola disciplina forgia il senso etico individuale, oltre a fornire altri insegnamenti, quali i valori della solidarietà e dell'importanza di essere corretto con i propri avversari.

E, proprio per questa enfasi che si dà alle attività motorie e sportive, gli orari scolastici sono prolungati, dal momento che l'attività motoria viene praticata ogni giorno,non per quelle due striminzite ore settimanali di "educazione fisica" delle scuole italiane.

Ed è così che, in Italia, all'eduxazione sportiva dei porpri figli, in genere, provvedono le famiglie, naturalmente se possono farlo.

Nei quartieri deprivati e tra le famiglie a basso reddito succede che, con la rinuncia della scuola ad esercitare questa funzione, per i giovani non ci sono alternative possibili: sono abbandonati a se stessi e finiscono con l'essere attratti da altri tipi di "scuole".

E si creano inevitabilmete le premesse per una più marcata deviazione sociale e per lo sviluppo di fome di comportamento anomico che portano alla dissocialità e al crimine.
Solo l'azione combinata delle Associazioni sportive, delle Scuole (Istituzioni) e del volontariato possono contrastatare questo tipo di derive, ma soltanto se si pianificano nel tempo interventi ben orchestrati che badino alla sostanza,più che alle esigenze della vetrina , come giustiamente si augura Bartolo Vultaggio a conclusione della sua riflessione.

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche