Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
21 maggio 2012 1 21 /05 /maggio /2012 19:29

Simone-Grassi.jpgE' uscito di recente, in formato ebook, Lo Zen, la Corsa e l'Arte di Vivere con il Cancro di Simone Grassi nel quale si intrecciano una vicenda autobiografica con le maratone corse fra New York, Reggio Emilia, Vienna e Las Vegas, con cross-country irlandesi fino ad arrivare alla Strasimeno e la 100 km del Passatore.

La narrazione autobiografica si collega con la pratica del running nel modo in cui l'Autore si rende conto che da essa ha ricevuto la forza per affrontare le vicissitudini della vita con maggiore resistenza. Il tutto è intrecciato con un racconto di fiction che corre parallelo. Chi ha voglia di scoprire questo libro, lo trova su Amazon.it in formato ebook e da qui è possibile anche leggerne gratuitamente tre capitoli prima di decidere se acquistarlo o meno.
Simone Grassi è su Facebook

Sinossi (quarta di copertina) "...Ma in quel camminare lento nella piazza, aiutato dal bastone e bloccato da un collare, anche una nuova consapevolezza. Sapevo che correre aveva un senso, e non solo per stare in forma. Ebbene sì, la sensazione che ci fosse un motivo non chiaro che mi dava una delle motivazioni per portare avanti questa continua sfida nella corsa, era ora più nitida. I mesi di battaglia contro un ostacolo nuovo e la-corsa--lo-zen-e-il-cancro-copia-1.jpginaspettato li avevo affrontati con la stessa forza di volontà del podista che corre da stanco, con la stessa dedizione di chi prepara una gara lunga con tanti allenamenti sotto la pioggia, al caldo, al freddo, quando stare sul divano sarebbe stato tanto più facile, ma in qualche modo sbagliato. Sapendo che non ci saranno né premi né gloria, lo si fa e basta. E infine con lo stesso sorriso sulle labbra di chi sa che chi ci sta attorno non se ne frega, ci applaude se arriviamo primi o ultimi, ci urla di non mollare perché tutti dobbiamo arrivare in fondo, e poco importa quanto ci metteremo."

La parte autobiografica vede protagonista Simone Grassi, l'autore, che a 38 anni da podista forte e sano che aveva appena debuttato nella più nota 100 km su strada d'Italia (la 100 km del passatore da Firenze a Faenza) si sveglia ammalato di cancro con una diagnosi infausta. La parte autobiografica è costituita da un filo più o meno cronologico che copre il primo anno da paziente oncologico. A questo viene alternata una serie non cronologica di momenti vissuti nei suoi allenamenti e gare nei 6 anni da podista. Fra questi, la partecipazione a numerose maratone e ultramaratone che lo hanno portato a tentare di correre una maratona in due ore e trenta minuti per poi sperimentare cosa vuol dire correre 100 km in poco più di 8 ore.
Sarà il constatare la nuova vita e dimensione da malato insieme alle sensazioni di forza derivanti dalla pratica del podismo di lunga distanza a permettere un percorso mentale e spirituale che ha consentito di affrontare la situazione con spirito positivo tramutando un malattia grave in un'opportunità di crescita interiore.
Il libro si completa con un racconto, una storia di fantascienza che racconta la vita di Sigi, alter ego dell'autore. Storia solo apparentemente slegata dal resto del libro al quale correre parallela per tutto il testo, completandolo in una formula originale e armoniosa.

 

Condividi post
Repost0
26 aprile 2012 4 26 /04 /aprile /2012 14:57

la-corsa-non-finisce-mai_cop_prima.jpgEsce con la casa editrice Limina un volume di ricordi e aneddoti di Pietro Mennea, nella forma d'una lunga intervista (suddivisa in numerosi capitoli) resa al giornalista Daniele Menarini, condirettore di "Correre". In questo libro, dal titolo "La corsa non finisce mai", il Campione Olimpionico di Mosca '80 ed ex Recordman del Mondo sui 200 metri piani (ma tuttora detentore del Record europeo), racconta la sua vita, quella leggendaria sulle piste d'atletica e quella per certi versi ancora più significativa trascorsa fino ad oggi tra l'Università, come studente prima (quattro lauree) e come docente tuttora, al Parlamento Europeo (una Legislatura), nell'ambito della Professione di Avvocato e Dottore Commercialista e nell'impegno filantropico in qualità di co-Fondatore e Presidente della Fondazione che porta il suo nome.
Il volume è interessante e ricco, perchè - come sa bene chi ha avuto la fortuna di ascoltare direttamente Pietro Mennea durante uno dei suoi numerosi interventi pubblici - è un personaggio che ha tanto da raccontare, in termini di storie ed aneddoti, con una apertura di grande profondità sul senso della vita e sull'impegno che ciascuno deve cercare di profondervi nel corso della sua esistenza.
Il titolo è evocativo di uno dei pilastri portanti della filosofia di vita di Pietro Mennea, di quella filosofia che lui stesso ha operosamente applicato nel corso della sua essitenza da sportivo e da uomo: anche quando si finisce con l'essere praticanti di una qualsivoglia attività sportiva, quella tensione applicata agli obiettivi dello sport deve permanere ed essere indirizzata, perchè rimangono ancora molti traguardi da raggiungere.

Pubblicato nella Collana Storie e Miti per Lìmina, il libro è anche prenotabile tramite email (ilrecord1972@gmail.com).

pietro-mennea.jpgSintesi del volume. Carattere forte, introverso, ostinato, Mennea deve i suoi successi sportivi, oltre che allo straordinario talento innato, al lavoro duro e alla tenacia ferrea di un allenamento costante e quotidiano, che gli consentivano di fronteggiare atleti più potenti e "modellati", lui ragazzo dal fisico mingherlino. In quel periodo magnifico, agli appuntamenti importanti, lui c'era sempre. Oro ai Giochi del Mediterraneo del 1971, nel 1972 partecipò alle Olimpiadi di Monaco dove vinse il bronzo nei 200 metri. Ai Campionati europei di Roma del 1974 arrivò davanti a tutti nei 200 metri e nella staffetta 4x100. Agli Europei del 1978 a Praga nei 100 e nei 200 metri. Quest'ultima era la sua specialità preferita, dove poteva far emergere la sua accelerazione nel finale, la sua velocità di punta, impossibile. Nel 1979 a Città del Messico, durante le Universiadi, con 19"72, realizzò il record del mondo nei 200 metri, primato che resisterà fino al 1996. Poi, nel 1980, l'oro olimpico di Mosca: sul filo del rasoio dopo una rimonta prodigiosa. Il 22 marzo 1983 stabilì anche il primato mondiale dei 150 metri piani, con 14"8, che resiste tutt'oggi. Uno dei più grandi atleti del nostro sport, resta anche uno dei più amati, oltre che per le eccezionali imprese, per il coraggio e l'impegno incrollabile: "Esiste un solo modo per sapere se si fallirà o si vincerà: provarci".

Condividi post
Repost0
18 aprile 2012 3 18 /04 /aprile /2012 17:12

la-mia-bici-va-a-potassio.jpgE' uscito per i tipi di Ediciclo il volume diaristico "La mia bici va a potassio. Milano-Roma a due banane all'ora" (2012) scritto da Albano Marcarini, scrittore e ciclista e straordinario resoconto di un viaggio in bici no-stop da Milano a Roma.
Così racconta l'autore: «La voglia mi è venuta mentre pedalavo con altri ventitré 
compagni “di strada” per complessivi 766,1 chilometri da Milano a Roma. Sono rimasto in sella per 32 ore e 10 minuti a una media di 23,85 km/h e ho avuto tutto il tempo per guardarmi attorno, meditare e trarre delle conclusioni “scritte” sul paesaggio, sul modo di andare in bici, sulle strade, sul movimento che poi, alla fine, è quel grande gesto che ci spinge alla conoscenza del mondo esteriore»

Sintesi. Per percorrere quasi ottocento chilometri a colpi di pedali a una media di 24 chilometri all'ora è necessaria una dieta particolare? Lo scrittore-ciclista Marcarini ne ha scelto una a base di potassio, consumando due banane l'ora per reggere la fatica delle numerose tappe che hanno cadenzato i 766 chilometri che separano Milano dalla Capitale. "La mia bici va a potassio" è il racconto del viaggio avventuroso della Carovana Ciclistica Milano-Roma organizzata dal Touring Club Italiano per rievocare la Prima Passeggiata Ciclistica del TCI nel 1895 sulla stessa distanza, ma è anche una struggente dichiarazione d'amore verso il paesaggio italiano visto attraverso gli occhi di un amante della mobilità dolce: dai borghi secolari nascosti nel cuore della nostra penisola ai vecchi passaggi a livello sopravvissuti, dagli antichi tracciati delle strade romane alle moderne rotonde.
Leggendolo scoprirete perché la Pianura padana è il più grande velodromo esistente in Italia, perché non è vero che tutte le strade portano a Roma, e perché il mondo, visto ad altezza di sellino, regali prospettive inedite ed emozionanti e sia in grado di raccontare, a ogni giro di pedale, nuove storie e aneddoti di vita.

Il book trailer

 


 

 

Cliccare qui per leggere le prime pagine del libro

 

Ediciclo e Albano Marcarini presenteranno La mia bici va a potassio secondo questo programma itinerante 

- giovedì 19 aprile a Milano, Rossignoli Bike Shop, corso Garibaldi 71, ore 18;

- sabato 28 aprile a Lodi, Sala Granata, via Fanfulla 3, ore 21;

- domenica 6 maggio a Bellano, Palasole, ore 11;

- mercoledì 9 maggio a Verona, Libreria Feltrinelli, ore 18;

- sabato 12 maggio a Erba (CO), Libreria di Via Volta, ore 18;

- giovedì 17 maggio a Milano, Libreria Popolare, via Tadino, ore 19.30;

- sabato 19 maggio a Lecco, Libreria Mondadori, ore 17.30;

- sabato 26 maggio a Milano, Museo Diocesano 'Chiostri in Fiera', corso di Porta Ticinese 95, ore 18.


Condividi post
Repost0
7 aprile 2012 6 07 /04 /aprile /2012 15:50

Usain-Bolt-Questo-sono-io.jpgE' uscito nelle librerie il 28 febbraio la biografia che racconta la vita di Usain Bolt, il "dio della velocità" e il volume (Usain Bolt, Questo sono io, Dalai, 2012) ha avuto una sua anticipazione nelle pagine di La Repubblica. Dentro c'è tutto, le sue grandezze e le sue debolezze, dall’infanzia in Giamaica alle prime fidanzate, dalle feste agli ori passando per gli incidenti d’auto. Con un progetto incredibile per Londra: “Oltre non potrete più andare”.
Il privilegio, ma anche la condanna. Il dio della velocià deve sempre fare miracoli «La gente mi chiede: fai i Lampo». La fama ti rincorre. Non puoi ritirarti da te stesso se sei l’uomo più veloce del mondo Usain Bolt lo è dal 2008: 9″58 su 100 metri, 19″19 sui 200.
Ora racconta nell’autobiografia: «Questo sono io». E per il futuro promette: «Posso scendere a 9″40 e sotto i 19″, ma oltre il corpo umano non potrà andare».
Insomma, non avrai altro dio, fuori di me.
Nel libro ci sono le sue debolezze. E anche la sua prima volta.

(Beatrice Pagan, www.newnotizie.it) Grande atleta - Usain Bolt si racconta per la prima volta in un'autobiografia intitolata Questo sono io (Baldini & Castoldi, 186 pagine), in vendita a partire dal 28 febbraio.Il libro - Il velocista giamacaino, che sarà in Italia il 31 maggio per partecipare al Compeed Golden Gala allo stadio Olimpico di Roma, racconta in Questo sono io la sua vita, fin da quando ha iniziato a scoprire di essere in grado di correre più veloce di tutti giocando a calcio o cricket. Tra le pagine Bolt porta il lettore a scoprire il percorso che lo ha condotto a stabilire i record del mondo sui 100 e 200 metri, vincere le Olimpiadi di Pechino e diventare così una delle stelle dell'atletica mondiale. Questo sono io rivela anche il lato più privato del corridore venticinquenne: la sua famiglia, gli amici, i momenti difficili, i sacrifici e il tentativo di mantenere una vita il più possibile normale tra feste, musica dancehall e la passione per le auto sportive, come tanti suoi coetanei.
bolt.jpgLa vita - Usain Bolt è nato a  Trelawny, Giamaica, il 21 agosto 1986 e il suo talento per la corsa è stato notato dall'allenatore di cricket della William Knibb Memorial High School, ottenendo le prime vittorie nei campionati scolastici nel 2001. L'anno successivo Usain conquista la medaglia d'oro ai Mondiali juniores di Kingston, e l'anno successivo i Campionati del mondo allievi.
Nel 2004 Bolt ha iniziato la sua carriera come professionista guidato dall'allenatore Fitz Coleman, stabilendo il primato mondiale juniores sulla distanza di 200 metri. Dopo tre anni costellati di successi, ma anche di infortuni, il 2008 è stato l'anno della consacrazione definitiva per il velocista giamaicano con la doppia vittoria sui 100 e 200 metri ai Giochi Olimpici di Pechino (dove conquisterà una medaglia anche grazie alla staffetta) e i primati mondiali.

Sinossi (dal risguardo di copertina)La storia dell'uomo più veloce del mondo raccontata dalla sua viva voce. Dalle partite a calcio e cricket sotto il caldo sole giamaicano alla scoperta che quel ragazzino smilzo poteva correre veloce, molto veloce. Dalla doppietta olimpica (100 e 200 metri) di Pechino 2008 agli incredibili, e apparentemente imbattibili, record del mondo nelle due specialità. Ma quella di Usain Bolt, l'uomo più atteso delle Olimpiadi di Londra 2012, non è solo una storia sportiva: ci sono anche la sua famiglia e i suoi amici, le feste, il cibo-spazzatura, la musica dancehall e le auto veloci. Perché Usain Bolt non è solo un superman: è anche e soprattutto un ragazzo di 25 anni che vuole vincere senza rinunciare a vivere.

Condividi post
Repost0
22 marzo 2012 4 22 /03 /marzo /2012 18:40

Francigena_1400000-passi_Mari.jpg1.400.000 passi lungo la Via Francigena (Giuliano Mari, Emmebì, 2011) è un testo ricco di annotazioni, spigliate e argute, su uno spaccato dell’Italia di oggi. L'autore, mentre percorre la via francigena, posa un occhio vivo, poetico e ironico che vede quello che non si vede dal treno o dall’automobile. 
“Questa camminata è stata per me un atto d’amore verso il Bel Paese e la gente meravigliosa che lo abita e da questa esperienza è nato il resoconto di questo viaggio: 1.400.000 passi sulla via Francigena. L’antico tracciato percorso dai pellegrini, che nel Medioevo scendevano a Roma dal nord Europa per rendere omaggio alla tomba di San Pietro.L'arcivescovo di Canterbury Sigerico, intorno all’anno 1.000, fu il primo a redigere un diario elencando le tappe del suo cammino di ritorno da Roma fino a Canterbury. L’intero percorso da Canterbury a Roma è lungo 1.700 chilometri” (Giuliano Mari).
Il tratto italiano inizia dall’Ospizio del Gran San Bernardo a 2.473 metri, sulle Alpi Svizzere, e arriva a Roma dopo avere attraversato la Valle d’Aosta, il Piemonte, la Lombardia, l’Emilia, la Liguria, la Toscana e finalmente il Lazio per un totale di 974 chilometri. L’intero percorso ha richiesto 39 giorni per essere completato, con tappe giornaliere mediamente di 25 chilometri. 1.400.000 passi sulla via Francigena è il diario di questo viaggio, e racchiude in sé il racconto di tante piccole storie, di cose successe durante i quaranta giorni di questa meravigliosa avventura.

Alcuni dei luoghi attraversati dall’autore: 

  • Ospizio Gran San Bernardo (Svizzera), Echevennoz (AO),
  • Aosta (AO), Chatillon (AO), Saint Vincent (AO), Verrei (AO),
  • Point Saint Martin (AO), Ivrea (TO), Santhià (VC), Vercelli (VC),
  • Palestro (PV), Robbio (PV), Mortara (PV), Garlasco (PV),
  • Groppello Cairoli (PV), Pavia (PV), Belgioioso (PV), Piacenza (PC),
  • Montale (PC), Fiorenzuola D’Arda (PC), Fidenza (PR),
  • Costamezzana (PR), Medesano (PR), Fornovo (PR), Terenzo (PR),
  • Berceto (PR), Pontremoli (MS),Villafranca di Lunigiana (MS),
  • Aulla (MS), Sarzana (SP), Massa (MS), Pietrasanta (LU), Camaiore (LU),
  • Lucca (LU), Capannori (LU), Porcari (LU), Altopascio (LU),
  • Ponte a Cappiano (FI), Fucecchio (FI), Gambassi Terme (FI),
  • San Miniato (PI), San Gimignano (SI), Colle val d’Elsa (SI),
  • Monteriggioni (SI), Siena (SI), Isola d’Arbia (SI), Quinciano (SI),
  • Ponte D’Arbia (SI), Buonconvento (SI), San Quirico d’Orcia (SI),
  • Bagno Vignoni (SI), Radicofani (SI), Acquapendente (VT),
  • Bolsena (VT), Montefiascone (VT), Viterbo (VT), Vetralla (VT),
  • Capranica (VT), Sutri (VT), Campagnano di Roma (RM),
  • Formello (RM), Roma (RM).

Quella che segue è la recensione di Luca Gianotti (per La Compagnia dei Cammini). Ogni volta che mi appresto a leggere un diario di viaggio di un cammino come Santiago e la Francigena sono preoccupato. Ne ho letti e recensiti tanti, in questi anni. La mia preoccupazione è: troverò qualcosa di interessante, o saranno cose già lette?
Prendiamo il caso del libro di cui sto per parlare: il titolo non invoglia, la copertina neanche, le motivazioni dell’autore a mettersi in cammino non sono certo devozionali: “Io ho deciso di camminare sulla via Francigena per due semplici motivi: amo camminare e amo la mia terra”.
Ma poi la magia del cammino rende interessanti, almeno per noi camminatori, tutti i diari di viaggio. In ognuno ritrovo lo spirito del cammino, i gesti che i camminatori conoscono bene, situazioni su cui riflettere.

Anche questo diario di Giuliano Mari è così. Mari evolve in cammino, come succede a tutti. Il numero dei passi, dei chilometri e del cibo perdono pian piano di importanza, e viene fuori l’interiore.
Alla fine, ecco le riflessioni dell’autore che racchiudono il successo del suo viaggio: Il cammino è forte, più forte di te e di qualsiasi uomo. Se si affronta con la forza non si hanno speranze di arrivare alla meta, il sogno finisce miseramente da qualche parte sulla strada ed è inutile cercare all’esterno alibi per il fallimento. Il cammino deve essere percorso con gli stessi tempi antichi di chi lo percorreva mille anni fa. Deve essere inteso non come il mezzo per arrivare, ma il fine stesso dell’azione. In questo modo, mentre noi andiamo sulla strada, il cammino entra in noi e diventa un amico fedele, un compagno di viaggio affidabile. La sua forza diventa la nostra forza, e allora più si cammina e meglio si sta”.

Giuliano Mari – “1.400.000 passi sulla Via Francigena”, Emmebi Editore, 2011 - 16 euro

 

Condividi post
Repost0
20 marzo 2012 2 20 /03 /marzo /2012 02:12

IlSognoDelMaratoneta.jpgNel  "Il sogno del maratoneta" si ripercorrono le tappe della vita sportiva del carpigiano Dorando Pietri che, proprio a causa della sua storica squalifica ha scritto una pagina memorabile ed indelebile negli annali della storia della maratona moderna. 
 La fiction per la regia di Leone Pompucci è andata in onda in onda su Rai Uno tra il il 18 e il 19 marzo 2012, in foma di miniserie in due puntate. E' il racconto delle vicende podistiche di Dorando Pietri, il "mitico" maratoneta iscritto nella storia e nella mitografia della maratona, per essere stato il vincitore morale della maratona dei giochi olimpici di Londra nel 1908, pur essendo stato squalificato. Il ruolo di Dorando Pietri è stato affidato all'attore siciliano Luigi Lo Cascio che per l'occasione, essendo richiesta una credibilità performativa, è stato preparato dal coach Aldo Siragusa, palermitano. 
La fiction è stata ridotta a partire dal romanzo  “Il Sogno del Maratoneta. Il romanzo di Dorando Pietri” di Giuseppe Pederiali (Garzanti, 2008).  
Una coproduzione Rai Fiction e Casanova Multimedia, prodotto da Luca Barbareschi e con il sostegno della Film Commission Torino Piemonte.

Un cast ricchissimo è stato impiegato per raccontare la storia di un uomo che voleva vincere, nella vita e nello sport, e che invece venne beffato dal destino: Dorando Pietri, il maratoneta la cui mancata vittoria olimpica, per squalifica, consegnò alla Storia dello sport la sua impresa e il suo nome.

1908 – Olimpiadi di Londra. Dopo aver combattuto sino allo sfinimento (cadde ben 5 volte prima di tagliare il traguardo) di fronte ad una folla che, per l'epoca davvero cospicua, si trovò a seguire con trepidazione le gesta di questo piccolo-grande italiano, Pietri viene ingiustamente privato del titolo faticosamente conquistato. Una vittoria persa perché – si disse allora - uno dei giudici lo aveva sorretto quando, confuso e affaticato, aveva rischiato di sbagliare strada e non arrivare alla meta.

Dorando_Pietri_BN.jpgSir Arthur Conan Doyle, inventore di Sherlock Holmes e allora inviato del Daily Mail, chiude così  il suo articolo: “La grande impresa dell’italiano non potrà mai essere cancellata dagli archivi dello sport, qualunque possa essere la decisione dei giudici”. La regina Alessandra, per risarcirlo della vittoria negata e a testimonianza dell’ammirazione sua e del popolo inglese, volle consegnargli personalmente una Coppa d’argento, un trofeo identico a quello spettante di diritto allo statunitense Hayes.
L'impresa di Dorando Pietri finì su tutti i quotidiani dell'epoca (tra i quali divennero fondanti del mito i resoconti appassionati del nostro Luigi Barzini), perchè il suo arrivo sino al traguardo, intriso di tenacia e sofferenza, colpì al cuore tutti coloro che ebbero modo di assistervi e divenne, proprio per questo, un'impresa epica e memorabile che insigni il "piccolo" Dorando della statura dell'Eroe. 

Nel cast, oltre a Luigi Lo Cascio, nel ruolo di Dorando Pietri, Laura Chiatti (Luciana), Alessandro Haber (Ottavio Bulgarelli), Dajana Roncione (Teresa Bulgarelli), Thomas Trabacchi (Ulpiano Pietri), Fabio Fulco (Pericle Rondinella), Andy Luotto (Johnny Grieco), Jerry Mastrodomenico (Dongo), Roberto Nobile (Rinaldi), Enrico Salimbeni (Lauro Terenzi), Pippo Delbono (Artemio Barbisio -ex Dori).

Dorando_portret.jpgIl racconto televisivo si apre nel 1905 a Carpi, dove Dorando inizia a correre allenato dal fratello Ulpiano, e si dipana dapprima nella vivace campagna emiliana attraverso le prime vittorie e alcune traversie sentimentali. Ma l’episodio centrale della vita di Pietri resta la sfortunata olimpiade londinese. Prima la grande gioia per essere stato selezionato poi la rabbia e la delusione per quella vittoria “scippata”. Dorando non vuole più correre ma un giorno gli arriva una proposta a cui non può dire di no: sfidare negli Stati Uniti il vincitore della maratona olimpica, colui cioè che gli ha sottratto il titolo. Quindi la trasferta e i fasti americani (nel “nuovo continente” si prenderà la rivincita contro chi lo aveva beffato a Londra ma dovrà anche subire nuovi umiliazioni). Infine il ritorno in Patria dalla moglie per troppo tempo trascurata. Il film si chiude sulle immagini di repertorio che raccontarono  al mondo la straordinaria impresa di Dorando Pietri.

Ed ecco la trama dettagliata delle due parti della fiction.

luigi-lo-cascio-il-sogno-del-maratonetaPrima parte. Siamo a Carpi nel 1905 e il giovane Dorando Pietri ha una grande passione: correre. E’ una passione che condivide con il suo allenatore: suo fratello Ulpiano. I due sono unitissimi e sognano di correre, un giorno, alle Olimpiadi. La società podistica più importante della zona è quella del Barbisio, un possidente locale; l’atleta di punta della società è Pericle Rondinella, il campione italiano di maratona: un mito per i due fratelli Pietri. Quando però si presentano alle selezioni degli atleti per la “Vigor” (questo il nome della società), Barbisio non crede nelle qualità di Dorando e lo scarta perché lo giudica piccolo, con le gambe storte e rachitico. La delusione di Dorando è amplificata dal risentimento della sua morosa, Teresa, adirata con lui perché per andare alla “Vigor” non si è presentato alla balera a ballare.

Ulpiano non riesce a superare l’amarezza e, fuori di sé, si reca da Barbisio a chiedergli conto della sua decisione. La situazione precipita e Barbisio spara ad Ulpiano ferendolo ad una gamba.

Per mettere a posto le cose viene pattuito un compromesso. Ulpiano dovrà lasciare il paese e Dorando andrà a lavorare alla fabbrica di Barbisio. Ed è proprio qui che Dorando s’imbatte in Luciana, una donna tanto avvenente quanto disinvolta per l’epoca. Dorando scoprirà che è la fidanzata proprio di Pericle Rondinella. E’ anche per questo (ma anche per “vendicare” Ulpiano) che, pur non essendo iscritto, partecipa alla maratona di Carpi. La corre quasi per gioco, con un vassoio di paste in mano, e incredibilmente la vince battendo Rondinella.

Il campione però si rifà il giorno dopo sfidando Dorando e questa volta lo batte. Le due corse vengono seguite dal vecchio Ottavio che, riconosciuto il talento del ragazzo, si offre di allenarlo. E’ grazie a lui che Dorando diventa campione italiano di maratona battendo Rondinella.

Lo smacco subito anche dal Barbisio lo spinge a licenziare Dorando e, dopo la protesta degli altri lavoratori, tutti i suoi operai.

Dorando allora gli lancia una sfida: faranno una corsa, lui a piedi e Barbisio con l’automobile; se vince Dorando, il padrone riprende tutti a lavorare. Complice un inconveniente al motore, Dorando vince e tutti vengono riassunti.

La vita sentimentale di Dorando invece è piuttosto confusa; infatti sebbene si sia riconciliato con Teresa (che nel frattempo ha scoperto essere la figlia del suo allenatore Ottavio), è sempre molto attratto da Luciana; e quando la ragazza gli si propone, lui non sa dire di no…

Teresa viene ricoverata improvvisamente in ospedale e Dorando, di fronte alla concreta possibilità di perderla, capisce che è la donna della sua vita.

Scampato il pericolo i due si sposano, mentre Luciana, addolorata, parte per l’America. E’ proprio durante la festa nuziale che Dorando viene informato che è stato selezionato a rappresentare l’Italia alle Olimpiadi del 1908 a Londra. Londra, la città dove si è rifatto una vita, facendo fortuna, suo fratello Ulpiano.

fiction-il sogno del maratoneta 01Seconda parte. Dorando arriva a Londra da solo: Ottavio non era in condizioni fisiche per seguirlo. Si reca allora da Ulpiano e scopre che suo fratello non ha fatto fortuna, ma che vive in condizioni molto umili. L’abbraccio tra i fratelli è comunque intenso. Dorando allora gli propone di diventare il suo allenatore. Ulpiano è commosso.

Arriva il giorno delle Olimpiadi e l’attesa è altissima sia a Londra sia a Carpi dove, insieme a tutti quelli che palpitano per Dorando, c’è anche Rondinella che, seppur a distanza, intende correre la sua maratona “contro” Dorando. All’orario fissato, infatti, mentre Dorando parte con tutti gli altri atleti a Londra, Rondinella avvia la sua corsa nelle campagne emiliane.

La corsa viene seguita a Carpi, attraverso il telegrafo, con Ottavio che, passo dopo passo, spiega le difficoltà che Dorando incontra.

Ad un certo punto Ulpiano vede suo fratello molto affaticato, gli passa una pillola di stricnina che si è procurato con l’intento di potenziare il suo rendimento atletico. Il maratoneta la prende e la stringe in pugno ma poi la butta via.

I rivali più pericolosi dell’italiano sono l’inglese Barnes e l’americano Hayes; progressivamente tutti gli altri cedono, l’ultimo a resistere è l’inglese ma anche lui, quando ormai è prossimo allo stadio, è costretto a cedere il passo a Dorando. La disperazione di Barnes si somma a quella di Rondinella che a Carpi si ferma sfinito.

Dorando entra nello stadio accolto dal boato della folla; ma è disidratato e distrutto dalla fatica: imbocca la direzione sbagliata, barcolla, cade, si rialza, cade ancora. La folla e i giudici di gara lo invitano a rialzarsi e a compiere quei pochi metri che lo separano dalla Storia. Dorando sembra non farcela fino a quando nello stadio non fa il suo ingresso l’americano Hayes. A questo punto Dorando trova le ultime energie per tagliare il traguardo. Subito dopo però crolla rischiando la vita. Accade così che a Carpi, Teresa, i genitori, Ottavio, e tutti gli altri passino in pochissimi secondi dalla gioia allo sconforto… E poi ancora alla gioia quando viene comunicato che il campione è fuori pericolo.

Purtroppo però Dorando non può gioire: gli americani hanno fatto ricorso sostenendo che l’italiano sia stato aiutato a rialzarsi; poi viene anche fatto un riferimento alla stricnina. I giudici decidono di squalificarlo e assegnare la vittoria all’americano. A nulla serve la coppa che le consegna personalmente la regina Alessandra per risarcirlo della vittoria negata e a testimonianza dell’ammirazione sua e del popolo inglese.

Tornato a Carpi, Dorando non intende correre più: si sente tradito. E a nulla serve l’amore di Teresa. Un giorno però un italo-americano di New York, tale Grieco, lo invita a sfidare Hayes, il vincitore di Londra, al Madison Square Garden.

il-sogno-del-matatoneta-di-pederiali.jpgDorando accetta, spinto anche da sua moglie. E nulla potrà fare poi Teresa quando, leggendo una delle tante lettere di ammiratori e ammiratrici che il marito riceve, scoprirà che proprio a New York vive, sola con un figlio, proprio Luciana.

A New York la comunità italiana accoglie Dorando da vero eroe. Gli chiede di battere Hayes; ma il momento più difficile per lui è quando rivede Luciana. Tra i due il tempo sembra non essere passato e l’attrazione è forte. Dorando le chiede di chi sia il figlio, ma la donna non intende rivelarglielo.

Ma le sorprese per Dorando non sono finite qui: poco prima della rivincita contro Hayes scopre che Grieco è in realtà un delinquente che gestisce un giro losco di scommesse e gli impone di perdere la gara. L’italoamericano è già d’accordo con Hayes; dopo rifaranno un’altra gara e Dorando potrà vincere…

Pietri fa di testa sua e batte l’americano. La conseguenza è che Grieco rapisce il figlio di Luciana e obbliga Dorando a perdere una serie di gare in modo da recuperare tutti i soldi che ha perso al Madison Square Garden.

Dorando è costretto ad accettare e si umilia fino a quando Grieco non considera saldato il debito. A questo punto il piccolo Michael viene riconsegnato alla sua mamma. Luciana, finalmente rasserenata, rivela a Dorando che il padre del bambino è Rondinella.

Dorando, nel frattempo, ha capito che il suo posto è a Carpi e che la donna che ama è Teresa; si accomiata così da Luciana ed anche da Ulpiano che invece ha deciso di fermarsi in America.

Tornato a casa trova Teresa che, dopo averlo a lungo aspettato, si sta vedendo con un altro uomo. Dorando non si dà per vinto e le corre dietro, finché la ragazza non si lancia nelle sue braccia.

Non gli resta che un’ultima missione: rintracciare Pericle Rondinella. Lo trova in guerra in una trincea e gli comunica la sua paternità.

I due rivali si scoprono allora amici e corrono insieme verso il futuro.

Infine, le note del regista Leone Pompucci.

Vincere.

L’uomo vuole vincere. Nella vita. Nello sport. Vuole arrivare primo.

Affermarsi, si dice così. Affermare. Affermare di essere degno. Degno di cosa? Di esistere? Forse si.

Qui abbiamo Dorando Pietri maratoneta, col suo sogno. Un uomo che ha molto voluto vincere. Beffato proprio nel suo sogno. Una beffa mondiale.  Tra tutti i vincitori di maratona di sempre, e per sempre dimenticati, passato solo lui alla storia.

Per non aver vinto.

Di questo abbiamo cercato di occuparci in questa storia, raccontando un poco di Pietri Dorando e dei suoi luoghi, del suo tempo, della clorofilla e della terra padana e di un uomo che ci correva in mezzo. Un pinocchio da corsa, un piccolo italiano vissuto in un mondo esausto e contadino che si slanciava in un secolo breve e cinetico come mai quelli prima.

E Dorando corre, corre, corre per affermare di esistere. Per Vincere. Per essere degno, per avere un raggio di sole per sé. Un raggio di sole che finalmente lo trafigga sul cuore della terra.

Questa è una storia di un cuore che ha battuto tanto.

Arthur Conan Doyle, autore di Sherlock Holmes e allora inviato delDaily Mail, scrisse per l’occasione: “La grande impresa dell'italiano non potrà mai essere cancellata dagli archivi dello sport, qualunque possa essere la decisione dei giudici".
Per un approfondimento sulla sdtoria di Dorando Pietri vedi anche

Seguendo questo link è possibile vedere in diretta streaming  e on-demand la fiction, grazie al servizio offerto da Rai.tv.

Il video che segue e il relativo brano musicale, scritto e realizzato per il grande maratoneta DORANDO PIETRI, è stato proiettato durante l'importante mostra a Carpi, organizzata in occasione della ricorrenza del centenario della storica maratona olimpica (24 luglio 2008)
Musica Massimo Varini
Screenplay Eros Achiardi, Alessandro Bardani e Massimo Varini
Editing Eros Achiardi

 

Condividi post
Repost0
15 marzo 2012 4 15 /03 /marzo /2012 18:55

euforia-cime.jpgLa filosofia dell'Alpinista e dell'approccio alle cime montane viene esposta in modo sintetico ma profondo in un interessante libretto (tradotto dal francese), L'euforia delle cime (proposto da Ediciclo, 2012) di Anne-Laure Boch che è medico, dottore in filosofia e grande appassionata di alpinismo. Alpinista di medio livello, ma molto consapevole dei meccanismi che l’alpinismo scatena, la Boch descrive cosa anima l’alpinista, perché lo fa, come lo fa.
Leggiamo insieme le prime righe: “Le grandi scalate in montagna cominciano di notte. La sveglia suona sempre troppo presto, troppo presto. Ci si era appena addormentati, a dispetto della scomodità della cuccetta troppo stretta, della coperta ruvida e del fastidioso russare degli altri…” e dalla descrizione di una scalata invernale si passa alle domande fondamentali a cui il libretto cerca di dare una spiegazione: Perché arrivare fino in cima quando ci si può accontentare del valico? Perché salire lentamente con le pelli di foca quando ci sono funivie che portano direttamente a destinazione? Perché arrampicarsi a mani nude quando esistono le vie ferrate? Perché sfidare la parete nord quando la via normale porta facilmente alla meta? Perché affrontare il pericolo, il freddo, il disagio, la fatica, il dolore, quando sentieri ben segnalati permettono di scoprire la montagna in tutta tranquillità?
La Boch riflette su questo, da alpinista dilettante, che non cerca l’exploit assoluto, ma segue la sua passione, che non ama farlo seguendo una guida ma rischiando di suo.
Ogni alpinista o aspirante tale dovrebbe leggere questo libricino, che non crea dicotomia e lontananza con il camminare, perchè - anzi - molte motivazioni intrinseche che spingono gli alpinisti-scalatori sono simili a quelle dei camminatori.
Perché l’alpinismo non è solo uno sport: all’alpinismo serve una natura incontaminata per poter vivere l’emozione e troppi, oggi, cercano di ridurlo a sport e a mero gesto tecnico-sportivo. Concetti come la capacità di prendere le decisioni, o l’impegno necessario per una salita, sono argomenti di grande interesse in questo libro.

SinossiUn inno allo sforzo e allo spirito della cordata.
Un amore contagioso per la bellezza selvaggia dei paesaggi di montagna.
Con riferimenti a vie mitiche, dai Pirenei all’Himalaya, dalle Dolomiti al Caucaso. Una riflessione sul rischio e la scoperta di sé.
Perché andare in cima quando ci si può Accontentare del passo? Perché cercare gli itinerari più diretti, più difficili, più impegnativi? Perché affrontare il pericolo, il freddo, il disagio, la sofferenza, quando i sentieri battuti offrono una scoperta tranquilla della montagna? Lo spirito dell’alpinismo non è quello dei surrogati asettici che la società moderna propone al posto e in cambio dell’avventura alpina. Alla base di questa passione, il bisogno misterioso di superarsi, di confrontarsi con una natura immensa che accoglie e domina, senza che mai la volontà della conquista mini la sua purezza. È di questa mistica dello sforzo inutile che tratta la presente opera. Tenta una fenomenologia di una attività radicata nella tradizione occidentale del superamento di sé, conducendo a un’esperienza che trascende tutte quelle che la vita comune riserva: l’euforia delle cime, la più bella delle ricompense.

Anne-Laure Boch – “L’euforia delle cime”, Ediciclo, 2011 - 8,50 euro

Condividi post
Repost0
7 marzo 2012 3 07 /03 /marzo /2012 18:17

LOCANDINA CINEMANella Sala Promoteca del Campidoglio, è avvenuta la presentazione del film "Purosangue", che presenta una storia in cui trionfano le amicizie e le emozioni: un modo per dire no al doping.

(Matteo Simone, Psicologo clinico e dello sport, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR) Il 7 marzo è tutto pronto alla sala protomoteca del Campidoglio per accogliere il coronamento di un grande evento di una persona speciale che ha fatto dello sport uno stile di vita sana ed uno strumento di collegamento tra persone, istituzioni, professionalità, competenze, continenti.
Il grande Max Monteforte che ha all’attivo tanti obiettivi già raggiunti ma che ha tanta voglia di fare per se stesso ma anche per gli altri dalle semplici persone che stanno per strada agli amici più intimi ed i famighliari più prossimi. Un ragazzo educatissimo, sensibile e pulito nei modi e nelle attività che svolge, ha deciso di cimentarsi in qualcosa di impegnativo ma fattibile per lo più con il sostegno di altri che siano persone o istituzioni, sponsor o chi altro. E’ riuscito a portare a termine un impresa che ha stupito da subito gli amici sportivi e tutto il pubblico che ha assistito all’anteprima. Ha costruito un’opera bella da vedere ma utile da proporre a sportivi e non, ragazzi e genitori, gruppi sportivi e classi scolastiche.
Quello che è emerso alla presentazione del cortometraggio è tanta emozione per la presenza di tante persone care, ma anche tanta professionalità da parte di tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo prodotto. Si respirava un clima di benessere, di buone prassi, si sport pulito, di buoni esempi, di sorrisi e saluti semplici e sinceri all’insegna della sobrietà e di un sano stile di vita.
E questo a pochi passi dalla partenza della Maratona di Roma dove Max è un elemento cardine per il reclutamento dei professionisti della corsa ma anche per coinvolgere i semplici amatori ed i neofiti della corsa.
L'appuntamento è stato anche l'occasione per presentare una 'collettiva d'artisti' che hanno interpretato secondo il proprio stile il 'corto'.
L’intento di Max e del suo prodotto è un chiaro messaggio contro il doping ed a favore della fatica, dell’impegno, della fiducia in se stessi, di una forte motivazione in quello che si vuole raggiungere ma non a tutti i costi quindi essendo disposti anche a rinunciare.
Radio Città Futura ha dato sin dall’inizio il priprio convinto sostegno per sognare uno sport “pulito”, ache la NEW BALANCE ha supportato il progetto di Max per uno sport sano e pulito oltre che ACEA che ha scommesso su questa iniziativa, e non poteva mancare il sostegno della MARATONA DI ROMA. A tal proposito è d’obbligo invitare gli accompagnatori dei partecipanti e la popolazione di Roma a partecipare ai diversi progetti nell’ambito della “RomaFun - La Stracittadina” corsa non competitiva di 4,7km aperta a tutti:

  • SCUOLE DI ROMA - LA MARATONA VA A SCUOLA. riservato alle scuole del Comune di Roma e Provincia. Vedrà alla non competitiva di 4 km la presenza di oltre 10.000 studenti delle scuole della capitale. Vincerà l'istituto con il più alto numero di iscritti.
  • CENTRI ANZIANI. è rivolto a tutti i centri anziani del Comune di Roma. Il gruppo più numeroso vincerà il premio come Centro Anziani più "atletico" di Roma.
  • SCOUT. Progetto nato in occasione della scorsa edizione della Maratona di Roma coinvolge i gruppi scout del Lazio nella RomaFun - La Stracittadina di 4 km.
  • PARROCCHIE. Una folta rappresentanza di fedeli delle parrocchie romane sarà al nastro di partenza della non competitiva di 4 km.
  • CIRCOLI RICREATIVI e ASSOCIAZIONI SPORTIVE. la collaborazione consiste nel coinvolgere attivamente i Circoli Ricreativi e le Associazioni Sportive tramite la prevendita dei biglietti di partecipazione alla RomaFun - La Stracittadina.



Dott. Matteo Simone
Psicologo clinico e dello sport, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR
380-4337230 - 21163@tiscali.it
http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

http://store.aracneeditrice.com/it/libro_new.php?id=5472
Il libro è distribuito anche da:
ViviBene Roma - via dei Gelsi 24/d Tel. e fax 0621800596 
Book Service Roma - via dei Castani 2 - Tel.3478645198
Frizzi e lazzi Running Manfredonia Corso Manfredi 303 - Tel.34056284788

Laboratorio Psicoeducazionale “STARE BENE”
Sabato 17 Marzo 2012 Orario: 10.00 – 17.00
per la promozione del benessere individuale, relazionale, famigliare (coppia marito/moglie, genitore/figlio), scolastico (insegnante/alunno), sportivo (atleta/allenatore) e dei team di lavoro
I laboratori si terranno a Campo Ascolano, Pomezia
Per informazioni tel 3662465592 o inviare una email a: silviazaccari@libero.it

Condividi post
Repost0
5 marzo 2012 1 05 /03 /marzo /2012 22:12
LOCANDINA-CINEMA.jpgMercoledì 7 marzo, alle 11.30, nella Sala della Protomoteca in Campidoglio, verrà proiettato in anteprima "Purosangue", il cortometraggio scritto e diretto da Max Monteforte, girato in occasione della Maratona di Roma Acea 2011 e in Kenya.
In occasione della 17^ Maratona di Roma, la corsa diventa protagonista del corto cinematografico “Purosangue”, prodotto da Massimiliano Monteforte e diretto da Virginio Favale. L’idea nasce dalla necessità di riaffermare la cultura dello sport, in particolare della corsa, e dalla volontà assoluta di lanciare un messaggio chiaro contro il doping. Il 7 marzo in Campidoglio,
presso la sala Protomoteca, il cortometraggio sarà presentato in anteprima a tutto il mondo della stampa sportiva e cinematografica.
La storia di “Purosangue” vede confrontarsi le vite di due sportivi, Max e Chelimo. Il primo è un giovane italiano che si allena tutti i giorni per partecipare e vincere la Maratona di Roma.
L’altro è Chelimo; corre tutti i giorni, nel suo villaggio degli altipiani
keniani, ma perché per lavoro fa il postino. Chelimo sogna di diventare un atleta, e l’incontro con un manager italiano, che lo porta a Roma proprio a casa di Max, sembra dare una virata decisiva alla situazione. Ma sulla strada i due ragazzi si trovano ad un bivio: quello del doping! Entrambi dovranno decidere cosa dovrà essere della loro vita, sportiva e personale.
“Purosangue” è una scommessa dietro la quale hanno voluto puntare professionisti del mondo del cinema e dello sport.
Virginio Favale è il regista, Pierre André Transunto il direttore della fotografia. Nel film recitano attori come: Sebastiano Colla nei panni del manager (attore di teatro e di fiction, è anche insegnante di recitazione), Giuseppe Cruciani, il dottore (vero maratoneta e noto conduttore del programma “La Zanzara” su Radio24 e opinionista a Controcampo), Roberto Pedicini (già doppiatore di Kevin Spacey in “American Beauty”, presta la voce per i fuori campo del padre di Max), Gianluca Scuotto, che impersona Max con alle spalle varie esperienze di teatro e di fiction, e Festus Langat, l’atleta keniota che interpreta il protagonista Chelimo. Senza dimenticare Bikila, il criceto corridore mascotte della produzione. Bikila che corre per tutto il film dentro una ruota, metafora dell’atleta infangato dal doping, senza una direzione giusta da seguire.
Nei quasi 25 minuti di film si intrecciano due storie parallele e diametralmente opposte. Max e Chelimo hanno in comune il sogno di diventare un campione. Per Max questa è l’ultima occasione, trenta anni per un atleta non sono pochi, sta passando l’ultimo treno e così un infortunio inaspettato lo farà cedere al doping. Per Chelimo il sogno di diventare un professionista della corsa è appena iniziato e non va certo contaminato con delle pasticche. Entrambi, per un verso o per l’altro, si troveranno di fronte a un bivio, davanti al quale scegliere da che parte andare e, in un modo o nell’altro, entrambi troveranno la loro strada.
Il corto è stato sponsorizzato da ACEA, dalla Maratona di Roma, dall’azienda New Balance, sponsor di Max Monteforte fin dal 2002, dal negozio Noi Sport e, non ultima, dalla rivista “Correre”. Senza dimenticare Radio Città Futura e Canon che seguono tecnicamente tutto il progetto.
Il corto sarà proiettato nei più importanti festival del cinema del mondo.
UFFICIO STAMPA
Marco Raffaelli
3296735097
marco.raffaelli@atleticaipzs.com
Comunicato stampa
graphic design by Daniele Silvioli
 
Condividi post
Repost0
2 marzo 2012 5 02 /03 /marzo /2012 20:09

la-corsa.JPGIl n. 189 (febbraio 2011) della rivista bimestrale LA CORSA, diretto da Walter Brambilla, è in distribuzione nelle edicole (o in abbonamento) in questo periodo.

Tra i numerosi servizi, distribuiti in 128 pagine, questi gli argomenti che interessano in particolare l’ultramaratona:

pagg. 114-120: rubrica di ULTRAMARATONA, a cura di Franco Ranciaffi.

Si parte con: “Palermo. 12 & 24 ore del Sole” (ottima edizione dell’evento curato da Luigi Stella) con foto di Federico Marchi, Campione Italiano M35 delle 6 ore su pista;

100 km Mondiali 2012. Azzurri convocati per Seregno” (Lista degli italiani convocati e dichiarazioni del sindaco della città brianzola); con foto del testimonial Mario Ardemagni;

24 ore tricolore e iride. Milano si candida al Mondiale 2015” (Iniziativa del Road Runners Club Milano);

Campionati italiani ultratrail. Titoli per quattro specialità” (Le gare ultratrail più importanti dei campionati Iuta);

Cile. Trail sulle Ande” (La Lincan Ray-Villarica);

Egitto. 100 km Pharaonic Race” (Curioso esito dell’undicesima edizione…);

Norvegia. Indoor affollata al Bislett” (Come è andata…);

Desirée Ficker. Muta al chiodo ma pronta per l’ultra” (Storia della campionessa sportiva e di bellezza americana che lascia il triathlon per debuttane nell’ultra), con foto;

USA. Capodanno lungo 24 ore” (Storie e curiosità di tre gare, ma una su tutte, quella di German Sanchez);

Giappone. Indoor a Tokyo” (E’ andata così…);

Principato di Monaco. No Finish Line” (Un evento straordinario e speciale che ha visto il trionfo di Maria Ilaria Fossati (foto) e i fuoriclasse della Sanremo Runners: Lukas Boewer (primo), Vincenzo Tarascio (secondo) e Diego Di Toma (tra i leaders) , con le foto di ciascuno e quelle del principe regnante Alberto II con la graziosa Charlene);

STATISTICA” con la “100 km, graduatorie mondiali e italiane 2011 “Re Giorgio ancora sul trono”, i migliori e le migliori 50 al mondo e i migliori e le migliori 50 in Italia con commenti, note, curiosità e le foto di Erick Wainaina, Giorgio Calcaterra, Marina Bychkova, Joanna Zakrewski, Monica Carlin, Monica Casiraghi e Francesca Marin.

Avviso: sul prossimo numero una storia speciale, la Los Angeles-New York FootRace del secolo scorso.

 

Tra gli altri servizi si segnalano resoconti, statistiche (Bilancio maratona italiana 2011; Non solo maratona: anche 10mila, 10km e 21,097 km), inchieste (Speciale. La corsa nei grandi sport di squadra), interviste, anche esclusive; il cross; le corse su strada; le indoor, novità editoriali; note storiche; gare in pista; skirunning-trail; corse in montagna; calendario nazionale e internazionale; primati mondiali specialità olimpiche; coach magazine, Atletica Lombardia; e numerose rubriche.

 

Rivista  LA CORSA

Go.Tu. surl Editore

Via Winckelmann, 2

20146 Milano

tel 02.42419.1 (r.a.)

fax 02.48953252

redazione@lacorsa.it

www.lacorsa.it

bimestrale, euro 5,00

Direttore responsabile: Walter Brambilla

In redazione Elena Bolgiani e Silvio Garavaglia

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche